jump to navigation

Gratis il nuovo singolo dei Pearl Jam 07/03/2006

Posted by Antonio Genna in Musica.
1 comment so far

Per tutti i fan dei Pearl Jam, il popolare gruppo di Seattle ha deciso di offrire gratis sul sito bootlegs.pearljam.com il download dell’MP3 del loro nuovo singolo “Worldwide Suicide”.
La canzone, il cui testo è stato scritto da Eddie Vedder (voce e chitarrista del gruppo) e la cui musica è di Stone Gossard (chitarrista del gruppo), può essere scaricata (previo il download di un software gratuito nel sito) e distribuita liberamente ai propri amici, senza il rischio di infrangere le leggi sul diritti d’autore.
Il nuovo album dei Pearl Jam, che si intitolerà proprio “Pearl Jam” e sarà l’ottavo disco registrato in studio del gruppo a 4 anni dall’ultimo “Riot Act” (2002), è in uscita il prossimo 2 maggio su etichetta J Records.

TV – Grande partenza per Lost su RaiDue! 07/03/2006

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Lost, Serie cult, TV ITA.
7 comments

John Locke (Terry O'Quinn)Ieri sera alle 23.15 si sono chiusi su RaiDue i primi tre episodi di “Lost” con l’enigmatico volto (che vedete qui accanto) di John Locke (l’attore Terry O’Quinn, già visto in “Alias” e “Millennium”), che sarà protagonista di un importante flashback nel prossimo imperdibile quarto episodio, il primo in onda lunedì prossimo. Il montaggio delle scene finali era accompagnato dalle note della canzone “Wash Away” di Joe Purdy, con parole molto appropriate al contesto, eccone la traduzione:

Ho peccati, Signore, oh, ma… …non oggi,
perchè l’acqua li porterà via,
l’acqua li porterà via.
Ho amici, oh, ma… …non oggi
Perchè l’acqua li ha portati via.
L’acqua li ha portati via.
E oh… io ho pianto (2 v.)
E oh… niente più piangere (2 v.)
E andiamo d’accordo, Signore, ma… non oggi
Perchè l’acqua ci porterà via.
L’acqua ci porterà via.
Ho avuto problemi, oh, ma… non oggi
Perchè l’acqua li porterà via.
Questo vecchio cuore li porterà via.

I primi 3 episodi, trasmessi come un film unico, hanno avuto ben 4.073.000 spettatori (15,07 % di share), battendo tutti gli altri programmi di prima serata a parte “Orgoglio” (RaiUno) e il film “Natale in India” (Canale 5). Per chi non avesse potuto vedere gli episodi ieri sera, è possibile una replica pomeridiana del solo episodio pilota (ovvero i primi due episodi della serie) a sorpresa su RaiDue nel corso del prossimo week-end.

Aggiornamento: ho omesso di segnalarlo finora, comunque “Lost” andrà in onda ancora per le prossime due settimane con un episodio triplo; dalla settimana successiva gli episodi trasmessi saranno due.

TV USA – Quali serie chiudono quest’anno… 07/03/2006

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, TV USA.
1 comment so far

TV USAIn queste settimane si decide il destino dei telefilm in onda, chiarendo quali serie proseguiranno nella prossima stagione 2006/07 e quali telefilm si concluderanno entro maggio.
Tra le serie note che chiuderanno nelle prossime settimane negli Stati Uniti: Streghe concluderà il suo percorso il 21 maggio dopo 8 anni e 178 episodi; Alias terminerà a fine maggio dopo 105 episodi e 5 stagioni; Settimo cielo termina l’8 maggio dopo 10 anni e ben 221 episodi (ma costava troppo produrlo); West Wing si ferma a 154 episodi e chiude a maggio. Altre serie, partite nel corso di questa stagione, non hanno riscontrato successo e buoni ascolti, e sono perciò state sospese: ricordiamo Threshold (che dovremmo comunque vedere su RaiDue), Sex, Love & Secrets, Night Stalker (per ora in onda in Italia su Fox), Just Legal, Inconceivable, Head Cases, Reunion, The Book of Daniel (che dovremmo vedere sui canali Sky), Killer InstinctLove Monkey. Altre serie chiuse, in onda sui canali cavo: Over There (già trasmessa interamente su Fox), Squadra Med – Il coraggio delle donne (in Italia in onda su Canale 5), Wanted (da aprile in arrivo su Fox).
Passando alle sit-com: chiusure eccellenti per Will & Grace, che terminerà a maggio dopo 194 episodi, That ’70s Show, che finirà il 18 maggio dopo 8 anni e 200 episodi, e Malcolm, che si conclude a maggio dopo 151 episodi in 7 anni. Chiude anche dopo 122 episodi la sit-com Yes, Dear, che abbiamo brevemente visto nel 2004 su Canale 5 con il titolo Doppia coppia; altre sit-com in chiusura le recenti Kitchen Confidential, Hot Properties Emily’s Reasons Why Not; per Arrested Development/Ti presento i miei…, chiusa dalla FOX dopo 53 episodi e 3 anni, situazione ancora incerta su una probabile ripresa futura da parte di un altro network.
Ovviamente altre serie e sit-com possono aggiungersi alla lista fino alla metà di maggio, quando avverrà la presentazione dei palinsesti autunnali/invernali da parte dei network americani (NBC, ABC, CBS, FOX e il nuovo The CW, che nascerà a settembre dalla fusione degli attuali The WB e UPN).

Ricostruiamo le nostre origini 07/03/2006

Posted by Antonio Genna in Scienza e tecnologia.
1 comment so far
Genographic ProjectNational Geographic Society, in collaborazione con Ibm Corporation e Waitt Family Foundation, ha avviato lo scorso anno l’ambizioso Genographic Project, che punta a ricostruire come si è popolato e sviluppato il nostro pianeta, il tutto tramite la raccolta di centinaia di migliaia di campioni di DNA, sia delle popolazioni “indigene” che di tutti coloro che vogliono inviare un proprio campione di saliva.
Il progetto è suddiviso in tre parti: la prima prevede la raccolta di campioni di DNA presso popolazioni “indigene” in differenti regioni del mondo (Asia sud-orientale, Eurasia del Nord, India, Medio Oriente/Nord Africa, Nord e Sud America, Africa subsahariana, Europa occidentale e centrale, Australia/Pacifico); la seconda comporta una campagna di sensibilizzazione e partecipazione pubblica (con vendita di kit, vedi immagine) per arrivare a raccogliere almeno 100.000 campioni di DNA; infine verranno utilizzati i ricavi della vendita del “Genographic Participation Kit” per finanziare un progetto di ricerca basato sulla salvaguardia delle diverse culture del mondo.
Come spiega il numero di marzo del mensile “National Geographic Italia”,
chiunque, con una spesa (non proprio modica) di circa 100 euro, può partecipare al Genographic Project acquistando il kit ed inviando un campione di DNA prelevato all’interno della propria guancia con un tampone che fa parte del kit, ed in seguito potrà ricevere le informazioni ricavate sulle proprie origini.
Finora, nei vari Paesi del mondo sono stati venduti 100.000 kit e raccolti circa 2,2 milioni di dollari.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: