jump to navigation

TV- Report su RaiTre – (3) In principio fu l’oca 07/05/2006

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Report - RaiTre, TV ITA.
add a comment

Questa sera alle ore 21.30 su RaiTre nuovo appuntamento con le inchieste di Report, condotto da Milena Gabanelli.
Ecco, come al solito tratto dal sito web del programma, il sommario della puntata di stasera: l’inchiesta “In principio fu l’oca” è stata curata da Sabrina Giannini.

ReportL’influenza dei polli è un reale allarme sanitario o la più grande montatura del nuovo millennio? Report è andato sui luoghi dove per la prima volta dieci anni fa comparve il temuto virus aviario H5N1 (nella Cina meridionale), dove iniziò a colpire anche gli umani (a Hong Kong) e dove ha mietuto più vittime (in Vietnam). Visto dal Sudest asiatico, sorprende che in un tale sistema di convivenza uomo-animale le vittime siano poche decine e non milioni. Numerosi sono gli indizi e le testimonianze che ridimensionano l’aggressività del virus. Dunque perché le agenzie internazionali hanno dato più rilievo agli scienziati allarmisti? La “pandemia della paura”, alimentata da un caotico susseguirsi di contraddittorie dichiarazioni ufficiali, finora ha portato soltanto benefici a coloro che grazie alle emergenze riempiono le casse (per esempio le agenzie internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità) e ai produttori di farmaci e vaccini – e con loro un importante uomo politico statunitense che possiede le azioni dell’azienda che ha inventato il farmaco antivirale più acquistato dai governi per la profilassi anti-pandemica. L’inchiesta si conclude negli Stati Uniti, dove la “pandemia che non c’è” ha dato origine a uno schermo protettivo votato dal Congresso a tutela dei produttori di farmaci e vaccini qualora venissero intentate eventuali cause di risarcimento per danni alla salute conseguenti alla somministrazione del prodotto creato ad hoc per l’emergenza.

Stranezze dal mondo (11): acquistato un MiG-21 su eBay 07/05/2006

Posted by Antonio Genna in Record e stranezze, Trivia.
add a comment

MiG-21Un uomo d’affari cinese ha comprato un aereo MiG-21f da un venditore americano tramite il popolare sito d’aste online eBay per un costo di 24.730 dollari. L’uomo, che è stato identificato dal quotidiano cinese “Beijing News” come un certo Zhang Cheng, progetta di utilizzare il suo nuovo acquisto per decorare uno spazio vuoto nei suoi uffici. Cheng ha dichiarato: “Amo collezionare oggetti di valore: ho potere d’acquisto, e la mia società ha uno spazio libero dove posso mettere in mostra l’aereo”.
L’aereo da combattimento si trova al momento a Lewiston, nello stato americano dell’Idaho: ha volato l’ultima volta nel 1995 ed è stato poi ritirato dalle truppe militari cecoslovacche, venendo recentemente giudicato “in condizioni eccellenti” dopo essere stato ispezionato da un museo.
Resta ancora da chiarire se il jet potrà essere portato all’interno del restrittivo territorio cinese: Cheng ha affermato di aspettare il parere delle autorità governative.

G.P. d’Europa – Trionfa ancora Schumacher 07/05/2006

Posted by Antonio Genna in Formula 1, Sport.
1 comment so far

G.P. Europa - Vince SchumacherIn una gara abbastanza noiosa e poco spettacolare, Michael Schumacher ha vinto il G.P. d'Europa, per lui un gran premio "di casa" essendo nato a pochi chilometri dal circuito del Nürburgring, dove si è svolta la gara. Al secondo posto il suo principale rivale al titolo, Fernando Alonso (Renault), che partiva in pole position, terzo l'altro ferrarista Felipe Massa, al suo primo podio in Formula 1, e poi a seguire Kimi Raikkonen, Rubens Barrichello, Ralf Schumacher, Giancarlo Fisichella e Rosberg nelle altre prime otto posizioni.
L'unico vero duello della gara è stato quello al comando tra Schumacher e Alonso, ma si è praticamente risolto attorno al secondo pit-stop, quando Schumacher, rimanendo in pista per un paio di giri in più rispetto al rivale, ha accumulato il vantaggio necessario per rientrare in pista davanti a lui dopo il cambio gomme e rifornimento. A parte la poca spettacolarità, comunque, è stata una bella vittoria di Schumacher, ed anche per Massa una gara molto positiva: i ferraristi hanno potuto vedere una vettura molto competitiva e affidabile, dato che Schumacher ha corso con il motore già usato nello scorso G.P. di San Marino ed è sempre rimasto molto vicino alla Renault di Alonso prima di superarlo.
Il mondiale non è dunque chiuso: Alonso adesso ha 44 punti e Schumacher con la vittoria di oggi è arrivato a quota 31, seguono Raikkonen con 23, Fisichella a 18, e Massa al quinto posto arriva a 15 punti. Nel mondiale costruttori la Ferrari supera la McLaren-Mercedes arrivando al secondo posto a 46 punti, contro i 62 della Renault in prima posizione.

“Stadium Arcadium” dei Red Hot Chili Peppers 07/05/2006

Posted by Antonio Genna in Musica.
10 comments

Stadium ArcadiumE’ finalmente uscito nei negozi italiani lo scorso 5 maggio (nei negozi inglesi e statunitensi arriverà soltanto domani 8 maggio) l’attesissimo nuovo doppio CD dei Red Hot Chili Peppers, “Stadium Arcadium”, ad un prezzo di listino di circa 23 euro.
Anticipato dal singolo “Dani California”, di cui avevo parlato qui un mese fa, l’album è il frutto di un anno e mezzo di lavoro e contiene ben 28 brani inediti (circa due ore di musica) divisi in due dischi (i titoli sono “Dani California”, “Charlie”, “Snow (Hey Oh)”, “Stadium Arcadium”, “Hump de Bump”, “She’s Only 18”, “Slow Cheetah”, “Torture Me”, “Strip My Mind”, “Especially In Michigan”, “Warlocks”, “C’mon Girl”, “Wet Sand” e “Hey” nel primo disco Jupiter; “Desecration Smile”, “Tell Me Baby”, “Hard To Concentrate”, “21st Century”, “She Looks To Me”, “Readymade”, “If”, “Make You Feel Better”, “Animal Bar”, “So Much I”, “Storm in a Teacup”, “We Believe”, “Turn It Again” e “Death Of A Martian” sul secondo disco Mars), ed è già disco di platino, avendo venduto immediatamente più di 100.000 copie.
Gli appassionati non resteranno delusi, ritrovando nelle nuove canzoni le sonorità presenti nei vecchi lavori come lo storico “Blood Sugar Sex Magik” (infatti, come avevo già detto nell’altro post, il produttore del CD è lo “storico” Rick Rubin, e il doppio CD è stato registrato negli studi di Laurel Canyon di Los Angeles, gli stessi di quello storico album).
Al primo ascolto a me sono subito piaciuti, oltre al singolo già ascoltato, anche brani come “Hump de Bump” e la ballata “Hey”.
Il CD è disponibile anche in una edizione speciale limitata più costosa, che in una scatola nera contiene i 2 CD con le 28 canzoni dell’album più un DVD con il video di “Dani California” ed il suo making of, il backstage della realizzazione, un’intervista alla band, un libretto di 28 pagine e varie “special space-age discoveries”, più vari piccoli gadget tra cui un blocco di appunti in miniatura ed una trottola.

80Cartoni (2): “Atlas UFO Robot” 07/05/2006

Posted by Antonio Genna in 80Cartoni, Animazione, Cinema e TV.
3 comments

Atlas UFO RobotPer l'appuntamento con l'animazione del passato, oggi spazio a "Atlas UFO Robot", popolarissima serie giapponese prodotta nel 1975/76 da Go Nagai con Dynamic Planning Inc. e Toei Animation, e che è arrivata sui teleschermi italiani di RaiDue il 4 aprile 1978 per essere in seguito replicata su diverse emittenti locali.
In breve la trama: l'avanzatissimo pianeta Fleed viene distrutto dalle truppe del rivale pianeta Vega, ma Actarus (Duke Fleed), uno dei sovrani di Fleed, riesce a scappare usando l'unica arma a sua disposizione, il robot Goldrake (Grendizer), giungendo poi casualmente e privo di forze sulla Terra. Sul nostro pianeta, Actarus viene adottato dal dott. Procton (Genzo Umon), appartenente al Centro di Ricerche Spaziali, e dopo qualche tempo conosce Alcor (Koji Kabuto), ex-pilota di un altro celebre robot, Mazinga Z, che è venuto in Giappone per indagare sulla presenza di dischi volanti. Nel mentre la stella di Vega si sta lentamente spegnendo, così il sovrano del pianeta, confidando nella Terra per una possibile rinascita del suo regno, fa installare alle sue truppe una base sulla faccia nascosta della Luna. Conoscendo il pericolo imminente, Procton fa costruire per Goldrake un hangar sotterraneo, in modo che Actarus salga direttamente, dopo aver percorso uno scivolo, a bordo del disco volante Atlas, trasferendosi poi per combattere all'interno della testa di Goldrake. Il robot è dotato di potenti armi, tra cui lame rotanti, raggio antigravità, fulmine spaziale e la notissima "alabarda spaziale".
In Italia sono stati trasmessi soltanto 71 episodi sui 74 prodotti. Nel 2005, per la pubblicazione DVD della serie da parte di D/Visual (con il titolo "Ufo Robot Goldrake"), è stato effettuato un ridoppiaggio integrale seguito personalmente dal creatore Go Nagai: nel ridoppiaggio si è usata una maggiore fedeltà alla versione originale, ma anche alla prima edizione italiana, mantenendo il nome italiano scelto per alcuni personaggi in quella occasione, sulla scia della precedente edizione francese.
Per la trasmissione italiana sono state utilizzate delle sigle (di testa e di coda) originali, con testi di Luigi Albertelli e musiche e arrangiamenti di Vince Tempera, Ares Tavolazzi e Massimo Luca, con le canzonieseguite dalla Big Band della Rai, con il coro degli Actarus composto da Fabio Concato, Alberto "Michel" Tadini e Dominique Regazzoni. La colonna sonora utilizzata per il cartone animato era invece quella originale giapponese composta da Shunsuke Kikuchi e Chumei Watanabe.

Domenica Trivia (10): Muri di ghiaccio 07/05/2006

Posted by Antonio Genna in Domenica Trivia, Trivia.
1 comment so far

Muri di ghiaccioUn piccolo gioco in Flash (basta cliccare sull'immagine per avviarlo): si vestono i panni di un uomo che corre e trova sulla sua strada delle lastre di ghiaccio, basta cliccare con il mouse sullo schermo nel momento giusto per permettere all'uomo di sfoderare un pugno e rompere la lastra, altrimenti si schianterà ed il gioco finisce lì… ma si può sempre ricominciare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: