jump to navigation

Il Codice Da Vinci 19/05/2006

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Film, Libri.
trackback

Il Codice Da Vinci - copertinaEsce oggi nelle sale di tutto il mondo il film di Ron Howard "Il Codice Da Vinci", con Tom Hanks, Audrey Tautou e Jean Reno, tratto dall'omonimo best-seller di Dan Brown.
Il romanzo è ritenuto da molti blasfemo per varie affermazioni in esso contenute che riguardano convinzioni religiose fondamentali dei cristiani, ed in particolare dei cattolici.
In occasione della realizzazione del film, l'Opus Dei ha scritto una lettera alla Sony, produttrice del film, e sono anche accaduti episodi come quello del rogo in piazza del romanzo al comune di Ceccano (FR). Il film ha anche avuto una tiepida accoglienza alla proiezione in anteprima mondiale avvenuta alcuni giorni fa in apertura al Festival del Cinema di Cannes. Molti critici cinematografici hanno ritenuto il film eccessivamente lungo (149 minuti) e spesso soporifero, pur basandosi su un romanzo che conteneva parecchie scene d'azione; il film è stato detto essere comunque molto rispettoso della fede.
Badando bene che gli avvenimenti narrati nel libro si basano soltanto su personaggi e vicende realmente accadute, non considerando dunque il libro una verità storica, ci sono molte occasioni per approfondire gli eventi narrati, oltre lo stesso romanzo: dato il grande successo e il grande numero di copie vendute di quest'ultimo, il merchandising legato alle vicende è cresciuto enormemente. Tra i tanti volumi sull'argomento, sono in vendita "La verità sul Codice Da Vinci" dello studioso Bart D. Ehrman, "I segreti del Codice Da Vinci" di Simon Cox, "Inchiesta sul Codice Da Vinci" di Marie-France Etchegoin e Frédéric Lenoir, "Il Codice Da Vinci, verità e menzogne" di Darrell L. Bock, "Guida completa al Codice Da Vinci" di Michael e Veronica Haag, ma anche libri a quiz come "Il grande gioco del Codice Da Vinci" di Tracey Turner. Esiste anche il videogame "Il Codice Da Vinci" (per PC, PS2 e X-Box), e DVD con documentari di approfondimento come "Oltre il Codice Da Vinci" e "Il Codice Da Vinci – Tutti i segreti". (Tutti i link che ho riportato finora fanno riferimento a pagine del sito di shopping online DVD.it)

Commenti»

1. maria - 19/05/2006

.Non ho letto il codice da vinci e vedro’ il film? Non lo so,vedremo.La mia decisione dipende dal mio umore e non certo dalla crociata che i miei fratelli di religione stanno conducendo.Mi sembra di essere tornata ai tempi dell’inquisizione e dei libri proibiti.E’ un po’preoccupante,ma chi se ne frega! Avessi io i soldi di dan brown!!!!Ciao

2. Daniele - 19/05/2006

Quella faccenda successa a Ceccano l’ho segnalata io ad Antonio… Io, il suo coinquilino ceccanese.
Ma non vi preoccupate… i tizi esaltati che hanno compiuto quel gesto non hanno niente a che vedere con me… :D
Fornisco il link del nostro forum, dove commentiamo l’accaduto:
http://www.ceccano.net/forum/forum_posts.asp?TID=1040&PN=1

3. Gaetano Barbella - 25/05/2006

Riporto in parte ciò che ho detto in «Galluzzo. It», a commento di «Giuda e il suo vangelo», per dimostrare in poche righe quanto sia infondata la concezione che vedrebbe Gesù capostipite di una sua personale discendenza di «Sang Real» consolidata dall’unione con la Maddalena, anch’essa di sangue reale, attraverso ciò che viene affermato nel libro «Il Codice da Vinci».
«…la questione su Gesù, perché possa essere vista con obiettività – secondo la mia visione – occorre che la si inquadri globalmente, ossia valutando altri fatti, tutti convergenti sulla concezione cristiana che vede in Gesù Cristo colui che si accolla tutti i “peccati” dell’uomo. Ora se si valutano le cose in questo modo viene da sé la spiegazione del perché non si possono trovare tracce storiche di Gesù, pretese da Cascioli col suo libro «La favola di Gesù», salvo a dar credito alle testimonianze dei Vangeli canonici. In che modo? Per il semplice fatto che il contrario della superbia, che è il peccato fondamentale da riscattare attribuito all’uomo, è la modestia e solo non apparendo, se non fugacemente, sulla scena terrestre questo trova la confacente giustapposizione. Ecco che si fa luce sull’eresia che si ravvisa nel racconto de «Il Codice da Vinci» che eleva Gesù come Re terreno che perpetua la sua nobiltà attraverso i secoli tramite Maddalena.».
Perché Gesù apparirebbe senza incisione sul piano della presenza terrestre, ossia in modeste “vesti”, salvo a mostrarsi a quelli con la stessa “veste”, la cui apoteosi si determina con il discorso della montagna, detto delle beatitudini? Ma perché la sua effettiva regalità terrena, che gli veniva dalla discendenza dai re d’Israele, gli è servita come riscatto per essersi accollato i “peccati” dell’uomo, e mondare così l’anima umana dal prigionia delle tenebre. E così, man mano che procedeva lungo il suo itinerario terreno diventava sempre più “povero” senza alcun prestigio dell’antica nobiltà genealogica. Al punto di arrivare spoglio del tutto di dignità davanti al romano Pilato che lo interrogò invano, onde avere appigli per salvarlo dal crocifissione che lo attendeva di li a poco sul Golgota. Ma Gesù si mostrò come impacciato senza riuscire a dire gran ché.
Gaetano Barbella

4. marco - 26/05/2006

c’e’ qualcuno che ha preso il videogioco del codice da vinci????
qualcuno gentilissimo che mi puo’ aiutare?
grazie

5. Angelo - 27/05/2006

Dan Brown non ha svolto un gran lavoro nello scrivere il suo romanzo, infatti ha semplicemente costruito una trama in stile thriller su ambientazioni e rivelazioni portate alla luce da altri attraverso anni e anni di studio e lavoro. Il Codice da Vinci prende tutte le sue teorie e rivelazioni da altri libri di ben altro spessore, soprattutto da Il santo Graal e ancor più da La rivelazione dei templari di Lynn Picknett e Clive Prince, uscito nel 1997. Mi viene da ridere quando sento dire che le teorie esposte nel Codice da Vinci sono state scoperte o addirittura inventate da Brown. Questo autore ha semplicemente trasformato verità esoteriche in pseudo-verità essoteriche inserite in un romanzo fatto per guadagnare soldi (non credo che l’obiettivo di Brown fosse quello di rivelare la verità alle masse). Lodo lo stile di scrittura di Dan Brown ma rimane il fatto che il libro è un plagio ben riuscito.

6. salvatore - 28/05/2006

mi sono bloccato nel gio.mi potete aiutare

7. Sergio IMPROTA - 03/06/2006

Di scrittori che prendono spunto da importanti eventi ne’ ho visti tanti
ma questo e’ il piu’ furbo.
Ha trovato con l’evento piu’ importante della storia il modo di fare un
bel po’ di soldi.
Per chi e’ un credente in CRISTO non gli passera’ mai per la mente
di ascoltare queste favole,perche’ avra’ letto sicuramente il LIBRO
piu’ letto al mondo,la Bibbia che e’ la PAROLA di DIO.
GESU’ CRISTO ha fatto la cosa piu’ importante e seria per ognuno
di noi. Ha dato la sua vita sulla croce per i nostri peccati!
Percui usiamo i mezzi di comunicazione per far arrivar questo
meraviglioso messaggio a quanti ancora non lo conoscono.
Che il SIGNORE vi benedica
da Sergio iMPROTA. fedesperanzamore@alice.it

8. Francesca D'Alessio - 29/06/2006

Personalmente si sono spese pure troppe parole su questo libro. Voglio dire, quanto della fama di questo libro dipende dalla sua qualità e quanto dal fatto che ha fatto “scandalo” per l’ipotesi anti-vaticana? Come Melissa P.: un po’ di pornografia casereccia e il gioco è fatto. Vuoi leggere un buon libro? Ti consiglio La Lama Nera, pubblicato da Armenia. Oh, già… è fantasy: letteratura infima, di bassa lega… che sbadata… come non detto. Ma… e Il Codice da Vinci cos’è? Letteratura-verità?


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: