jump to navigation

Tormentoni web – “Lo Zio del Bus” 20/06/2006

Posted by Antonio Genna in Video e trailer.
trackback

Lo Un video-tormentone nato ad Hong Kong, basato su una lite tra due persone e sulla frase "Siamo tutti sotto pressione", spopola sul Web da alcuni mesi ed è stato scaricato da milioni di persone nelle ultime settimane. Per vedere il video (sottotitolato in inglese) cliccate sull'immagine a fianco, per meglio chiarire il fenomeno riporto invece un articolo di Cristina Nadotti tratto da Repubblica.it.

"Tu sei sotto pressione, io sono sotto pressione, allora perché mi sfidi?" La frase pronunciata da un signore esasperato durante un diverbio su un bus di Hong Kong è diventata un tormentone via internet e l'inno della metropoli asiatica. Un nuovo esempio di come le riprese amatoriali fatte con un telefonino e il web possano creare nuovi miti, fare tendenza, fungere da osservatorio privilegiato per comprendere la società e le sue nevrosi. Il video di una animata conversazione tra due persone sull'autobus 98, ripreso da un passeggero la sera del 29 aprile e poi messo su internet è già stato scaricato da oltre tre milioni di persone, cioè la metà circa degli abitanti di Hong Kong.
Il filmato ritrae Roger Chan, 51 anni, disoccupato mentre sul bus litiga con un altro passeggero. "Ero a terra – racconta Chan ai giornali – la mia compagna minacciava di lasciarmi e io meditavo il suicidio. Mentre ero sul bus ho chiamato il Telefono Amico per chiedere aiuto, ma il tizio che sedeva dietro a me mi ha battuto sulla spalla e mi ha chiesto di abbassare la voce. Sono esploso". Il seguito è un diverbio con scambio di insulti e la frase ormai diventata cult.
Sarebbe finita qui, come tante scene di nevrosi urbane che si vedono sui mezzi pubblici delle metropoli di tutto il mondo, se non ci fosse stato anche un giovane appassionato della rete. Il successo del video e della frase, che è già diventata un rap e che viene ripetuta ad ogni pie' sospinto dagli studenti nelle loro conversazioni, sta nell'essere l'emblema di una società in cui tutti si sentono stressati. Secondo gli psicologi gli abitanti di Hong Kong si riconoscono nella "pentola in ebollizione" rappresentata dal signore del bus e spiegano, dati alla mano, che la metropoli asiatica è una "giungla urbana ossessionata dall'idea dei soldi, nella quale il 10% della popolazione è sull'orlo di una crisi di nervi".
I giornalisti si sono precipitati sul bus 68, sperando di incontrare l'eroe del "sotto pressione", ribattezzato "lo Zio del Bus" e quando lo hanno rintracciato ne hanno fatto un divo. Roger Chan è sbigottito, diventato improvvisamente da "poveraccio" un eroe nazionale, ma cavalca l'onda e si concede alle telecamere e alle interviste. Con molta fantasia. "Sono nato sfortunato – ha detto Chan – la mia vita è cominciata male, ma ora ha la possibilità di cambiare". E via a raccontare avventure rocambolesche da Paperino, che comprendono anche un biglietto della lotteria vincente perduto, un incidente stradale nel quale ha fatto involontariamente due vittime in Germania e quattro anni di prigione in Belgio per traffico di eroina.
Tutte storie da verificare, ma che stanno appassionando Hong Kong e anche scatenando l'invidia o la rabbia di qualcuno. Roger Chan è stato picchiato da quattro uomini mascherati in un ristorante. Secondo le indiscrezioni gli aggressori sarebbero sgherri al soldo di un usuraio al quale l'uomo del bus deve dei soldi. Insigni accademici commentano la fortuna del video e si dividono tra chi sostiene che "è un segnale della violenza che potrebbe esplodere in città" e chi sostiene che non ha alcun significato sociale ed è solo "una creazione dei mass media". C'è anche chi sta guadagnando alle spalle del signor Chan: il suo litigio è diventato uno spot per una marca di acqua minerale e le vendite sono aumentate.
Forse la vita del "poveraccio" non è cambiata del tutto e non si sa se può consolarlo il fatto che la sua storia è diventata addirittura una voce dell'enciclopedia gratuita online Wikipedia. Provare per credere: sotto "Uncle Bus" sono analizzati gli aspetti legali della questione e le sue relazioni con la società di Hong Kong e la cultura della città, nonché il dibattito seguito alla popolarità della vicenda.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: