jump to navigation

Telefonia cellulare, il nuovo standard 4G 05/09/2006

Posted by Antonio Genna in Scienza e tecnologia.
trackback

4GRiporto di seguito un articolo tratto dal quotidiano “La Repubblica” di ieri: in Corea è stato presentato il primo prototipo del futuro della tecnologia cellulare, il 4G. La nuova tecnologia di quarta generazione (quella che usiamo attualmente con l’UMTS è la tecnologia 3G), che debutterà sui mercati internazionali attorno al 2010, permetterà di scambiare filmati e dati ad altissima velocità.
Per chi fosse interessato, consiglio la lettura dell’articolo di Wikipedia dedicato alla telefonia 4G.

ROMA – Un “telefonino” che permetta di scambiarsi immagini, filmati e dati a velocità oggi consentite solamente dai computer con connessioni a banda larga. Non è un sogno ma un progetto in fase sperimentale che rivoluzionerà, stavolta per davvero, il mondo della telefonia mobile e che ha già un nome: 4G, ovvero “quarta generazione”. Una novità che tra qualche anno manderà in pensione la tecnologia 3G, quella che ha introdotto sul mercato i videofonini che hanno avuto, dati alla mano, risultati inferiori alle attese. Il primo prototipo è stato già presentato al pubblico dalla Samsung, al 4G Forum di Cheju, in Corea del Sud.
Il 4G consentirà di comunicare e scambiare dati e video ad almeno 100 Mb/sec in movimento e 1 Gb/sec da fermo e cioè a una velocità circa 30 volte maggiore di quella delle tecnologie attuali. Con questo salto di qualità, si dovrebbe definitivamente passare da una telefonia basata sulle comunicazioni vocali a un sistema con al centro la trasmissione di immagini. E il telefonino, che potrebbe connettersi ad internet ad alta velocità, si trasformerebbe definitivamente in una sorta di piccolo computer portatile.
4GA mettere a punto il primo prototipo di sistema di trasmissione mobile 4G è stata la Samsung. L’azienda coreana ha effettuato un test su un minibus lanciato fino a 120 km/h tra due stazioni radiomobili. L’esito è stato positivo: la trasmissione di filmati è stata di buona qualità e non ha subito alcuna interruzione.
La scelta di puntare con decisione su questa nuova modalità di trasmissione è determinata dai risultati poco soddisfacenti ottenuti dal 3G. Questa tecnologia permette già oggi di effettuare videochiamate e di accedere a internet ma, nonostante gli ingenti investimenti, non ha avuto la diffusione auspicata dalle aziende di telefonia.
Per vedere sul mercato i primi telefonini 4G, sarà comunque necessario attendere qualche anno. Il problema più grande è rappresentato dalla miniaturizzazione del dispositivo di ricezione, che oggi è delle dimensioni di un piccolo refrigeratore. “La sua miniaturizzazione, compatibile con le dimensioni di un terminale mobile, non sarà possibile prima del 2008. La standardizzazione e l’allocazione delle frequenze è stata fissata per il 2010. Non resta che aspettare”, ha spiegato il responsabile della divisione telecomunicazioni di Samsung, Lee Ki-tae.
Ma mentre la maggior parte delle aziende è convinta delle possibilità di questi nuovi dispositivi di imporsi sul mercato, c’è anche chi teme che l’evoluzione della tecnologia sia troppo rapida rispetto a quella della società e che si possa ripetere un errore già commesso. “La tecnologia 3G è stata prodotta solo in base agli sviluppi tecnologici”, ha affermato Hong Won-pyo, vicepresidente dell’azienda di telecomunicazioni sudcoreana KT. “D’ora in poi, dobbiamo aspettare che la domanda degli utenti cresca”.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: