jump to navigation

Cinema – Notes from Venice – Parte 3 di 5 11/10/2006

Posted by Antonio Genna in Articoli, Cinema e TV, Festival, Film.
trackback

Venezia, Mostra del CinemaProsegue il resoconto della 63a Mostra del Cinema di Venezia scritto dal mio amico Michele Sottile in occasione della sua permanenza per una settimana nella città lagunare un mese fa.
Qui di seguito trovate la parte 1 e la parte 2, per chi le avesse perse. Di alcuni dei film citati ho già parlato nello spazio Cinema futuro del blog.

6 settembre 2006

David LynchE’ arrivato. Oggi è il suo giorno. Praticamente passano in secondo piano anche i due film in concorso “Exiled” e “Ejforija”. La star (se di star si può parlare) è uno dei più visionari e geniali registi di tutti i tempi, che la mostra omaggia con il Leone d’oro alla carriera, David Lynch (foto a destra) che presenta anche il suo misteriosissimo film “INLAND EMPIRE” (rigorosamente a caratteri maiuscoli). Come accadde l’anno scorso con Tim Burton, una inaspettata quanto enorme folla attende il regista sul red carpet. Ed ovviamente sono in prima fila dopo aver sofferto ore di attesa sotto il sole cocente. Lo spettacolo è indescrivibile. La folla è letteralmente in delirio. Tutti invocano il suo nome, – David, David – anche i bambini… ci si chiede come possano mai conoscerlo.
Appare, scompare, riappare mostrando trionfante il premio ricevuto. Si avvicina per firmare taccuini e foglietti. Rischio una frattura alle costole ma riesco a strappare un autografo e qualche foto. Da allora buio. Vengo letteralmente sommerso dalla gente. Un omone immenso, gratificato anche lui dal tanto ambito scarabocchio, cerca di farsi strada tra la folla per recarsi in sala a vedere il film. E’ una carneficina… un “lynch-aggio”, consentitemelo. Probabilmente mosso a compassione da cotanto affetto, Lynch decide di firmare TUTTI gli autografi a chiunque ne faccia richiesta. Laura DernGuardie del corpo lo accompagnano su un piano rialzato dove il maestro si regala ai suoi adepti firmando decine e decine di autografi e stringendo decine e decine di mani (una delle quali è la mia!!). Per un’ora non è esistito altro che lui. Ogni cosa gli tributava il suo saluto.
Riusciamo anche a vedere “INLAND EMPIRE” (che ha nel cast Laura Dern – foto a lato -, Jeremy Irons e Harry Dean Stanton) e …. vorremmo anche rivederlo e…. rivederlo e…. si, rivederlo, ben consapevoli che tanto non ne capiremo mai nulla. 3 ore di immagini senza nesso ne apparente senso…. Tuttavia è Lynch e ci siamo abituati e l’atmosfera che crea è cupa, inquietante e inimitabile. Anche se a volte il sospetto che il maestro ci prenda un po’ in giro si insinua…
Ai posteri l’ardua sentenza.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: