jump to navigation

Il museo di Nunziante (4) – Il libretto di “Pinocchio” 10/03/2007

Posted by Antonio Genna in Animazione, Cinema e TV, Film, Il museo di Nunziante.
trackback

Il museo di NunzianteSu mio invito, Nunziante Valoroso, uno dei massimi esperti italiani in merito ai film Disney e al cinema del passato e grande collezionista di cimeli, ha accettato di aprire ogni tanto il suo “museo privato” per presentare uno dei reperti della sua collezione di rarità acquistate nei mercatini in giro per il mondo, veri pezzi unici da collezione che in pochi possono dire di conoscere.

Per questo quarto appuntamento, ecco il libretto del 1941 con trama e testi italiani delle canzoni del film d’animazione Disney “Pinocchio” (1940), che tra l’altro è una prova tangibile che il film era pronto ad uscire nelle sale italiane nel 1941, ma che venne poi rinviato al 1947 per via delle vicende legate alla Seconda Guerra Mondiale.
Ecco la presentazione scritta da Nunziante stesso, che ringrazio come sempre per la collaborazione.

Questa è una autentica rarità.
Il primo numero di un periodico uscito nel gennaio del 1941, “I grandi film illustrati”, edito con la collaborazione delle Edizioni Musicali Suvini Zerbini. Il periodico, nella forma di volumetto tascabile, intendeva illustrare i grandi film con la riproduzione a colori “delle loro più salienti figure e dei loro momenti più importanti, nonché con una piacevole narrazione del succedersi dei quadri, tratta dalla sceneggiatura originale e accompagnata dalle musiche, quando trattasi di filmi (sic!) prevalentemente musicali”. Non sappiamo se poi, col procedere degli eventi bellici, siano usciti altri numeri ma, di sicuro, questo primo volumetto, dedicato al “Pinocchio” di Walt Disney “ed alle sue deliziose canzoni, che presto diventeranno popolarissime anche in Italia, per la loro fresca ispirazione e per la gaia piacevolezza dei loro ritmi”, fece sensazione. Il film, infatti era certamente già pronto per la distribuzione italiana, ma l’entrata in guerra degli Stati Uniti dovette bloccare l’uscita e il film fu poi visto per la prima volta nel Natale 1947. Il libretto quindi acquista il valore di autentica testimonianza di “anteprima italiana mancata” del film. Alcuni nomi dei personaggi sono diversi da quelli che verranno poi utilizzati nel copione italiano definitivo: la fata è definita “turchina” e non “azzurra”, il Gatto viene chiamato col suo nome proprio, Gedeone, e la balena ha anche lei il nome, mutuato dall’originale inglese, di Mostro. Anche il Grillo, che nella versione italiana definitiva è chiamato, come in Collodi, Grillo Parlante, qui viene chiamato, traducendo l’originale Jiminy, “Gimmi”. Importante è poi la presenza, all’interno del testo, dei versi italiani d’epoca delle canzoni, mai poi utilizzati nel doppiaggio. Curioso è il fatto che furono tradotti in italiano anche i testi di alcuni brani che poi, nel film furono utilizzati in forma solo orchestrale: “Vecchio Carillon” (Turn on the old music box) e  “Urrà per ogni cosa” (Three Cheers for anything).

Il libretto di “Pinocchio”

Commenti»

1. Davide - 11/03/2007

BELLO!!

2. getafe - 11/03/2007

carino

3. gino - 24/03/2007

continua


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: