jump to navigation

Addio al Totip 30/06/2007

Posted by Antonio Genna in Quiz e giochi, Ricorrenze, Sport, Trivia.
trackback

TotipOggi, dopo ben 59 anni nei quali ha incassato 2,8 miliardi di euro e distribuito 984 milioni di euro di vincite, è l’ultimo giorno del Totip, celebre concorso a pronostici nato il 30 maggio 1948 per mettere alla prova gli italiani del Dopoguerra che, indovinando 12 risultati di sei corse delle gare ippiche italiane di trotto e galoppo (usando i classici segni 1, X, 2), avevano la possibilità di vincere ricchi montepremi.
Il nome “Totip” era un’abbreviazione di “Totalizzatore Ippico”, e nacque due anni dopo un altro popolare concorso, il Totocalcio, da una proposta della Sisal all’Unire (Unione nazionale incremento razze equine). Il giorno del debutto, la schedina Totip contò 114.000 colonne giocate, e due vincitori (di Milano e Napoli) che ottennero con il loro dodici ben un milione e mezzo di lire a testa. Negli anni 1960 il concorso visse il suo periodo di maggiore splendore, sponsorizzando incontri di boxe e auto in gare rally; negli anni 1980 la schedina Totip era anche abbinata al Festival di Sanremo, e si poteva anche votare la propria canzone preferita con essa.
Con il tempo però il Totip sente la sua età: nel 1995 venne introdotta una settima corsa ed il meccanismo del Jackpot, e il concorso si trasformò in Totip+, premiando i 14 pronostici esatti. La mossa portò subito i suoi frutti, con le prime vincite miliardarie (in lire), ma ben presto arrivò il SuperEnalotto e la possibilità di scommettere sugli eventi sportivi, e il nuovo Totip+ è sempre più finito nel dimenticatoio.
Oggi è dunque l’ultimo giorno, dopo la scadenza della concessione della Sisal con i Monopoli di Stato, e ci sono pochissime speranze per una rinascita futura.
Anche il Totocalcio comunque non se la passa troppo bene, raccogliendo ormai poco meno di 270 milioni di euro l’anno contro i 2 miliardi raccolti nella prima metà degli anni Novanta. Gli italiani non hanno però diminuito il denaro per i giochi: nel 2006 sono stati spesi ben 33,4 miliardi di euro, che adesso vengono investite, oltre che nelle scommesse sportive, anche nelle lotterie istantanee (“gratta e vinci”) e nelle slot machine.

Commenti»

1. Carlo - 24/05/2009

ci sono meno premi vincenti nei gratta e vinci.
I soldi a favore dei terremotati d’abruzzo li verso io
e non c’è bisogno ti toglierli dai biglietti vincenti gratta e vinci.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: