jump to navigation

Libri – Gianni Maritati “Biancaneve e i suoi fratelli” 22/11/2007

Posted by Antonio Genna in Animazione, Cinema e TV, Comunicati, Libri.
trackback

Gianni Maritati “Biancaneve e i suoi fratelli”

Riporto di seguito un comunicato di presentazione dell’interessante saggio “Biancaneve e i suoi fratelli – Il grande cinema di animazione da Walt Disney a Shrek”, scritto dal giornalista Gianni Maritati (con prefazione di Alfio Bastiancich,  direttore del festival d’animazione “Cartoons on the Bay”), recentemente pubblicato da Gremese Editore (200 pagine, 30 €).

Le emozioni della vita nella storia dei cartoon
A 70 anni dalla prima proiezione del capolavoro disneyano
esce in Italia e in Francia
“BIANCANEVE E I SUOI FRATELLI”
di Gianni Maritati – Gremese editore

Per i 70 anni di Biancaneve e i sette nani di Walt Disney (la prima proiezione pubblica risale al 21 dicembre 1937) esce in libreria  “BIANCANEVE E I SUOI FRATELLI” di Gianni Maritati (Gremese editore). Il saggio, accompagnato da oltre 100 illustrazioni,  propone un appassionante viaggio nel mondo dell’animazione visto da un’insolita prospettiva: i valori e le esperienze della vita. Il volume esce contemporaneamente in Italia e in Francia.

“Anche se abitano in un universo parallelo – spiega l’autore, giornalista del Tg1 – Topolino, Nemo, Asterix, Mononoke e tanti altri personaggi della fantasia respirano la nostra stessa aria nella vita di tutti i giorni e ci lanciano un’occhiata o un sorriso da una maglietta o da un poster, aiutandoci a superare un momento di stanchezza o ad affrontare una salita improvvisa del destino. Biancaneve e i suoi fratelli – continua Gianni Maritati – è dedicato a loro, eterni divi dei cartoon, ma anche a noi comuni mortali, felici di varcare la soglia di un mondo incantato, come ci esorta lo spazzacamino Bert di Mary Poppins”.

Omaggio ad un’arte che riesce a raccontare con profondità e leggerezza sentimenti ed emozioni, ma anche le esperienze della vita e l’ansia per il futuro, il saggio vuole essere un piacevole taccuino di viaggio, un vademecum appassionante e ricco di sorprese, un diario di bordo disseminato di rievocazioni fantastiche, intuizioni del cuore, fulminanti riflessioni.

Biancaneve e i suoi fratelli non è la classica storia del cinema d’animazione da Walt Disney ai giorni nostri, ma la proposta di un’avventura ad occhi aperti in un mondo popolato di storie e di personaggi che ci accompagnano sin dall’infanzia e nutrono i nostri sogni, le nostre speranze, le nostre emozioni.
Caratterizzato da uno stile vivace e anticonvenzionale, il saggio si divide in tre parti, iniziando con un’intima esplorazione di temi importanti, quali la famiglia, l’amicizia, l’amore, la natura, ma anche la religione, la politica, lo sport, insieme all’eros, al futuro e alla morte. Non mancano riflessioni su tematiche recenti, come i rapporti fra il mondo Disney e il “Codice da Vinci” di Dan Brown.
Nella seconda parte, il saggio ci fa scoprire il fascino del “dietro le quinte”, affrontando argomenti più legati agli aspetti tecnici e pratici: lo storico passaggio dal disegno manuale alla computer grafica, trucchi e segreti del doppiaggio (con interviste a due esperti del settore, Roberto Morville e Nunziante Valoroso), la magia del connubio fra musica e immagini, sino a scoprire le fonti letterarie a cui attingono gli artisti dell’animazione.
Nella terza parte, il lettore potrà infine immergersi in un avvincente e originale “archivio cronologico della fantasia colorata” dal 1937 al 2007: più di 300 schede di film, per ripercorrere, in una fantastica carrellata, settant’anni di grande cinema d’animazione.
In appendice, il volume offre anche materiali utili alla ricerca e all’approfondimento: i festival italiani e internazionali dedicati ai cartoon, i lungometraggi premiati con l’Oscar, i più importanti siti internet, accanto ad una utilissima bibliografia essenziale.

“Come nel cinema dal vero, anche nell’animazione di oggi i pubblici sono tanti, e trasversali. Il pubblico di Shrek non necessariamente è lo stesso di La città incantata o di Kirikù. Sono pubblici che riflettono la molteplicità degli autori e delle cinematografie e ne determinano la varietà e la ricchezza. Possiamo finalmente dire che l’animazione è diventata adulta? Probabilmente sì, e quest’opera ne è una testimonianza”.
(Dalla Prefazione di Alfio Bastiancich, direttore di “Cartoons on the Bay”, festival internazionale di animazione tv organizzato da Rai Trade)

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: