jump to navigation

Le sigle delle serie TV (27): Arnold 05/02/2008

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Musica, Sigle Telefilm, Testi, TV ITA, Video e trailer.
trackback

ArnoldTorna l’appuntamento con lo spazio che raccoglie alcune sigle, più o meno “storiche”, legate a serie TV principalmente del passato, e che si affianca alla rubrica “Le sigle dei programmi TV”.
Questa volta parliamo della sit-com Arnold (titolo originale “Diff’rent Strokes”), composta da 189 episodi (8 stagioni) di 25 minuti l’uno, prodotta da Embassy Television, Norman Lear e Tandem Productions, trasmessa negli Stati Uniti sul network NBC dal novembre 1978 al maggio 1985 e poi sul network ABC dal settembre 1985 al marzo 1986. In Italia la sit-com è andata in onda con le prime 2 stagioni nel 1980 su diverse reti locali, con il titolo Harlem contro Manhattan, per poi essere proposta dal 1982 da Canale 5, che ha trasmesso le repliche e gli episodi successivi, inizialmente con il titolo Il mio amico Arnold. Dal 2003 la sit-com è stata replicata nella fascia mattutina di Italia 1, e dal febbraio 2007 è anche spesso in replica sul canale digitale terrestre Boing. Non esistono nè sono al momento previsti DVD italiani della serie.
La sit-com segue le vicende di Arnold (Gary Coleman) e Willis Jackson (Todd Bridges), due fratelli afroamericani di Harlem, la cui madre defunta lavorava per un ricco vedovo bianco, Philip Drummond (Conrad Bain), che dopo la morte della madre decide di adottarli. Arnold e Willis vanno a vivere in un lussuoso appartamento di Park Avenue, a Manhattan ,con il sig. Drummond, sua figlia Kimberly (Dana Plato) e la loro cameriera. Inizialmente la cameriera è Edna Garrett (Charlotte Rae), che poi lascia casa Drummond per gestire un pensionato femminile (e diventare protagonista del più lungo spin-off L’albero delle mele) e viene sostituita dall’anziana Adelaide Brubaker (Nedra Volz), a sua volta successivamente rimpiazzata dalla simpatica Pearl Gallagher (Mary Jo Catlett).
Nelle stagioni 4, 5 e 6 la superstar dell’R&B Janet Jackson ha partecipato alla sit-com nel ruolo di Charlene DuPrey,  fidanzata di Willis. A metà della sesta stagione, Dana Plato ha lasciato il telefilm dopo aver scoperto di essere rimasta incinta, ed il personaggio di Kimberly con l’occasione è stato spedito a vivere a Parigi. Nella settima stagione, sono allora entrati nel cast due nuovi personaggi, l’istruttrice di aerobica Maggie McKinney (Dixie Carter nella stag.7, sostituita da Mary Ann Mobley nella conclusiva stag.8) ed il figlio di 8 anni Sam (Danny Cooksey): Maggie finirà per sposare Philip Drummond al termine della settima stagione, facendo “guadagnare” ad Arnold e Willis il giovanissimo Sam come nuovo fratello.
Da segnalare, che nell’estate 1985 la sit-com venne cancellata dal network NBC a causa dei bassi ascolti e dall’aumentato compenso per Gary Coleman di 50.000 dollari ad episodio; la ABC ripescò la sit-com per un’ottava ed ultima stagione di 19 episodi, che si concluse il 7 marzo 1986 ed in cui Maggie era interpretata da una nuova attrice, a causa di problemi sorti tra la precedente interprete ed il protagonista Gary Coleman.
Tante le guest star apparse negli otto anni della sit-com: tra gli altri, il pugile Mohammed Alì, gli attori David Hasselhoff (in un episodio girato sul set di Supercar) e Mister T (il protagonista di A-Team), e la “first lady” Nancy Reagan (in un episodio dedicato al problema droga).
La sit-com è rimasta purtroppo nota per i problemi occorsi nella vita dei tre più giovani interpreti fissi: Dana Plato in seguito ha posato per “Playboy”, è apparsa in alcuni film porno-soft, è stata arrestata due volte ed è infine morta nel 1999 a 34 anni per overdose di droga; Todd Bridges è stato arrestato nel 1994, ed ha avuto per molti anni problemi di droga; Gary Coleman nel 1989 ha citato in giudizio manager e genitori per l’utilizzo del suo fondo fiduciario, nel 1999 ha dichiarato bancarotta, poi ha iniziato a lavorare come guardia di sicurezza in un grande magazzino ed è stato denunciato per diversi episodi di violenza.
Indimenticabile la frase-tormentone rivolta da Arnold al fratello “Che cavolo stai dicendo, Willis?”. Il titolo originale della serie, “Diff’rent Strokes”, derivava dalla frase “diff’rent strokes for diff’rent folks”, del pezzo “Everyday People” (1968) della band rock Sly & The Family Stone.
Durante la prima trasmissione italiana del 1980, quando la serie era in onda sulle emittenti locali ed intitolata Harlem contro Manhattan, la sigla italiana era la canzone “Arnold” (che recitava nel ritornello “Arnold, Arnold, sempre nei guai, una ne pensi, cento ne fai….”) cantata da Nico Fidenco con il coro “I nostri figli” di Nora Orlandi. Nelle trasmissioni successive è invece stata utilizzata sempre la sigla originale del telefilm, “Diff’rent Strokes”, scritta da Alan Thicke, Al Burton e Gloria Loring.
Ecco il testo originale della sigla:

Now the world don’t move to the beat of just one drum
What might be right for you, may not be right for some
A man is born, he’s a man of means
Then along come two, they got nothin’ but their jeans
But they got Diff’rent Strokes
It takes Diff’rent Strokes
It takes Diff’rent Strokes to move the world
Everybody’s got a special kinda story
Everybody finds a way to shine
It don’t matter that you got not a lot – so what?
They’ll have theirs, you’ll have yours and I’ll have mine
And together we’ll be fine,
Cause it takes Diff’rent Strokes to move the world, yes it does
It takes Diff’rent Strokes to move the world!

Spazio adesso ai video della sigla. Prima di tutto il video della sigla italiana più recente, ancora utilizzata nelle repliche:

A seguire invece i video delle sigle originali, che utilizzano lo stesso pezzo. Ecco la sigla utilizzata nelle prime due stagioni.

Segue la sigla della settima stagione:

Infine, la sigla originale dell’ottava ed ultima stagione:

Commenti»

1. Jo3y - 05/02/2008

Ma che tristezza la storia di questo telefilm…

2. Carlo - 05/02/2008

ommamma Arnold! quante risate mi sono fatto con questo nanetto! :D

3. teodelux - 10/02/2008

sigh sigh……quanti ricordi….

4. nuccia - 17/04/2008

Ciao,
interessantissimo post, specialmente per chi come me sta scrivendo una tesi sul doppiaggio della serie televisiva.
Visto che sei al corrente di tante notizie interessanti…sapresti anche di rmi se esiste un sript doppiato e dove potrei reperirlo?

grazie

5. Staff de "Il Filtro" - 10/05/2008

Ciao , abbiamo visto che parli di sigle … ti mandiamo questo link che è del nostro sito , in cui abbiamo pubblicato diversi video di passate sigle televisive
http://ilfiltro.blogspot.com/2008/05/posso-trovare-in-rete-alcuni-video-con.html

spero lo apprezzi
Saluti
Staff de “Ilfiltro”

6. cristi - 04/03/2009

Esiste in DVD la sitcom L’albero delle mele?
Grazie


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: