jump to navigation

Fumetti – “30 giorni di notte” 12/03/2008

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Film, Fumetti.
trackback

“30 giorni di notte”Lo scorso 8 febbraio è uscito nelle sale italiane l’horror “30 giorni di buio” (titolo originale “30 Days of Night”, 2007), prodotto da Sam Raimi, diretto da David Slade ed interpretato da Josh Hartnett e Melissa George.
A chi ha visto il film non sarà sfuggito il fatto che è basato su una serie di fumetti che è diventata un buon successo negli Stati Uniti, e che ha lanciato nel firmamento dell’horror lo sceneggiatore Steve Niles (le illustrazioni e l’immagine di copertina sono invece di Ben Templesmith). L’intera prima serie è adesso ri-edita nel volume “30 giorni di notte” (Magic Press, 96 pagine, volume brossurato a colori, costo 9,50 €), già pubblicato per la prima volta in Italia nel 2004, che contiene anche la sceneggiatura originale dell’originale volume #1 della serie.
La vicenda è ambientata a Barron, piccolo paese dell’Alaska in cui per un periodo di 30 giorni dell’anno non sorge il sole: un gruppo di vampiri decide allora di approfittare dell’assenza di luce per “festeggiare” con gli abitanti di Barron. Buono lo stile pittorico delle tavole che compongono la storia, anche se lo stile di Templesmith a volte impedisce una chiara lettura del fumetto: nonostante la semplicità della storia, i protagonisti sono ben tratteggiati e ricchi di sfumature, al di sopra della media.
A seguire, il comunicato stampa dell’editore, ed alcune note su sceneggiatore e disegnatore.

Qualcosa di strano sta accadendo a Barrow, in Alaska. Tutti i sistemi di comunicazione sono stati sabotati, rendendo impossibile ogni contatto con l’esterno. Lo sceriffo Eben e sua moglie Stella cercano di far luce su quanto sta accadendo, tormentati da un inquietante interrogativo: chi può essere interessato ad isolare una minuscola cittadina americana dove il sole non sorge per 30 giorni e la notte sembra durare in eterno?
30 giorni di notte declina un classico mito dell’horror, quello del vampiro, nella sua versione più torbida ed oscura, immettendo il lettore in un mondo desolato dove solo l’amore può (forse) offrire una speranza. Nei prossimi giorni è prevista l’uscita dell’adattamento cinematografico prodotto da Sam Raimi (il regista di Spider-Man, L’Armata delle Tenebre e del dittico cult dell’orrore, La Casa 1 e 2), in cui spicca la presenza della icona neo noir Josh Hartnett (Black Dahlia, Sin City).

Steve Niles
E’ uno degli sceneggiatori che hanno contribuito al ritorno in grande stile dell’horror nel fumetto americano. Ha collaborato con le maggiori case editrici USA (Disney, Marvel, DC Comics, Dark Horse) ed è accreditato quale sceneggiatore dell’adattamento cinematografico di 30 giorni di notte. Ha scritto Giant Monster, Io sono leggenda, Cal McDonald: Crimini macabri, Resti, Mostri d’America.

Ben Templesmith
Australiano dallo stile originale ed eclettico, è uno degli autori di fumetti più riconoscibili nell’attuale panorama. L’unione di matite, chine, acrilici e acquarelli avviene attraverso una sovrapposizione al computer, ma tutto è inizialmente generato dalla mano dell’artista e, solo dopo la necessaria scansione, modificato e fuso in un’immagine finale. Reso famoso dai “suoi” vampiri, Templesmith ha disegnato anche fumetti di fantascienza e noir.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: