jump to navigation

Doppiaggio – In anteprima esclusiva i doppiatori di Pushing Daisies, Chuck, Eli Stone, Donna bionica e Studio 60 08/05/2008

Posted by Antonio Genna in AntonioGenna.net, Cinema e TV, Doppiaggio, Esclusive, Serie cult, TV ITA.
trackback

Il mondo dei doppiatoriPer gli appassionati di doppiaggio, propongo oggi 5 grandi anteprime esclusive su alcune serie ancora inedite ed in arrivo nei prossimi mesi sui canali Mediaset Premium Gallery e Fox, diverse delle quali saranno presentate in anteprima nel corso del Telefilm Festival 2008 in programma in questi giorni a Milano: cliccate più in basso sui loghi dei telefilm per visionare il cast di voci italiane, con la preghiera, se riportate qualche dato altrove, di indicarne in modo chiaro la provenienza. Ricordo che potete trovare informazioni su doppiaggi di serie, film e cartoni, e molto altro, nel mio sito Il mondo dei doppiatori.

Pushing DaisiesPartiamo da Pushing Daisies, che consta finora in una prima stagione di 9 episodi. La serie, creata da Bryan Fuller (Dead Like Me) e prodotta da Jinks/Cohen Company, Living Dead Guy Productions e Warner Bros. Television, vede l’episodio pilota diretto da Barry Sonnenfeld, ed arriverà sul canale digitale terrestre Joi ad ottobre, successivamente in chiaro sui canali Mediaset.
Il doppiaggio è curato dalla Sefit-CDC, con direzione di Fabrizio Manfredi. La voce narrante della vicenda quasi fiabesca è quella di Renato Mori; il protagonista Ned (Lee Pace) è doppiato da Roberto Gammino, il suo amore Chuck Charles (Anna Friel) ha la voce di Rossella Acerbo, ed il socio Emerson Cod (Chi McBride) è doppiato da Claudio Fattoretto.

ChuckPassiamo ora a Chuck, action-comedy prodotta da College Hill Pictures, Wonderland Sound and Vision e Warner Bros. Television, creata da Josh Schwartz e Chris Fedak e finora costituita da una stagione di 13 episodi; la serie andrà in onda dal 22 giugno sul canale digitale terrestre Steel, e in seguito su Italia 1.
Il doppiaggio è curato da PostInEurope, con direzione di Silvia Pepitoni: il protagonista Chuck Bartowski (Zachary Levi) è doppiato da Nanni Baldini, il suo migliore amico e collega Morgan Grimes (Joshua Gomez) ha la voce di David Chevalier, la bella Sarah Walker (Yvonne Strahovski) è doppiata da Stella Musy, il maggiore John Casey (Adam Baldwin) è doppiato da Roberto Draghetti, e la sorella del protagonista Ellie (Sarah Lancaster) è doppiata da Sabrina Duranti.

Eli StoneAdesso passiamo a Eli Stone, dramedy creato da Greg Berlanti (Brothers & Sisters) e Marc Guggenheim, e prodotto da ABC Studios, After Portsmouth e Berlanti Television. Al momento è stata realizzata una sola stagione di 13 episodi; la serie sarà trasmessa prossimamente sul canale satellitare Fox, e in seguito in chiaro su un canale Mediaset.
Il doppiaggio è curato dalla Dubbing Brothers International Italia, con direzione di Alessandro Rossi e Cristina Boraschi. Il protagonista Eli Stone (Jonny Lee Miller) è doppiato da Francesco Pezzulli, Jordan Wethersby (Victor Garber) ha la voce di Ambrogio Colombo (che già doppiava l’attore in Alias e nell’ancora inedita Justice), Patti (Loretta Devine) è doppiata da Paola Giannetti, Taylor Wethersby (Natasha Henstridge) ha la voce di Laura Romano, e inoltre appare qualche volta il cantante George Michael nei panni di se stesso (e con la voce italiana di Pasquale Anselmo).

Bionic WomanE’ ora il turno di Donna bionica, ovvero Bionic Woman, sfortunato remake della serie anni ’70 La donna bionica creato da David Eick e prodotto da NBC Universal Television Group, GEP Productions e David Eick Productions. La serie è formata da soli 8 episodi e si è chiusa prima dell’avvio dello sciopero degli sceneggiatori, nel mese di novembre 2007: in Italia sarà trasmessa sul canale digitale terrestre Steel e poi in chiaro su Italia 1.
Il doppiaggio è stato curato da PostInEurope, su direzione di Leslie La Penna: la protagonista Jaime Sommers (Michelle Ryan) è doppiata da Domitilla D’Amico, la sorella Becca (Lucy Kate Hale) è doppiata da Alessia Amendola, la “nemica” Sarah Corvus (Katee Sackhoff, che è anche Starbuck in Battlestar Galactica) ha la voce di Laura Boccanera, e Antonio Pope (Isaiah Washington) è doppiato da Massimo Bitossi (che già doppiava l’attore fino allo scorso anno nella serie Grey’s Anatomy).

Studio 60 on the Sunset StripInfine, vediamo Studio 60 on the Sunset Strip, comedy-drama scritto e creato da Aaron Sorkin (West Wing) e prodotto da Shoe Money Productions e Warner Bros. Television. La serie, trasmessa nella stagione 2006/07 sulla NBC, è formata da 22 episodi, ed arriverà in prima visione italiana da novembre sul canale digitale terrestre Joi.
Il doppiaggio è curato da Sefit-CDC con la direzione di Angelo Nicotra: il produttore Danny Tripp (Bradley Whitford) è doppiato da Sandro Acerbo, lo sceneggiatore Matt Albie (Matthew Perry) è doppiato da Massimo De Ambrosis (già voce dell’attore nella sit-com Friends), Jordan McDeere (Amanda Peet) ha la voce di Tiziana Avarista, Harriet Hayes (Sarah Paulson) è doppiata da Barbara De Bortoli, e Cal Shanley (Timothy Busfield) è doppiato da Mino Caprio.

Commenti»

1. Jo3y - 08/05/2008

Noo, Roberto Gammino proprio non mi piace come doppiatore, uff…meno male almeno che Studio 60 e Pushing Daisies sono curate dalla SEDIF, la società migliore in assoluto (per doppiatori ed adattamento) insieme alla Bibi.it!

2. Antonio - 08/05/2008

@Jo3y: intendi dalla SEFIT-CDC, non dalla SEDIF: quest’ultima è un’altra società (che cura il doppiaggio, tra le altre, di “Gossip Girl”).

3. .casti. - 08/05/2008

@Antonio: hai scordato che ad interpretare lo sceneggiatore Matt Albie in Studio 60 è Matthew Perry (il Chandler di Friends appunto già doppiato da Massimo De Ambrosis). :-)

4. Nanyscia - 08/05/2008

Di queste serie seguo solo Chuck: sono contenta che per Zachary Levi abbiano mantenuto il suo doppiatore in Less than perfect :D

5. simone - 08/05/2008

salve ragazzi,spero di non creare disguidi ma volevo segnalarvi un blog a chi è interessato al mondo dello spettacolo veramente utile e figo http://WWW.PROVINI.WORDPRESS.COM dategli un occhio.

lo sto segnalando ai blog che seguo,se pero’ non posso rimuovetelo pure perchè non è mia intenzione dar fastidio ,ma lo trovato serio e pertanto volevo comunicarvelo anche a voi.

6. Jo3y - 08/05/2008

@Antonio: Sì la SEFIT-CDC, intendevo proprio quella, da Friends a Malcolm passando per I Tudors, ho sempre trovato le loro edizioni, le migliori (comprese quelle dei film) ;)

7. Collette - 08/05/2008

è Ufficiale PUSHING DAISIES sarà rovinato dal doppiaggio

8. dyd666iscr - 08/05/2008

STUDIO 60 è una serie stupenda…
ma sentirla in italiano proprio non mi va giù….

9. Burchio - 08/05/2008

che vi devo dire…sperate che mettano il doppio audio…

10. Collette - 08/05/2008

Sai cos’e il doppiaggio italiano è uno dei migliori a livello mondiale,ma certe serie per la bravura degli attori,per la trama,per la sceneggiattura e altri aspetti sono impossibili a mio parere da adattare e quindi meglio goderseli in originale perchè non rovinano l’opera in sè.
Di tutte le serie Pushing Daisies è una di queste,già la voce del narratore vale tutto il telefilm,poi la storia d’amore tra Ned e Chuck nasce proprio dalla non-interrazione,Olivia…ecc è impossibile credo adattare una serie come queste.
Cosi come How I meet your mother(in italiano pessima,un altro telefilm),idem Heroes.
Mentre serie come LOST,GREY’S ANATOMY,DH hanno a mio parere ottimi doppiatori certo all’originale ce ne vuole ma non si crea un disguido enorme come invece si puo creare come l’esempi citati.

11. max - 08/05/2008

Per quanto riguarda studio 60, è un’ottima scelta prendere il doppiatore di friends (e di tutti gli altri lavori) per matthew perry,ma se a priori non piace il doppiaggio, si può cercare la versione originale (io l’ho visto tutto con i sottotitoli).

12. SERY - 09/05/2008

Comprendere tutti i contenuti e le sfumature di dialoghi in lingua originale nn è sempre facile…e i sottotitoli sono cmq un adattamento: si perde molto, secondo me. Preferisco seguire le serie che mi piacciono il lingua italiana, poi se è…anche in originale.

13. saretta - 09/05/2008

oo mamma mia ma cm li hanno scelti i doppiatori per pushing daisies??
non ci azzeccano niente..grandi doppiatori eh ma nn ci azzeccano niente…

14. Lino88 - 09/05/2008

Fortunatamente non è arrivato qualche “paladino di Lost a tutti costi” a dirci che è la serie meglio doppiata…

15. mytwocents - 09/05/2008

Studio 60, come West Wing, Boston Legal o Life on Mars, è una serie molto parlata, spesso con giochi di parole e riferimenti di cultura popolare.
Al di là dell’ovvio effetto straniante del doppiaggio (lungi da me contestare il mito degli italiani “migliori doppiatori al mondo”), il problema sono gli adattamenti.
Io amo Boston Legal, e quando andava su Sky ho sentito cose che gridavano vendetta. Idem per West Wing. Non oso pensare Life on Mars, anche quello zeppo di citazioni e riferimenti tutti british.

16. ABREdoskoi - 09/05/2008

sì, a volte il problema maggiore è l’adattamento… come quando ho scoperto grazie al sito di Veronica Mars che in italiano dicevano praticamente un discorso diverso da quello inglese… non ci credevo!
Su Fox e quando avrò i dvd (sperando nel cofanetto unico) lo seguo sempre in inglese

17. FeFe - 15/10/2008

Scusate, ma proprio non capisco perchè tutta questa avversione per le voci di Pushing Daisies. Io sto seguendo la serie e trovo le voci molto adatte e non troppo distanti da quelle originali; inoltre trovo ottima la scelta di Roberto Gammino per il ruolo di Ned.

18. lela - 05/01/2009

sono d’accordo, Roberto Gammino è un ottima scelta per il ruolo di Ned. Aggiungo inoltre i complimenti per come ha doppiato Enrico VIII nei Tudors, e Melman in Madagascar. Davvero versatile.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: