jump to navigation

Le sigle delle serie TV (29): La signora in giallo 28/08/2008

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Musica, Sigle Telefilm, TV ITA, Video e trailer.
trackback

Nuovo appuntamento con lo spazio che raccoglie alcune sigle, più o meno “storiche”, legate a serie TV principalmente del passato, e che si affianca alla rubrica “Le sigle dei programmi TV”.
Questa volta parliamo della serie La signora in giallo (titolo originale “Murder, She Wrote”), composta da  264 episodi (dodici stagioni) di 45 minuti l’uno, prodotta da Universal Television e trasmessa negli Stati Uniti sul network CBS dal settembre 1984 al maggio 1996, e in Italia su RaiUno dal 1° giugno 1988 in prima serata, e dal giugno 1989 nell’abituale appuntamento delle ore 12.30 (lunedì – venerdì), dove è ancora adesso replicata per il periodo estivo riscuotendo ottime medie di ascolto (3 milioni di spettatori). La serie è anche in replica dal settembre 2006 sul canale satellitare Fox Crime.
Il telefilm, creato da Peter S. Fischer, Richard Levinson e William Link (già creatori della serie Colombo), segue le vicende di Jessica Fletcher (Angela Lansbury), insegnante di inglese in pensione rimasta vedova e diventata una popolarissima scrittrice di romanzi gialli. Nonostante la fama, Jessica è rimasta a vivere in Maine, nella cittadina di Cabot Cove (le riprese esterne erano in realtà effettuate a Mendocino, in California). Jessica si ritrova casualmente in mezzo ad indagini relative ad omicidi, sia che si trovi a Cabot Cove, sia che vada altrove: la Polizia è sempre intenzionata ad arrestare il sospetto più probabile, ma Jessica capisce che la verità può essere un’altra e, mettendo insieme gli indizi trovati ed interrogando in modo intelligente gli altri sospetti, riesce sempre ad individuare il vero colpevole.
Ad affiancare Jessica a Cabot Cove lo sceriffo Amos Tupper (Tom Bosley, che dopo esser diventato protagonista di un’altra serie gialla, Le inchieste di padre Dowling, ha lasciato il telefilm) e successivamente lo sceriffo Mort Metzger (Ron Masak), oltre all’amico dottore Seth Hazlitt (William Windom). Soprattutto nelle ultime stagioni, quando la Lansbury è entrata nella produzione esecutiva della serie, l’azione si sposta spesso anche a New York ed in altre città in giro per il mondo.
Jessica si imbatte spesso però in altri amici e parenti: il nipote Grady (Michael Horton) che finisce sempre nei guai con la giustizia; l’investigatore Harry McGraw (Jerry Orbach), che poi divenne protagonista del breve spin-off Provaci ancora, Harry; l’agente dell’MI6 Michael Hagarty (Len Cariou); l’ex-ladro poi diventato investigatore assicurativo Dennis Stanton (Keith Michell), che in alcuni episodi è l’unico protagonista delle vicende; l’investigatore privato Charlie Garrett (Wayne Rogers).
Tantissime le guest-star presenti in singoli episodi del telefilm: tra tutte segnalo George Clooney, Leslie Nielsen, James Caviezel, Marcia Cross, Courteney Cox, Sonny Bono, Joaquin Phoenix, Billy Zane, Lynn Redgrave.
La serie ha chiuso negli Stati Uniti quando il network CBS ha deciso di spostarla dalla storica collocazione della domenica sera al giovedì, causando un crollo degli ascolti. La Lansbury ha comunque ripreso il personaggio in quattro film TV successivi alla conclusione del telefilm, più precisamente “Vagone letto con omicidio” (1997), “Appuntamento con la morte” (2000), “La ballata del ragazzo perduto” (2001) e “L’ultimo uomo libero” (2003), tutti trasmessi in Italia nella prima serata di RaiUno.
Una curiosità: un episodio della terza stagione della serie, intitolato “Magnum on Ice”, è la seconda parte di un doppio episodio cross-over con il telefilm Magnum P.I. con Tom Selleck; questo episodio all’epoca non venne doppiato, e dunque non è mai stato trasmesso nel nostro Paese, in quanto la serie con Tom Selleck andava in onda su Italia 1 (all’epoca di proprietà Fininvest): l’episodio è stato pubblicato in Italia in versione originale sottotitolata per la prima volta all’interno del cofanetto DVD della terza stagione del telefilm.
Parliamo adesso della sigla del telefilm, composta da John Addison e rimasta invariata per tutte le 12 stagioni (a parte qualche variazione nelle immagini con l’introduzione del “moderno” computer):

In Italia, RaiUno ha quasi sempre troncato la sigla prima della fine proponendo un fermo immagine della protagonista con il titolo italiano; nelle ultime repliche la sigla originale è invece utilizzata fino al termine.

Commenti»

1. Francesca - 28/08/2008

Adoro Jessica!!! L’ho visto così tante volte, ma alla fine quando sono a casa non mi perdo un’episodio!

2. Miroku - 28/08/2008

Lo vedevo da piccolo. E quest’inverno su sky prima di studiare ho rispolverato qualche episodio -in una fascia mattutina in cui il cervello mi connetteva ancora poco – .
Certo però che è meglio non incontrarla per strada la signora Fletcher visto che ci scappa sempre un morto ammazzato!!

3. PaoloKr - 28/08/2008

Il cross over con Magnum P.I. mi mancava…
Una serie mito e ancora oggi godibilissima.

4. lucy - 02/12/2009

come si fa a scaricare la sigla sul cell?


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: