jump to navigation

TV SAT – The Lost Room su Fox 03/12/2008

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, TV ITA.
trackback

The lost room

Da questa sera, ogni mercoledì alle ore 21.15, il canale satellitare Fox propone una nuova serie di fantascienza composta da 6 episodi di 40 minuti l’uno, The Lost Room, trasmessa negli Stati Uniti nel dicembre 2006 su Sci Fi Channel.
Prodotta da LionsGate Television, la serie vede al centro una misteriosa stanza di un motel al cui interno sono contenuti un centinaio di oggetti di uso comune con incredibili poteri: la camera era un tempo una tipica stanza degli anni 1960 di un motel lungo la celebre Route 66, ma adesso si trova al di fuori del tempo e dello spazio normali.
Il detective di Pittsburgh Joe Miller (Peter Krause, che abbiamo visto in Six Feet Under e Dirty Sexy Money) dovrà cercare uno di questi oggetti per salvare la figlia di otto anni Anna (Elle Fanning), che è scomparsa all’interno della stanza. Joe dovrà proteggere ad ogni costo la Chiave che serve per aprire la stanza, e troverà al suo fianco diversi amici e nemici, come il prof. Martin Ruber (Dennis Christopher), scienziato che diventa ossessionato dalla stanza e sarà disposto a fare qualunque cosa pur di impadronirsi della Chiave; Jennifer Bloom (Julianna Margulies, ex-protagonista di E.R.), membro di un gruppo che punta a ritrovare tutti gli oggetti della stanza e nasconderli per proteggere l’umanità; Karl Kreutzfeld (Kevin Pollak), ricco collezionista degli oggetti, che è un po’ alleato ed un po’ avversario di Joe.

Commenti»

1. enry - 03/12/2008

Mi intriga parecchio… La registrerò sicuramente!

2. ABREdoskoi - 03/12/2008

questo, Scrubs e Desperate stasera… dovrò fare in modo di riuscire a concentrarmi su tutto :)
ma ci sono solo questi sei episodi?

3. Admin - 03/12/2008

si.
però merita!!!

4. Paul - 03/12/2008

Lo vedrò sul +1 dopo desperate HW.

5. max - 03/12/2008

Guardate questo telefilm, non ve ne pentirete…

6. Eddy - 03/12/2008

Lo guarderò sicuramente!

7. Chris - 03/12/2008

ma nn sono 3 episodi?

8. enry - 03/12/2008

Sono 3 serate, con 2 episodi ciascuna.

9. Chris - 03/12/2008

ok tnx ^^

10. warr1or - 03/12/2008

Lo vedrò sicuramente…

11. max - 03/12/2008

E’ una miniserie, se non sbaglio in America è stata divisa e trasmessa in 3 parti, per questo alcuni riportavano che erano 3 episodi, altri invece 6..

12. Aly - 04/12/2008

visto questa sera..devo dire che prende parecchio!!
ne vale la pensa..sono curiosissima di scoprire come andrà a finire..

13. Aly - 04/12/2008

visto questa sera..devo dire che prende parecchio!!
sono curiosissima di scoprire come va a finire!

14. warr1or - 05/12/2008

Si, mi piace molto…

15. Calipso - 16/12/2008

Fuori dal coro, e per fortuna… No, non prende per niente, LOST ROOM. Trattasi dell’ennesimo tentativo di posizionarsi sulla scia di Lost sfruttando il solito mistero arcano incombente sulla nostra cara piccola crosta terrestre. Naturalmente, sullo sfondo la povera umanità assiste inerte e impotente all’escalation degli eventi chiedendosi come mai deve cedere sempre il passo a uno stuolo di pochi eletti… Loro, avvezzi a tutto, non tarderanno a intravedere le fila del burattinaio ricomponendo con metodica pazienza tutti i tasselli che compongono il puzzle della stanza magica. In quanto tempo riusciranno nell’ardua impresa non è dato sapere a noi comuni mortali, visto che è l’audience a vedere e a provvedere… L’unica certezza è che ci ritroviamo dinnanzi al classico polpettone scientifico-metafisico studiato a regola d’arte per abbacinare lo spettatore alla ricerca del mistero-fai-da-te. Il ricorso a una sceneggiatura colabrodo e a un cast poco ispirato non fanno che avvalorare questa tesi. Tuttavia, per una volta tanto, il mostro della serialità sembra essere stato esorcizzato: solo 6 episodi non è cosa di tutti i giorni (di tutti gli anni, verrebbe da dire)… Probabilmente visto l’esiguo budget a loro disposizione, i produttori stessi sono stati i primi a non credere nella loro creatura, anche se nel profondo dell’intimo non hanno mai smesso di sperare… Quindi aspettiamoci il canonico finale aperto, da riempire a tempo debito con un altro mucchio di roba poco edificante, con buona pace di noi poveri telespettatori, sempre pronti a metabolizzare fregature a go-go.

Ps A distanza di 2 anni (Lost Room è stato trasmesso negli USA circa 2 anni fa), il tanto agognato sequel non è ancora approdato sui poveri teleschermi. Buon per tutti che questa esa-sciagura non abbia raggiunto propozioni ancor più inquietanti.

16. taijispot - 17/12/2008

Beh secondo me è veramente bello! Anche se si posiziona “sulla scia di Lost”, a me ha intrigato parecchio…meglio di tanti altri serials!!!

17. simone - 18/12/2008

ho finito di vederlo oggi e mi ha appassionato tantissimo e dire che sono un serialtv-dipendente,li vedo quasi tutti a parte desperate housewifes ecc ecc.io lo prefersico a quel mattone di lost semplicemente perchè da spazio ad un immaginazione piu fervida riguardo alla nascita di questa stanza di albergo.spero vivamente in un sequel

18. Riz - 20/12/2008

Miniserie molto ben scritta, ben realizzata, interessantissima e originale. Amerei vedere un seguito ma pare improbabile.
Calipso, sei un vero rompicoglioni! Scommetto che non ti piace niente.

19. Stef - 20/12/2008

Bello, bello e ancora bello. Che cavolo c’entra LOST? Qui siamo semmai nell’universo che fu di Ai Confini della Realtà.

20. hall - 21/12/2008

concordo con stef,calipso non ha patito un bel niente!!!

21. Lalli - 23/12/2008

Ho finito oggi di vedere l’ultimo episodio. dopo tanto tempo che non mi appassionavo a una serie finalmente una ha attirato al mia attenzione …peccato così corta. ma meglio così che 12 episodi e poi sospesa lì a metà (troppe serie che amavo sono finite così). Comunque a me è piaciuta, mi ha intrigato subito dal primo episodio (e di solito ce ne vuole perchè se non mi prende poi si gioca la mia attenzione e cambio canale facilmente) e gli episodi successivi sono praticamente rimasta incollata allo schermo. quindi per me è definitivamente un pollice alzato e sicuramente, avendola registrata, non mancherà occasione di riguardarmela di tanto in tanto (visto che in questo periodo pure su sky film e telefilm decenti scarseggiano).
Sinceramente devo capire cosa c’entri con Lost…sono due cose completamente diverse se si leva la parte “paranormale” e poi Lost sinceramente mi ha stufato alla seconda puntata questa serie per niente, è intrigante, c’è azione, mistero…e tutti gli oggetti con il loro poteri particolare per non parlare della stanza n.10 (e n.9). Fantastico , ora sono orfana di una serie che mi teneva attaccata al tv.xD

22. Calipso - 24/12/2008

Forse Lost non è ai confini della realta? Ma soprattutto, cos’è la realtà? Riesce il telespettatore intelligente a comprendere dove vada a parare Lost, cosa si nasconda dietro al mosaico di misteri e riferimenti colti e filosofici di cui è permeata la creatura perfetta di J.J Abrahms? Non credo sia possibile dare una risposta affermativa a tal quesito. Proprio perchè Lost è tutto e il contrario di tutto. Quando credi di aver capito qualcosa del mistero arcano che avvolge l’ISOLA PER ANTONOMASIA, ti rendi conto che sei solo ai nastri di partenza. Ogni piccolo tassello del puzzle portato alla luce apre mille altri interrogativi e problematiche che non mancano di stimolare l’attività cerebrale (raziocinio e immaginazione a braccetto) dello spettatore desideroso di approdare là dove nessuna fiction è giunta prima d’ora. La fruttuosa strategia di premiare i fans a piccole dosi di zuccherino, sbrogliando via via la matassona del mistero sembra aver dato ragione ai produttori lostiani. Certo è che, non tutti sembrano apprezzare questo monumentale lavoro dove science fiction, filosofia, storia, psicologia convivono meravigliosamente nello stesso cosmo. Per questo, l’articolazione del prodotto in più stagioni è stata una conseguenza inevitabile; con buona pace di noia, emicranie e sbadigli assortiti. Forse parte delle defezioni del “pubblico pagante” sono da ascrivere a un target, solo in apparenza compatibile con l’offerta lostiana: probabilmente si aspettavano una vicenda impernianta sulle nuove avventure, non di uno, ma più Robinson Crusoe in salsa fanta-avventurosa-moderna. Nonostante il piccolo prezzo da pagare (la volontà, giusta o sbagliata che sia, di non accontentare gli spettatori poco pazienti a favore di coloro desiderosi di scavare in fondo fino al nucleo), l’opera di Abrahms (perchè è di questo che si tratta) è da definirsi paradigmatica, l’iniziatrice di un nuovo genere, nonostante la materia trattata non sia del tutto nuova, in quanto attinga a certa letteratura facente capo a insigni autori quali Dick e Ruellan… Che poi le (non) vicende di “Ai Confini della Realtà” o “Lost Room” siano caratterizzate da temi, background e mezzi espressivi differenti rispetto al Lostcredo poco importa (se la nostra intenzione è non fare un semplicistico paragone di facciata), perchè insieme a Lost condividono la medesima vocazione, l’anelito a varcare le soglie di quello che noi definiamo “Reale”. Non sarà certo una stanza magica bramata da legioni concorrenti e ricca di oggetti “fantacomuni” vari a scavare un abissomedieval fossato tra essa e l’angosciante epopea dei “persi” dell’Ocean Flight 815, al cospetto di un’isolona a quanto pare senziente (o no? Questo è il bello di Lost)… Anzi, quella stanzetta e quell’isoletta, sembrerebbero condividere la medesima identità, o quantomeno funzione. Guardiane di un mistero imperscrutabile che travolge impietosamente l’effimero castello di carta delle convenzioni, della comune percezione. Uno, due, tre, e mille alternative, in cui universi e dimensioni paralleli giocano a rincorrersi fino a fondersi gli uni con gli altri… E, allora e solo allora, la vita dei personaggi non sarà più la stessa, irretiti da qualcosa più grande di loro… Qualcosa d’impalpabile che trascende le capacità cognitive e percettive della razza umana mettendone a soqquadro l’incolumità fisica-mentale… STOP! Ragazzi, chiedo venia di avervi tediato con questa difesa d’ufficio a favore del buon Lost e di aver maltrattato alquanto energicamente uno dei Vostri serial preferiti dando adito a una critica che vi sarà parsa pretestuosa, emotiva e un po’ troppo arbitraria. E forse è così. A freddo devo convenire che l’idea di base non è malaccio e denota una discreta originalità, controbilanciata però da una recitazione poco incisiva (per usare parole terra terra, ecco un esempio: la prima sortita nella camera del motel non crea la giusta suspense, il poliziotto perlustra la stanza sfoggiando la mimica facciale di un automa o di un condomino alle prese con il solito tran tran mattutino, saluto ai SOLITI vicini e SOLITA spiaggia, compresi). Lo stesso vale per l’aspetto psicologico dei personaggi, trattato in modo abbozzato, ma suppongo che questa e altre lacune (come avevo già detto) siano da imputare a un corto periodo di produzione e a un budget non certo faraonico. Una specie di test propedeutico; verrebbe da dire parafrasando Schumacher, un giro di prova per scaldare i motori prima di iniziare il Gran Premio vero e proprio, comunque sufficente a mostrarne i cavalli scalpitanti… Sicuramente ha ragione Lalli: è preferibile anteporre un corso breve ma completo a qualcosa di diametralmente opposto. Nel caso di Lost Room, nonostante il mancato sequel, il materiale su cui riflettere e considerare non è poco, giustificando di fatto l’avvenuta messa in onda come prodotto Stand Alone. Non è certamente un’asserzione ironica, la mia, ma quella recitazione, ahi che dolor! Adesso vorrei smettere l’abito del rompimarroni e firmare un armistizio con voi. Non per altro, vorrei seppellire l’ascia di guerra e tornare a rimirare il dolce calendario. Manca un mesetto al 21 Gennaio e vorrei tornare a occuparmi di Lost possibilmente come spettatore, in prima fila: finalmente la 5° serie! Augh, ho detto!

Ciao a tutti! Se vedemu!

23. valeria fan flor e fede - 25/12/2008

ciaoooooooooooooooooooooo a tutti anzi addio

24. Calipso - 29/12/2008

Ma no! Ma cosa dite! Come addio?

25. Fabio Casolari - 07/01/2009

beh?!?! dove diavolo è finito lost room !?!?!?!?

SOLO 6 puntate?!?!?!?!

Aiuto!!!! Era troppo bello… e ora che lui è diventato l’oggetto primario cosa succede… perche non c’è la seconda serie?!?! che fine ha fatto questa serie stupenda?!?!

26. Francesco - 26/01/2009

Grandissima serie, una delle migliori in assoluto assieme a “Lost” e a “Carnivale”
Mi stupisco che qualcuno abbia scritto di “ennesimi tentativi”, di “canonico finale”…la manifesta incompetenza di certe affermazioni è ben evidente.
Quel che conta è che la serie avvince, è ben studiata e ben caratterizzata. Spero non ci sia MAI un seguito, è giusto che finisca così.

27. Vash - 05/02/2009

Quoto Francesco. Spero che non uscirà MAI un seguito. Perchè osannare la serialità se poi porta ad una ridondante ciclicità e ripetività votata solo all’audience e agli incassi?
Miniserial tutto qui e scusate se la reputo più aulico (saranno le sue nobili origini) di una serie o di una serie serializzata ibrida. Nulla da eccepire al capolavoro lost, ma lo vedo troppo distante come genere per poterli paragonare.
Calipso non per villantarti, ma credo tu sia più preoccupato a dimostrare a noi ciò che sai piùttosto che aggiungere al tuo bagaglio culturale le basi per poter dare alle tue parole l’efficacia delle argomentazioni. Ti invito pertanto ad approfondire le tue conoscenze (mi permetto di darti un consiglio perchè colgo nelle tue parole passione per queste forme d’arte così bistrattate in passato dagli intellettuali) sulla serialità.
Ti consiglio di leggere “Le formule del racconto televisivo” della Buonanno e se vuoi integrare con una collocazione storico-sociale aggiungi pure “I linguaggi della radio e della televisione” di Menduni.

Tornando a lost room non posso che consigliarvelo anche se le performance degli attori non rendono omaggio ad un intreccio così ben dipanato. In definitiva ve lo consiglio proprio per il suo efficace intrattenimento in pillole…..

28. IRA3181 - 13/02/2009

l’ho visto tutto quanto oggi, decisamente carino, originale e intrigante.
un po’ povero il finale e privo di tutte le dovute spiegazioni ma per il resto è stato davvero carino.

29. Fabrizio - 16/02/2009

DEXTER RULEZ…

30. Ciro - 28/02/2009

Stupenda serie al pari di Lost e X file. Ma sono solo 6 episodi o c’è dell’altro?

31. Calipso - 28/02/2009

Invito accettato, Vash! Scrivere di getto, dominati da una furia impulsiva, senza un’approfondita erudizione, per giunta, conduce inesorabilmente alla classica buccia di banana triste, foriera di rovinosi ruzzoloni. L’importante è non sprofondare nel baratro e tentare di risollevarsi con tutta la propria forza rimasta. La forza della ragione e dell’obiettività. Faccio ammenda dei miei errori, ebbene sì, Lost Room è ben lungi dall’essere una delusione!

32. Calipso - 28/02/2009

Invito accettato, Vash! Scrivere di getto, dominati da una furia impulsiva, senza un’approfondita erudizione, per giunta, conduce inesorabilmente alla classica buccia di banana, triste foriera di rovinosi ruzzoloni. L’importante è non sprofondare nel baratro e tentare di risollevarsi con tutta la propria forza rimasta. La forza della ragione e dell’obiettività. Faccio ammenda dei miei errori, ebbene sì, Lost Room è ben lungi dall’essere una delusione!

33. Joe - 09/09/2010

Calipso non capisce nulla


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: