jump to navigation

Cinema futuro (519): “Come Dio comanda” 11/12/2008

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Come Dio comanda”

Uscita in Italia: 12 dicembre 2008
Distribuzione: 01 Distribution

comediocomandaTitolo originale: “Come Dio comanda”
Genere: drammatico
Regia: Gabriele Salvatores
Sceneggiatura: Niccolò Ammaniti, Antonio Manzini e Gabriele Salvatores (basato sull’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti, edito da Mondadori)
Musiche: Mokadelic
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Filippo Timi, Elio Germano, Alvaro Caleca, Angelica Leo, Fabio De Luigi

La trama in breve…
Provincia del Nord Italia. Una landa desolata alle pendici di maestose montagne. Case sparse e costruite lungo una superstrada in mezzo a enormi depositi di legna, centri commerciali e neon. Qui vivono un padre e un figlio. Rino e Cristiano Zena. Rino è un disoccupato, meglio un lavoratore precario. Cristiano fa le scuole medie. Il loro è un rapporto d’amore tragico e oscuro. Soli combattono contro tutto. Rino educa suo figlio come può. Come sa. Cristiano lo ama, lo venera, lo considera il suo faro, la sua guida spirituale. Un amore sbagliato, ma potentissimo. Hanno un solo amico. Si chiama Quattro Formaggi. Che non sta tanto bene. Per via di un incidente, la sua testa non funziona più come prima. Quattro Formaggi vive per Rino, adora Cristiano, e passa le sue giornate in casa costruendo uno strano presepio, fatto di pupazzi, soldatini, bambole e oggetti che lui recupera dalle discariche della città…

Note di regia

“E l’innocente lo seguì,
senza le armi lo seguì sulla sua cattiva strada.”
(Fabrizio De André)

Il primo a dirlo è stato proprio Niccolò Ammaniti. Per trarre un film dal suo romanzo ricco di 500 pagine e di una miriade di personaggi sorprendenti, tragici e comici, bisognava essere drastici e rinunciare a tante cose.
Andare al cuore del romanzo, a quel rapporto tra padre e figlio che è la linfa emozionale della storia. Rinunciare all’affresco umano e sociale e concentrarci sulla dimensione ancestrale di questo rapporto: un lupo e il suo cucciolo.
A differenza di “Io non ho paura”, che rispecchia fedelmente il romanzo da cui è tratto, qui dovevamo  tagliare, ferire, a volte tradire.
Ci sono film che, come i bambini, crescono e acquistano, un po’ alla volta, una vita propria.
E quando scegli gli attori, che è già metà dell’opera di costruzione di un personaggio, è bello poi vederli interpretare la musica che hai scritto e, magari, cambiarla. Così ti sembra nuova.
E puoi immaginarti perfettamente i luoghi dove ambienterai il tuo film, ma poi arrivi in un posto, osservi un cielo o il greto di un fiume e la storia che vuoi raccontare fiorisce, si illumina, prende forza, anche se quel luogo è così diverso da quello che avevi in mente.
Questo film è cambiato tante volte nelle nostre teste, ma un giorno è diventato adulto, ci ha guardato negli occhi e noi abbiamo dovuto fare i conti con lui.
Capannoni industriali, fabbriche, casette a schiera, centri commerciali, immense segherie, cumuli di alberi tagliati e accatastati ordinatamente… Ma intorno, tutto intorno, le montagne e i boschi impenetrabili, i fiumi che si inabissano, lasciando scoperti i sassi dei greti asciutti, come deserti, acque trattenute dalle dighe tra le gole delle montagne, una terra che trema e freme: la natura che ti accerchia, pronta a riprendersi quello che le hai strappato o che hai cercato di governare, pronta a rompere gli argini e a travolgerti in una notte di tempesta. E a liberare la parte animale che è in te.
Come in Shakespeare. C’è un “prima”, c’è una notte tempestosa e c’è un “dopo”.
Ci sono tre personaggi: c’è un re, padre-padrone, c’è un figlio-principe adolescente e c’è un “fool”, un matto, un buffone.
E, spesso, i personaggi di Shakespeare nel primo atto si raccontano al pubblico, nel secondo atto naufragano su isole deserte, si perdono di notte in boschi intricati o in lande desolate nel mezzo di una tempesta e, nel terzo atto, escono trasformati da quell’esperienza.
Gli adolescenti crescono e il padre, dio, re, padrone appare ai loro occhi, finalmente, solo come un uomo.
Anche il padre Rino, il figlio Cristiano e il fool Quattro Formaggi, si ritrovano di notte, in un bosco, durante una tempesta…
Rino, Cristiano e Quattro Formaggi sono tre personaggi scomodi, tre persone che non vorremmo incontrare, tre disgraziati che hanno imboccato la “cattiva strada”.
Definitivamente soli, alla ricerca di una qualsiasi identità, magari, come nel caso di Rino, preconfezionata e costruita per giustificare la rabbia che nasce in conflitti scatenati da ragioni economiche o che nasconde quel senso di disperazione che sempre più spesso abita questi anni in cui viviamo.
Ma, come canta De André: “C’è amore un po’ per tutti e tutti quanti hanno un amore sulla cattiva strada”.
Abbiamo dovuto camminare al loro fianco. Li abbiamo osservati con comprensione, a volte con affetto, anche se dicono e fanno cose spaventose.
Ho dovuto condividere questo amore tra Rino e suo figlio, questo amore assoluto, totale e sbagliato, che invidio e che non so se sarei capace di provare.
Rendere “leggera” la parte tecnologica. Non far sentire agli attori la macchina da presa, le luci, la scenografia, i microfoni. Dare libertà.
Non cercare altri punti di vista se non quello di un osservatore in mezzo ai personaggi, molto vicino a loro. Ad altezza d’uomo. E’ solo Dio che guarda il mondo dall’alto. Ma dov’è Dio in questa landa desolata?
Il film è girato praticamente tutto con la macchina in spalla, muovendoci con gli attori, spiandoli senza dare loro riferimenti fissi.
Li abbiamo seguiti sotto la pioggia o nel fango, ci siamo infilati nelle loro risse o nei loro abbracci, senza interromperli, infradiciandoci e sporcandoci con loro.
Ci siamo buttati addosso più di 150.000 litri d’acqua oltre alla pioggia, quella vera. Con temperature intorno allo zero e vento e fango.
Sono cose che aiutano. É come essere in guerra: non c’è bisogno di fingere, né di “recitare”.
Non c’è mai stato un elenco di inquadrature o uno story board. Il film è stato, invece, realizzato con più piani sequenza che poi sono stati interrotti e incrociati in montaggio, girando comunque dall’inizio alla fine le singole scene senza interrompere la ripresa.
Rimanere sempre agganciati all’emozione, anche nel montaggio. Se un personaggio entra in un corridoio, non occorre farglielo percorrere per intero. Il pubblico non ha bisogno di vedere l’esterno di un ospedale per capire che la scena che sta guardando si svolge in una stanza di ospedale.
Ho chiesto ai musicisti, il gruppo romano Mokadelic, di non scrivere la musica “per” il film. Ho chiesto di avere dei brani ispirati al film e ai suoi personaggi e di avere questa musica prima delle riprese. Per lasciarci influenzare dalla musica e non usarla per “vestire” meglio il film.
Girare con la musica.
Musica concreta, che si sente che è suonata da qualcuno. Ma senza voce che canta, senza parole. Quel che resta del rock dopo il diluvio.
Ci sono anche tre vere canzoni “pop” che sentiamo venire dalla radio o dalle cuffiette dell’I-Pod.
E che fanno uno strano effetto messe nel contesto in cui si trovano.
Come ascoltare una canzone d’amore mentre si commette un omicidio.
Sarebbe bello che questo film avesse un livello narrativo che continua a bruciare, ma non si consuma mai. Come il rock.

Filippo Timi racconta Rino Zena
Non hai niente da difendere, se non la rabbia di quel niente.
Sembro un cane quando respiro… a brevi singhiozzi, quasi affogassi sempre da un momento all’altro.
Credevo di essermi abituato al rumore dei camion che sfrecciano sulla strada e al cane di merda che rompe i coglioni.
É il mal di testa che mi sveglia, mi sveglia troppo…peggio del mal di denti…diventa un dolore che non ha pace, che non dà pace… un dolore senza testa e senza coda.
Una lucertola verde…che ti sibila nel cervello fino ai nervi degli occhi.
Non lo so se nel cervello ci stanno i nervi degli occhi e neppure se gli occhi abbiano il cervello… ma secondo me nel cervello ci stanno tutti i nervi come un enorme matassa di cavi elettrici, e questa lucertola di dolore ci gode a uncinare qualsiasi cavo gli capiti sotto le zampe.
Rino è un animale ferito, che sanguina, e quel dolore colora tutto il mondo.
Come fai ad abbracciare qualcuno, se stai con le mani a tamponarti una ferita?

Elio Germano racconta Quattro Formaggi
Per il personaggio di Quattro Formaggi non siamo partiti da studi sulla malattia mentale, non abbiamo incontrato personaggi disturbati o visto video di pazienti di ospedali psichiatrici affetti da schizofrenia, abbiamo preso riferimenti più letterari.
Shakespeare, per esempio, i fool delle sue commedie. Puck del “Sogno di una notte di mezza estate”, tra tutti. Come se Quattro Formaggi fosse un folletto, uno spirito della foresta, asessuato, puro, tenero, dolce, ma anche poi improvvisamente violento, bestiale.
Come un animale.
Come un bambino.
Proprio da questi due ultimi riferimenti sono partito per il mio studio. Dal comportamento dei bambini, soprattutto dai tre ai cinque anni, nella prima scoperta della propria sessualità e dal comportamento degli animali (delle scimmie, in particolare, che ci somigliano di più). Mi è parsa subito interessante quell’armoniosa adesione alle pulsioni che li accomuna, completamente priva di morale, e quella curiosità ossessiva verso le cose, quella ricerca continua d’amore, che è bisogno di conferme, di sicurezze, di protezione.
Per tutto ciò che riguarda la casa e i costumi e l’aspetto in generale di “Quattro”, c’è stata molta collaborazione tra tutti i reparti. L’abbiamo praticamente costruito insieme, perché è un personaggio che non parla mai direttamente di sé,  raccontano tutto la casa in cui abita, gli oggetti che ha, i vestiti che indossa. Non avremmo potuto lavorare a compartimenti stagni.
Sul set poi si è trattato solo di dare vita a tutto. Dico “solo” perché mai come in questo caso la macchina da presa è stata leggera e quasi invisibile.
Non eravamo noi attori a metterci a sua disposizione, ma lei che veniva a cercarci, se ne aveva voglia.
Come su un palcoscenico senza quinte e senza quarta parete, dove il pubblico è dovunque o non c’è.

Trailer italiano:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: