jump to navigation

Libri – Christian Salmon “Storytelling – La fabbrica delle storie” 10/01/2009

Posted by Antonio Genna in Libri.
trackback

Storytelling“Storytelling – La fabbrica delle storie” (Fazi Editore; titolo originale “Storytelling – La machine à fabriquer des histoires et à formater les esprites”, traduzione di Giuliano Gasparri; 218 pagine, prezzo di copertina 18,00 €), scritto dal francese Christian Salmon, è un interessante volume già uscito in Francia nel 2007, incentrato sul potere che ha ormai assunto la narrazione, l’arte di raccontare una storia, da cui dipendono fattori importanti come il lancio di un prodotto sul mercato, i servizi offerti da un’azienda, la cura dell’azienda stessa verso dipendenti e clienti. Salmon prova così, con un fitto insieme di esempi e collegamenti, a mettere in guardia il lettore dal raccontare storie visto come metodo di condizionamento, cercando di svelare i meccanismi che ormai stanno alla base non solo delle strategie di marketing, ma anche a campi come politica e management: da leggere per riflettere e discutere con gli amici sull’importanza dello “storytelling” in parecchi campi della nostra vita, anche meno intuibili immediatamente.
A seguire, la presentazione del volume, alcune recensioni ed una breve biografia dell’autore, tutto tratto dal risvolto di copertina del libro.

L’arte di raccontare storie è nata quasi in contemporanea con la comparsa dell’uomo sulla terra e ha costituito un importante strumento di condivisione dei valori sociali. Ma a partire dagli anni Novanta del Novecento, negli usa come in Europa, questa capacità narrativa è stata trasformata dai meccanismi dell’industria dei media e dal capitalismo globalizzato nel concetto di storytelling: una potentissima arma di persuasione nelle mani dei guru del marketing, del management, della comunicazione politica per plasmare le opinioni dei consumatori e dei cittadini. Dietro le più importanti campagne pubblicitarie – ancor più dietro quelle elettorali vincenti (da Bush a Sarkozy) – si celano proprio le sofisticate tecniche dello storytelling management o del digital storytelling. Questo è l’incredibile inganno ai danni dell’immaginario collettivo svelato da Christian Salmon nel libro, frutto di una lunga inchiesta dedicata alle numerose applicazioni del fenomeno: il marketing conta più sulla storia dei brand che sulla loro immagine, i manager si servono di aneddoti per motivare i propri dipendenti, i soldati in Iraq si allenano su videogiochi progettati da Hollywood, gli spin doctor descrivono la vita politica dei loro clienti come in un racconto. L’autore ci mostra gli ingranaggi della grande “macchina narrante” che ha rimpiazzato il ragionamento razionale, ben più pervasiva dell’iconografia orwelliana della società totalitaria. Ma questo nuovo ordine narrativo non è un semplice linguaggio mediatico: il soggetto che vuole influenzare è un individuo immerso in un universo fittizio che ne filtra le percezioni, ne stimola le sensazioni, ne inquadra i comportamenti e le idee.

«Christian Salmon è sicuramente uno dei più lucidi e coraggiosi intellettuali francesi attuali».
Antonio Tabucchi, «l’Unità»

«Un breve saggio rigoroso, arduo, ma che aiuterà a decifrare il fenomeno affascinante dello storytelling».
«Le Nouvel Observateur»

«Il libro di Christian Salmon aprirà un mondo a chi si interessa alle forme narrative e ai loro nuovi usi sociali».
«Libération»

«Storytelling decodifica la tecnica narrativa che ha invaso l’universo della comunicazione politica».
«l’Humanité»

Christian Salmon
(Marsiglia, 1951)
Scrittore, è membro del Centre de Recherches sur les Arts et le Langage (CNRS). Nel 1993 ha fondato, con la collaborazione di più di trecento intellettuali provenienti da ogni parte del mondo (tra cui Salman Rushdie, Jacques Derrida, Toni Morrison, Javier Marías e gli italiani Antonio Tabucchi, Claudio Magris, Vincenzo Consolo), il Parlamento internazionale degli scrittori.
Autore di diversi volumi, in italiano sono stati tradotti Intervista con Milan Kundera (Minimum fax, 1999) e Diventare minoritari. Per una nuova politica della letteratura (con Joseph Hanimann, Bollati Boringhieri, 2004). Dopo l’uscita di Storytelling in Francia, gli è stata affidata una rubrica sul quotidiano «Le Monde» per parlare proprio del fenomeno descritto nel libro.

Commenti»

1. ariemma - 10/01/2009

Sembra un saggio molto acuto. Lo comprerò sicuramente. Grazie!


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: