jump to navigation

TV SAT-DIG – Su Cartoon Network parte “Star Wars: The Clone Wars” 13/02/2009

Posted by Antonio Genna in Animazione, Cinema e TV, Comunicati, TV ITA.
trackback

starwars-clonewarsStar Wars The Clone Wars © & TM 2008 Lucasfilm Ltd.

Da oggi, in esclusiva italiana, il canale satellitare e digitale terrestre Cartoon Network propone l’inedita serie animata “Star Wars: The Clone Wars”, la prima prodotta della Lucasfilm Animation, che combina personaggi e ambientazioni della leggendaria saga “Star Wars” con animazione all’avanguardia in CGI.
L’appuntamento con gli episodi della serie è fissato ogni venerdì alle ore 20.00 con due puntate, replicate il sabato alle 14.25 e la domenica alle 09.30. Dal 24 febbraio, inoltre, la serie verrá trasmessa in replica anche dal lunedí al giovedí alle 20.00.
A seguire, un approfondito comunicato stampa che presenta serie e personaggi.

DAL 13 FEBBRAIO

SOLO SU CARTOON NETWORK

STAR WARS: THE CLONE WARS, LA SERIE TV

Una nuova era di intrattenimento ha inizio su CARTOON NETWORK dal 13 Febbraio con il lancio dell’innovativa serie tv di Guerre Stellari. Prima serie animata in assoluto prodotta della Lucasfilm Animation, STAR WARS: THE CLONE WARS propone un numero incredibile di nuove avventure, combinando famosi personaggi e ambientazioni della leggendaria saga con animazione all’avanguardia in computer grafica. Il look della “galassia molto, molto lontana” di Guerre Stellari che noi tutti conosciamo sará quindi del tutto nuovo.

Ogni settimana, i venerdí alle 20.00, i telespettatori potranno vedere in esclusiva e in 1° tv su Cartoon Network due emozionanti “mini-film” da 30 minuti ciscuno. In replica il sabato alle 14.25 e la domenica alle 9.30. Dal 24 Febbraio (un martedí grasso, per la gioia dei crosplayers italiani e per i piccoli fan mascherati da Yoda o Anakin), la serie verrá trasmessa in replica anche dal lunedí al giovedí alle 20.00.

“Sentivo che c’erano ancora molte storie di Guerre Stellari che non erano state raccontate”, ha commentato George Lucas, produttore esecutivo di Star Wars: The Clone Wars. “Ero desideroso di iniziare a presentarne alcune tramite l’animazione e, allo stesso tempo, di spingere più avanti questa forma d’arte”.

“Niente di simile è mai stato prodotto per la televisione”, ha aggiunto Stuart Snyder, presidente Turner animation, young, adults & kids media. “Per 30 anni, Guerra Stellari ha appassionato un numero incredibile di fan. Star Wars: The Clone Wars su Cartoon Network é pensato per essere un grande appuntamento tv per tutta la famiglia. Siamo entusiasti di lavorare nuovamente con Lucasfilm e siamo contenti di regalare agli spettatori una produzione così importante.”

Sul fronte di una battaglia intergalattica tra il Bene e il Male, i fan di tutte le etá incontreranno di nuovo i loro personaggi preferiti come Anakin Skywalker, Obi-Wan Kenobi e Padmé Amidala, ai quali si aggiungeranno eroi del tutto nuovi, tra i quali Ahsoka Tano, padawan (allieva, per i neofiti della saga) di Anakin.

Perfidi cattivi – tra cui Palpatine, il Conte Dooku e il Generale Grievous – aspirano a governare la galassia. La posta in gioco é alta e il destino dell’universo resta nelle mani dei valorosi Cavalieri Jedi. Le loro gesta portano alle battaglie di Star Wars: The Clone Wars grande azione e inaspettate rivelazioni.

Con nuove avventure, ogni settimana in onda su Cartoon Network, Star Wars: The Clone Wars porta avanti la tradizione delle incredibili storie, delle immagini spettacolari e delle musiche d’impatto che sono sempre stati segni distintivi della saga di Guerre Stellari.

Lucasfilm Animation ha iniziato la pre-produzione di Star Wars: The Clone Wars nel 2005, poco tempo dopo il lancio del film Star Wars: Episode III La Vendetta dei Sith. Negli ultimi tre anni, cartoonist, artisti e autori nel Nord della California e team di produzione a Singapore e a Taipei hanno lavorato insieme per creare una delle serie d’animazione più esclusive nella storia della tv. Mescolando un incredibile talento artistico con le più avanzate tecnologie nel campo dell’animazione, Lucasfilm Animation ha prodotto 22 episodi di Star Wars: The Clone Wars per la prima stagione della serie.

Dave Filoni è il regista; Catherine Winder la produttrice; George Lucas il produttore esecutivo.

IL PLOT DELLA SERIE: Star Wars:The Clone Wars racconta le avventure di Anakin Skywalker, Obi-Wan Kenobi, Yoda, Ahsoka Tano, e altri amati personaggi di Guerre, e la loro lotta contro il lato oscuro durante le Guerre dei cloni. Un numero sempre minore di Jedi combattono per mantenere la libertà e riportare la pace in tutta la galassia, usando la loro armata di cloni costruita geneticamente per sconfiggere truppe di droidi apparentemente infinite. Attraverso centinaia di pianeti, gli Jedi e i malvagi Separatisti combattono per il futuro della galassia. Il terribile conflitto aumenta sempre di più: gli eroi Jedi sono tirati dentro l’agitazione della guerra, mentre il malvagio Conte Dooku, il suo braccio destro assassino Asajj Ventress, il loro capo Darth Sidious, il meccanico Generale Grievous e una schiera di furfanti mai visti prima al cinema o in tv tentano di sconfiggerli.

star-wars-the-clone-wars-14-c2a9-tm-2008-lucasfilm-ltd

Ora due approfondimenti su storie e personaggi della nuova serie.

Star Wars: NUOVO LOOK e STORIE INEDITE

Spade laser, navi spaziali e grandi personaggi: dal 1977, Guerre Stellari ha introdotto una moltitudine di icone dello schermo che hanno contribuito a definire il panorama cinematografico. Oggi, piú di trent’anni dopo, la Lucasfilm Animation ha reinventato il look distintivo della galassia molto molto lontana che noi tutti conosciamo per una serie tv completamemente nuova, STAR WARS: THE CLONE WARS (in onda su Cartoon Network Italia dal 13 Febbraio con appuntamento settimanale: tutti i venerdí h. 20.00).

Per il regista supervisore della serie, Dave Filoni – lui stesso un grande fan – questa non é stata impresa facile, né da prendere alla leggera: “Siamo dovuti rimanere il piú vicini possibile allo spirito originale di Guerre Stellari e al look definito nei film. E’ stato un lavoro fantastico da parte dei produttori grafici – come John Barry, Norman Reynolds e Gavin Bouquet – ed é stato poi nostro compito riprodurre la galassia Star Wars attraverso l’animazione. Ma The Clone Wars mostra di quella galassia molto piú di quanto abbiamo visto nei film in live action. Abbiamo dovuto creare cosí molti nuovi sfondi per inedite battaglie”.

Il primo passo é stato il piú difficile: realizzare una nuova grafica che sintetizzasse lo spirito della saga originale.

Dave Filoni e il produttore esecutivo, George Lucas, hanno infatti deciso per un cambiamento radicale. Piuttosto che ricreare un mondo realisticamente fotografico dei film live action, hanno voluto (ri)disegnare una galassia che sintetizzasse l’essenza della saga di Guerre Stellari. Grazie all’uso di tecniche d’animazione all’avanguardia, il risultato é d’impatto, quasi cinematografico. Un prodotto televisivo, quindi, davvero di grande qualitá.

Volevamo creare qualcosa di unico e anche di divertente per i vecchi e i nuovi fan”, spiega Filoni. “Con trenta anni di storia, ci sono molte aspettative con l’arrivo di una nuova serie di Guerre Stellari. Noi siamo comunque intenzionati ad essere chiari sul fatto che questa serie é diversa”.

Uno degli elementi grafici piú affascinanti é l’evidente lavoro su ogni immagine. “Molti degli sfondi sembrano dipinti, mentre i personaggi e gli oggetti sembrano realizzati a mano”, continua Filoni. “Lavorando con la computer grafica, é molto facile fare in modo che tutto sembri perfetto, ma l’imperfezione é di gran lunga piú interessante”.

In aggiunta al design unico e alla meticolosa attenzione ai dettagli, la serie Star Wars: The Clone Wars inaugura un nuovo modo di concepire e produrre storie per la tv. Ha aggiunto il produttore Catherine Winder: “Generalmente, l’animazione tv é prodotta usando storyboard a due dimensioni. In occasione di The Clone Wars, George Lucas ci ha voluto per produrre qualcosa di totalmente nuovo, con un processo che lui aveva giá ampiamente utilizzato nei film live action”. I disegnatori che hanno lavorato a Star Wars: The Clone Wars hanno quindi riprodotto le bozze di ogni scena grazie a un programma di computer grafica che permetteva loro di visualizzare l’azione in tre dimensioni.

Il risultato, ha commentato Filoni, lascia spazio a una grande sperimentazione e offre al team creativo una flessibilitá senza precedenti. “Possiamo visualizzare in anteprima ogni immagine come mai era stato possibile, cosa che ci permette di immergerci nell’azione e fare cose che prima erano letteralmente impossibili. Ecco la bellezza di creare un nuovo tipo di intrattenimento firmato Guerre Stellari: virtualmente niente é impossibile“.

Ogni puntata della serie tv Star Wars: The Clone Wars porterá sul piccolo schermo di casa un’immagine fortemente ingrandita nell’universo di Guerre Stellari. Giá dai primi episodi, gli spettatori vedranno l’ampia portata della serie attraverso personaggi e storie soltanto sfiorate nei film. “Questa é una galassia molto vasta e la Guerra dei Cloni condiziona ogni suo angolo”, ha spiegato Dave Filoni. “Finalmente possiamo mostrare le avventure, l’eroismo e gli intrighi che avvengo nel corso del conflitto. Ora che Guerre Stellari non é piú strettamente legato alla saga di Skywalker, le possibilitá sono senza limiti tanto quanto l’universo stesso. Sono davvero emozionato di poter accompagnare i fan dentro queste Guerre Stellari inesplorate”.

Tra le storie approfondite nella prima stagione di Star Wars: The Clone Wars:

  • La formazione di una nuova padawan Ashoka Tano – mai vista prima del film cinematografico d’animazione.
  • Il Maestro Jedi Plo Koon – personaggio appena intravisto nel film – scopre una misteriosa minaccia che puó causare un’immensa distruzione.
  • A causa di un’imboscata di Ventress e della sua armata di droidi, il Maestro Jedi Yoda insegna ai suoi compagni cloni che la Forza tocca ogni cosa vivente e la speranza non é mai persa.
  • Bothan, originario del pianeta Bothawui, – mai visto prima sullo schermo – prende posto in prima linea e come un eroico alleato cade preda di un complotto del Generale Grievous.
  • Il senatore Padmè Amidala fronteggia uno scontro mortale con il suo nemico storico, il separatista Viceroy Nute Gunray.

Personaggi principali

GLI JEDI

Anakin Skywalker
Un cavaliere Jedi la cui natura ribelle e sfrontata porteranno un giorno sulla strada oscura della Forza. A questo punto del viaggio Anakin Skywalker é un condottiero idealista ed eroico, paladino della Repubblica. Guidato da una grande sicurezza di se’, al limite dell’arroganza, é audace e aggressivo, ma nel momento in cui diventa piú maturo, impara anche che la strategia e la temperanza possono ottenere maggiori effetti di una luminosa spada laser. L’impulsivitá sfacciata di Anakin suggerisce al Maestro Yoda di affiancargli una nuova apprendista.

Obi-Wan Kenobi
Sebbene sia un grande esperto dell’arte della guerra, il Maestro Jedi Obi-Wan é un’anima pacifica guidata da un spirito empatico, anche nel mezzo della devastazione delle Guerre dei Cloni. Egli riconosce che ci sono spesso delle alternative al combattimento e prende in mano le armi soltanto con l’obiettivo di difendere gli ideali della Repubblica. In netto contrasto con il suo volubile ex padawan Skywalker, Obi-Wan rimane calmo anche nelle situazioni piú pericolose. Avendo visto da poco Anakin diventare un cavaliere Jedi, Obi-Wan ora prova un gran piacere nel vedere il suo ex allievo sforzarsi per essere a suo valta un buon maestro.

Ahsoka Tano
Trovata quando era ancora una bambina dal Maestro Jedi Plo Koon e cresciuta nel Tempio Jedi, Ahsoka é la nuova allieva di Anakin. Ansiosa di dimostrare le sue capacitá al suo nuovo maestro, testarda ed entusiasta con una buona dose di innocenza e ottimismo, raramente esita nel mostrare la proria esuberanza giovanile, sebbene debba ancora imparare a massimizzare la diplomazia e il tempismo. Formidabile spadaccina, stratega in erba e sagace pensatrice critica, é tuttavia ancora giovane e non ha raggiunto la tradizionale etá per diventare Jedi. Ma il crescente conflitto galattico ha ridotto al minimo le risorse degli Jedi, e le sue capacitá le fanno conquistare una promozione anticipata. Tra l’impulsivitá di Anakin e la ponderatezza di Obi-Wan, Ahsoka porta il suo ignegno disarmante nelle prime linee.

Mace Windu
Secondo soltanto al Maestro Yoda nel comando delle truppe, il Maestro Jedi Mace Windu é un membro anziano del Consiglio Jedi. Introspettivo, lento nel parlare e “centellinatore di sorrisi”, Mace spesso sembra sopportare tutto il peso della guerra sulle sue spalle. In realtá la natura taciturna di Mace arriva dalla sua contemplazione passiva, sebbene altamente focalizzata, della Forza. Aggraziato eppure potente in battaglia, Mace Windu maneggia la spada laser con un’abilitá uguagliata solo da Yoda.

I CLONI

Il Capitano Rex
Secondo in comando dopo Anakin, il clone Capitano Rex é un soldato razionale. Burbero, franco e freddo come la pietra, Rex dirá sempre la sua opinione professionale anche alle piú alte cariche degli Jedi. In comando al famoso 501esimo Battaglione delle Truppe dei Cloni, Rex e i suoi uomini perlustrano i settori della galassia piú pericolisi e senza legge.

Comandante Cody
Il Clone Commandante Cody é il secondo in comando di Obi-Wan Kenobi. Integerrimo e severo, nessuna missione é troppo dura per Cody e per gli uomini del suo pluridecorato “Squadrone fantasma”. In battaglia e nella vita, Cody mette la legge sopra ogni cosa, e nulla gli fa piú piacere che vedere i suoi uomini portare a casa una vittoria duramente combattuta.

I soldati Cloni
Educati e addestrati sull’oceanico pianeta Outer World di Kamino, un soldato clone nasce per servire la Repubblica. Perseverantemente leale, un clone puó fare diversi lavori incluso, ma non esclusivamente, il soldato, il pilota o l’esploratore. Nonostante condivida con i suo “fratelli” i medesimi geni, un soldato clone é fiero della propria individualitá. Un clone é comunque un umano. Per questo, porta alle volte con se’ il sentimento di dubbio o di rammarico. Sebbene il ruolo di un clone potrebbe sembrare non invidiabile, le avversitá della battaglia favoriscono un cameratismo ineguagliabile.

GLI ALLEATI

Padme’ Amidala
Giá regina quando era bambina e proveniente da Naboo, Padme’ Amidala ha preso il posto che le spettava di diritto nel Senato Galattico. Come delegato politico, Padme’ continua ad impegnarsi per far tornare la pace nella galassia. Con al suo fianco il fedele accompagnatore C-3PO, Padme’ cerca di far trionfare i diritti degli emarginati e gli oppressi della galassia.
Padme’ é abituata al pericolo e saprá maneggiare le sue armi con notevole abilitá per proteggere ció a cui tiene di piú: la Repubblica e l’amore clandestino per suo marito, il Cavaliere Jedi Anakin Skywalker. Circondati dalle difficoltá della guerra, Padme’ e Anakin non posso prevedere un lungo futuro per loro stessi – peso che grava molto sul cuore di Padme’.

R2-D2
Anakin ricevette R2-D2 come regalo da Padme’. Questo piccolo droide coraggioso e il suo maestro sono inseparabili da sempre. Come Anakin, R2-D2 é senza paura. E’ un lavoratore infaticabile, un ascoltatore comprensivo e sempre pronto per l’azione. Dotato di un incredibile assortimento di funzionalitá – compresi razzi per volare, proiettore olografico, interfaccia computer, dispositivi diagnostici, periscopio, braccio a pinza, punteruolo elettrico per autodifesa, vano portaoggetti e una serie infinita di utensili inseriti nella parte terminale del suo braccio – R2-D2 é in grado di affrontare qualunque lavoro. Sebbene i droidi non siano ufficialmente programmati per provare emozioni, R2-D2 sembra essere un’incredibile eccezione. Leale fino alla fine, é un vero amico per molti, compresa Padme’, C-3PO, Ashoka Tano e, ovviamente, Anakin.

C-3PO
C-3PO é un protocollo droide programmato per parlare in piú di sei milioni di lingue. Costruito da Anakin Skywalker quando era soltanto un ragazzo e dato in regalo a Padme’ Amidala, C-3PO costantemente si batte per riconciliare la sua genuina preoccupazione per gli amici con una naturale avversione per il pericolo. Il risultato é solitamente un monologo comico. Eppure, nonostante la sua indole nervosa e saccente, C-3PO rimane un leale e devoto servo e amico.

I SEPARATISTI

Il Conte Dooku
Ex membro del Consiglio dei Jedi, il Conte Dooku é tra quella manciata di Jedi che hanno ripudiato l’Ordine. Dopo aver perseguito un intenso allenamento della Forza sotto la mano del suo spietato maestro, Darth Sidious, Dooku maneggia l’intero potere dalla parte oscura della Forza. In qualitá di secondo in comando delle forze Separatiste, é compito di Dooku distruggere la Repubblica. Esigente, affamato di potere e crudele, Dooku comanda i suoi sottoposti con un’efficienza spietata. Anche la fredda assassina al suo servizio, Asajj Ventress, teme l’ira del suo maestro.

Generale Grievous
Un abilissimo signore della guerra venuto dal pianeta Kalee, il Generale Grievous aveva sempre desiderato essere uno Jedi ma mancava delle capacitá richieste per usare la Forza. Dopo aver realizzato che i suoi poteri non avrebbero mai potuto eguagliare quelle di uno Jedi, Grievous giuró di distruggere l’Ordine. Il primo passo nel suo diabolico progetto fu di sottoporsi a una serie di operazioni chirurgiche che rimpiazzassero alcune parti del suo corpo con appendici robotiche che gli dessero forza e agilitá sovrumane. Ora, dopo un numero infinito di operazioni, Grievous vive come un uomo intrappolato nel corpo di una macchina. Spietato, Grievous trova pace solamente quando infligge sofferenza agli altri. Grievous e’ terzo in ordine di comando delle forze Separatiste, dietro solo a Dooku e a Darth Sidious.

Asajj Ventress
Agile e letale, Ventress é la vera assassina tra i sottoposti del Conte Dooku. Sebbene non ufficialmente un’apprendista Sith, Ventress é stata ben istruita nelle abitudini del lato oscuro e puó maneggiare le sue gemelle spade laser con precisione chirurgica. La sua grazia infida e la sua astuzia subdola fanno di lei un’avversario mortale anche per la maggior parte degli esperti Cavalieri Jedi. Una vita di crudeli avversitá hanno cancellato dal suo cuore ogni compassione.

Nute Gunray
L’unica cosa che questo viscido Neimoidiano, leader della Trade Federation, desidera piú dei soldi é di vedere la morte di Padme’ Amidala. Per raggiungere questo obiettivo, raggiungerá qualunque accordo necessario con i Separatisti per riuscire a mantenere il suo margine di profitto e raggiungere la donna che ha quasi causato la sua rovina dopo la Battaglia di Geonosis.

Cad Bane
Uno spietato cacciatore di taglie proveniente dal pianeta Duros, Cad Bane é il cacciatore numero 1 nella galassia. Nessuna preda é troppo pericolosa per Bane, se il prezzo é adeguato. Grazie all’utilizzo di un impressionante arsenale di armi e malvagi alleati, il freddo e calcolatore Bane non si ferma davanti a nulla.

I DROIDI

Costruiti per ogni scopo, i droidi Separatisti svolgono i lavori umili, necessari anch’essi per la conquista della galassia. Funzionali in qualunque ruolo – come truppe d’assalto, piloti, artiglieri e perfino medici – i droidi sono programmati solo per servire. Fortemente limitati nella loro intelligenza ma espertissimi nell’attivitá che svolgono, i droidi spesso scoprono che gli ordini che sono impartiti loro superano le loro stesse capacitá.

IL MANIPOLATORE

L’Imperatore Palpatine
Eletto imperatore all’inizio della guerra, l’ex Senatore proveniente da Naboo deve ora guidare la Repubblica attraverso i suoi giorni piú bui. Aiutato in questa missione da un’ingente armata di Cloni e una cellula di Jedi scrupolosi, Palpatine sa che riportare la pace nella galassia non sará un’impresa facile. Sebbene alcune persone critiche nei confronti della sua amministrazione lo avevano accusato di losche frequentazioni, Palpatine non cambia mai rotta dall’obiettivo che si era prefissato: vincere la guerra. Lavorando con gli Jedi, i suoi alleati piú potenti, Palpatine é consapevole che il loro sostegno é fondamentale per una vittoria della Repubblica. In particolare, Palpatine inizia a provare una grande stima per Anakin Skywalker, nel quale vede potenzialitá impareggiabili. In ogni occasione in cui Anakin e Palpatine sono insieme, l’imperatore nutre con grande attenzione il loro rapporto, trasformandolo in un legame quasi paterno. Eppure, molti non riescono ad avere fiducia di questo carismatico uomo politico…

star-wars-the-clone-wars-16-c2a9-tm-2008-lucasfilm-ltd

A seguire, un breve riepilogo di tutte le vicende della saga di “Star Wars”.

UNA STORIA LUNGA PIÙ DI TRENT’ANNI.

La saga di Star Wars ha affascinato diverse generazioni:
ecco le tappe che hanno creato la “space opera” più famosa al mondo.

Inizialmente composta da una trilogia, GUERRE STELLARI, la “space opera” creata da George Lucas, si è ampliata tra il 1999 e il 2005, diventando un’esalogia. Il primo film della serie, intitolato semplicemente Guerre Stellari, uscì il 25 maggio 1977 negli Stati Uniti (il 21 ottobre dello stesso anno in Italia) e divenne fin da subito un fenomeno, grazie al mix di elementi e spunti tratti da cinema, fumetti e televisione. Fino al 2008, il botteghino mondiale generato dai sei film ha raggiunto i 2,3 miliardi di dollari. “Esploso” anche fuori dallo schermo cinematografico, possiamo senz’altro definire Star Wars un fenomeno di costume. In esclusiva su Cartoon Network sono stata trasmesse le serie tv animate. La prima é stata realizzata in animazione tradizionale nel 2003 da Genndy Tartakovsky dei Cartoon Network Studios. La seconda, prodotta con avanzatissime tecniche in CGI da Lucasfilm Animation e spin off del film d’animazione uscito nelle sale italiane questo Settembre, andrá in onda in esclusiva su Cartoon Network a partire dal 13 Febbaio, ogni venerdí alle 20.15.

GUERRE STELLARI – LA NUOVA SPERANZA (1977)
Il primo film della cosiddetta trilogia originale (o classica), Guerre Stellari, ribattezzato nel 2004 Una nuova speranza, esce nel 1997. In ordine cronologico rappresenta però il quarto film della saga. La storia narra le avventure del giovane Luke Skywalker (Mark Hamill), rimasto senza famiglia – sterminata delle malvagie truppe dell’impero Galattico (che hanno invaso il suo pianeta alla ricerca di C3-PO e C1-P8 (alias R2-D2), due androidi contenenti informazioni decisive per la fine della guerra) – che decide di intraprendere le vie della ‘Forza’ al seguito del vecchio cavaliere jedi Obi-Wan Kenobi (Alec Guinness) per unirsi alla resistenza e ridare libertà alla galassia. Partiti sulla nave mercantile “Millenium Falcon” del cinico dal cuore d’oro Han Solo (Harrison Ford), vengono catturati dalla stazione spaziale “Morte Nera”, capitanata dal malvagio Darth Vader, dove trovano e liberano la principessa Leila (Carrie Fisher). Grazie all’estremo sacrificio di Obi-Wan, gli eroi riusciranno a scappare e, assieme agli androidi, raggiungeranno i compagni ribelli, ormai pronti a sferrare l’attacco finale alla Morte Nera. La pellicola ha vinto ben sette premi Oscar, tra cui migliore colonna sonora e migliore scenografia.

L’IMPERO COLPISCE ANCORA (1980)
Secondo film della saga, L’impero colpisce ancora esce nelle sale nel 1980, il 21 maggio negli Stati Uniti e il 9 ottobre in Italia. La pellicola segue cronologicamente le vicende narrate nel primo film. Il perfido Dart Vader (David Prowse) sta sferrando l’ultimo attacco contro una base ribelle. Luke, Leila e Han riescono a fuggire, ma Veder non si arrende e continua a dare la caccia a Luke, pensando che quel ragazzo possa mettere in pericolo l’intero impero. Due Oscar per gli effetti speciali e gli effetti sonori dall’Academy di Los Angeles sintetizzano perfettamente l’eccezionale spettacolarità di questo episodio della saga. Una curiosità: nella versione originale, il regista Frank Oz dà la voce al personaggio di “Yoda”, così come farà per tutti i film successivi.

IL RITORNO DELLO JEDI (1983)
Diretto da Richard Marquand, Il ritorno dello Jedi chiude la trilogia originale e, di fatto, chiude tutta la saga di Guerre Stellari. Mentre gli Imperiali sono impegnati nella costruzione di una nuova e indistruttibile Morte Nera, Luke Skywalker, diventato finalmente cavaliere jedi, la principessa Leila, Chewbacca (Peter Mayhew) e i due droidi D3BO e C1P8 cercano di liberare Ian Solo, che è prigioniero del criminale intergalattico Jabba. Luke Skywalker si troverà a fronteggiare il crudele alfiere del Male Lord Vader, ma scoprirà che questi é suo padre. Il film, come i due precedenti, è stato un successo e ha incassato circa 475.100.000 di dollari a livello internazionale. Inoltre, la Lucasfilm ha sviluppato il sistema audio THX proprio per Il ritorno dello Jedi, primo film a essere presentato nei cinema con questo sistema sonoro.

LA MINACCIA FANTASMA (1999)
Nel 1999, dopo una lunga attesa per i fan della saga, esce La minaccia fantasma, primo film della cosiddetta nuova trilogia e prequel degli altri film della trilogia classica. Si fa, infatti, un passo indietro di 32 anni rispetto alle vicende narrate nei primi film, quando ancora Luke Skywalker non esisteva e Darth Vader era ancora un innocente bambino che non conosceva i segreti della Forza oscura. I due jedi Qui-Gon Jin (Liam Neeson) e Obi-Wan Kenobi vengono inviati a trattare con la Federazione dei Mercanti, che sta assediando il pianeta Naboo. Ma l’azione diplomatica fallisce, l’attacco ha inizio e i due dovranno portare in salvo la regina di Naboo, Padmè Amidala, interpretata da Natalie Portman. Il ruolo di una delle ancelle della regina, Sachè, è stato affidato da Lucas alla figlia del suo grande amico regista Francis Ford Coppola, Sofia.

L’ATTACCO DEI CLONI (2002)
Presentato fuori concorso al 55° Festival di Cannes, L’attacco dei cloni è uscito nelle sale in contemporanea mondiale il 16 maggio 2002. Questo episodio si svolge dieci anni dopo gli eventi narrati in La minaccia fantasma. Anakin Skywalker (Jake Lloyd da bambino e Hayden Christensen da adulto), come apprendista Jedi di Obi-Wan, sta facendo progressi, e anche Obi-Wan, da studente, sta avanzando al ruolo di maestro. Padmè, invece, è un’illustre senatrice. Amidala subisce un attentato dai separatisti e viene affidata alla protezione di Obi-Wan Kenobi e di Anakin. Ma i due Jedi devono separarsi: Obi-Wan segue le tracce del ribelle conte Dooku (Christopher Lee) e un esercito di cloni, Anakin segue Amidala e se ne innamora sfidando il vincolo del celibato che il suo ordine impone.
Gli effetti speciali continuano a regalare agli spettatori scene memorabili di combattimento. L’attacco dei cloni, infatti, a differenza de La minaccia fantasma, è il primo film in assoluto della saga di Star Wars a essere stato girato interamente con la tecnologia digitale: è stato anche uno dei primi film del nuovo millennio a essere girato con questa avanzata tecnologia. Una curiosità: sulle location delle riprese, le scene di Naboo, il pianeta dei laghi, sono state girate quasi interamente in Italia, all’interno di Villa Balbianello a Lenno sul Lago di Como.

STAR WARS: CLONE WARS, LA SERIE TELEVISIVA (2003)
La prima serie animata di Guerre Stellari narra alcune vicende delle Guerre dei Cloni che si svolgono tra il secondo e terzo episodio della saga. Il cartone, realizzato in animazione tradizionale da Genndy Tartakovsky dei Cartoon Network Studios, si divide in tre stagioni: le prime due, ribattezzate anche Volume I, sono composte da 20 episodi da 3 minuti ciascuno, e la terza, detta anche Volume II, di 5 episodi da 12 o 15 minuti. I 25 episodi, per la maggior parte composti per divertire i ragazzi (di tutte le etá) con scene d’azione e battaglie, sono stati trasmessi da Cartoon Network tra il 2003 al 2005. La serie ha vinto due Emmy Awards per il miglior programma animato (di un’ora o più) nel 2004 e nel 2005.

LA VENDETTA DEI SITH (2005)
Ultimo film della trilogia nuova, La vendetta dei Sith esce nel 2005, ma la pre-produzione inizia ben 3 anni.  È il terzo episodio della serie che mostra l’evoluzione del padre di Luke Skywalker da eroe buono a cattivo. Anche in questa terza e ultima pellicola, il protagonista principale è Anakin Skywalker, il quale da guerriero Jedi si trasformerà nello spietato Darth Vader. I personaggi cardine del terzo episodio sono i Sith, una setta malefica che riuscirà a corrompere Anakin, facendolo passare al “lato oscuro” della Forza. La maggior parte del cast è stato confermato rispetto agli episodi precedenti e per la terza volta nella trilogia nuova Ewan McGregor intrepreta il personaggio di Obi-Wan Kenobi: l’attore, che interpreta il maestro Jedi, ha dovuto seguire degli intensivi addestramenti, più di quanto non avesse dovuto fare per le precedenti pellicole. Ancora una volta, così come in tutti gli altri episodi della saga, è fortemente presente il tema della lotta tra la natura (rappresentata dalle popolazioni indigene) e la tecnologia, per Lucas una metafora della guerra in Vietnam.

STAR WARS: THE CLONE WARS, IL FILM IN ANIMAZIONE (2008)
Star Wars: the Clone Wars, primo film della sega realizzato in computer grafica, racconta gli eventi appena antecedenti a quelli raccontati nell’omonima serie tv del 2003. Si posiziona quindi cronologicamente tra il film L’attacco dei Cloni e la prima serie tv e narra le storie dei giovani Anakin Skywalker ed Obi-Wan Kenobi nel loro viaggio attraverso la galassia, nel bel mezzo della Guerra dei Cloni. Li vedremo avere a che fare con personaggi già noti (attraverso i film) come il Conte Dooku, il Generale Grievous (personaggio anticipato nella prima serie tv) e Asajj Ventress. Un personaggio completamente nuovo che incontreremo in Star Wars: The Clone Wars è invece Ahsoka Tano, la giovane apprendista Jedi di Anakin. La regia è affidata a Dave Filoni, che ha potuto contare sulla partecipazione di celebri attori, che nella versione originale hanno prestato la voce ai personaggi che avevano interpretato nei film precedenti, tra i quali Anthony Daniels, Samuel L. Jackson e Christopher Lee. Perfino la colonna sonora, composta dal musicista Kevin Kiner ed eseguita dall’orchestra sinfonica di Praga, è basata sui temi creati da John Williams, il maestro a cui si devono i temi musicali di Star Wars, tra i più noti del cinema degli ultimi trent’anni.

STAR WARS: THE CLONE WARS, LA SERIE TELEVISIVA (2008)
Naturale sequel del film d’animazione, la serie tv, composta da 22 episodi da 30 minuti ciascuno e realizzata in computer grafica 3D, si svolge prima del terzo episodio della saga di Guerre Stellari. La realizzazione dei modelli 3D non ha avuto come obiettivo un’imitazione perfetta degli attori che hanno recitato nella nuova trilogia, ma piuttosto quello di operare una rielaborazione grafica che rispecchiasse precise scelte stilistiche degli autori. Secondo alcune anticipazioni di George Lucas, non ci sarà una focalizzazione esclusiva sulla storia di Anakin Skywalker, ma verrà dato peso anche ad altri personaggi considerati minori nelle produzioni precedenti. Inoltre ci sarà una nuova padawan, chiamata Ahsoka Tano, ripresa dal film d’animazione, e una nuova apparizione di Boba Fett. Ogni pianeta ha un proprio tema musicale: sono infatti state riprese e utilizzate le musiche originali di John Williams.

sw-timeline(cliccate sull’immagine per ingrandire la timeline completa)

Commenti»

1. Rossana Salafia - 01/11/2010

Attrice amatoriale semiprofessinista di anni 53. Il mio modo di recitare appare molto naturale e non artefatto,. Sono un’attrice versatile. Mi piacerebbe ottenere anche un ruolo piccolo in qualche fiction o in qualche spot pubblicitario. Grazie


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: