jump to navigation

Cinema futuro (580): “Iago” 26/02/2009

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end “Iago”

Uscita in Italia: 27 febbraio 2009
Distribuzione: Medusa

iagoTitolo originale: “Iago”
Genere: commedia
Regia: Volfango De Biasi
Sceneggiatura: Felice Di Basilio, Volfango De Biasi
Musiche: Michele Braga
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Nicolas Vaporidis, Laura Chiatti, Gabriele Lavia, Aurelien Gaya, Lorenzo Gleijeses

La trama in breve…
Iago
è un’originale variazione della tragedia di William Shakespeare Otello, virata in commedia.
Il personaggio di Iago (Nicolas Vaporidis) diventa il vero protagonista di una storia ambientata nella Facoltà di Architettura di Venezia ai nostri giorni. Iago è un laureando di grande talento ma di umili natali, circondato da ricchi blasonati, tra cui spicca Otello, figlio di un architetto di fama mondiale, amico del Rettore. Sarà proprio Otello, pesantemente raccomandato, a defraudare Iago dei propri meriti di studio e a occupare il suo posto di responsabile nel progetto di allestimento della Biennale. E sarà ancora Otello a portargli via l’oggetto del suo desiderio, Desdemona, (Laura Chiatti), di cui Iago è perdutamente innamorato da tempo, e che è la figlia del Rettore (Gabriele Lavia).
Nella convinzione che la vita sia una commedia di ingiustizie, e che solo chi agisce prima degli altri avrà modo di vincere, Iago scatenerà una lotta senza quartiere intessendo una rete di inganni e menzogne, per recuperare ciò che gli spetta di diritto e conquistare l’amore di Desdemona.

I protagonisti e il regista raccontano il film

Volfango de Biasi, il regista, parla del film.
L’idea era quella di riprendere un classico, reinterpretarlo e raccontare una storia attuale; il tentativo di fare un film di posta, di spettacolo puro, con contenuto. Non é un film sulla gelosia, ma sul senso di ingiustizia; una favola che racconta il percorso di un uomo, Iago, che decide con i mezzi del puro ingegno e della parola di provare a giocare uno scacco matto alla sua piccola frazione di potere, al suo piccolo mondo.
Al primo posto quindi c’é la narrazione e la voglia di dare un racconto universale; in questo, Iago si presta poiché é un film che ti permette di stare a Venezia, in una città che é sospesa nel tempo, tra ieri e oggi… un film moderno ma con le regole teatrali di uno spazio così, indefinito.
Venezia, poi, é una città straordinaria che ti permette di girare il vero come se fosse finto. Ho cercato di pensarla come fosse un teatro di posa, un non luogo, un luogo della fantasia.
Il peccato capitale di Iago, il personagio, é l’ambizione: Iago desidera poter essere qualcuno pur non essendolo di estrazione sociale. E’ un uomo normale, onesto, fino a che la realtà non si frappone fra lui e ciò che desidera, quindi diventa un uomo ingiusto nel momento in cui decide di usare ogni mezzo a dispozione per rivendicare ciò che lui ritiene suo. Nicolas Vaporidis é un attore eccellente, ha lavorato moltissimo prima di iniziare le riprese. La sua disponibilità e il suo mettersi in gioco sono esemplari.
Desdemona é una ragazza molto bella che ha l’arroganza della bellezza e della ricchezza e non la profondità e l’umanità, anche lei bada alla sua convenienza. E’ innocente nella sua colpa. Laura Chiatti ha uno charme ed una professionalità immensi, il suo primo piano ha una tenuta a mio giudizio internazionale.
Otello é il figlio di papà, é il criminale suo malgrado, é colui che ti soffia il posto di lavoro e l’amore e neanche lo sa, pensa che gli sia dovuto.
Aurelan Gaya al suo primo film importante, é un attore francese che ha compiuto un arco straordinario; quando l’ho provinato non sapeva una parola di italiano, ed é venuto a giare un film in lingua, imparandola molto velocemente… é una scommessa.
Nicola Vaporidis racconta Iago
Iago é un ragazzo di umilissime origini e molto talentuoso. Crede nella meritocrazia, ha fame di vita e vuole essere un numero 1. Dopo una vita di sacrifici per raggiungere i suoi sogni, perde tutto per colpa di qualcuno che non merita. Non accetta la sconfitta, soprattutto perchè non supportata dal valore altrui, in questo caso di Otello, ma motivata soltanto dalla classe sociale a cui appartiene. Per vendicarsi scatena l’inferno, trama una rete intrecciatissima di gelosie, inganni e bugie; mette tutti gli uni contro gli altri, scoprendo ed esponendo le debolezze dei suoi antagonisti e tentando di riappropiarsi di quello che gli era stato negato… fa di tutto solo per amore.
Laura Chiatti racconta Desdemona
Desdemona ha un’innata sensualità, eleganza, apparentemente snob, con una sorta di luce attorno che la rende eterea, così, meravigliosa esteticamente… Nasconde però una grande solitudine, data appunto dall’appartenenza alla sua famiglia di alto ceto sociale, che da un lato l’ha privilegiata, ma che dall’altro le ha anche dato una forte responsabilità, quella di confrontarsi con persone di ceto diverso dal suo… è per questo che si sente a disagio nel relazionarsi; fa di tutto per essere come gli altri, una donna umile, perchè poi fondamentalmente lo è…
Indossa una maschera per placare la sua ansia: é contesa da due uomini, uno più bello dell’altro… Iago è un uomo che soffre a causa del senso di subordinazione che ha nei confronti del mondo, una persona che deve lottare per raggiungere ciò che desidera: sogna l’amore di Desdemona e il ruolo accademico di responsbile per la biennale, ma vede entrambi i suoi oggetti del desiderio infranti dall’arrivo di Otello, da qui la sua vendetta.
Aurelien Gaya racconta Otello
Otello é un ragazzo molto ricco, che ha tutto e che se ne frega di tutti. Quando arriva a Venezia, per la fama di suo padre, diviene subito il responsabile del progetto universitario spodestando Iago dal suo compito.
Incontra la bellissima Desdemona, figlia del rettore dell’università, e la desidera, ma così facendo scatena l’ira del povero Iago.

Trailer italiano:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Commenti»

1. santino - 26/02/2009

Visto, bello.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: