jump to navigation

Libri – Simone Regazzoni “La filosofia di Lost” 03/04/2009

Posted by Antonio Genna in Filosofia, Libri, Lost, Serie cult.
trackback

lafilosofiadilostMentre lunedì prossimo alle ore 22.00 partirà ufficialmente in Italia (sul canale satellitare pay Fox) la quinta stagione inedita della serie cult Lost, che è ancora in corso fino a maggio negli Stati Uniti e che arriverà poi in chiaro su RaiDue dalla seconda metà di luglio, vi propongo un volume che è in vendita nelle librerie italiane dallo scorso 26 marzo: si tratta di “La filosofia di Lost” (Ponte alle Grazie, 168 pagine, prezzo di copertina 12 €), scritto dal trentaquattrenne Simone Regazzoni, che già aveva partecipato alla scrittura del saggio “La filosofia del Dr. House” (2007). Tra l’altro, proprio nel post in cui avevo recensito quest’ultimo volume, avevo intervistato Simone, suggerendogli nell’ultima domanda di cimentarsi proprio in un saggio filosofico con Lost, con cui nessuno si era mai cimentato finora in Italia…
Il saggio, esempio di “philosophy fiction”, propone proprio un viaggio filosofico attraverso la narrazione epica di Lost, una serie che negli ultimi anni (analogamente a quanto compiuto da telefilm cavo statunitensi come Six Feet Under o I Soprano) sta ridisegnando le regole della narrazione e l’immaginario popolare dei telespettatori.
Come affermato dall’autore, il telefilm “mette in scena l’enigma della verità”, spronando l’appassionato a pensare ad un’altra idea di verità che si può facilmente celare dietro ciò che è messo in scena. Nelle dinamiche che si sviluppano nella trama, Lost sembra quasi un reality show alla “Survivor”, con i protagonisti Jack, Kate, Sawyer, Sayid, Hurley… sopravvissuti all’incidente del proprio volo Oceanic Airlines 815 ed impegnati a sopravvivere su un’isola deserta, attendendo dei soccorsi che non si sa se mai arriveranno: dietro tutto c’è però chiaramente una base filosofica, che è presente dai nomi di alcuni personaggi, uguali a quelli di famosi pensatori e filosofi (John Locke, Desmond Hume), al concetto di relativismo che pervade la serie (non esistono verità assolute, ci sono tante domande e poche risposte)… ben venga dunque un’opera del genere che, soffermando la propria analisi alle prime quattro stagioni del telefilm (assicuratevi dunque di averle viste prima di leggerlo), segue un percorso agevole (arricchito da una completa bibliografia delle fonti utilizzate) attraverso questi ed altri temi filosofici analizzati nel telefilm.
A seguire, la presentazione del volume e dell’autore tratta dal risvolto di copertina.

Un luogo tra la vita e la morte, tra fiction e realtà. Questo è Lost: ciò che si trova alle radici stesse del domandare. Perché l’Isola non dà risposte, non possiede la verità. Piuttosto, ne incarna l’enigma. E lo fa con una narrazione al contempo complessa e popolare, sfruttando i canali aperti dalla transmedialità, dilatando all’infinito l’orizzonte della partecipazione. La serie tv creata da J.J. Abrams e Damon Lindelof è a tal punto legata alla filosofia che alla filosofia non restano che due scelte. Spiare da dietro il buco della serratura il dispiegarsi di quello che è, a tutti gli effetti, un mondo. Oppure accantonare ogni falso pudore, ed esplorare l’Isola.
Simone Regazzoni sceglie questa seconda via, e s’imbarca a bordo del volo 815 col preciso intento di precipitare insieme a Jack, John, Kate, Hurley, Sayid, Sawyer. E a tutti i fan della serie. Accampato sulla spiaggia o perso nella foresta, l’autore apre botole, progetta mappe, sfida mostri e ridicolizza pregiudizi. Naufrago tra i naufraghi, decide di far abitare al discorso filosofico lo spazio dell’erranza. Qualcuno, certo, storcerà il naso. Ci vuole tempo per sentirsi perduti. L’Isola ce l’ha. La filosofia anche.

Simone Regazzoni, nato a Genova nel 1975, insegna all’Università Cattolica di Milano. È stato coautore, sotto lo pseudonimo collettivo di Blitris, della Filosofia del Dr. House (2007). Per i tipi del Melangolo ha pubblicato La decostruzione del politico (2006); Harry Potter e la filosofia (2008); Nel nome di Chora (2008).

Annunci

Commenti»

1. Libri - Simone Regazzoni “La filosofia di Lost” « AntonioGenna.net … - 03/04/2009

[…] See more here:  Libri – Simone Regazzoni “La filosofia di Lost” « AntonioGenna.net … […]

2. G.L. - 03/04/2009

…a proposito di quanto scritto sulla quarta di copertina, attenzione: il serial è stato creato da J.J. Abrams, Damon Lindelof E Jeffrey Lieber.

3. Giangi - 03/04/2009

piccola chicca per i fan di Lost, complimenti, lo prenderò!

4. gianluca - 08/04/2009

peccato poteva aspettare la fine della 6° stagione cosi’ mi sembra gia’ incompleto visto che gia’ sto guardando la 5° in contemporanea con gli usa

5. mario vitali - 08/04/2009

grazie all’informazione del “corriere”odierno domani andro’ in libreria.
GRANDE “LOST”

6. BARBAPRESS/ “La filosofia di Lost” di Simone Regazzoni « Il Barbapress - 09/04/2009

[…] Lost ha dedicato un prezioso libro Simone Regazzoni, consigliabile a tutti coloro che non vogliono fermarsi alla superficie delle cose: “La […]

7. P.G. - 17/05/2009

Segnalo semplicemente, come illustrato nella mia URL, che nella mia libreria, in Versilia, il 13 giugno, si svolgerà una presentazione del libro la filosofia di Lost, appunto.

8. graziano gaetano - 20/07/2009

wau lost è grandioso, non c’è confronto con nessun altra seie tv


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: