jump to navigation

Auditel – Dopo lo switch-over laziale, calano gli ascolti di RaiDue e Rete 4 18/06/2009

Posted by Antonio Genna in Articoli, Auditel, Cinema e TV, TV ITA.
trackback

switchover-corriere

Due giorni fa ha avuto luogo a Roma ed in gran parte del Lazio il primo importante switch-over al sistema digitale terrestre, con lo spegnimento delle frequenze analogiche di RaiDue e Rete 4 (il switch-off definitivo di tutti i canali è previsto per la seconda metà di novembre). Siete curiosi quanto gli ascolti delle due reti in Lazio siano stati influenzati dal switch-over? Viene in soccorso un articolo tratto dalla Cronaca di Roma del “Corriere della Sera” di oggi, che riporto di seguito.

Dopo lo switch over
Raidue e Retequattro
perdono audience

Switch over critico nel Lazio per Raidue e Retequattro da lunedì scorso sul digitale terrestre. A parte le problematiche tecniche e quelle relative alla risintonizzazione dei canali, il passaggio ha praticamente dimezzato gli ascolti tv rilevati dall’Auditel, in attesa che tutti si dotino del decoder digitale.
Martedì nel Lazio (nel giorno successivo al passaggio al digitale, quindi) nel Lazio nell’intera giornata Raidue ha avuto il 3,71% di ascolti, rispetto al 6,75% di lunedì 15 e all’8,47% di martedì scorso. Retequattro ieri si è attestata sul 4,03% rispetto al 5,52% di lunedì 15 e al 5,56% di una settimana fa.
In prime time la situazione si è fatta ancora più critica: per Raidue soltanto il 3,89% rispetto al 6,97% del giorno prima e al 10,51% di una settimana fa. Retequattro martedì si è fermata al 4,77%, in crescita rispetto al 3% di lunedì 15 ma in flessione rispetto al 5,24% di martedì 9.
Se per Raidue la flessione si è fatta sentire in prime time, Retequattro ha subito perdite maggiori nella seconda serata, da sempre apprezzata dal pubblico per la programmazione cinematografica. Ecco così che dal 7,93% di lunedì 15 è passata al 5,80% di ieri, così come Raidue dal 5,72% è passata al 3,36% registrato ieri.
Primi dati che valgono evidentemente per questo momento iniziale di passag­gio e testimoniano come lo switch verso il digitale terrestre non sia stato del tutto indolore, almeno sotto il profilo degli ascolti.

De resto proprio martedì, nella conferenza stampa convocata per fare il punto dopo la notte dello spegnimento, il sottosegretario Paolo Romani aveva sottolineato che nel Lazio a fronte di centotrentamila incentivi governativi (da 50 euro) disponibili, ne erano stati richiesti poco più di quattromila.
E nella stessa sede il presidente della Regione Piero Marrazzo aveva annunciato lo stanziamento di un milione di euro proprio per facilitare il passaggio dall’analogico al digitale per le fasce sociali economicamente più deboli.
Il calo dei ascolti delle due emittenti è quindi naturalmente collegato al fatto che ancora numerosi utenti non si sono muniti di decoder. Ma è una situazione che probabilmente si modi­ficherà man mano che saranno spente lew altre emittenti. Ricordiamo che lo switch off (il passaggio totale al digitale terrestre e lo spegnimento di tutti i canali della tv analogica) nel Lazio è previsto in una data compresa fra la metà e la fine di novembre.

Commenti»

1. IRapeYourMind - 18/06/2009

Aspetto ad aprire lo Champagne visto che purtroppo questo calo cesserà quando lo switch off nella regione sarà ultimato.

2. pali - 18/06/2009

perchè aprire lo champagne???

3. IRapeYourMind - 18/06/2009

Perchè ritengo il digitale una mera mossa commerciale volta sola a prenderci più soldi, quindi un fallimento per me sarebbe da festeggiare aprendo lo champagne

alessio - 18/06/2009

quoto, spero che gli ascolti vadano a picco sul Digitale alla faccia del nano maelfico.

4. max - 18/06/2009

Concordo, questa del digitale terrestre è tutta una puttanata, escludendo rai4, e i prodotti a pagamento, è tutta fuffa, intanto mediaset ha sprecato soldi pubblici (grazie al nano) per incentivare il passaggio.

5. IRapeYourMind - 18/06/2009

Unica nota positiva è l’aver smesso di pagare la tassa europea su Rete 4 in questo modo

6. Giangi - 18/06/2009

Non solo tutto questo digitale è una fregatura, apparte la tecnologia differente, tutto il resto, conflitti di interesse, numero di canali, è uguale.

Poi pure l’incentivo è una fregatura, i 50 euro per le fasce deboli, sono solo per i vecchietti dopo una certa soglia di età, e poi i modelli che si possono acquistare sono solo quelli interattivi con scheda. Che costano 90 euro. Quindi 90 – 50 = 40 euro che uno deve sporsare.
Uno normale decoder costa 40 euro.
Fregatura + Fregatura = qualcuno di questo paese è ancora più ricco.

7. zia assunta - 18/06/2009

è una vergogna questo passaggio al digitale, paghiamo un canone la Rai doveva dare a tutti i suoi abbonati almeno un decoder……..
speriamo fallisca il DDT e Murdoch si compri pure Merdiaset.

8. zia assunta - 18/06/2009

una parolina su Rai4 ci sono telefilm interessanti è vero, ma sarebbero andati in onda comunque sui mille canali del satellite perchè per lo più repliche o prodotti minori………..quindi è un canale come tanti……..idee sotto non ce ne sono solo magazzino.

9. pollucchero - 19/06/2009

A rischio di sembrare polemico:

Sul titolo dell’articolo citato: non mi sembra una gran notizia, lo sarebbe stato se gli ascolti di due canali che è più complicato vedere fossero aumentati.

Il passaggio al digitale non è solo una mossa commerciale, infatti entro il 2012 lo faranno in tutta Europa (in Finalndia lo hanno già completato) e negli USA mi sembra lo stiano facendo in questi mesi: si chiama sviluppo tecnologico, se non vi piace tornate al telefono con il disco collegato alla parete. Che poi in Italia sia stato sfruttato per fini utilitaristici è un’altra questione, molto reale.

Concordo con Giangi sui contributi: da sempre sono stati elargiti solo per i decoder “interattivi” cioè quelli in grado di alloggiare le schede della pay TV: è nuo scandalo. Secondo me i contributi, anche quelli di 3 anni fa, dovevano essere elargiti per mantenere il servizio, quindi un bello zapper da 20 euro regalato e via, ma qualcuno non avrebbe avuto la piattaforma da sviluppare…

Rai4 è un canale di successo che piace al target di internet, che di solito vede poca TV. Trasmette prodotti minori e repliche, e ci sono tanti canali con lo stesso genere di palinsesto che hanno lo stesso successo. Per me però sempre meglio avere un canale in più che uno in meno e visto che sul DTT free trovare un film in prima serata è molto difficle, benvengano altri 3 o 4 canali come Rai4.

10. Carlo - 19/06/2009

Scusate, ma il digitale, dal punto di vista tecnico non è per niente una fregatura. Prima o poi trasmetteranno contenuti in alta definizione. Ci vorrà ancora qualche anno immagino, ma meglio tardi che mai no?

zia assunta - 20/06/2009

in alta definizione oscurando gli altri canali………….che fregatura……..

11. Controvento - 21/06/2009

Voi siete fuori di testa! Il passaggio al digitale non lo ha certo deciso Berlusconi o Mediaset, è una imposizione Europea e secondo me Rai e Mediaset avrebbero preferito che tutto rimanesse così com’è. L’Italia non ha mai pagato nessuna multa per Rete4, è un falso storico. Chi si augura il fallimento del digitale vuole solo una tv per i ricchi che si possono permettere Sky

NonHoLaTV...e me ne vanto - 24/06/2009

Il disinformato sei tu: l’Europa ci ha commissionato una multa per rete4 che non ha vinto la gara e ha rubato le frequenze a Europa7 (che ancora non vedo). A riprova puoi trovare su youtube la risposta di Emma Bonino che dice che non aveva “carattere di urgenza” sistemare la situazione (era all’incirca giugno 2008 e la multa (retroattiva) scattava a gennaio 2009. Aspetto fine anno per vedere i conti dello stato per vedere quanto abbiamo pagato sto ddt.
Solo una piccola aggiunta per quanto riguarda il contributo: ci credo che nessuno lo ha voluto: per prenderlo si perdono come minimo 10€, infatti i decoder non interattivi costano 30€ se non meno. Ma anche in futuro si risparmia, perchè l’interattività costa come minimo una telefonata!!!!!


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: