jump to navigation

Cinema futuro (750): “Bandslam – High School Band” 24/09/2009

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Bandslam – High School Band”

Uscita in Italia: venerdì 25 settembre 2009
Distribuzione: Eagle Pictures

bandslamTitolo originale: “Bandslam”
Genere: commedia / musicale
Regia: Todd Graff
Sceneggiatura: Josh A. Cagan e Todd Graff (soggetto di Josh A. Cagan)
Uscita negli Stati Uniti: 14 agosto 2009
Sito web ufficiale (USA): cliccate qui
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Alyson Michalka, Vanessa Hudgens, Gaelan Connell, Scott Porter, Lisa Kudrow, Ryan Donowho, Charlie Saxton, Tim Jo, Elvy Yost, Lisa Chung

La trama in breve…
Quando Charlotte Banks (Michalka) giovane cantante di un liceo nel New Jersey chiede a Will Burton (Connell), di fare da manager al suo scatenato gruppo rock, pare avere un solo obiettivo: sfidare il suo ex ragazzo Ben (Porter), nel concorso musicale più importante dell’anno, il BANDSLAM, una vera e propria battaglia fra gruppi rock. Contro ogni pronostico, la loro band presenterà un brano molto ‘personale’ aumentando così le probabilità di successo nella gara.. Nel frattempo nasce una storia d’amore fra Will e Sa5m (Hudgens), una bizzarra outsider, chitarrista d’eccezione dalla voce straordinaria. Ma d’un tratto il gruppo dovrà affrontare un grosso problema e tutti loro si troveranno davanti ad una scelta: dichiararsi sconfitti oppure affrontare la gara e continuare a lottare per i sogni in cui credono?

LET’S START A ROCK BAND!

Quando arrivò il momento di fare il casting per il tre co-protagonisti, i realizzatori del film sapevano di avere bisogno di attori che avessero sia capacità di recitazione straordinarie sia un grande talento musicale.  Per il personaggio di Sa5m (“Il  5 non si pronuncia”),  una bizzarra outsider che durante lo sviluppo della storia scopre il suo grande talento di cantante, c’era bisogno  di un’attrice capace di rendere simpatico questo personaggio un po’ strano ed introverso, e che avesse anche un talento musicale così forte da “far venire giù il palco” durante le scene clou. Le pretese erano alte, ma l’attrice e cantante Vanessa Hudgens non ha avuto problemi nel rispondere a queste richieste. E’ conosciuta da milioni di fan adoranti per il personaggio di  Gabriella Montez, nel mega successo  “High School Musical”.  Oltre alla sua esperienza come attrice di teatro e di cinema, la Hudgens ha inciso due album di successo.

“Ho conosciuto Vanessa all’inizio del casting, l’ho incontrata a New York mentre faceva un’intervista per  ‘High School Musical,’ e mi piacque molto”, ricorda Goldsmith-Thomas. “E’ una persona tranquilla, molto onesta e dolce.”

Dopo aver conquistato fama mondiale  nel popolare ruolo della cervellotica  Gabriella nel  fenomenale successo della trilogia  “High School Musical”, la Hudgens è stata felicissima di proseguire la sua carriera di attrice.. “

“Sa5m è molto lunatica  e scostante, la classica ragazza esclusa da qualsiasi gruppo”, commenta la Hudgens. “E’ da molto tempo che interpreto il ruolo della ragazza dolce e tranquilla. Non fraintendetemi: questo personaggio è fantastico ed è molto simile a me, perciò mi intrigava affrontarne uno che fosse l’opposto di come sono io, un personaggio diverso. Come attrice è’ stata una sfida molto impegnativa interpretare un ruolo che non mi calzasse a pennello e mi sono divertita da matti a farlo.”

La Hudgens aggiunge che le è  piaciuto molto lavorare con il regista ed ex-attore Todd Graff.

“Todd ci ha dato delle indicazioni che erano addirittura comprensibili!” commenta la Hudgens, ridendo  “Ci raccontava la scena così com’era e vagliava tutte le opzioni possibili. Oltre tutto Todd ha anche una voce incredibile ed è un fantastico cantante. La sua conoscenza musicale fa di questo film un lavoro a sé. Ogni riferimento di questa pellicola… come alcune lettere scritte a David Bowie è davvero favoloso perché Todd conosce questo mondo perfettamente.

La Hudgens è stata felice anche di girare insieme ai suoi giovani colleghi in una nuova città, Austin, in Texas.  “Aly ed io ci conoscevano già, però abbiamo avuto l’occasione di approfondire la nostra amicizia.  Insieme ci siamo divertite molto, però io sono deleteria per lei quando andiamo a fare shopping. Mi sono innamorata della città di Austin per la sua musica. Adoravo  uscire a cena o passeggiare per la strada e trovare sempre in giro qualche gruppo musicale  che suonava dal vivo. E’ stato un cambiamento piacevole, rilassante, eravamo tutti molto a nostro agio.”

La pop star e attrice Aly Michalka (metà del duo  Aly & AJ), scelta per la parte della liceale Charlotte Banks, nella vita è una cantautrice di successo. La Michalka, da parte sua, è stata attratta dall’umorismo e  dal pathos del film.

“E’ una sceneggiatura molto divertente e brillante”, commenta, “ma allo stesso tempo non è così leggera e comica da non rispecchiare la realtà. Nella vita ci sono dolori e battaglie e questo era il genere di film del quale volevo fare parte.  Non pensavo mai che avrei fatto un film imperniato sulla musica, perché di solito la musica e la recitazione le tengo separate. Questo film invece lo volevo proprio fare perché è talmente diverso e perché  apprezzo molto il modo in cui Todd lo ha concepito.

La cantante-attrice è stata anche molto attratta dal ruolo di Charlotte. “E’ un personaggio davvero  cool, una ragazza tosta che riesce a fa parte di un gruppo musicale , ma con un suo lato sensibile.  Durante l’evolversi della storia, impariamo a conoscere il suo carattere, che è fantastico.

E’ davvero divertente, brillante, attenta, e ha sempre qualcosa da dire”.

La Michalka dice che si identifica molto con il suo personaggio per vari aspetti.” E’ decisamente testarda e lo son anch’io, èd è molto sicura di se, ma a volte le manca la fiducia in se stessa.”

La Goldsmith-Thomas considera la Michalka la scelta perfetta per il personaggio di Charlotte. “Aly è bellissima, forte, divertente e buffa. E’ bella come Brigitte Bardot negli anni sessanta, è la donna che ogni uomo vorrebbe incontrare..”

Da parte sua la Michalka è stata felicissima di far parte di un grande gruppo di giovani attori che avevano tanto in comune. “Credo che il motivo per il quale abbiamo legato così tanto come cast, è  perché abbiamo passato molto tempo insieme anche fuori da set. Uscivamo per andare a vedere dei gruppi suonare dal vivo, oppure suonavamo noi musica Rock Bank nel camerino. Eravamo come una famiglia. E’ difficile trovare persone con le quali leghi tanto come artista. Siamo tutti molto diversi e strampalati a modo nostro, ma siamo tutti musicisti e ci divertiamo molto.

Facciamo casino e facciamo musica insieme. E’ una cosa genuina, davvero onesta, e credo che questo lo si intuisca bene sullo schermo.”

Bandslam – High school band non é il classico musical, perché i personaggi non si mettono improvvisamente a cantare magari durante una scena drammatica. La musica arriva con naturalezza da una situazione dove ci sono dei  gruppi musicali che si stanno preparando per la gara.

“La cosa che trovo davvero interessante è che Todd è riuscito a scrivere musica attorno ad una vera storia”, commenta la Michalka. “Se si togliesse la musica tutto avrebbe comunque un senso, ma la musica ha un suo linguaggio autonomo.”

Gaelan Connell interpreta l’esperto di musica Will Burton, che all’inizio del terzo anno delle superiori si trasferisce in un high school del New Jersey dove gli studenti sono ossessionati  da BANDSLAM una agguerrita gara fra licei che coinvolge tre istituti  della zona.  Abituato ad essere considerato  un po’ un disadattato, Will è pazzo di gioia perché per la prima volta nella sua vita si inserisce perfettamente.  Non solo è adatto a partecipare a “qualcosa”, ma addirittura può fare la differenza.

“Will è un teenager piuttosto goffo che non sa suonare nessuno strumento musicale, ma è un grande conoscitore di musica. ” spiega Connell. “Ha una conoscenza enciclopedica  di tutti i classici e sa ciò che serve per scrivere una buona canzone. E per questo si mette in testa di formare un gruppo rock nella sua nuova scuola.”

Il regista Graff da una descrizione tutta sua del carattere di Connell: “All’inizio del film Connell è completamente rinchiuso nel suo mondo. Rimane tutto il giorno in camera, ossessionato dalla musica, ma nonostante questo non ha alcun tipo di contatto con il mondo della musica, non va nelle discoteche, non va ai concerti, non fa parte di gruppi musicali e non suona alcun tipo di strumento. Per lui la musica non è un mezzo per socializzare, è una fuga dalla realtà  e un suo piacere strettamente personale. Durante il prosieguo del film, a un certo punto Charlotte lo  obbliga (calciando e gridando) a interagire con altre persone. Allora inizia addirittura a dirigere un gruppo di musicisti, creando  ciò che lui aveva sempre sognato, e questo lo porta finalmente ad avere uno scambio interpersonale con gli altri.”

I realizzatori del film si reputano fortunati di avere trovato un giovane attore con questo talento, al quale il ruolo di Will calza a pennello sia dal punto di vista  emozionale che da quello musicale. “ Il materiale gli “parlava” in  modo unico, e la sua bravura ha dato  una dimensione profonda al ruolo”,   commenta la  Goldsmith-Thomas. “In un certo senso tutti noi siamo Will, tendiamo a nasconderci quando siamo in imbarazzo.  Lui, inoltre, è anche un ragazzo che porta il peso dei peccati del padre.”

Graff è rimasto particolarmente colpito dalla bravura con la quale Connell ha interpretato il goffo ed introverso Will. “Soprattutto per un giovane attore è’ complicato interpretare un personaggio che è tutto preso dal proteggersi  e vuole solo sparire, perché i giovani di solito sono molto estroversi con  le loro emozioni.  Gaelan, pur essendo una persona ed un attore molto aperto, è riuscito con talento a interpretare un carattere che desidera nascondere i propri sentimenti ma senza grande convinzione.

Questa era la sfumatura fondamentale che bisognava trasmettere e lui l’ha fatto con successo.”

Anche se i caratteri di Connell e Will sono agli opposti il loro interesse musicale li avvicina. “Amiamo tutti e due la musica indipendente e i nostri gusti musicali sono simili” dice l’attore del suo alter-ego sulla scena. “Ci sono diverse band nel film, come Clap Your Hands Say Yeah, che ascoltavo ancor prima di leggere la sceneggiatura. E’ fantastico poter dire  battute su un gruppo che ascolti  a casa. Diciamo che Will ha un gusto musicale eccezionale.”

Pur essendo un musicista di talento,  suona il violoncello e la chitarra e canta in un gruppo, Graff ha deciso di allargare le  conoscenza musicale di Connell. “Il giorno che sono arrivato a Austin c’erano cinque libri sul rock ‘n’ roll nella mia stanza,” ricorda Connell. “E non erano libricini ma volumi da 500 pagine che parlavano di tutto quello che esiste sul  rock ‘n’ roll.”

Graff spiega,  “Will deve essere ossessionato dalla musica, non solo perché è un tipo strampalato, ma perché è letteralmente l’unica cosa che possiede. Deve per forza concentrare tutte le sue emozioni in ciò che la musica rappresenta per lui.  Non so proprio come un attore possa fare tutto questo, come possa trasmettere questo se non fa dei compiti a casa e delle ricerche.

Ma dal momento che Gaelan è un gran musicista, è riuscito nel suo intento.”

Alla fine, ci siamo dati un’educazione musicale reciproca”, dice Graff. “Il suo iPod conteneva molte delle stesse canzoni del mio iPod.  Inoltre Gaelan mi ha dato una lista di canzoni che io non avevo, e l’ha fatto con non-chalance, chiedendomi “Ehi, hai mai sentito blah, blah, blah?’  E se la mia risposta era no, lui era felice di farmela avere.”

Connell ha ben interpretato l’innocenza del personaggio di Will , commenta la co-protagonista  Vanessa Hudgens. “In un certo senso Gaelen Connell è un nuovo arrivato in questo mestiere, questa è la sua prima grande occasione. Inoltre è arrivato dopo tutti gli altri e con tutto ciò si è buttato a capofitto. Si capiva che era nervoso perché continuava a dire  ‘Sono proprio impacciato”. Era divertente. Io gli ho risposto “Bene, rimani così”: Vanessa ride.

Inoltre, già dal primo giorno di riprese Connell si è dovuto cimentare in ben due scene di bacio, prima con una protagonista e poi con l’altra!

“Le avevo conosciute proprio quel giorno! Lavorare con queste meravigliose ragazze e doverle anche baciare mi ha mandato ai pazzi. L’emozione che vedete sullo schermo è assolutamente genuina”, ride Connell.  “Todd pretendeva “emozioni vere” quando ha fatto il casting per il film… ed io ero “veramente impaurito!”

Connell bacia la Michalka nella scena in cui Charlotte fa di tutto per fare uscire Will dal suo guscio, preparandolo per un incontro con Sa5m. “E’ una scena molto tenera, io insegno a Will come baciare”, speiga la Michalka. “ gli dico cose come ‘porta la tua mano destra vicino al mio volto, lentamente, okay, rimani lì, adesso chiudi gli occhi’…Divertente… Lui è nervoso e tremante, una scena davvero tenera. Non c’è modo migliore per affrontare il primo bacio. Poi lui cade giù dalla  macchina, e fa morir da ridere!”

Ma è in Sa5m che il solitario Will trova la sua vera anima gemella, dice Graff. “Will non avrebbe mai pensato che al mondo ci fosse un’altra persona come lui. Man mano che il loro rapporto va avanti, però, lui si rende felicemente conto che anche questa ragazza  è fuori dagli schemi tradizionali: non le importa assolutamente di essere nel giro giusto, ascoltare un certo tipo di musica, e vestirsi in una data maniera.  L’idea che lui non sia solo al mondo è confortante ed eccitante.

“In quanto a Charlotte, Will la guarda come se stesse  osservando la proliferazione di una coltura batteriologica in un piatto Petri”, dice Graff, ridendo. “Non ha la più pallida idea di come sia questo genere di persona, eppure lei non lo lascia mai in  pace.  Non gli permette di rimanere statico, non gli permette di rimanere ai margini della vita, Charlotte prende Will sotto la sua ala per interesse, ma  nel profondo del suo cuore è una brava persona.  Quando Will si rende conto che Charlotte e Sa5m non vanno d’accordo si trova in difficoltà, perché ognuna delle due ragazze gli sta dando qualcosa di nuovo, di essenziale, e anche se questo  lo disorienta, cerca di affrontare la situazione nel miglior modo possibile.”

Graff aveva già visto l’attore Scott Porter recitare off-Broadway qualche anno prima dell’inizio delle riprese e lo aveva tenuto a mente per il ruolo di Ben Wheatley, ex ragazzo di Charlotte e leader del suo gruppo musicale  Ben Wheatley and The Glory Dogs,  molto favorito nel Bandslam.

Porter dice che il progetto gli era piaciuto per diversi motivi: la sensibilità del regista, la sceneggiatura brillante, i personaggi originali e la possibilità di fare musica sullo schermo.

“La cosa che contraddistingue Todd è la sua cura per i dettagli”, commenta Porter. “Vuole sempre che facciamo molte prove, così sappiamo esattamente la nostra posizione quando iniziano le riprese, ma una volta che cominciamo a girare si rilassa e si limita ad osservare quello che accade.

Todd ci teneva che tutto fosse assolutamente genuino, senza un briciolo di finzione, voleva che tutto fosse il più reale possibile. E questa è stata la cosa che mi ha attirato maggiormente, il suo modo di lavorare, insomma.”

Porter dice che i teenager sono affamati di storie intelligenti che hanno un cuore. “Questo lavoro è originale, ha un approccio fresco e i protagonisti sono visti sotto molti aspetti.  Todd ha davvero tirato fuori una grande profondità nel personaggio di Ben, nelle varie stesure. Ben poteva benissimo venire fuori come il tipico sciapo, ex ragazzo un po’ cretino, ma nello sviluppare il suo personaggio ci siamo resi conto che era solo un po’ confuso, un ragazzino che vuole vincere. Del resto, ci è arrivato molto vicino  tante volte. Non è una persona odiosa e non è geloso. Lui, come gli altri, si chiede perché Charlotte lo abbia lasciato. Cosa ho fatto? Ero un fidanzato fantastico, ero buono con lei, sono una star del rock ‘n’ roll, cosa può volere di più? E davvero molto confuso e pazzo di Charlotte.”

Nel liceo del New Jersey di Will, Sa5m, Charlotte e Ben, anziché gli sport, il punto focale è la musica. “Nei licei del Texas il football è tutto, ma nel New Jersey la musica è tutto”, osserva Porter.. “Bandslam per loro è come la finale di football. Ben Wheatley è “l’atleta campione”  che rappresenta il liceo del New Jersey da tre anni consecutivi. Dopo essere arrivato secondo due volte  recluta dei mostri della musica,  futuri miti del rock ‘n’ roll  che sostituisce ad alcuni amici. Ben non è una cattiva persona, ma è molto competitivo.  E’ la vera rock star di questa scuola, ma resta incompreso per quasi tutto il film.”

L’attrice vincitrice di un Emmy Award, Lisa Kudrow, porta il suo talento comico nel personaggio di Karen Burton, la mamma iperprotettiva di Will. E’ il suo  nuovo lavoro che li porta a trasferirsi nel New Jersey e, fra le altre cose, diventa anche oggetto di una cotta da parte di un liceale, il batterista della band del figlio.

“Lisa  interpreta questo personaggio con grande pathos e comicità,” dice la produttrice Goldsmith-Thomas. “Ti fa davvero credere di essere una mamma fantastica,  ti immedesimi nei  suoi sensi di colpa e sei convinto che stia facendo tutto il possibile per suo figlio.”

“Quello che mi è veramente piaciuto di questa storia e del personaggio di Will è che, nonostante venga trattato malissimo, ha una sua forza interiore e una tale maturità da capire che è una situazione momentanea… deve solo farcela,” dice Kudrow. “Per molti ragazzi gli anni del liceo non sono un periodo felice, ma sono solo quattro anni, e basta ricordarsi che a un certo punto  finiscono”

Secondo la Kudrow,  le esperienze passate hanno indotto il suo personaggio ad essere sospettoso del mondo intero e a diventare iperprotettiva nei confronti di suo figlio. “Non si fida di niente e di nessuno, e soprattutto non si fida di Charlotte.  Perché questa bellissima ex ragazza pom pom è interessata a mio figlio? Qualcosa non mi quadra. Lo so che è un ragazzo fantastico, ma Charlotte non è abbastanza intelligente per rendersene conto.”

La Kudrow ha apprezzato soprattutto l’entusiasmo giovanile del nuovo arrivato Connell. “E’ così felice di essere qui! I suoi occhi dicono “Sono pazzo di gioia per avere ottenuto un ruolo da protagonista in un film!” Il primo giorno di lavorazione ha detto, ‘Continuano a gridare per il primo team. Siamo noi?” E io gli ho risposto, “Sì,  noi siamo il primo team.’ Il suo entusiasmo ci riporta tutti all’emozione del nostro primo ‘ciak’.”

CREANDO MUSICA INSIEME

Per rendere la performance dei gruppi  assolutamente autentica, Graff ha insistito che ogni attore, sia protagonista che non, si sottoponesse ad un’audizione musicale prima del provino cinematografico. “Se la musica non è credibile  la storia del film non reggerà”, spiega Graff.

“Tutti e due i miei genitori sono musicisti, io sono un musicista e suono in gruppi da sempre. E’ un mondo che conosco, che sento e che non voglio trasmettere in modo sbagliato.”

Così Graff ha fatto il casting a ragazzi che suonavano strumenti oppure che erano disposti ad imparare.

“Facendo questo non ho mai dovuto tagliare una scena perché il musicista aveva messo male le dita su qualche strumento o roba del genere. Inoltre sono dei bravissimi attori. Dovevano essere giusti per la parte ed avere anche una chimica che si amalgamasse. Ma, musicalmente parlando, volevo degli artisti fenomenali e loro lo sono.”

Graff dice del gruppo di  Charlotte I Can’t Go On, I’ll Go On, che è un  “un trio rockettaro nato in un garage che fiorisce sotto l’ala di Will, un gruppo di nove elementi, la Arcade Fire-style Band, completa di trombe, violoncello e tastiere che interpreta ska e reggae.”

Altri membri del  ICGOIGO sono Charlie Saxton (The Lovely Bones, The Happening), nativo della Pennsylvania, nella parte di  Bug, il suonatore del basso, che ha sempre qualcosa da criticare; il   nuovo arrivato  Timothy Jo, cresciuto nel Texas, è Omar, un chitarrista del New Jersey che non si sa come abbia sviluppato un forte accento inglese; Ryan Donowho ( “The O.C.,” “Cook County”), nato a Houston ma residente a Brooklyn, nella parte di Basher, il batterista di talento che dà un anima al gruppo. Elvy Yost è Irene, la violoncellista, e Lisa Chung è Kim, la tastierista. Benjamin Kessler, Andrew Glen Rector, e Juan Lopez suonano rispettivamente il sax, il trombone e la tromba.

Il grande rivale del gruppo I Can’t Go On è il mitico Ben Wheatley con I suoi Glory Dogs, un forte gruppo rock costituito da impiegati del New Jersey molto influenzati dai grandi Bruce Springsteen e Bon Jovi. Oltre che a Porter come primo vocalista e chitarrista dei Glory Dogs, ci sono elementi come il vero trio musicale di Austin, i Joker: J.W. Wright è Dylan Dyer, il primo chitarrista,  Kai Roach  è Eddie Alvarez al basso,  batterista  Chris Copeland, è James Hairston al sassofono.

Oltre ai Joker, altri quattro gruppi fortissimi texani di Austin, sono stati scelti come partecipanti alla battaglia finale della gara musicale.  I rockettari alternativi di Fort Worth,  i Burning Hotels,  rockettari delle arene, gli  Straightfork, il gruppo rock blues  The Daze, e gli  hip hoppers Zeale & Phranchyze con Candice Jackson.

“Mi fa impazzire l’idea che ci siano tutte queste  fantastiche band di Austin nel nostro film” commenta Graff, che ha ascoltato dozzine di gruppi prima di scegliere i cinque che appaiono nel film. “Mi piace anche il fatto che ci siano due attrici,—Vanessa e Aly— conosciute attraverso la Disney Channel—buttate in un film con David Bowie,  canzoni rock prodotte dall’uomo che ha inciso per il gruppo Clap your Hands Say Yeah, ed avere il direttore della fotografia che ha fatto Juno.

Tutto questo è completamente diverso da quanto ha fatto fin’ora il nostro cast, ed è la cosa che  solletica le aspettative di tutti”.

LA PRODUZIONE

Le riprese di Bandslam – High school band sono iniziate il 9 febbraio 2008 ad Austin.  Dopo un anno di sviluppo della sceneggiatura, alla produzione è stato dato semaforo verde per eseguire velocemente il lavoro in sole 14 settimane.

Anche se il film si svolge nel New Jersey, per Graff  era importante  girare in un posto con una grande cultura di musica dal vivo.  “Sono un grande sostenitore di scene locali”, spiega Graff. “e queste rappresentano  l’anima della  musica.  Austin è famosa come città della musica con i suoi numerosi gruppi fantastici che amano suonare dovunque, è stato meraviglioso poter usare delle band  texane sconosciuti al grande pubblico.

E non ci si stupisce che il film offra materiale originale some “Pretend,” “Someone to Fall Back On,” e “Phil’s Song”, come anche versioni aggiornate di classici rock come “I Want You To Want Me,” di Cheap Trick, “Amphetamine” di Steve Wynn ed una ritmica versione  ska/reggae di “Everything I Own,” originariamente chiamata  “David Gates & Bread”.

Bandslam – High school band è una storia entusiasmante sulla musica di una generazione di fan per i quali è più facile  trovare la propria musica  su Internet piuttosto che alla radio”, dice la produttrice Elaine Goldsmith-Thomas. “E’ una fase di crescita nella quale si vive in bilico fra quello che si è in quel momento a quello che si diventerà. Il film si rivolge alla musica come ispirazione per il cambiamento, il catalizzatore che fa crescere i personaggi, che li accompagna  verso la fase successiva della vita.”

Per aiutare Graff a farcire il film con musica  d’ impatto, significativa, ed aiutarlo a lavorare con il cast dal punto di vista musicale, i realizzatori hanno formato un team composto dal supervisore alla musica, il veterano Lindsay Fellows, la supervisore alla musica  Linda Cohen, il famoso produttore di dischi indipendenti, Adam Lasus, ed il compositore  Tom Holkenborg aka JunkieXL.

Il fatto che alcune delle canzoni del film siano originali, significava che il cast doveva lavorarci su maggiormente per imparare le parti durante le prove.

“‘Someone to Fall Back On’  non era un pezzo musicale che si poteva prendere alla leggera,”, spiega Fellows. “Todd è stato geniale nel dire loro cose come  “questo deve dare la stessa sensazione di ‘One,’ dei U2. Deve trasmettere le stesse emozioni, deve costruire.” Una volta dato questo termine di paragone ai ragazzi, è stato facile per loro eseguire.”

“Tanto di cappello a Todd per avere deciso di fare questi numeri dal vivo”, commenta il supervisore alla musica Fellows.

“Di solito non è una cosa che si fa nei film perché è più facile registrare in studio prima, dove si ha libertà e flessibilità per poter montare più tardi. Ma non ha la stessa autenticità. Quei momenti live saranno i punti salienti del film.”

Il punto cruciale del film, la grande sfida dei gruppi al Bandslam,  è stato girato in quattro giorni, con sei diversi gruppi e 1,200  comparse, nella Hogg Auditorium all’Università del Texas.

Durante la pre-produzione il direttore della musica Adam Lasus  ha prodotto i gruppi in competizione e  ha registrato la loro musica al Bismeaux Recording Studio,  proprietà del famoso gruppo di Austin, la Western Swing Band, Asleep At The Wheel.

Lasus era anche presente durante le riprese di massa, quelle del pubblico presente ai concerti. “Sembravano dei veri concerti e parte del mio lavoro consisteva nel farlo sembrare il più autentico possibile”. I ragazzi erano sul palco, suonavano, facevano quello che dovevano fare.  Tutti ne erano contagiati e anche se avevano provato le canzoni tantissime volte, l’emozione era sempre la stessa. I gruppi commentavano anche i candidati per la vittoria. Mi ricordava quando ero al liceo, le prime volte che riuscii ad andare al  Bandslam.”

Anche Vanessa Hudgens fu immediatamente contagiata dall’energia che sprigionavano queste grandi scene: “Onestamente ero piuttosto nevosa perché generalmente faccio pop e musica R&B, non sono una rockettara che suona la chitarra.  Ero preoccupata di poter sembrare una perfetta idiota.” Adam e gli altri mi assicurarono che se fossi stata  ridicola me lo avrebbero sicuramente fatto sapere. Così sono salita sul palco in mezzo a tutte quelle comparse e mi sono lanciata. Mi sentivo come una vera rock star.”

Schmidt  dice di essersi  reso conto che avevano azzeccato la giusta strada musicale, quando ha visto la troupe che cantava e si univa ai gruppi. “Credo proprio che la musica porti il nostro film ad un livello diverso. In questo contesto la musica non è solo un riempitivo, una bella colonna sonora. E’ importante per la storia e aiuta il film nel suo percorso”  Todd voleva essere certo che il film non sarebbe stato etichettato come uno dei soliti bei film patinati, ambientati negli high school, i licei americani.  Voleva che fosse ambientato nel mondo vero, con problemi veri,  basato sulle cose a cui pensano  tutti i ragazzi.”

Nel cammino verso la competizione Bandslam, Graff conduce il pubblico e gli attori attraverso un musical divertente ed istruttivo.

Tutto, dal dialogo ai costume di scena, è pieno di riferimenti musicali, alcuni espliciti, altri un po’ oscuri. “Mi piace pensare che i fan di Aly & AJ verranno al cinema e sentiranno persone che parlano di  Sonic Youth e che suoneranno la canzoni di  Steve Wynn.  E’ pazzesco, uno dei momenti più emozionanti è quando  i personaggi di Vanessa Hudgens e Gaelan Connell   vanno in pellegrinaggio alla CBGB e discutono di Bad Brains.”

CBGB, il nightclub dell’ East Village, da 35 anni sinonimo di musica underground a New York, è un momento e una location importante del film. “Per Todd era importante usare quel club e non un qualsiasi altro”, spiega Schmidt. “Lui è cresciuto lì e voleva restituire a questo posto qualcosa, ma anche mostrare un po’ della storia della musica newyorkese.”

“C’era una volta molti anni fa una cosa chiamata ‘punk rock’ e il posto dove nacque, contrariamente a quello che si pensa, non era Londra e non era con i ‘Sex Pistols.’, ma New York City. Lo suonavano in tanti locali, ma quello più importante era un club chiamato CBGB & OMFUG,” spiega Graff, un posto dove molti anni fa anche lui suonava con la sua band, The Pedantics. La cosa davvero importante del CB è che ha cambiato la cultura musicale.

“CBGB  era una casa per le persone che non hanno una casa,” aggiunge Fellows. “Lì si creò questo tipo di ambiente dove sono nati gruppi come The Pretenders e Talking Heads e Iggy Pop.

In quel periodo  la radio non suonava mai le loro canzoni, era roba underground. Gruppi come The Ramones e Patti Smith, che oggi sono considerati “mainstream”,  all’epoca erano molto innovativi.  L’obiettivo del film è sempre stato quello di “parlare” con l’outsider, dire quello che pensano i teenager a scuola, e questi gruppi erano tutti degli outsider a quell’epoca, erano ai  margini.  E questo dimostra che si può essere indipendenti e diversi, ma basta perseverare e il successo arriverà.”

Il mitico club non esiste più, esterni e interni del CBGB sono stati ricreati  negli studios ad Austin. Lo scenografo Jeff Knipp e la sua squadra hanno passato diverse settimane  a ricostruire l’interno del locale tappezzato di adesivi, poster e graffiti,  il bancone del bar,  il palco, l’esagerato PA.

“Il CBGB è stato un club talmente storico che esistono libri e testimonianze al riguardo, perciò il reparto scenografico ha potuto ricreare l’ambiente esatto attraverso le foto, “E Todd, che praticamente ci abitava, ci ha fornito molti dettagli. Era importante per lui ricreare l’emozione di New York in quel periodo, e il CBGB era l’icona di tutto questo..”

La produzione è andata a New York per un giorno di riprese piene di azione, incluse alcune scene davanti all’ex CBGB (adesso c’è un negozio d’abbigliamento John Varvatos) Poi la troupe ha girato al Greenwich Village, in un caffè, dove ha recitato una star d’eccezione, il leggendario David Bowie.  Nel film Will scrive innumerevoli lettere a Bowie, il suo idolo, raccontando tutto di sè… dai suoi problemi a scuola alla sua vita sentimentale goffa e confusa.

Poter girare a New York con Bowie è stata una cosa entusiasmante per la troupe.

“Un’ esperienza pazzesca. In quel momento non capivo più niente, ero fuori di me dall’emozione”, ammette Graff. “Bowie è stato incredibilmente gentile, generoso, divertente, brillante e vero. Era proprio contento di  partecipare ad un film così particolare e toccante. Credevo di svenire.”

“Per me, come per molte altre persone,  David Bowie è un icona, un eroe,” continua Graff. “Non è mai sceso a compromessi  sulla sua arte o sulla sua visione della musica per arrivare al successo, L’idea che lui avesse accettato una parte in questo lavoro mi sembra ancora surreale.”

Trailer italiano:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Annunci

Commenti»

1. hyytgt - 17/10/2009

nn mi vaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: