jump to navigation

Cinema futuro (759): “Ricky – Una storia d’amore e libertà” 04/10/2009

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Ricky – Una storia d’amore e libertà”

Uscita in Italia: venerdì 9 ottobre 2009
Distribuzione: Teodora Film

rickyTitolo originale: “Ricky”
Genere: commedia / drammatico / fantastico
Regia: François Ozon
Sceneggiatura: François Ozon, in collaborazione con Emmanuèle Bernheim (liberamente tratto da “Moth” di Rose Tremain)
Musiche: Philippe Rombi
Uscita in Francia: 11 febbraio 2009
Sito web ufficiale (USA): cliccate qui
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Alexandra Lamy, Sergi López, Mélusine Mayance, Arthur Peyret, André Wilms, Jean-Claude Bolle-Reddat, Marilyne Even, Véronique Joly, Martine Vandeville

La trama in breve…
Divisa tra la figlia Lisa e il lavoro in fabbrica, la vita di Katie cambia all’improvviso quando conosce Paco, un collega con cui inizia una relazione piena di passione. Il frutto del loro amore, Ricky, è un bambino con un dono inaspettato: due piccole ali, che crescono giorno dopo giorno. Dopo lo sconcerto iniziale, Katie prova a nascondere al mondo questo segreto, ma le cose si complicano quando la storia finisce in mano ai media: s’impone allora nei confronti del bambino meraviglioso la scelta tra possesso e amore.
Dai produttori de Il favoloso mondo di Amélie, una favola originale e appassionante firmata da François Ozon, il regista che ha saputo incantare critica e pubblico con 8 donne e un mistero, Sotto la sabbia e Angel. Realizzato con gli straordinari effetti visivi della BUF (Matrix Reloaded, Matrix Revolutions, Spider-Man 3, Il Cavaliere Oscuro), il film è stato presentato in concorso al Festival di Berlino 2009.

PICCOLO APOLOGO SULLA LIBERTÀ E SULL’AMORE
di Vieri Razzini e Cesare Petrillo (Teodora Film)

Da La vita è meravigliosa a Il cielo sopra Berlino, il cinema è stato affascinato in modo ricorrente dagli angeli, dandone raffigurazioni diversissime, ma da ormai più di vent’anni un nuovo angelo mancava dallo schermo. Sorprendente è stata dunque per noi l’apparizione di Ricky, anzi, potremmo dire che quando abbiamo letto il copione la prima reazione è stata lo sconcerto: si raccontava con estrema semplicità e inequivocabile realismo una situazione irreale, impossibile. Chi è Ricky, dunque? È il meraviglioso che irrompe in una vita dura e anonima? È lo spirito d’amore, che nella madre arriva al grado più alto, la rinuncia a favore della libertà dell’altro?
Certo è che all’inizio le sue ali non sono belle o imponenti, quanto piuttosto escrescenze inquietanti, poi, a poco a poco, gli arti di un comune volatile. Coerente con la scelta del realismo, Ozon ci porta per mano, senza che ce ne accorgiamo, a guardare le cose con gli occhi di Katie, la madre toccata da un destino sublime, che capisce all’istante di dover proteggere la diversità della sua creatura da ogni compromesso.
Se in origine l’angelo non è altro che il “messaggero” del mondo invisibile, il messaggio del piccolo angelo laico e proletario Ricky è dunque la necessità di difendere con tutto il proprio essere la libertà e l’amore.

NOTE DI REGIA
di François Ozon

L’idea di partenza

La sceneggiatura di Ricky è liberamente ispirata al racconto di Rose Tremain, “Moth” (falena), che nella versione francese ha il titolo “Léger comme l’air” (leggero come l’aria). Mi è piaciuto immediatamente quando l’ho letto, ma inizialmente non pensavo di poterlo adattare per lo schermo. Non sapevo come avvicinarmi alla storia, come renderla mia. Malgrado mi attirasse il modo in cui un evento straordinario irrompe nelle vite altrimenti scialbe dei protagonisti, l’elemento fantastico mi spaventava, sembrandomi impossibile da rendere. Alla fine, però, ho capito che ciò che mi aveva commosso non era tanto la componente fantastica della vicenda, quanto il fatto che parli della famiglia, del nostro posto all’interno di essa e di come un nuovo membro possa alterarne l’equilibrio.

Ironia

C’è un’ironia nel racconto di Rose Tremain che corrisponde alla mia e che volevo conservare nel film. Ogni volta che la storia diventa troppo irreale o bizzarra, elementi di umorismo e distacco arrivano ad alleviare la tensione e a far funzionare la scena. Katie e sua figlia amano davvero prendersi cura di questo bambino straordinario e spero che il pubblico condivida con loro questo piacere. È divertente vedere un normale sentimento materno esprimersi in una situazione completamente eccezionale.

Un angelo?

Katie non vede mai le ali come un handicap, per lei sono davvero un dono, sono un vantaggio. Il pubblico senza dubbio le interpreterà attraverso un simbolismo religioso, ma all’inizio si tratta di piccoli tronconi sporchi di sangue, mentre quando crescono l’apertura è imponente e il loro colore non è un bianco candido: insomma, si tratta di ali che non richiamano subito un angelo alla mente. È anche per questo che ho voluto mostrare in dettaglio la loro crescita, a differenza del libro, dove appaiono all’improvviso senza spiegazioni.

Il bambino

Nei film, i bambini sono spesso idealizzati. Raramente li vediamo affamati, sporchi o urlanti. Era importante per me che Ricky fosse un personaggio vero, che esprimesse i propri bisogni e le proprie emozioni. Ho diretto il piccolo Arthur Peyret come ogni altro attore, arrivando a parlargli per spiegare cosa volevo da lui. Abbiamo rapidamente adattato i tempi delle riprese alle pause per la pappa e i pannolini. La cosa buffa è che lui ha preso il suo ruolo sul serio e la sua interpretazione migliorava scena dopo scena… Al punto che abbiamo finito di girare prima del previsto.

Ritratto di donna

Amo molto i ritratti femminili e volevo esplorare nuovamente il tema della maternità, ma in modo diverso rispetto a uno dei miei primi film, Regarde la mer. In quest’ultimo, due aspetti dell’istinto materno erano raccontati attraverso due donne molto differenti: la madre buona e la madre “mostruosa”. In Ricky, tali aspetti sono presenti nella stessa madre, Katie, e noi seguiamo la complessa evoluzione dei suoi impulsi. All’inizio è come una leonessa, dedita a proteggere il suo piccolo, poi diventa più giocosa, quasi infantile, quasi fosse una bambina alle prese con una bambola. Infine, abbiamo una madre che si confronta con un figlio che ha bisogno di cure e attenzione, un figlio che dovrà condividere con altre persone e, eventualmente, da cui dovrà separarsi.

Ellissi

Le ellissi del racconto ci conducono attraverso i vari stadi di una classica storia d’amore: la solitudine, l’incontro, la formazione di una coppia, la ragazzina che si sente tagliata fuori, un bambino che sta arrivando. È tutto necessario a portarci verso il fulcro del film: la nascita di Ricky. Ho scelto di iniziare il film con la scena di Katie che parla con l’assistente sociale e con un flashback, allo scopo di sollecitare diverse interpretazioni negli spettatori.

Sergi Lopez

Volevo lavorare con lui da parecchio tempo. Ho scritto il personaggio di Paco pensando proprio a Sergi. È un attore molto raffinato. È sensuale, c’è qualcosa di femminile nel modo in cui si muove, e al tempo stesso è estremamente virile, attrae le donne e le rassicura. Ha portato ambiguità e umanità a un personaggio che sulla carta poteva apparire negativo.

Alexandra Lamy

Quando ho visto in tv Un gars, une fille (la versione francese di Love Bugs, ndr) ho pensato fosse un’attrice davvero interessante. Ha un dono speciale per la commedia e la battuta pronta, è svelta e ha un eccellente tempismo. Mi faceva venire in mente le attrici americane della “screwball comedy”, ma percepivo che sarebbe stata capace di dare il meglio di sé anche in un ruolo drammatico. Inoltre, Alexandra riesce a impersonare il lato ordinario e schietto del personaggio di Katie. Ho pensato che con lei il pubblico avrebbe trovato la vicenda più credibile di quanto sarebbe stata se la protagonista fosse stata interpretata da un’attrice troppo famosa. Il mio obiettivo principale con Alexandra è stato poi di rallentare i suoi tempi, aiutarla a trovarsi a suo agio con il silenzio e l’assenza.

Effetti speciali

Quando il progetto era ancora in fase di sviluppo, eravamo un po’ nervosi. Effetti speciali più un bambino: voleva dire un sacco di ostacoli, malgrado avremmo lavorato con una compagnia celebre come la BUF (vedi cast tecnico, ndr). Alla fine, però, tutto è andato liscio, molto meglio di quanto i produttori e le compagnie di assicurazione si aspettassero. Mi piacciono gli effetti speciali quando sono parte integrante della storia, quando sono al suo servizio, come in Radiazioni BX: distruzione uomo di Jack Arnold, che ha rappresentato un punto di riferimento. O come nei film di David Cronenberg: lui riesce a sfruttare la parte “organica” degli effetti speciali.

Ho provato a fare cose semplici, evitando artifici vistosi o inquadrature eccessivamente elaborate, dettate solo dal fatto di usare gli effetti speciali. Al contrario, volevo integrare tali effetti con una messinscena ordinaria, dove ritroviamo le azioni concrete della vita di tutti i giorni. Ciò ha reso ancora più difficile il lavoro, poiché gli effetti sono solitamente inseriti in un montaggio frenetico di inquadrature brevi, il che non lascia il tempo di vederli davvero, ma piuttosto di intuirli.

Trailer italiano:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Annunci

Commenti»

1. Giangi - 04/10/2009

bellissimo, lo andrò a vedere.


Rispondi a Giangi Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: