jump to navigation

TV – “Report” su RaiTre (7) – “Madoff: la grande truffa” 29/11/2009

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Report - RaiTre, TV ITA.
trackback

reportQuesta sera alle ore 21.35 su RaiTre (replica domani sera alle 21.00 su RaiSat Extra) prosegue l’edizione autunnale di “Report”, il programma di inchieste ed approfondimenti condotto da Milena Gabanelli.
Ecco il sommario della puntata di stasera, tratto dal sito web del programma: l’inchiesta “Madoff: la grande truffa” è stata curata da William Foxton e Robert Vaughn.

Bill Foxton era un ex soldato inglese con un solo desiderio: trascorrere una vecchiaia serena, senza dover dipendere da nessuno. Per farlo aveva investito tutti i suoi risparmi in uno dei fondi a rendimento sicuro più stabili del mondo: quello di Bernie Madoff.
Quando l’enorme catena di Sant’Antonio messa in piedi da Madoff è crollata col suo arresto nel dicembre 2008, è crollato anche il mondo di Bill, che si è suicidato.
William Foxton, l’autore della storia  è il figlio di Bill che ha deciso di imbarcarsi in prima persona in un’inchiesta sulla frode di Madoff e sulla devastazione che ha prodotto. Il grande truffatore, il 29 giugno scorso è stato condannato a 150 anni di carcere per la maxi truffa da 65 miliardi di dollari – almeno tre volte tanto l’ammanco del crac Parmalat.
La truffa si basa sul modello conosciuto come Schema Ponzi: Madoff garantiva un rendimento costante – a prescindere dall’andamento del mercato – del 10% annuo, ma pagava in realtà gli interessi con i capitali dei nuovi clienti. Quando le richieste di rimborso hanno superato i nuovi investimenti, la piramide è crollata.
L’inchiesta ripercorre la vita di Madoff, il suo incredibile successo e la sua capacità di raccogliere consensi ovunque: dai miliardari di Palm Beach alle star di Hollywood, dalle associazioni filantropiche fino ai pensionati di tutto il mondo.

A seguire, il servizio “Il cavaliere del lavoro” di Sigfrido Ranucci.

Mentre si discute sul processo breve, come stanno andando i processi Parmalat? E quanto hanno ottenuto fino a oggi i circa 40 mila risparmiatori beffati nel crac di 14 miliardi considerato il più grande d’Europa? Calisto Tanzi rispondendo per la prima volta ai Pm, nel corso del processo a Parma che lo vede imputato di bancarotta, ha ribadito che il suo “tesoro non esiste”, non c’è un euro che gli appartiene in giro per il mondo. Report trasmetterà la testimonianza di una persona molto vicina al Cavalier Tanzi che per la prima volta parlerà di un viaggio misterioso in Svizzera avvenuto nei giorni precedenti il crac del 2003. I processi al piccolo tribunale di Parma continuano con molta fatica tra tentativi, fino a ora andati a vuoto, di depenalizzare il reato di bancarotta e i problemi di salute del Cavaliere che nell’udienza di lunedì scorso ha interrotto la sua testimonianza perché non riusciva più a parlare

A seguire, per lo spazio “Com’è andata a finire?”, un aggiornamento sull’inchiesta “Poveri noi!” di Giovanna Boursier, trasmessa il 5 aprile 2009.

Andiamo a vedere ad oggi quante social card sono state distribuite, quante effettivamente attivate e come il Governo ha risposto in merito ai costi e alle interpellanze presentate in Parlamento

La puntata termina come sempre con lo spazio “Goodnews” e la consueta “buona notizia” della settimana.

Annunci

Commenti»

1. Matteo - 29/11/2009

il tv sorrisi e canzoni dice che parlera’ della sanita’ quale e’ la versione giusta??

Trisha - 29/11/2009

Doveva essere così ma poi hanno cambiato e non so perché.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: