jump to navigation

Libri – Jane Austen e Seth Grahame-Smith “Orgoglio e pregiudizio e zombie” 04/12/2009

Posted by Antonio Genna in Libri.
trackback

Conoscete il classico di Jane Austen “Orgoglio e pregiudizio”? Se l’avete letto, o anche se lo avete sempre ignorato, non potete davvero perdervi “Orgoglio e pregiudizio e zombie” (Editrice Nord; titolo originale “Pride and Prejudice and Zombies”, traduzione di Isa Maranesi e Roberta Zuppet; 368 pagine, prezzo di copertina 15 €), rivisitazione in stile horror curata con risultati sorprendenti dal trentatreenne statunitense Seth Grahame-Smith.
L’autore, che ha ammesso di non aver amato la Austen quando ha provato a leggere il romanzo all’età di 14 anni, ha subito pensato a “Orgoglio e pregiudizio” quando la casa editrice statunitense Quirk Books, specializzata in parodie e contaminazioni, gli ha proposto di scriverne una costruita attorno ad un classico svincolato dai diritti d’autore. In questo volume, circa l’80% del testo è quello originale del romanzo della Austen (nella versione italiana è usata proprio la traduzione della versione pubblicata da Garzanti Libri, curata da Isa Maranesi), e Grahame-Smith ha inserito opportune aggiunte e modifiche per far arrivare nel sereno villaggio di Meryton una schiera di zombie affamati in cerca di carne fresca.
L’inizio del romanzo originale è “E’ cosa nota e universalmente riconosciuta che un uomo scapolo in possesso di una vasta fortuna debba essere alla ricerca di una moglie”.. nella nuova versione diventa “E’ cosa nota e universalmente riconosciuta che uno zombie in possesso di un cervello debba essere in cerca di un altro cervello”. La storia prosegue con Mr Bennet alle prese con l’affilamento di pugnali e la pulizia di moschetti per la difesa della sua famiglia: l’uomo addestra la moglie, che continua a pensare a come sistemare bene le cinque figlie, alle arti marziali, e non manca nemmeno la vicenda d’amore tra Lizzy e Mr Darcy, eroe romantico per eccellenza che nel romanzo diventa un abile cattura-mostri.
Il libro dovrebbe anche approdare prossimamente sul grande schermo, con un film interpretato da Natalie Portman.
A seguire, la presentazione del volume e dell’autore indicate nel risvolto di copertina del romanzo.

“È cosa nota e universalmente riconosciuta che uno zombie in possesso di un cervello debba essere in cerca di altro cervello”.
Così inizia Orgoglio e pregiudizio e zombie, versione fedelmente aggiornata del celeberrimo (e amatissimo) capolavoro di Jane Austen, grazie a numerose scene «inedite» in cui, a farla da protagonisti, sono appunto gli zombie. Pubblicato da una piccola casa editrice americana, questo romanzo ha suscitato l’entusiasmo sia dei neofiti sia dei più fanatici ammiratori della Austen, scalando in breve tempo tutte le classifiche di vendita e imponendosi come il fenomeno editoriale dell’anno. E il motivo di un successo tanto clamoroso è semplice: al fascino di una storia d’amore senza tempo, si aggiunge il divertimento di una lotta senza esclusione di colpi contro l’orribile flagello che si è abbattuto sull’Inghilterra, arrivando fino al tranquillo villaggio di Meryton, dove l’indomita Elizabeth Bennet, insieme con le sue sorelle, è impegnata a contrastare orde di famelici morti viventi. Un ruolo che le calza a pennello, almeno finché non arriva il bello e scontroso Mr Darcy a distrarla… Pieno di romanticismo e avventura, di cuori infranti e cadaveri affamati, di argute schermaglie e duelli all’arma bianca, Orgoglio e pregiudizio e zombie trasforma una pietra miliare della letteratura mondiale in un libro che si ha, finalmente, davvero voglia di leggere. O che non si vede l’ora di rileggere.

L’AUTORE
Seth Grahame-Smith è nato nel 1976 e vive a Los Angeles. Ha letto per la prima volta Orgoglio e pregiudizio quando aveva 14 anni, ma ne era rimasto deluso. Tuttavia, quando ha ricevuto la proposta di scrivere un romanzo con protagonisti gli zombie, gli è subito tornata alla mente la storia di Elizabeth Bennet e di Mr Darcy. Come ha spiegato alla rivista Time, infatti, «è quasi come se Jane Austen avesse inconsapevolmente previsto questo tipo di adattamento. C’è un’eroina emancipata e dalla lingua tagliente, quindi non è difficile immaginarla anche armata di un pugnale tagliente. E poi c’è Darcy: non credo di dover aggiungere altro…»

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: