jump to navigation

Edicola – “Le Scienze”, gennaio 2010 – “20 idee per cambiare il mondo” 09/01/2010

Posted by Antonio Genna in Le Scienze, Scienza e tecnologia.
trackback

Di seguito propongo copertina, principali contenuti ed allegati facoltativi del numero 497 – Gennaio 2010 del mensile “Le Scienze”, edizione italiana di “Scientific American”, in edicola dallo scorso 31 dicembre.
La rivista è pubblicata dal Gruppo Editoriale L’Espresso ed in vendita al prezzo di 3,90 €. Con questo numero, in omaggio, il DVD video “Vivere sulla Terra, vivere nello spazio: gli elementi della vita – Cibo per il futuro” prodotto dall’ESA – European Space Agency (il DVD comprende anche delle guide introduttive in PDF in italiano e inglese).

I principali contenuti di questo numero:

Nel numero di «Le Scienze» di gennaio in edicola:

20 idee per cambiare il mondo
Pannelli solari a costo zero, minuscoli sensori diffusi nell’ambiente per mappare il mondo, semplici analisi con cui anticipare l’insorgere di malattie. Sono solo alcune delle proposte illustrate nel numero di gennaio di «Le Scienze» che potrebbero cambiare il futuro del pianeta, rendendolo più pulito, più sano, più intelligente. Partendo da cinque categorie (energia, trasporti, ambiente, elettronica e robotica, salute e medicina), abbiamo selezionato 20 idee semplici ma ambiziose, che esprimono tutte le potenzialità della scienza e dalla tecnologia per risolvere i problemi che affliggono l’umanità.

Inoltre, sul numero di gennaio di «Le Scienze»:

Più petrolio dalla Terra. Nonostante gli allarmi sul possibile picco della produzione, tecnologie avanzate consentiranno di estrarre fino all’ultima goccia di petrolio: e allora l’oro nero potrebbe durare per almeno un altro secolo.

Planck: uno sguardo all’alba dei tempi. Il satellite dell’Agenzia spaziale europea traccerà una mappa della radiazione emessa dal cosmo subito dopo la sua nascita con un dettaglio mai raggiunto prima.

Ultimissime sull’uomo di Flores. Recenti analisi mostrano che questa piccola specie umana è più strana di quanto si pensasse, e suggeriscono di rimettere in discussione aspetti chiave della storia della nostra evoluzione.

La TV totale. Internet sta per rivoluzionare il nostro modo di vedere la televisione, ma il modo in cui questo avverrà è oggetto di un’accesa disputa.

Inoltre, con Le Scienze di gennaio, a richiesta e a pagamento:

– il 33° volume della collana “Biblioteca delle Scienze”, “L’universo affollato” di Alan Boss, finora inedito in Italia, che raccoglie la storia e il futuro della caccia agli esopianeti.

Il 6 ottobre 1995 un astronomo svizzero dell’Osservatorio di Ginevra, Michel Mayor, annuncia a Firenze una formidabile scoperta: il suo gruppo ha individuato il primo pianeta extrasolare, un gigante grande la metà di Giove in orbita intorno alla stella 51 Pegasi con un sorprendente ciclo orbitale di appena quattro giorni. Il 23 novembre la scoperta viene pubblicata su «Nature», aprendo ufficialmente una nuova era nella storia dell’astronomia osservativa e confermando – come ci si aspettava – che il Sole non è certo l’unica stella circondata da un sistema planetario.
È da qui che prende le mosse la storia – esaltante, struggente, a volte frustrante – ricostruita da Alan Boss in L’universo affollato, il libro in edicola con il numero di gennaio di «Le Scienze». Ricercatore presso il Dipartimento di magnetismo terrestre della Carnegie Institution, a Washington, Boss è uno tra i maggiori esperti mondiali di teorie della formazione planetaria, e ha vissuto in prima persona la corsa al primo pianeta extrasolare, trascorrendo poi i quindici anni che ci separano da quella scoperta nel cuore della neonata comunità degli «esoplanetologi». Così se Boss sceglie, per il dipanarsi della sua narrazione, l’arida cadenza temporale degli eventi, in realtà non c’è pagina da cui non traspaia la formidabile passione di chi dedica la vita alla ricerca di pianeti abitabili al di fuori del sistema solare.
Già, perché gli astronomi non si sono certo accontentati dei primi successi, rapidamente seguiti all’annuncio di Mayor. L’obiettivo finale è, come dichiara l’autore, scoprire «quanti sono i pianeti simili alla Terra nel nostro vicinato, la Via Lattea». Di più: sapere se da qualche parte, qui intorno, ci sono corpi celesti che ospitano forme di vita. E presto potremmo arrivare almeno al primo obiettivo, grazie anche a due telescopi spaziali che si stanno confrontando in questa affascinante corsa: l’europeo CoRoT, lanciato nel 2006 per studiare la struttura delle stelle ma rivelatosi un ottimo strumento per l’osservazione di pianeti di tipo terrestre; e lo statunitense Kepler, progettato specificamente per individuare e catalogare pianeti abitabili, messo in orbita dalla NASA il 7 marzo scorso.
Sono almeno tre i racconti che si intrecciano nelle pagine di Boss: uno è la straordinaria progressione delle scoperte di nuovi pianeti, in incessante accelerazione; un altro è l’affinamento delle tecniche di osservazione, dalla misurazione della riduzione della luminosità di una stella mentre un pianeta le passa davanti lungo l’orbita – i cosiddetti «transiti» planetari – allo sfruttamento delle microlenti gravitazionali, che ci riporta a quel «telescopio di Einstein» che abbiamo pubblicato in ottobre; e infine c’è il continuo perfezionamento degli strumenti osservativi, che sta alimentando quella accelerazione.
C’è poi anche un quarto, sofisticato registro di lettura in L’universo affollato, che Boss preannuncia fin dal Prologo. È la battaglia per la supremazia su un terreno di ricerca nuovo e importante, che il planetologo statunitense legge con un notevole rammarico per la deprimente evoluzione dei budget scientifici della NASA. In questo scontro (un po’ al ribasso, se si pensa ai bilanci delle rispettive agenzie spaziali…) tra Europa e Stati Uniti – rileva Boss – la prima «è in vantaggio di oltre due anni». E c’è da scommettere che, vedendo già minacciata la propria supremazia in fisica delle particelle dalla costruzione di LHC, la comunità scientifica d’oltre Atlantico non abbia nessuna intenzione di tollerare un ulteriore ridimensionamento del ruolo di dominatrice assoluta della ricerca che ha avuto almeno negli ultimi settant’anni.
Frattanto, come si legge a pagina 34, il numero dei pianeti extrasolari ha superato quota 400, e gli astronomi impegnati nella ricerca di pianeti simili alla Terra si sono riuniti a Barcellona in settembre per definire una strategia comune. Il tempo che ci separa dalla scoperta di un pianeta roccioso, con la superficie parzialmente coperta di acqua allo stato liquido e un’atmosfera contenente ossigeno potrebbe non essere molto. E allora anche la celebre domanda di Enrico Fermi – dove sono tutti quanti? – potrebbe cominciare a trovare risposte.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: