jump to navigation

Cinema futuro (848): “Cuccioli – Il Codice di Marco Polo” 19/01/2010

Posted by Antonio Genna in Animazione, Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Cuccioli – Il Codice di Marco Polo”

Uscita in Italia: venerdì 22 gennaio 2010
Distribuzione: 01 Distribution

Titolo originale: “Cuccioli – Il Codice di Marco Polo”
Genere: animazione
Regia: Sergio Manfio
Sceneggiatura: Sergio e Francesco Manfio, con la collaborazione di Anna Manfio e Davide Stefanato
Musiche: Lorenzo Tomio, Sergio Manfio
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: (doppiatori originali) Monica Ward, Laura Lenghi, Paolo Lombardi, Edoardo Nevola, Gigi Rosa, Paola Giannetti, Gerolamo Alchieri, Enrico Di Troia, Franco Mannella, Pino Ammendola

La trama in breve…
Maga Cornacchia odia Venezia. La sua avversione per la città risale a quando era una giovane Maga e durante un esperimento di magia era caduta nella laguna suscitando l’ilarità di tutti i Maghi presenti. E adesso che ha trovato sull’Himalaya il Palazzo che contiene tutte le magie inventate dai Maghi orientali negli ultimi cinquemila anni, ha intenzione di usare i trucchi del Palazzo della Magia per unico obiettivo: prosciugare la laguna e trasformarla in una città come tutte le altre, con le strade al posto dei canali e motorini e macchine al posto di gondole e barche. In altre parole, distruggere Venezia.
E c’è un solo modo per fermarla: ritrovare il Codice di Marco Polo che contiene le istruzioni per rintracciare, e accedere, al magico Palazzo di Venezia, che giace sotto il Ponte di Rialto, dove sono racchiuse le magie che potrebbero contrastare i malefici sortilegi di Cornacchia. All’epoca in cui Marco Polo compiva i suoi viaggi, infatti, i mercanti veneziani che tornavano dalla Cina avevano saputo dell’esistenza del Palazzo della Magia sull’Himalaya e ne avevano ricostruito sotto la laguna uno perfettamente identico, dotato degli stessi incantesimi.
Ma per arrivare al Codice bisogna entrare in possesso della pietra lasciapassare che il Gran Khan aveva donato a Marco Polo e che – si racconta – sia stata abbandonata dal celebre viaggiatore nell’Oasi di Kebab, in Asia Minore.
E i Cuccioli non si tirano indietro per affrontare la più impegnativa delle sfide, recuperare il Codice di Marco Polo e salvare Venezia. Anche se si tratta di interrompere le loro attività in giro per il mondo.
La gatta Olly era impegnata in uno stage presso la Polizia di Chicago; Diva, da papera sfrontata, sta calcando le passerelle delle sfilate di Parigi per inseguire il sogno di diventare una top model; il coniglio Cilindro ha trovato lavoro come bodyguard di una diva di Hollywood, mentre la rana Pio, aspirante attore, sta facendo un provino per il reality “Il Grande Nasello” ma non viene preso perché sa nuotare solo a rana…
Così, dopo una sosta a Londra per rifornirsi di una serie di dispositivi tecnologici degni di James Bond, i Cuccioli partono alla ricerca della pietra lasciapassare, prima tappa, l’Oasi di Kebab, Asia Minore. E in un alternarsi di inseguimenti mozzafiato, indagini avvincenti, colpi di scena inizia così una lotta senza esclusione di colpi di magia per la caccia al Codice, contro un’implacabile antagonista che metterà in campo qualunque maleficio per portare a compimento il suo diabolico progetto.

NOTE DI REGIA

Con “Cuccioli – Il codice di Marco Polo” abbiamo cercato di fare un film per bambini… questa affermazione può sembrare tautologica ma molto spesso, come ben sappiamo, nei film di animazione non si pone il giusto grado di attenzione al fatto che si sta raccontando una storia adatta ai più giovani.

Siamo profondamente convinti che una produzione per bambini – proprio perché si rivolge a un soggetto in via di sviluppo – debba essere di qualità. Con queste premesse ben chiare in testa abbiamo quindi profuso il nostro impegno nella costruzione della storia e dei personaggi, nella composizione della colonna sonora, nel doppiaggio…

L’idea del film ci è venuta circa 3 anni fa e dopo un lungo e accurato lavoro di preparazione finalmente, circa un anno e mezzo fa, abbiamo completato lo storyboard, iniziando quindi il lavoro di costruzione dei personaggi e di animazione. Il lavoro di produzione vero e proprio ha impegnato 424 persone, fra addetti esterni e interni, per 2 lunghi, intensi, entusiasmanti anni.

Gli elementi del film a cui abbiamo inizialmente prestato un’attenzione particolare, oltre naturalmente alla parte grafica/artistica, sono stati lo sviluppo della storia e i personaggi.

–      Il plot è molto articolato e ha i canoni tipici di una storia per bambini; non è banale ma nemmeno troppo complicata, e la trama lascia spazio a situazioni ed eventi che li interessano. A differenza di alcuni lungometraggi americani abbiamo cercato di far sì che la storia non fosse interrotta troppe volte da effetti “puramente comici” e da divagazioni di vario tipo. Ovviamente la comicità e i personaggi divertenti hanno un ruolo importante nel nostro film, ma queste “dinamiche secondarie” sono state sviluppate senza perdere mai di vista la storia. La cura meticolosa che abbiamo messo nello scrivere la trama del nostro film siamo sicuri che verrà ben apprezzata oltre che dai bambini anche dal pubblico adulto, lo stesso che – per quanto riguarda la serie televisiva – ne apprezza molto i contenuti.

–      La fortuna (e l’anomalia) di essere anche attori di teatro, oltre che regista e produttore di un lungometraggio, ha permesso a me e a mio fratello di lavorare sul film con migliaia di bambini “veri”, con i quali abbiamo verificato molti dettagli praticamente “in diretta”. Ad esempio durante i lunghi mesi di rielaborazione della sceneggiatura abbiamo girato i teatri delle maggiori città italiane con uno spettacolo che “raccontava” la storia del film e abbiamo anche fatto delle letture animate per verificare gli effettivi livelli di comprensione della trama.

–      Abbiamo cercato di mettere in scena dei personaggi complessi e ben costruiti. I sei Cuccioli, con le loro peculiarità e le precise dinamiche che si creano tra loro, ben rappresentano il mondo dei bambini e delle bambine in tutte le loro sfaccettature. La papera vanitosa e un po’ prepotente che si crede sempre al centro del mondo, la gattina saggia, il cagnolino appassionato lettore, il coniglio spaccone, il pulcino che non sa ancora parlare, il ranocchio che vorrebbe, da grande, fare l’attore… in ogni gruppo di bambini tutti si possono rispecchiare in qualcuno dei nostri personaggi.

–      Nel film appaiono anche dei personaggi negativi – in primis Maga Cornacchia – che hanno anch’essi degli aspetti intriganti. Anche in questo caso abbiamo costruito con attenzione il personaggio della perfida rivale dei Cuccioli, operando una riflessione sul rapporto che i bambini hanno anche con i cattivi. I due ermellini aiutanti di Maga Cornacchia, invece, come spesso accade sono veramente sciocchi e diventano i protagonisti di molti momenti comici… il che, alla fine, ce li fa quasi diventare simpatici.

–      In alcuni momenti del film abbiamo giocato a coinvolgere direttamente il pubblico: ad esempio Maga Cornacchia a un certo punto interrompe il suo discorso, guarda dietro di sé e, rivolta ai bambini, chiede loro “Ma voi non direte niente ai Cuccioli, vero?!?”. In un altro momento del film i Cuccioli invitano i bambini a compiere determinate azioni, ad esempio a battere le mani e, soprattutto, a non raccontare a Maga Cornacchia cosa stanno facendo. Lo spunto per questo tipo di coinvolgimento attivo dell’audience ci viene dalla nostra formazione teatrale ed è suffragato anche da un lungo lavoro di sperimentazione che abbiamo compiuto qualche anno fa con più di 2mila studenti.

–      Un altro dettaglio che abbiamo curato attentamente e del quale siamo molto orgogliosi è la colonna sonora. Un’importante parte delle musiche è stata realizzata in collaborazione con l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento; per questo lungometraggio, a differenza di quanto accade normalmente in Italia per le produzioni cartoon, siamo riusciti a lavorare in synch sulle immagini, creando una colonna sonora che veramente “accompagna” tutti i momenti del film.

Ci fa piacere sottolineare anche la collaborazione con Ska-j, un importante gruppo che suona musica jazz in stile afro-jamaicano, che ha interpretato in maniera molto divertente due canzoni del film.

I NUMERI DEL FILM

Qui di seguito ci sono “i numeri” del film: alcuni riguardano la produzione, altri sono note di colore, in ogni caso sono tutti veri!

–      26 mesi di lavorazione, dalla stesura definitiva della sceneggiatura al doppiaggio

–      424 sono le persone del gruppo di produzione, controllo e postproduzione, divise tra Treviso e altre sedi (animatori, fondisti, layoutisti, coloritori, direttore e segretaria di produzione, interpreti, montatori, tecnici, doppiatori, fonici, musicisti…)

–      8 sono le versioni diverse della sceneggiatura

–      4 volte è stato necessario riscrivere (in italiano e in inglese!) i dialoghi dei personaggi

–      94’ di animazione

–      134.802 fotogrammi

–      oltre 400 background realizzati in totale

–      1.300 fogli A3 usati per disegnare i background

–      2.200 fogli A3 utilizzati per disegnare i personaggi del film prima di “trasferirli” nel computer e trasformarli in 3D

–      1.500 fogli A3 necessari per disegnare i prop, ovvero gli oggetti di qualsiasi tipo che appaiono nel film

–      oltre 500 prop sono stati disegnati in tutti i dettagli e con le proporzioni rispetto ai personaggi che appaiono nella scena

–      97 statuette in creta sono state modellate come base per la successiva creazione dei personaggi 3D al computer

–      circa 65 kg di creta e circa 25 mt di fil di ferro sono stati usati per modellare e sostenere i personaggi

–      97 personaggi sono stati disegnati; per ognuno sono stati realizzati 22 disegni, per un totale di 2.134 pose

–      86 personaggi secondari appaiono nel film, oltre ai 6 cuccioli protagonisti, ad Aldo, a Maga Cornacchia, Cun Cun, Cambaluc, Ambrogio

–      932 DVD sono stati utilizzati per il trasferimento dati tra i diversi settori della factory di Treviso e per il controllo delle varie fasi di lavorazione

–      2 Tera (ovvero 2.000 GB) di file sono stati scambiati via FTP tra le diverse strutture di produzione

–      26 hard disc esterni sono stati aggiunti ai computer esistenti

–      3 hard disc hanno dichiarato forfait durante la lavorazione

–      1 scena solamente (!) è andata persa nel trasferimento dati

–      32.000 sono i km che percorrono i Cuccioli durante le loro avventure

–      18 sono i mezzi di trasporto usati dai personaggi del film

–      56.000 fogli di carta A4 sono stati usati per le fotocopie

–      36.000 post-it colorati per le comunicazioni interne

–      33 scatole di matite

–      162 scatole di mine per matite di varia gradazione

–      238 gomme

E ancora, nella factory di Treviso:

–      3 bambine e 3 bambini sono nati durante la lavorazione del film

–      15 sono i kg presi, e successivamente persi, da Christian, responsabile dei prop

–      23.270 caffè sono stati bevuti, insieme a…

–      89 kg di biscotti

–      22 kg di marmellata prodotta artigianalmente per “addolcire” il lavoro

–      6.475 litri d’acqua gasata

–      9.980 litri d’acqua non gasata

–      nessuna sigaretta! – Il Gruppo Alcuni è una “no-smoking organization”.

I Protagonisti – I Cuccioli

OLLY
Occhi verdi, pelliccia rossa e coda lunga, la saggia gattina Olly è la vera leader del gruppo. Olly ama l’avventura, gli indovinelli, risolvere misteri e soprattutto difendere i propri amici. Odia stare in ozio, detesta la moda e le frivolezze e quelli che imbrogliano per vincere. Ha un modo spiccio e sbrigativo di affrontare le cose. E’ diretta, immediata, e mira dritto al sodo. Ha un linguaggio molto colorito e, quando serve, sa tirare fuori le unghie…

CILINDRO
Lunghe orecchie, occhi azzurri e cuore d’oro: è Cilindro, il coniglietto che è anche l’atleta del gruppo e non aspetta altro che misurare la sua abilità fisica. Come qualche  sportivo a volte è un po’ spaccone. Cilindro è segretamente (ma non troppo!) innamorato della papera Diva e cerca in ogni modo di assecondarla e di farla divertire. Oltre a Diva, Cilindro ama le carote, gli sport, Diva, Diva e ancora Diva… Odia l’amore non ricambiato, i pugni di Diva e la mancanza di carote.

DIVA
Fiocco rosa, candide e morbide piume, becco sensuale: ecco Diva, papera e primadonna del gruppo che si vede naturalmente bellissima ed elegantissima e sogna di fare la top model. Diva ama molto il glamour, lo shopping, prendere il sole, avere ragione, gli specchi, le collane, gli anelli… e odia la ginnastica, avere torto, essere a dieta e non essere considerata la più bella. Ogni momento è buono per esercitare il suo portamento e la sua camminata. Diva sfoga le sue frequenti ire su Cilindro, che deve anche cercare di soddisfare tutti i suoi capricci!

PIO
Segni particolari: camminata molleggiata, viso espressivo, colore verde! E’ Pio, il ranocchio del gruppo, che conosce moltissime barzellette ed è un ottimo imitatore. Da grande vorrebbe fare l’attore classico anche se gli manca la erre. Odia la tensione prima di uno spettacolo e ha paura di dimenticare le battute. La sua grande abilità ad imitare suoni e grida di animali lo rende spesso indispensabile per salvare dai guai i suoi amici.

SENZANOME
Piume gialle e faccia d’angelo, lo si può trovare quasi sempre appollaiato sulle spalle del cagnolino Portatile: si tratta di Senzanome, il pulcino del gruppo. Visto che non è ancora in grado di parlare si serve di cartelli per comunicare con gli altri Cuccioli. Ama le sfide e le partite di calcio, ma soprattutto ama sempre avere un cartello adatto alla situazione. Senzanome è dotato di un grande senso dell’ironia, che dimostra grazie ai suo cartelli, che a volte sono pieni di immagini come dei rebus. Odia parlare ma odia anche topi e piccioni.

PORTATILE
Pelliccia nera, occhio profondi, collare rosso, il suo habitat naturale è…tra i libri. Il cagnolino Portatile è l’intellettuale del gruppo: educatissimo e pacato, usa un linguaggio anche troppo forbito… Ama leggere e raccontare aneddoti, ama viaggiare e ama la storia. Odia essere interrotto, lo sport e i pettegolezzi. Ha conoscenze di informatica e di telefonia ed è chiamato Portatile perché quando era molto piccolo ha inghiottito un cellulare, che ogni tanto gli squilla ancora nella pancia.

Trailer italiano:

La canzone del Gondoliere:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Commenti»

1. hugosss - 19/01/2010

So che c’è molto lavoro dietro..
…ma guardando il trailer mi sono imbarazzato tantissimo….
Non è solo la grafica il nostro tallone d’Achille..ma la sceneggiatura..
…nemmeno i bambini ridevano mentre lo proiettavano..

Fabio - 20/01/2010

ti quoto… imbarazzante il trailer…

2. mattia - 22/01/2010

ragazzi questo e uno dei film d’animazione italiana piu’ bello mai realizzato da vedere assolutamente altro che le winx

3. IlTorvo - 22/01/2010

Hugosss, fammi capire, dai pareri sulla sceneggiatura di un film e sul gradimento dei bambini semplicemente guardando un trailer? Questo è imbarazzante.

4. mattia - 23/01/2010

no io l’ho visto all’anteprima e credetemi sala piana , ma non solo!! sta riempiendo le sale di mezza italia… i trailer molte volte non rispecchiano il film un consiglio… vedetelo!

5. santarex - 25/01/2010

Simpatico…

6. Giuseppina - 25/01/2010

Il film è BELLISSIMO! :-) Ho accompagnato i miei nipoti a vederlo e mi sono divertita un sacco. Cinema strapieno, grande coinvolgimento dei bambini in sala (bravi sceneggiatori!) e bellissimi disegni e sfondi (bravi animatori!).

Per Hogosss: come si può sentirsi “imbarazzati” da un film vedendo solamente il trailer? Forse chi scrive non sa che i trailer vengono “estratti” (ovviamente) dal film ma chi fa questo lavoro non è il regista bensì un montatore scelto dalla casa di distribuzione… mi pare piuttosto ingiusto dare commenti così pesanti senza avere visto il film!

7. Notizie dai blog su Il DVD Cuccioli Il Codice di Marco Polo – il trailer e la locandina del film - 17/03/2010

[…] Cinema futuro (848): “Cuccioli – Il Codice di Marco Polo” “Cuccioli – Il Codice di Marco Polo” Uscita in Italia: venerdì 22 gennaio 2010 (in 3-D, nelle sale attrezzate) Distribuzione: 01 Distribution Titolo originale: “Cuccioli – Il Codice di Marco Polo” Genere: animazione Regia: Sergio Manfio Sceneggiatura: Sergio e Francesco Manfio, con la collaborazione di Anna Manfio e Davide Stefanato Musiche: Lorenz blog: antoniogenna.net blog | leggi l'articolo […]


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: