jump to navigation

Cinema futuro (877): “L’amante inglese” 02/03/2010

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Interviste, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“L’amante inglese”

Uscita in Italia: venerdì 5 marzo 2010
Distribuzione: Teodora Film

Titolo originale: “Partir”
Genere: drammatico / romantico
Regia: Catherine Corsini
Sceneggiatura: Catherine Corsini
Uscita in Francia: 12 agosto 2009
Sito web ufficiale (Francia): nessuno
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast:
Kristin Scott Thomas, Sergi Lopez, Yvan Attal, Bernard Blancan, Aladin Reibel, Gerard Lartigau, Alexandre Vidal, Daisy Broom, Berta Esquirol

La trama in breve…
Lasciata l’Inghilterra fin da giovane, Suzanne vive in una bella villa nel sud della Francia, con un marito molto conservatore e due figli ormai adolescenti. Stanca della routine quotidiana e annoiata da un matrimonio senza entusiasmi, trova il coraggio per incontrare segretamente Ivan, un operaio spagnolo rude e silenzioso che le sta ristrutturando lo studio. La donna si sente desiderata e viva come non le era mai accaduto e quella che doveva essere solo un’avventura si trasforma in una passione travolgente. Decisa a rinunciare a tutto per seguire la sua storia d’amore, inizia una lotta senza esclusione di colpi con il marito che li spingerà fino alle scelte più estreme.
Accolto con entusiasmo all’ultimo Festival di Toronto, dove è stato acquistato per la distribuzione in oltre 30 paesi, Stati Uniti compresi, L’amante inglese è stato un grande successo in Francia con oltre cinque milioni di euro di incasso. Nel ruolo di una donna disposta a tutto in nome della passione, il premio Oscar Kristin Scott Thomas offre una delle più emozionanti interpretazioni della sua carriera.

NOTE DI REGIA
di Catherine Corsini

Una storia d’amore senza compromessi

Credo che ogni regista, a un punto della sua carriera, senta il bisogno di confrontarsi con una genuina storia d’amore. Avevo voglia di raccontare una vicenda classica, che fosse semplice e lineare ma al tempo stesso mi permettesse un ritratto femminile simile a quello delle eroine di cui ho sempre sognato, donne come Anna Karenina e Madame Bovary. Questo era lo spunto iniziale: una donna che osa rinunciare a tutto per una nuova vita. Non è disposta a fare compromessi, forse perché sa che non può più negarsi alle occasioni che il destino le offre. Neanche i figli possono trattenerla. Ho provato a mostrare la forza del desiderio, la sua inevitabilità e la sua irruzione in un’esistenza normale e ordinata.

La prigione e il desiderio

C’è una dimensione sociale e politica molto forte nel film, relativa al ruolo della donna nella coppia. Il punto di vista è chiaramente femminista: Suzanne è in trappola, non ha indipendenza finanziaria ed è completamente alla mercè del marito, che usa ogni mezzo a sua disposizione, anche il più disgustoso, per impedirle di lasciarlo. L’amante inglese è la storia di una donna che si autoesclude dal proprio contesto sociale, che si emancipa a ogni costo. Ha vissuto per anni in una prigione dorata e all’improvviso il desiderio, l’amore e la passione la spingono a lasciarsi tutto alle spalle. Suzanne si getta a capofitto nella relazione con Ivan, sapendo di non poter tornare indietro, e con lui impara di nuovo a essere se stessa.

Kristin Scott Thomas

Kristin ha una qualità misteriosa, una bellezza fredda, una durezza apparente intaccata da una malinconia che la rende fragile e vulnerabile. Era la scelta ideale per interpretare una donna avvolta all’esterno da un conformismo borghese in cui uno strappo improvviso rivela la disperazione sottostante. Oltre al fatto, naturalmente, che si tratta di un’attrice capace di mostrare le emozioni con incredibile intensità. Basti pensare a quella sottile, virtualmente impercettibile trasformazione del suo viso, dalla passività iniziale alla terribile determinazione del finale.

La luce di Nîmes

Ho scelto di girare a Nîmes per la sua luce e il suo calore… Le riprese si sono svolte d’estate, a metà agosto: il clima era torrido e opprimente, ma era quello che cercavo, per esaltare il desiderio dei personaggi. Peraltro, questo è il quarto film in cui collaboro per la fotografia con Agnès Godard, che ha un modo molto delicato di girare le scene d’amore, che volevo fossero al tempo stesso crude e romantiche. Ma la cosa più importante è che sapevo che Agnès avrebbe dato al film una luce sensuale, capace comunque di enfatizzare anche gli aspetti problematici dei protagonisti. La storia d’amore doveva essere sublimata conferendole grazia e bellezza.

Il lavoro con gli attori (e il cuore di Kristin)

Il mio obiettivo è che gli attori stiano sempre in allerta. Provo a scovare le loro debolezze e il loro mistero, facendoli venire allo scoperto e rompendo il sistema a cui si affidano, se ne hanno uno, in modo che si sentano in pericolo. È così che spero riescano a darmi qualcosa che non hanno dato a nessun altro. Voglio che succeda qualcosa tra gli attori e i rispettivi personaggi, che un elemento di verità finisca per emergere. Solo in fase di montaggio, ad esempio, mi sono accorta che in alcune scene si poteva sentire battere il cuore di Kristin.

La musica rubata a Truffaut

Nel film vengono usate alcune musiche scritte da Georges Delerue e Antoine Duhamel per i film di Truffaut. Con il mio montatore abbiamo iniziato provando un brano di Delerue su una scena, poi una seconda, quindi una terza… L’effetto era magico: funzionava così bene che non avrei potuto più farne a meno! Queste musiche riuscivano a dare al film una dimensione ancora più romantica, e il mio entusiasmo era alle stelle quando finalmente abbiamo ottenuto i diritti per usarle.

Il finale appartiene al regista

Il finale dà la chiave di lettura del film, per questo appartiene al regista. Mi piacciono i finali in cui, al di là di tutte le peripezie, l’amore trionfa, anche quando questo comporta un prezzo altissimo da pagare. È un modello narrativo classico, ma il suo vantaggio è che può essere rivisitato e utilizzato all’infinito. Oltre al fatto che tutti noi sogniamo un’intensa storia d’amore e i film ci consentono di vivere quello che non permettiamo a noi stessi di sperimentare nella vita quotidiana.

INTERVISTA A KRISTIN SCOTT THOMAS

Cosa l’ha colpita del progetto quando Catherine Corsini le ha parlato de L’amante inglese?

È stata Catherine stessa ad attrarmi immediatamente, si tratta di una persona davvero unica. Mi piacciono i suoi film perché c’è sempre qualcosa di forte e poetico che prende il sopravvento e lei è una regista capace di osare e sperimentare cose nuove. Ma è stata importante anche la presenza di Fabienne Vonier, la produttrice, che apprezzo molto, e di Agnès Godard, che ha diretto la fotografia: mi attirava molto l’idea di lavorare con queste donne per raccontare la storia di una donna rimasta a lungo soffocata, ma che crede nella possibilità di reinventare la seconda metà della sua vita.

Come definirebbe il personaggio di Suzanne?

Lei ama suo marito e si prende cura dei suoi bisogni, è ben vestita, ha una bella casa e una bella macchina con cui andare in vacanza… Ma suo marito non fa altro che umiliarla costantemente: questa donna è sua moglie, gli appartiene ed è parte del suo status sociale. Quando Suzanne diventa consapevole di tutto ciò, incontra un uomo che è l’esatto contrario: gentile, semplice, pieno di attenzioni. L’incontro è una rivelazione. Naturalmente, ciò è legato anche al desiderio e al piacere sessuale che la donna non ha provato più per lungo tempo. Quello che mi ha colpito del personaggio è la sua innocenza e le sue speranze, la sua capacità di lasciare tutto e ricominciare da zero. Per realizzare i suoi sogni Suzanne sarebbe anche disposta a lavorare come cassiera in un supermercato: il suo orgoglio è meno importante del suo amore.

Suzanne e Ivan, il personaggio interpretato da Sergi Lopez, sono entrambi stranieri in Francia. Crede che questo abbia un impatto sulla storia?

Certamente. Entrambi si sentono fuori luogo. Quando vivi in un paese straniero da molto tempo, arriva il momento in cui avresti voglia di scappare, tornando a casa o partendo per un altro posto. Nel contesto del film, si tratta di una fuga simbolica.

Ci sono delle scene in particolare che aveva paura di girare?

Soprattutto le scene “fisiche”. È sempre complicato quando ci sono scene d’amore o di violenza. Solitamente non amo girarle, né rivederle a film completato, ma mi piace molto quello che mostrano in questo film. Sembrerebbe una vicenda classica, ma il modo in cui gira Catherine la rende diversa e originale. Ogni volta che Suzanne incontra il suo amante, l’unica cosa che vediamo è un abbraccio che li lega l’un l’altra… Trovo ciò molto bello, molto sensuale.

Come descriverebbe il lavoro di Catherine?

È molto istintiva e esigente al tempo stesso. E anche… piuttosto severa! Diretta, passionale. Ma accetterei di lavorare di nuovo con lei in un baleno! È molto rigorosa e se non ottiene quello che vuole, lo descrive con precisione e… bisogna eseguirlo! In realtà è un metodo che funziona alla perfezione con me, poiché mi piace essere messa all’angolo, provocata, molto più che lavorare con qualcuno felice al primo ciak!

Trailer italiano:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: