jump to navigation

Libri – Claudio Fracassi “Il romanzo dei Mille” 11/05/2010

Posted by Antonio Genna in Libri, Ricorrenze.
trackback

Oggi, 11 maggio 2010, ricorre il 150° anniversario dello sbarco dei Mille a Marsala, la mia città, che ospita nell’occasione il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (diretta dalle ore 10.30 su RaiUno) ed offre un ricco paniere di manifestazioni. Nell’occasione, vi presento un interessante saggio in vendita nelle librerie e giunto in poche settimane alla terza edizione: si tratta de “Il romanzo dei Mille” (Mursia, 416 pagine, prezzo di copertina 19 €), scritto dal giornalista e studioso di storia Claudio Fracassi. Il libro ripercorre, con un avvincente stile da romanzo, le scene e i retroscena quotidiani dell’impresa di Giuseppe Garibaldi e dei suoi uomini: una narrazione di tutte le battaglie, dei rapporti dei Mille con la popolazione siciliana e con i “picciotti”, sullo sfondo del crollo del potere borbonico in Sicilia.
L’autore, che nel 2009 aveva raccontato l’attentato anarchico del 1867 a Roma nel suo “La ribelle e il Papa re” (edito anch’esso da Mursia), ora si sofferma su un altro importantissimo capitolo del Risorgimento italiano, con un racconto che esce dai vincoli del revisionismo storico o dai resoconti delle cronache ufficiali.
I Mille, in realtà 1.089, erano un gruppo abbastanza eterogeneo per provenienza, ceto sociale e per motivazioni personali: comprendevano molti siciliani, ma anche tantissimi giovani lombardi, toscani e veneti, partiti “per liberare il Sud”: tra i tanti, c’erano “il patriota sfuggito alle galere, il siciliano in cerca della patria, il poeta in cerca d’un romanzo, l’innamorato in cerca dell’oblìo, il miserabile in cerca d’un pane, l’infelice in cerca della morte”. Per le cancellerie europee si trattava di “una banda di filibustieri”, per Cavour la loro era una “folle” impresa: in effetti, dopo il loro sbarco a Marsala senza divise, con fucili vecchi e quasi inutilizzabili, e con pochi soldi, la loro vittoria sull’esercito borbonico del Regno delle Due Sicilie sembrava davvero impossibile.
Il volume parte dallo scambio di messaggi cifrati alla vigilia della partenza da Quarto e prosegue con il finto sequestro delle navi, la traversata in mare, la fredda accoglienza iniziale e il crescente entusiasmo dei siciliani, la fame negli accampamenti, la paure e le lotte corpo a corpo, le barricate a Palermo; il tutto sullo sfondo del crollo del regime, degli intrighi della diplomazia e della partecipazione interessata dell’opinione pubblica europea: un valido strumento per ripercorrere l’affascinante impresa cha ha reso l’Italia unita.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: