jump to navigation

Cinema futuro (975): “Saw VI” 01/06/2010

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Saw VI”

Uscita in Italia: martedì 1° giugno 2010
Distribuzione: 01 Distribution

Titolo originale: “Saw VI”
Genere: horror / thriller
Regia: Kevin Greutert
Sceneggiatura: Marcus Dunstan e Patrick Melton
Musiche: Charlie Clouser
Uscita negli Stati Uniti: 23 ottobre 2009
Sito web ufficiale (USA): cliccate qui
Sito web ufficiale (Italia): nessuno
Cast:
Tobin Bell, Costas Mandylor, Mark Rolston, Betsy Russell, Shawnee Smith, Peter Outerbridge, Athena Karkanis, Samantha Lemole, Tanedra Howard, Marty Moreau

La trama in breve…
L’agente speciale Strahm (Scott Patterson) è morto, mentre il detective Hoffman (Costas Mandylor) è diventato l’erede dell’Enigmista (Tobin Bell) senza che ci siano rivali in circolazione. Tuttavia, quando l’FBI si avvicina troppo a Hoffman, lui è costretto a iniziare il gioco svelando in questo modo il diabolico piano dell’Enigmista.
Lo storico montatore della serie di Saw Kevin Greutert esordisce alla regia. Come sostiene Greutert, “arrivando per la prima volta dietro la macchina da presa, volevo assolutamente che Saw VI fosse il viaggio personale di un uomo e ho pensato che l’approccio migliore per raggiungere questo obiettivo fosse di inserire un nuovo personaggio nella serie. Amo tutti gli altri, ma ormai conosciamo bene le loro storie. Inoltre, arrivati a questo punto è difficile sorprendere il pubblico, che è preparatissimo. Io desideravo che la pellicola fosse un viaggio emotivo, in modo che gli spettatori fossero interessati a seguirla come una storia indipendente, piuttosto che chiedersi quale sarà la prossima trappola. Penso che Saw offra il meglio quando parla di una persona che affronta una serie di sfide nella sua vita. E questa è la storia di William…”.

LA SERIE DI SAW

“Che diavolo sta succedendo? Dove sono?”

Queste parole, pronunciate due minuti dopo l’inizio del primo Saw, uscito nel 2004, esprimono le emozioni primordiali (la confusione senza speranza, la terribile sensazione di impotenza e di terrore assoluto) che sono al centro della serie di Saw, prodotta dalla Lionsgate e dalla Twisted Pictures, e che rappresentano delle caratteristiche fondamentali per spiegare il suo successo. Le pellicole di questa saga raccontano le macchinazioni dell’Enigmista, un malato terminale di cancro con un preciso scopo morale e un grande talento nell’ideazione di sanguinosi giochi di sopravvivenza, dei quali sono “vittime” persone che hanno smesso di apprezzare il valore della vita. Aumentando la tensione e le invenzioni in ogni film successivo, la serie di Saw ha coinvolto milioni di spettatori, mentre metteva a dura prova i loro nervi. Prendendo il testimone da classiche saghe horror come Halloween e Nightmare, è diventata un fenomeno culturale, oltre a essere la serie horror di maggiore profitto della storia del cinema, sia in sala che in home video. Infatti, fino a questo momento, i primi quattro Saw hanno raccolto oltre 550 milioni di dollari nei botteghini di tutto il mondo, mentre le vendite in dvd hanno superato le 24 milioni di unità. La serie ha contribuito a rendere la Lionsgate il principale studio cinematografico per quanto riguarda l’horror, consentendogli di raggiungere il primo posto ai botteghini e negli incassi in home video.

Saw ha visto la sua anteprima mondiale al Sundance Film Festival del 2004, all’interno del popolare programma “Park City a mezzanotte”. Il responsabile del Festival Geoffrey Gilmore, che si occupa della programmazione di questo evento annuale, ricorda di essere rimasto impressionato dalla sicurezza dei realizzatori sia a livello formale che narrativo. “Saw catturava lo spettatore fin dalla prima inquadratura. Era coraggioso, costruito in maniera brillante e decisamente terrificante”, commenta il responsabile. “Ma quello che contraddistingueva Saw era la sua importanza a livello morale. Il film non voleva soltanto spaventare, ma anche consentire una riflessione su quello che si farebbe per rimanere in vita. Non è una cosa futile a cui pensare, soprattutto nel mondo contemporaneo, sia a livello individuale che come membro della società”.

Mentre la serie di Saw proseguiva, le pellicole approfondivano ulteriormente le convinzioni e la visione del mondo dell’Enigmista. Leigh Whannell, che ha creato la storia originale con il regista James Wan ed è stato autore o coautore delle sceneggiature dei primi tre episodi, sostiene che “il cancro che ha colpito l’Enigmista lo ha spinto a riflettere molto seriamente su quello che significa essere vivi e su quanto, in qualsiasi momento, siamo vicini alla morte. Ma lui non si accontenta di un semplice ‘cogli l’attimo’ o di un viaggio in Europa. Il concetto del valore della vita diventa un foglio bianco per osservare altre scelte morali personali, come il perdono contrapposto alla vendetta. L’Enigmista continua ad analizzare questi temi e a trasformarli in materiale utile per i suoi giochi che, per quanto possano sembrare malsani, hanno lo scopo di aiutare la gente. In virtù del suo approccio “filosofico” e della sua visione malata dell’altruismo, mi piace pensare che l’Enigmista rappresenti qualcosa di unico nell’universo horror”.

La saga di Saw fa parte di un’ondata di pellicole che è stata favorevolmente paragonata al cinema horror indipendente degli anni settanta, un legame reso ancora più evidente nell’estate del 2007, durante una manifestazione svoltasi al Museum of the Moving Image di New York e intitolata “E’ solo un film: le pellicole horror dagli anni settanta a oggi”. La retrospettiva, durata sei weekend, ha messo assieme film come L’ultima casa a sinistra (1972) di Wes Craven e Non aprite quella porta (1974) di Tobe Hooper (che hanno sconvolto le platee di quel periodo con la loro efferatezza e le esplorazioni inquietanti del comportamento umano) con i film dell’epoca di Saw, tra cui anche Saw II – La soluzione dell’enigma di Darren Lynn Bousman, che contiene immagini e storie che hanno lasciato lo spettatore contemporaneo sconvolto e terrorizzato come (o forse anche di più) avveniva per il pubblico degli anni settanta. “E’ soltanto un film” presentava dei doppi spettacoli che mettevano assieme pellicole di epoche diverse, con Saw II che veniva mostrato assieme ad Arancia meccanica di Stanley Kubrick.

Annunciando la serie nel giugno del 2007, il curatore responsabile del museo,  David Schwartz, ha rivelato che “questi film hanno un interesse estetico e culturale notevole, mostrando chiaramente le paure che dominano l’esistenza contemporanea. Ovviamente, siamo consapevoli che queste pellicole contengano delle immagini disturbanti e spesso scioccanti, ma la loro forza dipende proprio dal fatto che scavano nelle nostre maggiori ansie”.

L’assistente curatrice Livia Bloom aggiunge che “i realizzatori di questa serie utilizzano il genere horror come una forma commerciale per dare vita a film intelligenti e spesso sovversivi. Le loro opere affrontano delle profonde preoccupazioni psicologiche e rappresentano un commento ai problemi sociali e politici contemporanei”. La Bloom ricorda che le “impressionanti scene di tortura” di Saw, l’hanno spinta a fare “riflessioni sulla vita in un periodo di guerra e grande confusione”.

La solidità tematica e stilistica della saga di Saw deve molto al lavoro e alla partecipazione di una squadra affiatata, compresi i creatori James Wan e Leigh Whannell; il regista/sceneggiatore Darren Lynn Bousman, che è entrato a far parte della squadra con Saw II; i produttori Oren Koules, Mark Burg e lo scomparso Gregg Hoffman; e i produttori esecutivi Stacey Testro, Peter Block e Jason Constantine. La squadra creativa è stata impegnata con la serie fin dall’inizio e comprende il direttore della fotografia David A. Armstrong; lo scenografo e attuale regista del quinto episodio David Hackl; lo storico montatore non che regista del sesto episodio Kevin Greutert; e il compositore Charlie Clouser, un tempo membro del gruppo dei Nine Inch Nails.

Un altro membro fondamentale del gruppo di Saw è l’attore Tobin Bell, che ha interpretato l’Enigmista nel corso della saga. Nel suo articolo sui film horror contemporanei uscito il 7 settembre del 2007 sul L.A. Weekly, il critico Luke Thomson ha scritto che “l’interpretazione di Tobin Bell nei panni dell’Enigmista è una meraviglia. E’ il migliore e più realistico antieroe horror da quando Anthony Hopkins ha incarnato per la prima volta Hannibal Lecter”.

Intricati come i giochi dell’Enigmista, le pellicole di Saw rivelano le loro contorte trame in maniera graduale. La serie stessa assomiglia a un puzzle più grande, con ogni nuovo film che si collega in qualche modo al precedente. Parafrasando le vittime dell’Enigmista: dove ci troviamo?

SAW

Regia: James Wan
Sceneggiatura: Leigh Whannell
Storia di James Wan e Leigh Whannell

La scena di apertura di Saw conduce immediatamente il pubblico in territori sconosciuti, assieme a due sventurati uomini, Adam (Leigh Whannell) e il dottor Lawrence Gordon (Cary Elwes) che, svegliandosi si ritrovano incatenati a uno squallido bagno sotterraneo. I prigionieri sono gli obiettivi più recenti di un genio psicopatico conosciuto come l’Enigmista, che costruisce dei giochi elaborati per costringere le sue vittime a compiere delle scelte impossibili tra la vita e la morte. Mentre Adam e il dottor Gordon lottano per svelare l’elaborato puzzle legato al loro destino, il Detective Tapp (Danny Glover) e la sua collega Kerry (Dina Meyer) lavorano senza sosta per scoprire l’identità dell’Enigmista prima che possa fare altre vittime. Ma l’Enigmista ha dei complici che lo aiuteranno a scappare e a farla franca.

Saw è uscito negli Stati Uniti venerdì 29 ottobre 2004. La pellicola ha stupito i professionisti dell’industria aprendo al terzo posto con un incasso di 18,4 milioni, per poi rimanere nella top ten per quattro settimane. Realizzato con soli 1,2 milioni, Saw ha conquistato più di 102 milioni di dollari nel mondo (55,1 negli Stati Uniti, 47,7 negli altri mercati). Inoltre, si è aggiudicato il premio del pubblico per il miglior film al San Sebastián Horror and Fantasy Film Festival. Saw è arrivato in home video il 15 febbraio del 2005, esordendo al primo posto delle classifiche specializzate e vendendo 2,8 milioni di copie nella prima settimana. E’ stato il dvd horror più venduto del 2005.

SAW II

Regia: Darren Lynn Bousman
Sceneggiatura: Leigh Whannell e Darren Lynn Bousman

Saw II – La soluzione dell’enigma vede l’Enigmista condurre due giochi in contemporanea: uno comprendente otto vittime che si svegliano in una casa in rovina e che devono risolvere gli indovinelli di questa mente geniale prima che le loro interiora vengano distrutte dal veleno; e l’altro con il Detective Eric Matthews (Donnie Wahlberg), il cui figlio ribelle è uno degli otto prigionieri. Tra le persone rapite, c’è anche Amanda (Shawnee Smith), che in Saw ci è stata presentata come l’unica vittima a essere sopravvissuta ai test dell’Enigmista. Tentando in tutti i modi di salvare suo figlio, il detective Matthews si affida (non per la prima volta) alla brutalità e all’inganno. E’ una scelta che lo porta a finire in una trappola ideata dall’Enigmista, in collaborazione con la sua nuova apprendista: Amanda.

Saw II ha esordito negli Stati Uniti il 28 ottobre del 2005. I 12,1 milioni di dollari ottenuti al venerdì d’esordio sono stati un record all’epoca per la Lionsgate, poi battuto da Saw III. La pellicola si è piazzata in testa agli incassi del weekend con 31,7 milioni, superando il fine settimana di apertura di Saw di ben 12 milioni, un aumento di circa il 60%. Saw II è rimasto per sette settimane nella top ten americana, guadagnando complessivamente 87 milioni. A livello internazionale, il film ha esordito al primo posto in Australia, Brasile, Germania e Austria. In totale, ha guadagnato 65,9 milioni dai botteghini non statunitensi. Il weekend d’esordio in Inghilterra è stato il maggiore per una pellicola della Lionsgate fino a quel momento, mentre il fine settimana d’apertura in Giappone ha visto un incasso di oltre il doppio rispetto al primo episodio. Saw II è uscito in home video il giorno di San Valentino del 2006, esordendo al primo posto delle classifiche e vendendo 3,5 milioni di copie nella prima settimana. E’ stato candidato ai Saturn Award del 2006 per il miglior film horror da parte dell’Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films, mentre il protagonista Tobin Bell è stato nominato agli MTV Movie Award dello stesso anno come miglior cattivo.

SAW III

Regia: Darren Lynn Bousman
Sceneggiatura: Leigh Whannell
Storia: Leigh Whannell e James Wan

All’inizio di Saw 3, la salute dell’Enigmista sta peggiorando e quindi lui sta preparando l’adorata alleata, Amanda, per portare avanti il suo lavoro. Amanda ha ideato personalmente diversi giochi, costruendo tanti marchingegni orrendi per mettere alla prova gli istinti di sopravvivenza delle sue vittime. Un gioco molto importante vede protagonista una dottoressa che si occupa di chirurgia cerebrale, Lynn (Bahar Soomekh), che è obbligata a operare un uomo morente. Nel frattempo, un padre addolorato, Jeff (Angus Macfadyen), ha l’opportunità di realizzare i suoi sogni di vendetta. Come tanti prima di lui, Jeff non è all’altezza delle attese dell’Enigmista, con conseguenze terribili per le persone che ama.

Saw III ha esordito negli Stati Uniti venerdì 27 febbraio 2006, piazzandosi al primo posto della classifica di incassi con 33,6 milioni, il maggior esordio nella storia della Lionsgate, superando il suo predecessore del 5,94%. I 14,4 milioni di dollari ottenuti il giorno d’esordio hanno rappresentato un record fino a quel momento per la società. La pellicola si è rivelata l’uscita maggiore per la Lionsgate, anche superiore a Saw II. Ha passato quattro settimane nella top ten americana ed è stato il film che ha ottenuto i maggiori profitti del 2006, grazie ai 80,2 milioni guadagnati in patria. Negli altri mercati, Saw III ha conquistato 82 milioni e ha rappresentato la prima occasione in cui una pellicola della Lionsgate ha esordito al primo posto in Gran Bretagna, dove ha ottenuto 4,9 milioni di dollari nel suo primo fine settimana.

Saw III è uscito in home video il 23 gennaio del 2007, raggiungendo subito la vetta delle classifiche e vendendo 2,9 milioni di copie il primo giorno negli Stati Uniti. E’ stato il dvd horror più venduto del 2007, con 4,1 milioni di copie acquistate dal pubblico. Saw III è stato nominato ai Saturn Award come miglior film horror da parte dell’Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films degli Stati Uniti; il protagonista Tobin Bell è stato candidato agli MTV Movie Award del 2007 come miglior cattivo, mentre Bell e Shawnee Smith hanno ricevuto una nomination congiunta agli Spike TV Scream Award per il Miglior Cattivo.

SAW IV

Regia: Darren Lynn Bousman
Sceneggiatura: Patrick Melton & Marcus Dunstan
Storia di Patrick Melton & Marcus Dunstan e Thomas Fenton

L’Enigmista e la sua apprendista Amanda sono morti, mentre il Detective Kerry è stato ucciso. Due esperti dell’FBI, l’agente Strahm (Scott Patterson) e l’agente Perez (Athena Karkanis), arrivano al distretto di polizia in carenza di organico e aiutano il veterano Detective Hoffman (Costas Mandylor) ad affrontare l’ultimo, spregiudicato gioco dell’Enigmista e a mettere insieme i pezzi del puzzle. Ma a un certo punto il comandante della SWAT Rigg (Lyriq Bent), l’ultimo ufficiale sopravvissuto all’Enigmista (Tobin Bell), viene improvvisamente rapito. Intrappolato nel perverso gioco del folle: l’ufficiale ha soltanto novanta minuti per superare una serie di trappole collegate… o affrontarne le conseguenze mortali.

La ricerca di Rigg lascia dietro di sé una scia di cadaveri, mentre il Detective Hoffman e l’FBI scoprono dei nuovi indizi che li riportano all’ex moglie dell’Enigmista, Jill (Betsy Russell). Così, viene svelata la nascita della malvagità dell’Enigmista, mostrando le vere intenzioni del burattinaio e l’inquietante piano per le sue vittime passate, presenti e future.

Saw IV è uscito negli Stati Uniti il 26 ottobre del 2007, conquistando la vetta della classifica con 31,8 milioni. Alla fine, ha raggiunto i 63,3 milioni di dollari in patria, mentre all’estero è arrivato a 73,5 milioni. Saw IV è uscito in home video il 22 gennaio 2008, raggiungendo il secondo posto delle classifiche specializzate e vendendo 2,6 milioni di copie negli Stati Uniti e in Canada. E’ uno dei due dvd horror più venduti del 2008 ed è stato candidato a tre Spike TV Scream Awards (miglior sequel, miglior cattivo e mutilazione memorabile), che sono stati assegnati il 18 ottobre del 2008.

SAW V

Regia: David Hackl
Sceneggiatura: Patrick Melton & Marcus Dunstan

Nel quinto episodio della serie di Saw, Hoffman apparentemente è l’ultima persona che porta avanti l’eredità dell’Enigmista. Ma quando il suo segreto è in pericolo, Hoffman deve mettersi a caccia per eliminare tutte le questioni rimaste in sospeso.

Saw V è uscito negli Stati Uniti il 24 ottobre del 2008 e il primo week-end ha ottenuto il secondo posto al botteghino, con un incasso di 30 milioni di dollari. Alla fine, è arrivato a 56,7 milioni in USA, mentre all’estero ha raccolto 55,2 milioni. Saw V è uscito in home video il 20 gennaio del 2009, esordendo al secondo posto delle classifiche e vendendo finora 1,6 milioni di copie. La caratteristica trappola del Pendolo della pellicola è stata candidata nella categoria ‘Miglior mutilazione’ agli Scream Awards di Spike TV nel 2009, che sono stati assegnati il 17 ottobre del 2009.

“DANNE FINO A FARTI MALE”:
L’ANNUALE CAMPAGNA DI SANGUE DI SAW

La serie di Saw non è soltanto incentrata sul sangue che si vede sul grande schermo, ma anche su quello in grado di salvare le vite. Con l’uscita del primo Saw, avvenuta nel 2004, la Lionsgate e la Twisted Pictures si sono imbarcate in una promozione rivoluzionaria che era perfetta per il profilo della saga: una campagna nazionale del sangue legata al film e in favore della Croce rossa, che spingesse gli appassionati a “darne finché non fa male”. Questa campagna è diventata un elemento fondamentale della serie, oltre a far parte degli appuntamenti annuali, come la data di uscita in America ad Halloween. Infatti, ogni anno viene lanciata una nuova campagna pubblicitaria realizzata da Tim Palen, il coresponsabile del marketing per le sale della Lionsgate e un ottimo fotografo, che vede protagoniste le infermiere di Saw, degli angeli seducenti dotati di una pietà discutibile, ma di impatto visivo notevole. Nei primi quattro anni della “Campagna di sangue di Saw”, gli spettatori hanno donato 119.452 pinte di sangue, contribuendo a salvare 358.354 vite.

Nei primi tre anni, la raccolta è raddoppiata di anno in anno: dalle 4.200 pinte del 2004, in cui è iniziata, alle 10.000 del 2005 e le 23.493 del 2006.

La campagna del 2007 “Danne finché fa male” ha coinvolto due importanti nuovi partner, la Croce rossa americana e Yahoo!, che hanno contribuito a rendere l’iniziativa più grande e più “sanguinosamente” ambiziosa che mai. La Lionsgate e la Croce rossa americana hanno dato vita a una partnership formale per amministrare la Campagna di sangue Saw IV su base nazionale. Così, questa organizzazione ha lavorato con le sedi locali della Croce rossa per creare dei centri di donazione, un impegno che ha più che quadruplicato il numero di centri, che sono passati da 250 a 1.200. Il protagonista di Saw Tobin Bell ha anche partecipato a diverse pubblicità che promuovevano l’evento. Nel frattempo, Yahoo! ha fornito un massiccio supporto online alla Campagna del sangue di Saw IV come fondamentale partner online della Lionsgate e della Twisted Pictures. Oltre a fornire centinaia di migliaia di pagine viste grazie a Yahoo! News, Yahoo! Mail e Yahoo Movies, Yahoo! ha anche ospitato il sito. Infatti, cercando la “Campagna di sangue di Saw” su Yahoo!, gli utenti potevano accedere al relativo sito, che comprendeva una Mappa interattiva di Yahoo! e che consentiva ai lettori di trovare il centro della Campagna del sangue più vicino. Oltre a questo, gli utenti potevano vedere le pubblicità con Tobin Bell, scaricare dei download legati al film e informare gli amici dell’iniziativa.

I nuovi partner e la consapevolezza sempre più diffusa hanno reso la raccolta di sangue di Saw IV un grande successo. Il totale di quell’anno, 41.784 pinte raccolte, ha superato di 3.000 pinte i precedenti tre anni messi assieme, salvando approssimativamente 125.350 vite.

Nel 2008, un nuovo partner è entrato nel gruppo assieme alla Croce Rossa e a Yahoo!: MTV, la stazione del MTV Networks dedicata ai college, l’unica a trasmettere per 24 ore al giorno. Durante la raccolta di sangue per Saw V, sono state raccolte 39.975 pinte, che hanno salvato circa 121.004 vite.

La Croce rossa americana, Yahoo! e MTV hanno affiancato nuovamente la Lionsgate per la raccolta di Saw VI, che è avvenuta nei campus dei college e in altri luoghi degli Stati Uniti. L’iniziativa legata a Saw VI è andata avanti in America fino alla prima settimana di uscita della pellicola.

Trailer italiano:


Per consultare le uscite dell’ultimo week-end andate allo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema visitate lo spazio “Cinema Festival”.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: