jump to navigation

E’ morto Sergio Di Stefano, addio alla voce italiana del “Dr. House” 18/09/2010

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Doppiaggio, Dr. House, In Memoriam, Serie cult, TV ITA.
trackback

E’ scomparso ieri a Roma per un infarto all’età di 71 anni l’attore e doppiatore Sergio Di Stefano (nato a Roma il 5 luglio 1939) – consultate la scheda a lui dedicata all’interno del mio portale “Il mondo dei doppiatori”.
Dopo il diploma conseguito all’Accademia d’arte drammatica “Silvio D’Amico” di Roma, oltre a diversi ruoli teatrali (nel 1963/64 la “Vita di Edoardo II d’Inghilterra” di Bertolt Brecht) e ad alcune partecipazioni televisive (lo sceneggiato Rai “…e le stelle stanno a guardare” del 1971, nel ruolo di Jack Reedy), Di Stefano vanta una vastissima carriera come doppiatore: è stato tra l’altro la voce di attori come Jeff Bridges (da “Il gigante della strada” e “Starman” fino ai più recenti “Stick It” e “Crazy Heart”), John Malkovich (in pellicole come “Nel centro del mirino”, “Mary Reilly” e “Il ladro di orchidee”), Christopher Lambert (nellesaghe cinematografiche di “Highlander” e “2013: la fortezza”), Klaus Maria Brandauer (in “Mephisto”, “Mai dire mai”, “La mia Africa”, fino al recente “Segreti di famiglia” di Coppola), William Hurt (in film come “Dark City”, “A.I. Intelligenza Artificiale”, “The Village, “Syriana” e “The Good Shepherd – L’ombra del potere”), Kevin Costner (in “Gli intoccabili”, “Bull Durham – un gioco a tre mani”, “L’uomo dei sogni”, “Thirteen days” e “Il segno della libellula – Dragonfly”), Jeff Goldblum (in pellicole come “Silverado” e “Come cani & gatti”), Alec Baldwin (in “L’urlo dell’odio”, “Pearl Harbor” e “I Tenenbaum”), Alan Rickman (in “Ragione e sentimento”, “Profumo – Storia di un assassino” e nel recente “Alice in Wonderland” di Tim Burton, come voce del Brucaliffo), Willem Dafoe (in “American Psycho” e “Animal Factory”), Michael Keaton (da “Gung Ho” e “Soluzione estrema” a “Out of sight”), Sam Neill (in “Caccia ad Ottobre Rosso”, “L’uomo che sussurrava ai cavalli” e “L’uomo bicentenario”), Christopher Walken (in “007 Bersaglio mobile” e “Il tesoro dell’Amazzonia”) e Alan Bates (in “Gosford Park”), oltre a diversi ruoli in film d’animazione (Gutsy in “Valiant”, Lord Barkis Bittern in “La sposa cadavere”, il dottor Scarafaggio in “Mostri contro Alieni”).
In TV, Di Stefano rimarrà memorabile per tantissimi ruoli:tra l’altro, è stato la voce di Hugh Laurie nelle sei stagioni finora trasmesse della serie Dr. House – Medical Division, ma anche di Fred Dryer nelle serie poliziesche Hunter e Mike Land: professione detective, di Richard Dean Anderson a lungo protagonista della saga fantascientifica Stargate SG-1, di Jonathan Frakes nella serie Star Trek: The Next Generation (compresi i suoi approdi cinematografici), di William Sanderson nella serie western (mai proposta integralmente in Italia) Deadwood, di Bruce Campbell nell’action-comedy Burn Notice – Duro a morire, di Helmut Berger in Dynasty, di Tom Selleck nelle sue varie apparizioni nella sit-com Friends, di Michael Gross come padre di Michael J. Fox nella sit-com Casa Keaton, di Peter Kremer primo protagonista della serie poliziesca tedesca Siska.
Non mancano ruoli in soap opera, come il doppiaggio di Peter Zimmermann nella soap tedesca di Rai 3 “Julia – La strada per la felicità”, in miniserie televisive, quale voce di Klaus Maria Brandauer in “Quo Vadis?” e “La quinta donna”, di Charles Dance in “Il fantasma dell’opera” e di  John Malkovich in “Napoleone”, e in cartoni animati: Di Stefano è stata la voce del divertente Johnny Bravo in “Johnny Bravo”, di Shaggy Rogers in “Scooby-Doo e Scrappy-Doo”, di Papà in “Mucca e Pollo”, di Hirose in “Mao Dante” e di Folken Fanel in “I cieli di Escaflowne”.
Da non dimenticare la carriera di Di Stefano come direttore del doppiaggio, soprattutto in ambito televisivo per telefilm come Star Trek – The next generation, Frasier (prime 5 stagioni), Friends ed il suo spin-off Joey, Arrested Development / Ti presento i miei… e la recente La complicata vita di Christine.

A seguire, un’intervista concessa nel 2008 da Sergio Di Stefano a Giancarlo De Vincentis, per il podcast audio “Voci sullo schermo” del mio portale web.

Commenti»

1. omar - 02/03/2011

addio caro sergio la tua voce prestata per doctor house rimarrà scolpita nei miei ricordi……il doppiatore di ora non è alla tua altezza…peccato :)

2. E’ morto Sergio Di Stefano, addio alla voce italiana del “Dr. House” « Lega Nerd Forum - 08/04/2011

Rispondi a E’ morto Sergio Di Stefano, addio alla voce italiana del “Dr. House” « Lega Nerd Forum Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: