jump to navigation

TV PAY – Haven su Steel / Sci Fi 18/10/2010

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Comunicati, TV ITA.
trackback

Da questa sera, ogni lunedì alle ore 21.00 il canale digitale terrestre pay Steel nella sua incarnazione Sci Fi propone per la prima volta in Italia la prima stagione (13 episodi) della serie Haven, ispirata al romanzo “Colorado Kid” di Stephen King.
Il telefilm, prodotto da E1 Entertainment, Big Motion Pictures, Piller/Segan/Shepherd, Universal Networks International e CanWest Global Television Network, è in onda sul canale cavo statunitense Syfy dal luglio 2010 e ha già ricevuto l’ordine per una seconda stagione che andrà in onda nel corso del 2011.
Di seguito, ecco come l’ufficio stampa Steel presenta il nuovo telefilm.

SCI FI
LO SPAZIO DEDICATO ALLA FANTASCIENZA E ALL’IGNOTO
IN ONDA SOLO SU STEEL – PREMIUM GALLERY SUL DTT

presenta in Prima TV

HAVEN

La serie TV tratta dal romanzo del re dell’horror letterario Stephen King

Un nuovo caso conduce l’agente Parker nel Maine dove si nasconde una cittadina “maledetta”: ogni abitante possiede delle capacità soprannaturali e nulla è come sembra.

Tratto dal romanzo “The Colorado Kid” del celebre autore Stephen King arriva, in prima visione esclusiva su Sci Fi (Steel – Premium Gallery sul DTT), “Haven”, serie nata da una coproduzione di Universal Networks International con E1 Entertainment e creata da Jim Dunn, Sam Ernst e dallo stesso Stephen King.

L’appuntamento è a partire da lunedì 18 ottobre alle ore 21.00 e poi ogni lunedì alle 21.00 con un episodio singolo.

Quando l’agente dell’FBI Audrey Parker è chiamata a Haven per un caso di routine, scopre che la località (apparentemente tranquilla) contiene segreti inspiegabili: strani fenomeni atmosferici cominciano a colpire la città che Audrey scoprirà essere un rifugio per persone in possesso di poteri soprannaturali.

La grande squadra creativa di “Haven” è composta da: Scott Shepherd (“Tru Calling”, “The Dead Zone”) cui si aggiungono per la E1 Entertainment John Morayniss (“Hung”, “Rookie Blue”), Noreen Halpern (“Hung”, “Rookie Blue”), Laszlo Barna (“The Bridge”) e Michael Rosenberg (“Hung”, “The Riches”). Produttori esecutivi sono Lloyd Segan e Shawn Piller (“The Dead Zone”, “Wildfire”, “Greek”).

HAVEN:

Haven sembra essere una fra le tante cittadine del Maine,  con negozi caratteristici, spiagge pittoresche ed un porto. Quando l’agente dell’FBI Audrey Parker (Emily Rose – “Jericho”, “Brothers and Sisters”, “ER”) vi mette piede per indagare su un nuovo caso deve però fare i conti con il lato oscuro di Haven. Le indagini la porteranno infatti a scoprire che gli abitanti del luogo sono in realtà persone dotate di poteri soprannaturali che non possono essere controllati.

Audrey, intelligente, affascinante e dallo spiccato intuito, ben presto scoprirà di essere l’unica in grado di salvare la gente di Haven e se stessa: i misteri irrisolti della cittadina infatti la condurranno a scavare più a fondo anche nel suo passato, la cui sua storia conserva molti legami con questo luogo straordinario.

Ad affiancare Audrey vi è Nathan Wuornos (Lucas Bryant – “MVP: The Secret Lives of Hockey Wives”, “Faux Baby”, “Dollhouse”), un detective locale che diventa subito il partner di Audrey nelle sue indagini – anche Nathan, come la gente del posto, è dotato di un’abilità particolare: è insensibile al dolore.

Nel cast vi è anche Eric Balfour (“24”, “Conviction”, “The O.C.”, “Six Feet Under”) nei panni di un ladro alquanto misterioso, Duke Crocker.

Col tempo Audrey troverà le risposte che cerca riuscendo a capire se stessa e grandi misteri di Haven.

 

“Haven” è ispirato al romanzo di Stephen King, “The Colorado Kid” (2005).

 

Acclamato re della letteratura horror, Stephen King è autore di oltre cinquanta thriller con circa 350 milioni di copie vendute nel mondo. Alcuni dei suoi titoli più famosi sono diventati adattamenti cinematografici e televisivi di successo: “Carrie – Lo sguardo di Satana” (1976, diretto da Brian De Palma), “Shining” (1980, regia di Stanley Kubrick), “Grano rosso sangue” (1984, diretto da Fritz Kiersch e tratto dal racconto “I figli del grano”), “It” (di Tommy Lee Wallace, 1990), “Misery non deve morire” (1990, regia di Rob Reiner), “Le ali della libertà” (1994, diretto da Frank Darabont e tratto dal racconto “Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank”), “Il miglio verde” (di Frank Darabont, 1999).

Annunci

Commenti»

1. enry - 18/10/2010

Un po’ Eureka, un po’ Harper’s Island, un po’ Happy Town… la trama non è particolarmente originale, ma potrebbe essere carina. La registrerò e poi vedrò.

2. paulus... - 18/10/2010

Ho visto il pilot, l’ho trovato noiosissssimo, magari nei periodi di magra telefilmica lo vedrò in italiano, però al momento bocciato!

3. Paul - 18/10/2010

Anch’io ho visto il pilot, e devo dire che comunque è diverso da Eureka anche se la trama è molto simile.
Neanche a me ha entusmato molto, però lo seguirò lo stesso visto che è in italiano.

4. DYD666 - 18/10/2010

ho visto tutta la prima stagione in inglese… diciamo che è guardabile..ma non mi ha mai preso veramente.. se l’avessero chiusa non avrei sicuramente pianto.. invece avrà una stagione 2… da vedere giusto nei ritagli di tempo in mancanza di altre serie migliori…

5. max - 07/09/2011

Mi sono innamorato della colonna sonora della sigla ma non la trovo in nessun modo e non ho nessun riferimento!!! Chi mi aiuta?
Grazie!


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: