jump to navigation

Cinema futuro (1.111): “Dalla vita in poi” 15/11/2010

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Dalla vita in poi”

Uscita in Italia: venerdì 19 novembre 2010
Distribuzione: 01 Distribution

Titolo originale: “Dalla vita in poi”
Genere: commedia
Regia: Gianfrancesco Lazotti
Sceneggiatura: Gianfrancesco Lazotti
Musiche: Pietro Freddi
Durata: 85 minuti
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Cristiana Capotondi, Filippo Nigro, Nicoletta Romanoff, Carlo Buccirosso, Gianni Cinelli, Pino Insegno, Carlo Giuseppe Gabardini, Arcangelo Iannace

La trama in breve…
Rosalba ama Danilo, un ragazzo che dovrà trascorrere parecchi anni in carcere. Per alleviargli la sofferenza della detenzione decide di scrivergli ogni giorno una lettera, dolce, appassionata, lirica. Ma tradurre in parole i suoi sentimenti non le riesce facile e ricorre all’aiuto di Katia, la sua amica del cuore, costretta a vivere su una sedia a rotelle. Katia si ritrova dunque a fare il ‘suggeritore d’amore’, proprio come  Cirano Di Bergerac. Un gioco che ben presto si rivela pericoloso. Quelle emozioni,  quegli slanci poetici pensati per Rosalba, col passare del tempo diventano suoi, così come sente che le appartengono le risposte appassionate di Danilo.
Quando Rosalba e Danilo si lasciano, Katia decide di andarlo a conoscere in carcere per vedere che aspetto abbia l’uomo di cui è innamorata. Non avendo nessun grado di parentela che la colleghino al  detenuto il permesso non le viene accordato ma la volontà di Katia è più ostinata dei regolamenti e alla fine l’incontro avviene. E’ il momento più emozionante della sua vita. Ne seguono altri, d’incontri, difficili e per nulla intimi nel gelido parlatorio e alla fine anche Danilo si innamora di lei. I due decidono di sposarsi. Tutto il carcere partecipa. Quando il giudice accorda a Danilo il primo permesso per incontrare la  sua giovane moglie fuori dal carcere, Katia, con la complicità di Rosalba, gli organizza una fuga. Danilo naturalmente coglie al volo l’occasione ma mentre sta fuggendo capisce che la vita del latitante lo allontanerà da Katia, da cui ormai è fatalmente dipendente. Decide così di rientrare in carcere, e di rimettere ogni cosa al suo posto.

NOTE DI REGIA

Dalla vita in poi è ispirato ad una storia vera. Katia, Danilo e Rosalba esistono, anche se non si chiamano né Katia, né Danilo, né Rosalba, così come esiste il quartiere Colleverde e il carcere di Rebibbia. Scrivendo, modificando, inventando, camuffando e stravolgendo i fatti mi sono accorto che la verità di questa storia, per quanto la si manometta, riaffiora sempre, come la filigrana delle banconote che ne certifica l’autenticità.

Katia, Danilo e Rosalba sono testimoni di un’esistenza marginale vissuta con orgoglio, costruttori di un futuro senza fondamenta e senza progetto che, proprio per questo, è anche senza limiti. Non avendo riferimenti culturali né condizionamenti sociali, non seguono le regole  del convivere piccolo-borghese. Il loro sistema di valori viene inventato e aggiornato secondo necessità.

Katia ha un handicap fisico, Danilo sta in galera. Due vite senza futuro che proprio in questo limite trovano la loro assonanza. Il loro amore non nasce da un incontro, da uno sguardo, un’attrazione fisica, come per tutte le coppie del mondo, ma si sviluppa nella loro testa durante uno scambio epistolare disperato e sincero. La sincerità è un lusso che si può concedere solo chi non ha nulla da perdere e chi non espone la sua faccia. In questo senso i due sono i rappresentanti di un sistema di contatto modernissimo che ha radici antichissime. Modernissimo perché l’esistenza di internet e delle chat da tempo ha sovvertito le regole degli incontri – prima ci si conosce e ci si confida poi si verifica l’aspetto fisico – antichissima perché lo scambio epistolare è stato fino al secolo scorso il cardine e il preliminare di quasi tutte le unioni amorose. Basti pensare all’audacia di cui è capace Cirano di Bergerac nascosto dal buio, nel capolavoro di Rostand.

La storia di Katia, Danilo e Rosalba non è semplicemente una storia d’amore, semmai un piccolo romanzo eroico ed ironico in cui ci viene proposta, da una angolatura diversa, la visione della vita. Non servono le gambe per raggiungere una meta e non serve la libertà per essere liberi. L’orizzonte più bello, certe volte, si trova negli occhi di una persona.

Il trailer italiano:


Trame ed altre informazioni sono tratte dal materiale stampa relativo al film.
Per consultare le uscite dell’ultimo week-end italiano visitate lo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema andate allo spazio settimanale “Cinema Festival”.

 

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: