jump to navigation

Cinema futuro (1.113): “Saw 3D” 17/11/2010

Posted by Antonio Genna in 3D, Cinema e TV, Cinema futuro, Video e trailer.
trackback
Cinema futuro - Il cinema del prossimo week-end“Saw 3D”

Uscita in Italia: mercoledì 17 novembre 2010
Distribuzione: Moviemax

Titolo originale: “Saw 3D”
Genere: horror / thriller
Regia: Kevin Greutert
Sceneggiatura: Patrick Melton, Marcus Dunstan
Musiche: Charlie Clouser
Durata: 86 minuti
Uscita negli Stati Uniti: 29 ottobre 2010
Sito web ufficiale (USA): cliccate qui
Sito web ufficiale (Italia): cliccate qui
Cast: Tobin Bell, Costas Mandylor, Betsy Russell, Sean Patrick Flanery, Cary Elwes, Dean Armstrong, Chad Donella, Gina Holden, Laurence Anthony, Rebecca Marshall, Naomi Snieckus, James Van Patten, Chester Bennington

La trama in breve…

Il 17 novembre, la serie horror di maggior successo di tutti i tempi tornerà nelle sale, in un emozionante e spaventoso 3-D, con SAW 3D.
Mentre infuria una battaglia mortale per l’eredità dell’Enigmista, un gruppo di persone sopravvissute al folle si riunisce per chiedere l’aiuto di Bobby Dagen, anche lui un sopravvissuto. Dagen è un guru, esperto in terapie di Self-help, ma è anche un uomo i cui oscuri segreti scateneranno una nuova ondata di terrore…
SAW 3D è il primo film ad essere stato girato esclusivamente con l’innovativo sistema SI-3D, in grado di dar vita, come mai prima d’ora, ai raccapriccianti giochi dell’Enigmista.
SAW 3D è diretto da Kevin Greutert, scritto da Patrick Melton & Marcus Dunstan, e prodotto da Gregg Hoffman, Oren Koules e Mark Burg.  SAW 3D è distribuito dalla Lionsgate. Twisted Pictures presenta una produzione Burg/Koules/Hoffman.

LA FRANCHISE DI SAW

“Che cazzo sta succedendo? Dove mi trovo?”

Queste parole, pronunciate a due minuti dall’inizio del primo film della saga di SAW, del 2004, esprimono emozioni elementari: una disperata confusione, un terribile senso di impotenza, terrore e panico, che sono alla base della franchise di SAW, di Lionsgate e Twisted Pictures. Sono queste emozioni la chiave del suo fenomenale successo.

I film di SAW seguono gli stratagemmi architettati dall’Enigmista, un malato terminale di cancro,  impegnato a mettere in atto il suo malvagio programma morale. L’Enigmista è un genio, capace di inventare dei raccapriccianti giochi di sopravvivenza, che “gioca” con chi, secondo lui, ha smesso di apprezzare il dono della vita. Negli Stati Uniti, ogni ottobre, il mese in cui si celebra la festa di Halloween, ha portato con sé un nuovo film della franchise di SAW, con tutte le orribili e geniali trappole e gli intriganti indizi legati al progetto portato avanti dall’Enigmista. Ad oggi, i sei titoli della franchise di SAW hanno incassato complessivamente 730 milioni di dollari al box office mondiale, mentre le vendite in DVD hanno superato le 30 milioni di unità e, così, SAW si è guadagnato un posto ufficiale nel Guinness Book of Records, come “Serie di Film Horror di Maggior Successo”.

SAW ha raccolto l’eredità di serie horror diventate dei classici del  genere, come HALLOWEEN e NIGHTMARE, entrando, a sua volta, a far parte della nostra cultura popolare, e ottenendo una fama tale da essere ben nota anche a coloro che non sono dei fan del genere.

Ora, sette anni dopo la prima comparsa dell’Enigmista, gli ultimi pezzi del suo puzzle verranno finalmente messi al loro posto in SAW 3D, l’ultimo film della serie. SAW 3D è il primo film ad essere stato girato interamente con l’innovativo sistema SI-3D, che permette di girare riprese estremamente ravvicinate e con uno stile molto dinamico (una delle caratteristiche peculiari di SAW). Saw 3D contiene più trappole rispetto a qualsiasi altro film della serie: ben undici. E risponde anche ad una questione  lasciata in sospeso in SAW: cosa è accaduto al Dr. Gordon, che avevamo visto strisciare via (privo di un piede), dalla stanza degli orrori  dell’Enigmista?

Il regista di SAW 3D, Kevin Greutert, ha fatto parte del gruppo di lavoro sin dall’inizio, ha infatti montato i primi cinque episodi della serie, prima di passare dietro alla macchina da presa in SAW VI.  Greutert ritiene che parte del fascino esercitato dalla saga dipenda dall’approccio narrativo utilizzato, che si discosta da quella che generalmente è la norma in uso nella sfera del genere horror. “Nella maggior parte dei film slasher le vittime ci vengono presentate e, subito dopo, vengono uccise una alla volta, ma a parte ciò, non accade molto di più.  SAW è molto diverso. La trama è decisamente intricata. Abbiamo sempre al meno tre trame che seguono altrettanti personaggi, e sono tutte legate tra di loro nel corso del film; e se si osservano tutti e sette i film nel loro insieme, la trama appare ancora più ricca. Sono tutti pieni di idee geniali: ci vuole molto talento per la creazione di questi  film. Credo che i film abbiano avuto un’evoluzione, e ognuno di loro è unico e differente dall’altro”.

Il Produttore Oren Koules spiega come, nella creazione di tutti i sequel, i filmmaker abbiano sempre tenuto in grande considerazione tanto i fan più agguerriti della saga quanto gli spettatori casuali. “Abbiamo usato un approccio ambivalente per ogni film della saga di SAW. Vogliamo essere certi di prenderci cura dei nostri fan più leali, che vengono a vedere ogni singolo episodio, che vivono e si nutrono dei nostri film. Passiamo centinaia di ore a domandarci, ‘Se muore qualcuno, che effetto può avere sui film precedenti? E quale effetto potrà avere nei prossimi film?’. Ma, allo stesso tempo, vogliamo anche essere certi che se anche coloro che non avessero mai visto un solo film della saga decidessero di andare a vedere, ad esempio, SAW IV, escano dalla sala pensando che è un film straordinario, dall’inizio alla fine”.

Il Produttore Mark Burg sottolinea un altro fattore chiave della longevità di SAW: l’attore Tobin Bell, che ha interpretato l’Enigmista, alias John Kramer, nel corso di tutta la serie.  “Il contributo di Tobin è enorme.  In SAW resta sdraiato senza muovere un dito, su un pavimento di cemento, fingendo di essere morto, per quasi tutto il film; ora scrive lui molti dei suoi dialoghi. Lui è il personaggio. E’ lui il pilastro su cui poggia il successo di SAW”.

Senza alcun dubbio, l’Enigmista, interpretato da Bell, è diventato uno dei personaggi più indelebili dei film horror dei nostri tempi, e per la sua interpretazione in questo ruolo l’attore ha ricevuto grandi elogi da parte della critica. In un saggio sui film horror contemporanei, del 7 settembre del 2007, apparso su L.A. Weekly, il critico Luke Thomson ha scritto, “La performance di Tobin Bell nel ruolo dell’Enigmista è una meraviglia; è il miglior antieroe horror del ‘mondo reale’, da quando Anthony Hopkins ha interpretato Hannibal Lecter”.

Bell descrive il ruolo come un’avventura creativa molto ripagante.  “Non succede spesso di avere l’opportunità di interpretare lo stesso personaggio in sette film, è stato fantastico”, afferma.  “Come villain di un horror credo sia stato un personaggio molto più ricco di tanti altri, e ciò dipende dal concetto che gli sceneggiatori hanno posto alla base delle sue azioni.  John Kramer parla di cose che tutti noi pensiamo: il fatto di dover apprezzare i doni che riceviamo dalla vita; come qualche volta le persone arrivino a calpestare i propri amici pur di ottenere quello che vogliono. Non  interpreto mai questo personaggio come se pensasse di essere il cattivo, perché non è affatto così che si vede”.

La serie di SAW è una saga, ovviamente. SAW, diretto da James Wan, scritto da Leigh Whannell e tratto da una storia di Wan e Whannell, è stato proiettato in anteprima mondiale in occasione del Sundance Film Festival del 2004, nell’ambito del popolare programma, intitolato “Park City at Midnight”. Il Direttore del Festival, Geoffrey Gilmore, responsabile della programmazione di questo evento annuale, ricorda quanto sia rimasto colpito di fronte al grande controllo dimostrato da questi filmmaker alla loro prima esperienza, sia in termini di forma che di tematiche. “SAW riusciva a catturare il pubblico sin dalla prima inquadratura; era audace, era costruito in modo intelligente, terrificante e senza mezzi termini”, afferma. “Ma ciò che contraddistingueva SAW era la sua serietà morale. Questo film non aveva come unico obbiettivo quello di spaventarti, voleva farti riflettere su quello che saresti arrivato a fare pur di rimanere vivo. Nel mondo di oggi, non è una cosa banale su cui riflettere, sia come individuo che come membro della società”.

Col proseguire della saga di SAW, i film sono penetrati sempre più a fondo nelle convinzioni dell’Enigmista, nella sua visione del mondo. Secondo quanto afferma Whannell, uno dei creatori della serie, nonché sceneggiatore di SAW, SAW II e SAW III, “Il cancro da cui è affetto l’Enigmista lo ha portato a riflettere su cosa significhi essere vivo e quanto si possa essere vicini alla morte in ogni istante. Il problema, però, è che lui non è certo una di quelle persone che si dicono ‘carpe diem’, e poi vanno a fare un viaggio in Europa. Il concetto del valore della vita diventa il punto di partenza per iniziare ad analizzare le scelte morali fatte da altri individui. L’Enigmista continua costantemente a rivangare tali questioni, che diventano l’obbiettivo dei suoi giochi; e per quanto contorti siano, la sua intenzione è quella di aiutare le persone. L’Enigmista è un personaggio diviso tra la sua inclinazione filosofica e la sua malata interpretazione del concetto di altruismo; e mi piace pensare al lui come ad una figura unica, all’interno dell’universo dei film di genere horror”.

La franchise di SAW ha fatto parte di un’ondata di film horror paragonabile a quella del cinema horror indipendente degli anni ‘70, un parallelo sottolineato anche da una retrospettiva realizzata presso il Museum of the Moving Image di New York, nell’estate del 2007, intitolata “It’s Only a Movie: Horror Films from the 1970s and Today”. Questa retrospettiva ha tracciato una linea di continuità tra film come L’ULTIMA CASA A SINISTRA (1972) di Wes Craven e NON APRITE QUELLA PORTA (1974) di Tobe Hooper – che hanno sconvolto il pubblico della loro epoca, con elementi gore e con le loro disturbanti esplorazioni del comportamento umano  – e i film dell’era di SAW, tra cui SAW II, di Darren Lynn Bousman – caratterizzato da immagini e storie che hanno ugualmente sconvolto e terrorizzato gli odierni spettatori, lasciandoli al contempo desiderosi di altri film di questo genere, proprio come era successo agli spettatori degli anni ‘70.

Nell’ambito della rassegna “It’s Only a Movie”, venivano proiettati due film alla volta, mettendo a confronto film di entrambe le epoche; SAW II, ad esempio, veniva proiettato assieme ad ARANCIA MECCANICA, di Stanley Kubrick.

A giugno del 2007, nell’annunciare la serie, il Capo Curatore del Museo, David Schwartz, disse, “Questi film hanno un’estetica notevole, e sono di grande interesse culturale, poiché riflettono indiscutibilmente le paure dell’epoca contemporanea…. Ovviamente, siamo consapevoli del fatto che questi film contengono immagini disturbanti, e talvolta scioccanti, ma sono potenti proprio perché attingono dalle nostre angosce più profonde”.

L’Assistente Curatrice, Livia Bloom, ribadì. “I filmmaker in questa serie usano il genere horror come impalcatura commerciale per fare dei film intelligenti e spesso sovversivi. I loro lavori esaminano le  inquietudini psicologiche, e commentano delle tematiche sociali e politiche molto attuali”. Bloom notò come nelle “impressionanti scene di tortura” contenute in SAW, avesse trovato “riflessioni di una vita durante un tempo di guerra e tumulti”.

La consistenza tematica e stilistica della serie di SAW deve molto  al team di cineasti che vi hanno lavorato, composto da persone che hanno partecipato alla serie per quasi tutto, se non tutto, il suo corso. Oltre a Burg, Koules e Greutert, questo team include i creatori di SAW, Wan e Whannell; il produttore Gregg Hoffman; i produttori esecutivi Daniel Heffner, Stacey Testro, Peter Block e Jason Constantine; il direttore della fotografia David A. Armstrong (ha girato i primi sei capitoli della saga); gli sceneggiatori Patrick Melton e Marcus Dunstan (si sono occupati della saga a partire da SAW IV); il compositore Charlie Clouser (ex-membro della band dei Nine Inch Nails); il costumista Alex Kavanagh; e la direttrice del casting Stephanie Gorin.  Lo Sceneggiatore/regista Darren Lynn Bousman si è unito al team a partire da SAW II e, successivamente, ha diretto SAW III e SAW IV.  Lo scenografo David Hackl ha creato l’universo dell’Enigmista nel corso dei primi quattro episodi, per poi passare dietro alla macchina da presa in SAW V. In Saw V si è unito al gruppo anche l’attuale scenografo Tony Ianni (V, VI, 3D).

La franchise di SAW non è solo ‘sangue’, ma parla anche di quel sangue che salva vite umane. Difatti, con l’uscita del primo SAW, nel 2004, Lionsgate e Twisted Pictures si sono imbarcate in un tipo di promozione del tutto innovativa, creata appositamente per la franchise: Una raccolta di sangue organizzata a livello nazionale, che esortava i fan di SAW a donare il proprio sangue alla Croce Rossa, con lo slogan “Give Til It Hurts”[1]. Questa raccolta di sangue è diventata un elemento chiave  della franchise di SAW, così come i rituali che si ripetono ogni anno, in occasione  della premiere di Halloween. Ogni anno è stata creata una campagna pubblicitaria, fotografata da Tim Palen, Co-Presidente del Marketing Theatrical della Lionsgate – oltre che bravissimo fotografo d’arte – in cui apparivano delle infermiere e degli affascinanti angeli di grande impatto visivo.  In sei anni di campagne per la raccolta del sangue, gli spettatori di SAW hanno donato quasi 60 litri di sangue per aiutare a salvare 373.923 vite.

Intricati proprio come i giochi dell’Enigmista, i film di SAW rivelano la propria trama contorta in modo graduale. La serie stessa assomiglia a uno degli indovinelli dell’Enigmista, con ogni nuovo film collegato al precedente. SAW 3D porterà la serie alla sua conclusione. E’ arrivato il momento di guardare nuovamente tutti i pezzi che l’Enigmista ci ha lasciato. Parafrasando le vittime dell’Enigmista:  dove ci troviamo?

SAW

Regia: James Wan

Sceneggiatura: Leigh Whannell

Soggetto di James Wan e Leigh Whannell

La scena iniziale di SAW immerge immediatamente gli spettatori in un ambiente sconosciuto, assieme ai due sfortunati personaggi, Adam (Leigh Whannell) e il Dott. Lawrence Gordon (Cary Elwes), che si risvegliano incatenati nel fetido bagno di un sotterraneo. I due prigionieri sono i prossimi obbiettivi di un genio psicopatico, conosciuto come l’Enigmista, creatore di elaborati giochi che obbligano le sue vittime a compiere delle scelte, mentre si affanano nel tentativo di risolvere l’elaborato rompicapo legato ai loro destini. Il Detective Tapp (Danny Glover) e il suo collega Kerry (Dina Meyer) lavorano freneticamente per riuscire a individuare l’identità dell’Enigmista, prima che questi riesca a mietere altre vittime. Ma l’Enigmista può contare sull’aiuto dei suoi complici – il cui scopo non è totalmente chiaro – e grazie al meticoloso piano da lui ideato, riesce a fuggire via.

SAW è uscito negli Stati Uniti venerdì 29 Ottobre del 2004. La pellicola ha sorpreso tutti, aprendo al 3° posto del box office, guadagnando nel primo weekend 18.3 milioni di dollari, e rimanendo nella Top 10 per 4 settimane. Prodotto con soli 1.2 milioni, SAW è arrivato a incassare oltre 103 milioni di dollari in tutto il mondo (55.1 milioni negli Stati Uniti, 47.9 milioni nel resto del mondo). Il film ha vinto: l’Audience Award per il Miglior Film, all’Horror e Fantasy Film Festival di San Sebastián del 2004; il Premio Speciale della Giuria e il Youth Jury Prize (entrambi andati a James Wan) al Festival de Gérardmer del 2005; e il Pegasus Audience Award (sempre a James Wan) all’International Festival del Fantasy di Bruxelles del 2005.

SAW è uscito in DVD/home video a Febbraio del 2005, aprendo al 1° posto delle classifiche e vendendo 2.2 milioni di unità nella sua prima settimana di uscita. E’ stato il DVD horror che ha venduto di più del 2005.

SAW II

Regia: Darren Lynn Bousman

Sceneggiatura: Leigh Whannell e Darren Lynn Bousman

In SAW II  l’Enigmista è alle prese con due giochi simultanei: uno riguarda otto vittime, che si risvegliano in una casa in rovina, e devono riuscire a risolvere un indovinello, prima di morire uccisi dal veleno che gli è stato somministrato; mentre l’altro riguarda il Detective Eric Matthews (Donnie Wahlberg), il cui figlio è tra gli otto prigionieri. Tra di essi c’è anche Amanda (Shawnee Smith), che in SAW era stata l’unica vittima a riuscire a sopravvivere ai test dell’Enigmista. Nel disperato tentativo di salvere suo figlio, il Detective Matthews fa ricorso, non per la prima volta, a brutalità e inganni. E’ proprio una sua scelta a portarlo nella trappola ideata dall’Enigmista assieme ad Amanda, la sua nuova apprendista.

SAW II è uscito negli Stati Uniti venerdì 28 Ottobre del 2005.  Il primo giorno di apertura il film ha incassato 12.1 milioni di dollari, totalizzando l’incasso maggiore per un venerdì, mai ottenuto dalla Lionsgate fino ad allora (record superato da SAW III).  E’ stato il primo film del weekend, con un  box office di 31.7 milioni di dollari, superando, così, il weekend di apertura di SAW, di 12 milioni di dollari, un aumento di circa il 60%. L’uscita è stata la più grande nella storia della Lionsgate, e il weekend di apertura è stato il migliore di sempre.  SAW II è rimasto per 7 settimane nella U.S. Top Ten, ed è stato il film horror che ha incassato di più del 2005, con un  box office statunitense di 87 milioni di dollari. Nel resto del mondo, SAW II ha aperto al 1° posto in Australia, Brasile, Germania e Austria; con un box office complessivo di 60 milioni di dollari.  Nel Regno Unito il film ha segnato il miglior weekend di apertura di sempre della Lionsgate, mentre in Giappone, nel weekend di apertura, ha più che raddoppiato gli incassi di SAW.  SAW II è uscito in DVD/home video il giorno di San Valentino del 2006, esordendo al 1° posto delle classifiche di vendita, e vendendo 2.8 milioni di unità nel suo primo giorno di uscita, e 3.3 milioni di unità nella sua prima settimana. Il titolo è stato il DVD che ha venduto più velocemente nella storia della società. Nel 2006, il film è stato nominato per il premio Saturn Award, nella categoria Best Horror Film, dalla Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films; l’attore Tobin Bell è stato nominato agli MTV Movie Award del 2006, nella categoria Best Villain.

SAW III

Regia: Darren Lynn Bousman

Sceneggiatura: Leigh Whannell

Soggetto: Leigh Whannell e James Wan

SAW III incomincia mostrandoci come la salute dell’Enigmista stia rapidamente peggiorando; lo vediamo mentre è intento a preparare la sua adorante seguace, Amanda, affinché possa proseguire il suo lavoro. Amanda ha ideato lei stessa numerosi giochi, e ha costruito anche diversi orribili marchingegni per testare gli istinti di sopravvivenza delle sue vittime. Un gioco molto importante riguarda il chirurgo del cervello, Lynn (Bahar Soomekh), che viene obbligato a operare il protagonista morente. Nel frattempo, in un’altra sezione del covo dell’Enigmista, a un padre addolorato, di nome Jeff (Angus Macfadyen), viene offerta l’opportunità di farsi vendetta. Sfortunatamente, così come è successo con molti altri prima di lui, Jeff non riesce a rispettare le aspettative dell’Enigmista … con conseguenze molto difficili per le persone che ama.

SAW III è uscito negli Stati Uniti venerdì 27 Ottobre del 2006. E’ stato il film che ha incassato di più  nel suo primo weekend di apertura, con 33.6 milioni di dollari, l’apertura più alta nella storia della Lionsgate, più alta di quella di SAW II del 5.94%.  Il venerdì di apertura, ha incassato 14.4 milioni di dollari, diventando il film che ha incassato di più in un singolo giorno nella storia della società. Il film è stata l’uscita più grande nella storia della Lionsgate, migliorando il risultato ottenuto dal suo predecessore. E’ rimasto per 4 settimane nella U.S. Top Ten, ed è il film horror del 2006 che ha incassato di più, con un box office statunitense di 80.2 milioni di dollari. Nel resto del mondo, SAW III ha totalizzato 84.6 milioni di dollari, ed è stato il primo film della Lionsgate ad aprire alla prima posizione in Gran Bretagna, dove nel suo primo weekend di uscita ha incassato 4.9 milioni di dollari.  SAW III è uscito in  DVD/home video il 23 gennaio del 2007, aprendo al 1° posto delle classifiche e vendendo nel suo primo giorno di vendita negli Stati Uniti 2.9 milioni di unità. E’ stato il DVD horror più venduto del 2007, con 4.1 milioni di unità. Nel 2007 SAW III ha ricevuto la nomination per il premio Saturn Award, nella categoria Best Horror Film, dalla Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films; l’attore Tobin Bell è stato nominato agli MTV Movie Award del 2007 come Best Villain; mentre Bell e Shawnee Smith hanno ricevuto una nomination agli Spike TV Scream Award, nella categoria Most Vile Villain.

SAW IV

Regia: Darren Lynn Bousman

Sceneggiatura: Patrick Melton & Marcus Dunstan

Soggetto: Patrick Melton & Marcus Dunstan e Thomas Fenton

L’Enigmista e la sua apprendista, Amanda, sono morti e il Detective Kerry è stato assassinato.  Due agenti dell’FBI, l’Agente Strahm (Scott Patterson) e l’Agente Perez (Athena Karkanis), arrivano nell’ormai deserto distretto di polizia per aiutare il veterano Detective Hoffman (Costas Mandylor) a risolvere l’ultimo enigma architettato dall’Enigmista. Ma il Comandante della SWAT, Rigg (Lyriq Bent), l’unico agente a non essere stato ancora preso di mira dall’Enigmista (Tobin Bell), viene improvvisamente rapito. Scaraventato all’interno dello straziante gioco di questo folle, l’agente ha solamente novanta minuti per sventare una serie di trappole collegate tra di loro…o andrà incontro a una morte sicura.

La caccia intrapresa da Rigg, per tutta la città, lascia dietro di sé una scia di morti, e il Detective Hoffman, assieme all’FBI, scoprono una serie di indizi, a lungo tenuti nascosti, che riconducono all’ex moglie dell’Enigmista, Jill (Betsy Russell).  L’origine della malvagità dell’Enigmista viene così svelata, e viene rivelato il sinistro piano dietro a tutte le vittime passate, presenti e future di questo burattinaio.

SAW IV è uscito negli Stati Uniti il 26 Ottobre del 2007. Ha aperto il weekend al 1° posto, con un box office di 31.8 milioni di dollari, ed è arrivato a incassare un totale di 63.3 milioni di dollari nei soli Stati Uniti; Nel resto del mondo la pellicola ha totalizzato 76 milioni di dollari.  SAW IV è uscito in DVD/home video il 22 gennaio del 2008, esordendo al 2° posto delle classifiche di vendita, e arrivando a vendere 2.6 milioni di unità negli Stati Uniti e in Canada.  E’ uno dei due  DVD horror che hanno venduto di più nel 2008.  SAW IV è stato candidato agli Spike TV Scream Awards del 2008 (Miglior Sequel, Miglior Villain, Mutilazione più Memorabile).

SAW V

Regia: David Hackl

Sceneggiatura: Patrick Melton & Marcus Dunstan

Nel quinto episodio della franchise di SAW, apparentemente, Hoffman sembra essere l’unico rimasto vivo per portare avanti l’eredità dell’Enigmista.  Ma quando il suo segreto viene messo in pericolo, Hoffman deve mettersi all’opera per eliminare ogni  dettagli rimasto in sospeso.

SAW V è uscito negli Stati Uniti il 24 ottobre del 2008, aprendo al 2° posto nel suo primo weekend, con un box office di 30 milioni di dollari. Complessivamente, il film ha incassato oltre 56.7 milioni di dollari nei soli Stati Uniti, mentre nel resto del mondo ha totalizzato 57.1 milioni di dollari. SAW V è uscito in DVD/home video il 20 gennaio del 2009, raggiungendo subito la 2° posizione nelle classifiche di vendita, e vendendo 1.6 milioni di unità, fino ad oggi.

SAW VI

Regia: Kevin Greutert

Sceneggiatura: Patrick Melton & Marcus Dunstan

L’Agente Speciale Strahm è morto, e il Detective Hoffman si è imposto come indiscusso successore dell’Enigmista. E quando l’FBI si appresta a mettere Hoffman con le spalle al muro, egli è costretto a dare il via ad un altro gioco, e così il grande piano dell’Enigmista verrà finalmente svelato.

SAW VI è uscito negli Stati Uniti il 23 ottobre del 2009, raggiungendo un incasso di oltre 27.6 milioni di dollari; nel resto del mondo la pellicola ha totalizzato oltre 42 milioni di dollari. SAW VI è uscito in DVD/home video il 26 gennaio del 2010, raggiungendo immediatamente il 3° posto delle classifiche; ad oggi ha venduto 1.4 milioni di unità.

SAW 3D

Regia: Kevin Greutert

Sceneggiatura: Patrick Melton & Marcus Dunstan

Mentre infuria una battaglia mortale per l’eredità dell’Enigmista, un gruppo di persone sopravvissute al folle si riunisce per chiedere l’aiuto di Bobby Dagen, anche lui un sopravvissuto. Dagen è un guru, esperto in terapie di Self-help[2], ma è anche un uomo i cui oscuri segreti scateneranno una nuova ondata di terrore…


[1] N.d.T. “Dona fino a che ti fa male”

[2]N.d.T. Self-help è un’espressione inglese che letteralmente significa auto-aiuto, e da vari decenni, soprattutto negli USA, fa riferimento a un emergente ma diffuso movimento culturale e di mercato basato su libri, video, conferenze indirizzate a chi desidera risolvere i propri problemi, concretizzare i propri desideri, e “realizzare sé stessi”, sia in circostanze specifiche, sia nella vita in generale.


Il trailer italiano:


Trame ed altre informazioni sono tratte dal materiale stampa relativo al film.
Per consultare le uscite dell’ultimo week-end italiano visitate lo spazio “Al cinema…”, per gli incassi del box office, trailer e notizie dal mondo del cinema andate allo spazio settimanale “Cinema Festival”.

Annunci

Commenti»

1. Giannino86 - 17/11/2010

Ho visto tutti e 6 a casa, ma questo è da vedere al cinema!!!!!

2. Alex - 17/11/2010

visto neanche uno e nn vedrò questo…….

3. Julian - 18/11/2010

Visti tutti. I primi 4 sempre alla prima al cinema… Ma il vero capolavoro è il primo capitolo. Il secondo è godibile, ma non all’altezza, i restanti oscillano tra il modesto e il pietoso.

4. giacomo - 18/11/2010

il vero capolavoro è il primo. Il resto è pietoso.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: