jump to navigation

Libri – Federico Peiretti “Il matematico si diverte” 22/11/2010

Posted by Antonio Genna in Libri, Matematica.
trackback

Federico Peiretti, docente di Matematica e Fisica del liceo classico Cavour di Torino, e collaboratore del quotidiano “La Stampa”, ha anche scritto una ventina di testi di matematica e di informatica. Da un paio di mesi è in vendita nelle librerie la sua ultima fatica, “Il matematico si diverte” (Longanesi, 336 pagine, prezzo di copertina 18 €).
Il volume, con un’introduzione di Piergiorgio Odifreddi, è dedicato alla matematica, forse il più bel gioco inventato dall’uomo, che molti temono e non conoscono a sufficienza. INvece Peiretti vuole dimostrarci che la matematica è divertente e facilmente accessibile a tutti. Come afferma l’autore stesso nella sua premessa: “Perché questo libro? Per portare in primo piano il lato divertente della matematica. Per dimostrare come attraverso il gioco si arrivi direttamente alla matematica e come questa, al di là di formule e calcoli, sia essa stessa un gioco, anzi, ne siamo convinti, il gioco più divertente inventato dall’uomo… Sono molti i matematici che dichiarano di sentire il loro lavoro più vicino all’arte che alla scienza e che fare matematica è divertente. L’invito è dunque di andare alla scoperta del suo fascino indiscreto, attraverso i giochi inventati dai grandi matematici. In questo modo potremo arrivare a capirne la bellezza. Questo è l’obiettivo del nostro lavoro, che si rivolge innanzitutto a chi non ha mai avuto un buon rapporto con la matematica, pur provando per essa una certa attrazione”.
Il volume raccoglie una piccola storia della matematica attraverso una raccolta di duecento giochi utili per divertirsi e al tempo stesso migliorare la logica e l’intuizione.
Quando Alessandro Magno chiese al suo istitutore Menecmo di indicargli la strada per impararla, quest’ultimo rispose “Non esiste una via regia per la matematica”: secondo Peiretti una via esiste, ed è quella del gioco. Nel volume si trovano tanti personaggi come Pitagora, Archimede, Eulero, Möbius, Feynman e Penrose, per cui la matematica è partita come un gioco e diventata poi costante di vita; compaiono anche nomi come Lewis Carroll, Henry Ernest Dudeney, Piet Hein e Martin Gardner, i cui stimolanti enigmi celano al loro interno tanta matematica.
Sono stati proprio i matematici ad inventare la maggior parte dei giochi più popolari, dal filetto, nato nell’Antico Egitto e ancora oggi giocato molto tra gli studenti, al gioco della vita, ideato da John Horton Conway, uno dei maggiori matematici viventi, che ha confessato di aver elaborato i suoi celebri teoremi grazie al gioco.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: