jump to navigation

Libri – “Io, Nelson Mandela – Conversazioni con se stesso” 01/12/2010

Posted by Antonio Genna in Libri, News.
trackback

Oggi vi presento un volume davvero eccezionale: si tratta di “Io, Nelson Mandela – Conversazioni con me stesso” (Sperling & Kupfer; titolo originale “Conversations with Myself”, traduzione di Claudia Lionetti, Marilisa Santarone e Cristina Volpi; 450 pagine, prezzo di copertina 20 € – Acquista “Io, Nelson Mandela” su Amazon.it), un libro che ci permette di comprendere chi si cela dietro una delle figure più emblematiche dei nostri tempi.
Dopo una vita trascorsa ad annotare su carta pensieri e avvenimenti, sacrifici e vittorie, Nelson Mandela (nato nel Transkei, in Sudafrica, il 18 luglio 1918) in persona ha aperto per noi il suo archivio personale: si va dalle lettere scritte nelle ore più buie dei suoi ventisette anni di prigionia alla bozza del seguito incompiuto della sua autobiografia “Lungo cammino verso la libertà”. Il volume raccoglie le annotazioni di Mandela sul suo calendario da tavolo nella cella a Robben Island, ma anche le chiacchierate con gli amici in quasi 70 ore di conversazioni registrate, le pagine del suo taccuino e le sue lettere personali. Dalle pagine del libro, che non si può considerare una vera e propria autobiografia, si vede che Mandela non è un santo, ma è semplicemente una persona come noi.
Il corposo volume spazia dalle prime agitazioni della sua coscienza politica al rilevante ruolo svolto sul palcoscenico mondiale, e ci permette – cosa che accade di rado – di trascorrere del tempo con un uomo fondamentale per la storia dell’ultimo secolo del pianeta.
La prefazione al volume è del presidente statunitense Barack Obama: ve la propongo integralmente di seguito.

Come tanti altri al mondo, ho conosciuto Nelson Mandela da lontano, quando era imprigionato a Robben Island. Per molti di noi lui era più di un uomo: era un simbolo della lotta per la giustizia, l’uguaglianza e la dignità in Sudafrica e in tutto il pianeta. Il suo sacrificio era così grande da incitare ovunque le persone a fare tutto ciò che era in loro potere per il progresso dell’umanità.
Nel più modesto dei modi, sono stato uno di coloro che hanno cercato di rispondere al suo appello. Ho cominciato a interessarmi di politica negli anni del college, unendomi alla campagna di disinvestimento e per la fine dell’apartheid in Sudafrica.
Nessuno degli ostacoli personali che mi trovavo ad affrontare come giovane uomo era paragonabile a quello che le vittime dell’apartheid vivevano ogni giorno, e potevo solo immaginare il coraggio che aveva portato Mandela a rimanere in quella cella per così tanti anni. Ma il suo esempio contribuiva ad aumentare la mia consapevolezza del mondo e del dovere che tutti noi abbiamo di lottare per ciò che è giusto. Con le sue scelte, Mandela dimostrava che non dobbiamo accettare il mondo così com’è, che possiamo fare la nostra parte perchè diventi come potrebbe essere.
Nel corso degli anni ho continuato a guardare a Nelson Mandela con ammirazione e umiltà, ispirato dal senso di possibilità che la sua vita dimostrava e sgomento di fronte ai sacrifici necessari per coronare il suo sogno di giustizia e uguaglianza. Di fatto, la sua vita racconta una storia che si erge in netta opposizione al cinismo e alla rassegnazione che così spesso affliggono il nostro mondo.
Un prigioniero è diventato un uomo libero; un simbolo di emancipazione è diventato una voce appassionata a favore della riconciliazione; un leader di partito è diventato un presidente che ha promesso la democrazia e lo sviluppo. Anche dopo avere lasciato gli incarichi ufficiali, Mandela continua a lavorare per l’uguaglianza, l’ampliamento delle opportunità e la dignità umana.
Ha fatto così tanto per cambiare il proprio Paese, e il mondo, che è difficile riuscire a immaginare la storia degli ultimi decenni senza di lui.
Poco più di vent’anni dopo aver fatto il mio ingresso nella vita politica e nel movimento per il disinvestimento come studente di college in California, sono entrato in quella che era stata la cella di Mandela a Robben Island. Ero appena stato eletto senatore degli Stati Uniti. La cella era ormai stata trasformata da una prigione in un monumento al sacrificio compiuto da così tante persone per una trasformazione pacifica del Sudafrica. Mentre mi trovavo in quella cella, ho provato a tornare indietro nel tempo, ai giorni in cui il presidente Mandela era ancora il prigioniero 466/64, quando la vittoria nella sua battaglia era tutt’altro che certezza. Ho cercato di immaginare Mandela – quella figura leggendaria che aveva cambiato la storia – come l’uomo Mandela, che aveva sacrificato così tanto per il cambiamento.
“Io, Nelson Mandela” offre uno straordinario contributo al mondo, restituendoci proprio l’immagine dell’uomo Mandela. Presentandoci i suoi diari, le sua lettere, i discorsi, le conversazioni e altri documenti che spaziano attraverso un arco temporale così ampio, questo libro di regala uno scorcio della sua vita, dalle banali abitudini che contribuivano a far passare il tempo in prigione, alle decisioni che adottò come presidente. In queste pagine lo vediamo come studioso e politico, come padre di famiglia e amico, come leader visionario e pragmatico. Mandela ha intitolato la sua autobiografia “Lungo cammino verso la libertà”. Ora, questo volume ci aiuta a ripercorrere i passi – e le deviazioni – che ha compiuto durante il viaggio. Fornendoci questo ritratto a tutto tondo, Nelson Mandela ci ricorda di non essere stato un uomo perfetto. Anche lui, come tutti noi, ha i suoi difetti. Ma sono proprio queste imperfezioni che dovrebbero essere d’ispirazione per ciascuno di noi. Perchè, se siamo onesti con noi stessi, sappiamo che affrontiamo battaglie piccole e grandi, personali e politiche, per superare la paura e il dubbio, per continuare a impegnarci anche quando l’esito della lotta è incerto, per perdonare gli altri e sfidare noi stessi. La storia raccontata da questo libro – e la storia della vita di Mandela – non è quella di esseri umani infallibili e di un inevitabile trionfo. è la storia di un uomo disposto a rischiare la vita per ciò in cui credeva e che ha lavorato incessantemente per condurre quel genere di esistenza che avrebbe reso il mondo un posto migliore.
Alla fine, è questo il messaggio di Mandela a ognuno di noi. Per tutti ci sono giorni in cui sembra che cambiare sia impossibile, giorni in cui le avversità delle nostre imperfezioni possono indurci a desiderare di imboccare un sentiero più facile, che eviti le nostre responsabilità verso gli altri. Perfino Mandela ha vissuto giorni come questi. Ma anche quando soltanto un tenue raggio di Sole penetrava in quella cella a Robben Island riusciva a vedere un futuro migliore, degno del suo sacrificio.
Anche quando ha dovuto fare i conti con la tentazione di cercare vendetta, ha visto la necessità di una riconciliazione e il trionfo dei principi sul mero potere. Anche quando ha raggiunto il meritato riposo, ha continuato a cercare – e continua tuttora – di ispirare i suoi compagni e le sue compagne a mettersi al servizio dell’umanità.
Prima di diventare presidente degli Stati Uniti ho avuto il grande privilegio di incontrare Mandela e dopo la mia elezione ho parlato in varie occasioni con lui al telefono. In genere sono conversazioni brevi: lui è ormai giunto al crepuscolo della sua vita e io devo affrontare il fitto programma di impegni che la mia carica mi impone. Ma sempre, durante queste conversazioni, ci sono momenti in cui traspaiono la gentilezza, le generosità e la saggezza dell’uomo. Quei momenti mi ricordano che dietro la storia che è stata scritta c’è un essere umano che ha scelto di far vincere la speranza sulla paura e di guardare avanti, oltre le prigioni del passato.
E mi rammentano che, per quanto sia diventato una leggenda, conoscere l’uomo – Nelson Mandela – significa rispettarlo ancora di più.

Barack Obama
Presidente degli Stati Uniti d’America

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: