jump to navigation

Libri – Manel Loureiro “Apocalisse Z” 22/12/2010

Posted by Antonio Genna in Libri.
trackback

“Apocalisse Z” (Editrice Nord; titolo originale “Apocalipsis Z”, traduzione di Claudia Marinelli; 416 pagine, prezzo di copertina 16,60 € – Acquista “Apocalisse Z” su Amazon.it), scritto da Manel Loureiro, avvocato di Pontevedra (Galizia), è un romanzo che è giunto al successo quasi per caso grazie ad Internet: l’idea è infatti nata da un blog dell’autore che ha conquistato più di due milioni di contatti in poche settimane, convincendo l’autore a scriverne un romanzo, che grazie al passaparola è diventato un fenomeno editoriale in Spagna, ed è ora sbarcato in Italia. Anche se l’idea non è originale, come vedremo di seguito, il romanzo si lascia divorare con voracità fino all’ultima pagina.
Così come l’autore, anche il protagonista del romanzo è un avvocato spagnolo: ha trent’anni, e vive in Galizia. Un bel giorno, dalla televisione apprende che, in una piccola repubblica del Caucaso, un gruppo di guerriglieri ha preso d’assalto una base militare russa. Sembra si tratti di un purtroppo abituale atto terroristico in una delle zone più turbolente e instabili del pianeta, ma ben presto si immagina che ci sia qualcosa di ben più grave sotto l’apparenza… forse un agente patogeno che si è diffuso, o un’esplosione atomica? Poco dopo, la Russia annuncia la chiusura delle proprie frontiere e, nel giro di pochi giorni, la seguono tutti i Paesi dell’Unione Europea; ben presto intere città vengono isolate e messe in quarantena, poi entra in vigore la legge marziale.
Nulla è più come prima: non c’è più elettricità, manca l’acqua potabile, la benzina è finita, gli scaffali dei negozi sono vuoti. Chi gira per le strade non è più un uomo… è diventato uno zombie!
Per superare un dolore, il protagonista ha iniziato a scrivere un blog su consiglio del suo psicologo, ed è tramite i suoi post quotidiani che si dipanano le fila del romanzo: vivremo in prima persona l’evoluzione della crisi, le misure di emergenza adottate giorno per giorno dai vari Paesi, l’isolamento delle persone che non riescono più a comunicare tra loro, il panico sempre più diffuso… sarà davvero dura sopravvivere, in un mondo che – come in “Io sono leggenda” di Richard Matheson – è sempre meno popolato da uomini… o forse ne è rimasto soltanto uno?

Commenti»

1. coco - 22/12/2010

si lascia leggere, io l’ho letto, per gli amanti del genere è un buon libro.

2. joey - 31/12/2010

nel genere assolutamente il migliore!!!

3. ammorbo - 21/03/2011

non credo sia proprio il migliore del genere ma, si l’idea è bella! noi facciamo una cosa simile sul nostro blog!


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: