jump to navigation

Cinema Festival #202 – Box Office del 31 dicembre 2010-2 gennaio 2011 – Un 2011 all star con tanti film in 3D – E’ morto Pete Postlethwaite – Il poster: Unknown – Varie dal mondo del cinema – Le uscite USA del 7 gennaio 2011: Season of the Witch 05/01/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, In Memoriam, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog, e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, una nuova locandina di film prossimamente in uscita ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 31 dicembre 2010 – 2 gennaio 2011

Storico sorpasso al vertice dei film più visti in Italia nel week-end di Capodanno: con la più alta media per sala (6.956 euro), Aldo, Giovanni e Giacomo e la loro “Banda dei Babbi Natale” svettano con 4,3 milioni ed un totale di 16,6 milioni, di pochissimo inferiore al cinepanettone “Natale in Sud Africa” con Christian De Sica, Massimo Ghini e Belen Rodriguez, che conferma la formula logora ed il calo rispetto allo scorso anno (quando “Natale a Beverly Hills” era giunto a 19,9 milioni); si conferma in terza posizione il thriller “The Tourist” con Johnny Depp e Angelina Jolie, giunto sopra gli 8,7 milioni totali. Arriva in quarta posizione la versione 3D di “Tron Legacy”, sequel del cult fantascientifico Disney che finora ha raccolto due milioni e mezzo di euro.
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “La banda dei Babbi Natale” (2) 4.305.642 € (Tot. 16.667.332)
  2. “Natale in Sud Africa” (1) 2.977.958 € (Tot. 16.731.240)
  3. “The Tourist” (3) 1.948.641 € (Tot. 8.740.810)
  4. “Tron Legacy 3D” (NE) 1.695.748 € (Tot. 2.509.264)
  5. “Le cronache di Narnia – Il viaggio del veliero 3D” (4) 1.667.889 € (Tot. 7.852.124)
  6. “Megamind 3D” (5) 1.170.985 € (Tot. 5.608.175)
  7. “Le avventure di Sammy 3D” (7) 909.733 € (Tot. 2.530.696)
  8. “La bellezza del somaro” (6) 684.864 € (Tot. 2.556.155)
  9. “Un altro mondo” (8) 623.723 € (Tot. 1.865.949)
  10. “Rapunzel – L’intreccio della torre 3D” (9) 420.292 € (Tot. 9.700.446)

BOX OFFICE USA
Week-end 31 dicembre 2010 – 2 gennaio 2011
Anche nel week-end di Capodanno si conferma il podio natalizio: sempre al primo posto la commedia “Little Fockers” con Robert De Niro e Ben Stiller, giunta oltre i 102 milioni di dollari complessivi; seconda posizione per il western “True Grit” di Joel e Ethan Coen, interpretato da Jeff Bridges e Matt Damon; terzo posto per “Tron Legacy” con Jeff Bridges e Garrett Hedlund, arrivato sopra i 131 milioni di dollari.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Little Fockers” (1) 25,76 (Tot. 102,57)
  2. “True Grit” (2) 24,41 (Tot. 86,67)
  3. “Tron Legacy” (3) 18,75 (Tot. 131,30)
  4. “Yogi Bear” (5) 12,38 (Tot. 65,75)
  5. “The Chronicles of Narnia: The Voyage of the Dawn Treader” (4) 10,25 (Tot. 86,92)
  6. “The Fighter” (6) 10 (Tot. 46,38)
  7. “Tangled” (7) 9,80 (Tot. 167,82)
  8. “Gulliver’s Travels” (8) 9,30 (Tot. 27,45)
  9. “Black Swan” (9) 8,88 (Tot. 47,80)
  10. “The King’s Speech” (11) 7,77 (Tot. 22,93)

UN 2011 ALL STAR CON TANTI FILM IN 3D
Quella che sta per iniziare si annuncia una buona annata per la settima arte, con tanti titoli hollywoodiani pronti a sbarcare nelle sale con buone prospettive di successo. Dal nuovo film di Clint Eastwood ‘Hereafter’ con Matt Damon al kolossal fantascientifico della Disney ‘Tron Legacy’, dalla nuova pellicola dei fratelli Coen, ‘True Gift’, che aprirà il festival di Berlino e che segna la prima incursione dei due registi nel western al nuovo film di Pedro Almodovar ‘Le Piel Que Abito’, che vedrà l’esordio del regista spagnolo nel genere horror e la reunion con uno dei suoi attori preferiti, Antonio Banderas.
E ancora, tra i titoli più attesi c’è ‘127 ore’, il nuovo film di Danny Boyle, che arriva dopo gli otto Oscar vinti con ‘The Millionaire’. Ma la lista dei titoli che si annunciano come potenziali blockbuster è molto più lunga. C’è ‘Dylan Dog’, il film tratto dall’omonimo fumetto e diretto da Kevin Munroe, con Brandon Routh nei panni dell’eroe dark e c’è il nuovo action-thriller di Steven Soderberg ‘Knockout’ con un cast stellare in cui figurano Michael Douglas, Ewan McGregor e Antonio Banderas.
A fine gennaio arriverà inoltre nelle sale italiane ‘The Green Hornet’ di Michel Gondry con Seth Rogen e Cameron Diaz, mentre a metà febbraio sarà la volta di ‘Burlesque’, diretto da Steven Antin, con Cher e Christina Aguilera. A maggio arriveranno invece in sala ‘Restless’, il nuovo film di Gus Van Sant, e ‘Hanna’ di Joe Wright con Cate Blanchett.
In calendario nel nuovo anno ci sono altri ritorni importanti: quello di Stephen Frears con ‘Tamara Drewe – Tradimenti all’inglese’, quello di Mike Leigh con ‘Another Year’ e quello di Ken Loach con ‘Route Irish’.
Atteso anche il nuovo film di Woody Allen ‘Midnight in Paris’, di cui si è molto parlato anche per la presenza nel cast della première dame francese Carla Bruni.
Nelle sale arriveranno col nuovo anno anche l’action thriller di Paul Haggis ‘The Next Three Days’ con Russell Crowe, l’action ‘Red’ di Robert Schwentke con Bruce Willis, Morgan Freeman, Helen Mirren e John Malkovich e il nuovo film da regista di Jodie Foster, ‘The Beaver’, interpretato dalla stessa Foster con Mel Gibson.
Un discorso a parte merita la vera e propria valanga di titoli in 3D pronti ad uscire e non solo in animazione: si va da ‘Drive Angry 3D’ di Patrick Lussier con Nicolas Cage a ‘I Fantastici Viaggi di Gulliver’ di Rob Letterman con Jack Black ed Emily Blunt; dal cartoon ‘Rio’, realizzato dagli stessi creatori dell’Era Glaciale ma ambietato in Brasile con protagonista un pappagallo, ad ‘Animals United 3D’, film d’animazione ambientalista; da ‘I Puffi’ a ‘Le avventure di Tintin’; dall’horror ‘Priest’ a ‘Thor’ di Kenneth Branagh, da ‘Transformers 3’ a ‘Captain America: il primo vendicatore’, da ‘Kung Fu Panda 2’ a ‘Il Gatto con gli stivali’ della Dreamworks, che arriverà nelle sale per il Natale 2011.
(fonte: Adnkronos – 4 gennaio 2011)

E’ MORTO PETE POSTLETHWAITE
Addio a Pete Postlethwaite, memorabile padre padrone di Voci lontane, sempre presenti, una di quelle facce che viste una volta non si cancella più. Anche perché dietro a quel volto scavato nella pietra c’era un grande attore, cresciuto sui migliori palcoscenici inglesi.
Nato il 7 febbraio 1945 a Worrington, Cheshire, in una famiglia cattolica e proletaria, ultimo di quattro figli, da ragazzo Postlethwaite voleva farsi prete. Ma gli angry young men del teatro e del cinema inglese fra gli anni 50 e i 60 lo convincono a tentare il palcoscenico. Uno dei suoi primi insegnanti, al Bristol Old Vic, lo rassicura: con quella faccia «come un’arcata di pietra» non può sbagliare. Il giovane Pete non ne è così certo e fa l’operaio per mantenersi agli studi. Ma non ci mette molto a imporre il suo fisico marcato fra colleghi dal portamento upper class e in breve diventa uno dei talenti più sicuri – e imprevedibili – della scena inglese.
Il grande pubblico lo ricorda soprattutto per il film di Jim Sheridan che nel ’93 gli fece sfiorare l’Oscar come non protagonista, Nel nome del padre, storia vera di quattro irlandesi accusati ingiustamente di appartenere all’Ira e incarcerati per quindici anni. Postlethwaite tiene testa a Daniel Day-Lewis nel ruolo di suo padre, e muore prima di riconquistare la libertà. Un ruolo da Oscar, appunto, anche se il suo capolavoro è il padre furioso di Voci lontane, sempre presenti, il film che nel 1988 rivelò al mondo l’universo brutale e poetico di Terence Davies, un mix elegiaco di furia e tenerezza, canzoni e brutalità, che resta uno dei momenti più alti del cinema inglese fine Novecento.
Ma Postlethwaite non aveva bisogno di protagonisti. Anche in ruoli di fianco, come in L’ultimo dei MohicaniI soliti sospettiAmistadIl mondo perduto – Jurassic Park, fino a The Town e al padre (ancora!) morente di Inception, era impossibile non ammirare la sua forza esplosiva quanto contenuta. Spielberg disse una volta che era «il miglior attore del mondo». Con il consueto understatement, Postlethwaite corresse: «Forse voleva dire che mi reputo il miglior attore del mondo». Il tumore che lo ha ucciso gli fu diagnosticato la prima volta nel 1990. Postlethwaite era un combattente.
(fonte: “Il Messaggero” – 4 gennaio 2011, articolo di Fabio Ferzetti)

IL POSTER
“Unknown”
Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, questa volta ecco il poster del thriller “Unknown”, in uscita negli Stati Uniti il 18 febbraio 2011.
Il film, diretto da Jaume Collet-Serra e scritto da Oliver Butcher e Stephen Cornwell, è basato sul romanzo “Out of My Head” di  Didier Van Cauwelaert; nel cast Liam Neeson, Diane Kruger, January Jones, Frank Langella, Aidan Quinn, Bruno Ganz, Sebastian Koch, Karl Markovics e Stipe Erceg.
Il dottor Martin Harris (Liam Neeson) si risveglia da un coma, e scopre con orrore che qualcuno ha assunto la sua identità e che nessuno, nemmeno sua moglie, gli crede. Con l’aiuto di una giovane donna, Martin cercherà di dimostrare chi è realmente…

VARIE DAL MONDO DEL CINEMA

  • IL PUBBLICO NON TRADISCE I CINEMA DI ITALIA, FRANCIA E CINA
    Dovrebbero essere 120 milioni i biglietti del cinema venduti in Italia nel 2010. Niente male, per i nostri ultimi standard. In Francia l’anno appena finito ha registrato invece 203 milioni di presenze. E in Cina il box office ha superato i 10 miliardi di yen (1,5 miliardi di dollari): è un incremento del 60 per cento rispetto al 2009, e una parte del merito è dei film stranieri (24 in tutto, per legge) che hanno incassato 420 milioni di dollari. Avatar in testa, ovviamente, con 210 milioni.
  • FOSTER E DAMON IN “ELYSIUM”
    Jodie Foster ha prenotato un posto nell’Elysium di Neill Blomkamp, dove incontrerà Matt Damon. Un bel terzetto – Blomkamp e’ il regista del cult District 9 – per un progetto che ha tutta l’aria di essere il classico rimpasto hollywoodiano di mitologia (il Campo Elisio degli Elleni, cantato anche da Virgilio, era il luogo in cui le anime dei giusti passavano dopo la morte), fantascienza e fantasy. Deadline descrive il film come uno “sci-fi ambientato in un lontano futuro, in un altro pianeta, con parecchi spunti sociopolitici”. Nel cast anche Sharlto Copley, gia’ protagonista di District 9.
  • CHI VEDREMO NE “LA TORRE NERA”?
    Hollywood in fermento: sarà Viggo Mortensen o Javier Bardèm a interpretare il film di Ron Howard ispirato alla serie La Torre Nera, un mix di fantasy, fantascienza e western firmato Stephen King? Ah, saperlo.
  • MORTI ANNUNCIATE A “REVELATION”
    Panico tra i devoti di Twilight: pare che nel quinto e ultimo capitolo della saga, Revelation (nelle sale a novembre 2012) Bella e Edward finiscano uccisi dai Vulturi. Ma forse non muoiono del tutto, il botteghino reclama il seguito. Intanto i giapponesi vogliono trasformare Twilight in un manga. Ohibò.
  • NATALIE PORTMAN SMENTISCE LA PARTECIPAZIONE A “SUPERMAN” E “BATMAN”
    “Che?!? Non ho mai sentito nulla del genere”. Lo dice con una risata Natalie Portman, ma la risposta non è per questo meno perentoria: ne’ il nuovo ‘Superman’ nè il terzo e conclusivo ‘Batman’ (‘The Dark Knight Rises’), ovvero due dei progetti a cui era stata di recente accostata l’attrice israeliana, rientrano nei suoi piani: “Non ne so nulla”, confessa a ‘Entertainment Weekly’, che l’aveva intervistata a proposito degli Oscar di febbraio, dove Natalie potrebbe concorrere per una statuetta, complice la magnifica prova in ‘Black Swan’. Nessuna smentita invece sulla presunta gravidanza fiorita proprio sul set del film di Aronofsky, con un ballerino del cast (il francese Benjamin Millepied). Stando a ‘People’ non ci sarebbero dubbi: il cigno nero si è tramutato in cicogna.
  • IL RITORNO DEI MANETTI
    Chi si rivede, i Manetti Bros. I due fratelli cineasti hanno girato L’arrivo di Wang, una spy-story di fantascienza con Ennio Fantastichini.

(fonti: Adnkronos, “Il Messaggero” – 3 gennaio 2011)

IL WEEK-END USA
Le uscite del 7 gennaio 2011

Ecco il trailer dell’unico film in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo.

“Season of the Witch”, fantasy avventuroso Relativity Media diretto da Dominic Sena, con Nicolas Cage, Ron Perlman e Claire Foy: il crociato Behmen (Cage) ed il compagno d’armi Felson (Perlman) tornano dopo anni di battaglie e scoprono che il loro paese natale è stato decimato dalla peste. Per tranquillizzare i membri della chiesa, i due uomini decidono di trasportare una presunta strega (Foy) ad un’abbazia remota, dove i monaci sperano che un rituale possa porre fine alla pestilenza…


Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.

Florian Henckel von Donnersmarck (screenplay) and
Christopher McQuarrie (screenplay) and
Julian Fellowes (screenplay)
Jérôme Salle (film “Anthony Zimmer”

Commenti»

1. enry - 05/01/2011

Ma che bello, il cinepanettone per la prima volta battuto da un altro film italiano! E con gli incassi di lunedì è avvenuto proprio il sorpasso.
Certo, non che il film di A,G & G sia di gran qualità ma sicuramente migliore del cineschifo è…
Ovviamente è ancora presto per cantare vittoria, 17 milioni sono ancora tantissimi, ma è cmq un piccolo passo avanti.

cescocesto - 06/01/2011

quoto asssssolutamente.

2. advanced85 - 05/01/2011

Boooom per True Grit, The King’s Speech e Black Swan…viva i film di qualità…;)

3. Ant - 05/01/2011

Il cinepanettone ha incassato meno perchè natale è capitato di sabato e domenica. L’anno prossimo si dirà “il cinepanettone è resuscitato!” perchè supererà i 20 agevolmente.

4. Ant - 05/01/2011

x enry. Io ho visto il film di Aldo Giovanni e Giacomo e ti assicuro che le risate sono state zero in tutta la sala (strapiena).

enry - 05/01/2011

Lo so, io non mi sogno nemmeno di andare a vederlo. Ma meglio del cinepanettone è di sicuro.

5. Alex - 05/01/2011

dispiace per Pete Postlethwaite

6. dyd666 - 05/01/2011

ho visto il film di aldo giovanni e giacomo e mi è piaciuto molto ! oltre a far ridere ha anche un velo di malinconia.. che non guasta mai !

7. cescocesto - 06/01/2011

twilight revelations?? cos’è? i libri non erano quattro?


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: