jump to navigation

Cinema Festival #203 – Box Office del 7-9 gennaio 2011 – Tutti i record del film di Checco Zalone – Addio a Lietta Tornabuoni – Il poster: Cars 2 – Elijah Wood ancora Frodo in The Hobbit – Varie dal mondo del cinema – Le uscite USA del 14 gennaio 2011: The Green Hornet, The Dilemma, Barney’s Version, Ong Bak 3 12/01/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, In Memoriam, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog, e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, una nuova locandina di film prossimamente in uscita ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 7 – 9 gennaio 2011

Record eccezionale di incassi (vedi anche sotto per gli aggiornamenti) per la nuova commedia italiana “Che bella giornata” con Checco Zalone: dopo gli enormi incassi realizzati nei primi due giorni di programmazione (oltre 7 milioni di euro tra mercoledì 5 e giovedì 6 gennaio), il week-end porta a 18,6 milioni di euro (superiore all’intero incasso del cinepanettone “Natale in Sud Africa”, precipitato al settimo post) il totale in cinque giorni secondo i rilevamenti Cinetel (775 sale), con una media copia elevatissima e pari a 15.200 €. Secondo posto per “Hereafter”, nuovo thriller di Clint Eastwood con Matt Damon: l’incasso rappresenta il miglior primo week-end di uscita per un film diretto da Eastwood nel nostro Paese, con una media per schermo di 9.239 euro (la più alta mai realizzata in Italia da un film di Eastwood); scende in terza posizione la commedia “La banda dei Babbi Natale” con Aldo, Giovanni e Giacomo, che supera i 20 milioni complessivi ed aumenta il distacco da “Natale in Sud Africa”.
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Che bella giornata” (NE) 11.823.120 € (Tot. 18.647.479)
  2. “Hereafter” (NE) 2.109.214 € (Tot. 3.256.721)
  3. “La banda dei Babbi Natale” (1) 1.487.600 € (Tot. 20.653.205)
  4. “Tron Legacy 3D” (4) 1.046.662 € (Tot. 5.062.958)
  5. “The Tourist” (3) 769.056 € (Tot. 10.667.750)
  6. “Le cronache di Narnia – Il viaggio del veliero 3D” (5) 719.341 € (Tot. 9.756.627)
  7. “Natale in Sud Africa” (2) 909.733 € (Tot. 2.530.696)
  8. “Le avventure di Sammy 3D” (7) 543.010 € (Tot. 18.449.292)
  9. “Megamind 3D” (6) 466.863 € (Tot. 6.861.920)
  10. “Rapunzel – L’intreccio della torre 3D” (10) 253.832 € (Tot. 10.333.265)

BOX OFFICE USA
Week-end 7 – 9 gennaio 2011
Sale in vetta il western “True Grit” di Joel e Ethan Coen, interpretato da Jeff Bridges e Matt Damon; scende in seconda posizione la commedia “Little Fockers” con Robert De Niro e Ben Stiller; al terzo posto l’unica novità del week-end, il fantasy avventuroso “Season of the Witch” con Nicolas Cage e Ron Perlman.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “True Grit” (2) 14,60 (Tot. 110,03)
  2. “Little Fockers” (1) 13,48 (Tot. 123,68)
  3. “Season of the Witch” (NE) 10,61 (Tot. 10,61)
  4. “Tron Legacy” (3) 10,09 (Tot. 148,21)
  5. “Black Swan” (9) 8,11 (Tot. 61,21)
  6. “Country Strong” (43) 7,32 (Tot. 7,46)
  7. “The Fighter” (6) 7 (Tot. 57,84)
  8. “Yogi Bear” (4) 6,64 (Tot. 75,43)
  9. “The King’s Speech” (10) 6,41 (Tot. 32,89)
  10. “Tangled” (7) 5,11 (Tot. 175,77)

TUTTI I RECORD DEL FILM DI CHECCO ZALONE
Checco Zalone
polverizza ogni record con “Che bella giornata” e guarda con legittima speranza al record dei record, quello ottenuto da Roberto Benigni nel 1997 con “La vita è bella”, miglior incasso nella storia del cinema italiano con 31.231.984 euro. Record fino a oggi insidiato solo da “Benvenuti al Sud” di Luca Miniero (quasi 30 milioni).
Il film, uscito il 5 gennaio, ha finora raccolto al botteghino 18.647.479  € (equivalenti a 2.871.390 biglietti venduti), la cifra più alta mai incassata da un film in così poco tempo. In soli cinque giorni, “Che bella giornata” è balzato al terzo posto della classifica stagionale alle spalle de “La banda dei Babbi Natale” (20.653.000 €), campione d’incassi delle feste, e davanti al cinepanettone “Natale in Sudafrica” (18.449.000 €), entrambi usciti lo scorso 17 dicembre.
Aggiornando gli incassi a ieri 11 gennaio, “Che bella giornata” in appena sette giorni è il film più visto delle feste italiane, con un totale di 20.996.999 €, superiore sia a “La banda dei Babbi Natale” (20.797.835 €) che a “Natale in Sud Africa” (18.493.012 €).

Questi i record finora superati dal film, superiori ai risultati di blockbuster statunitensi come “Avatar” o i film della serie “Harry Potter”: migliore giornata di programmazione (4.660.000 € di domenica, contro i 4.300.000 del record precedente), miglior week-end (11.823.000 €, contro 9.946.000), migliori primi cinque giorni (18.647.000 €, contro 12.900.000).
“Gli incassi di questi due giorni mi inorgogliscono ma la vera felicità è per Valsecchi e Pier Silvio Berlusconi: che bello aiutare gli indigenti”, ha commentato scherzosamente all’Ansa Checco Zalone dalla casa in campagna dalla mamma in Puglia.

ADDIO A LIETTA TORNABUONI
E’ mancata nella notte dell’11 gennaio al Policlinico di Roma la nostra collega e grande critico cinematografico de La Stampa Lietta Tornabuoni. Era stata ricoverata in ospedale poco prima di Natale, dopo che si era sentita male a una proiezione cinematografica, ma le sue condizioni non avevano mai destato preoccupazione fino a un improvviso aggravarsi ieri.
Il suo vero nome era Giulietta, e avrebbe fra qualche mese compiuto ottant’anni: era infatti nata a Pisa il 24 marzo 1931 sotto il segno dell’Ariete da un’antica famiglia aristocratica, figlia di un militare e sorella di Lorenzo, noto pittore. Si era sposata giovanissima e trasferita a Roma, dove aveva intrapreso appena diciottenne la carriera giornalistica, che è stato sempre il suo vero grande amore. E’ stata testimone dei fatti nazionali e internazionali più importanti degli ultimi cinquant’anni, dall’attentato terroristico alla squadra israeliana alle Olimpiadi di Monaco 72 fino al sequestro e omicidio di Aldo Moro, fatti che raccontava con meticolosa attenzione per i dettagli e sintesi fulminante del giudizio.
Aveva cominciato la professione nel 1949 a «Noi Donne», il settimanale dell’Udi, passando nel 1956 a «Novella», poi all’«Espresso»e all’«Europeo».Alla Stampa era arrivata nel 1970, dove ha continuato a lavorare fino a oggi, tranne un breve intervallo dal 1975 al 1978 al «Corriere della sera». Tra i suoi libri: «Sorelle d’Italia», «Album di famiglia della tv», «Era Cinecittà», dove raccontava la <GRANDE famiglia>del cinema, e l’annuale appuntamento di «Al cinema», il volume che periodicamente raccoglieva le sue recensioni. Era critico cinematografico del nostro giornale dai primi Anni 90, aveva raccolto il testimone dal grande amico Stefano Reggiani: le sue recensioni asciutte e puntuali coglievano sempre il senso profondo dei film. Indimenticabili i suoi ritratti dei grandi del cinema che aveva conosciuto, come quello, tra gli ultimi, della sceneggiatrice Suso Cecchi d’Amico scomparsa in agosto. Non si faceva problemi ad alternare il mestiere del critico a quello del cronista, guardava la realtà con curiosità inesausta e affettuoso disincanto, senso dell’umorismo tutto toscano e severo rigore sabaudo, prima di tutto con se stessa. Una gran signora del giornalismo italiano.
(fonte: LaStampa.it – 11 gennaio 2011, articolo di Raffaella Sillipo)

IL POSTER
“Cars 2”
Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, questa volta ecco il poster del film d’animazione Disney-Pixar “Cars 2”, in uscita negli Stati Uniti il 24 giugno 2011 (ed in Italia il 17 agosto 2011).
Il film, diretto da John Lasseter e Brad Lewis, vede un ricco cast di doppiatori originali tra cui Owen Wilson, Michael Caine, Emily Mortimer, Michael Keaton, Jason Isaacs, Bonnie Hunt, John Ratzenberger, Tony Shalhoub, Joe Mantegna, Thomas Kretschmann, Larry The Cable Guy e Cheech Marin.
Questa volta la stella delle corse Lightning (nella versione italiana Saetta) McQueen (voce di Wilson) insieme con l’inseparabile Mater (nella versione italiana Carl Attrezzi) si imbarca in un’avventura internazionale nella quale sfiderà le automobili più veloci del mondo.

WARNER FINANZIA MGM, E ELIJAH WOOD TORNA NEI PANNI DI FRODO IN “THE HOBBIT”
Elijah Wood
, che ha già firmato, tornerà nel ruolo di Frodo Baggins in “The Hobbit”, il prequel della trilogia del Signore degli Anelli
La notizia si apprende dal sito web Deadline Hollywood e arriva all’indomani dell’accordo secondo il quale la Warner Bros finanzierà la MGM con oltre 500 milioni di dollari per i costi di questo film, in cambio di buona parte dei diritti. Nel cast di “The Hobbit”, sono confermati anche Martin Freeman nel ruolo di Bilbo e Cate Blanchett che riprende il ruolo dell’elfo Galadriel.
“The Hobbit” è la trasposizione, divisa in due parti, del romanzo epico di J.R.R. Tolkien che racconta le avventure di Bilbo Baggins, l’uomo cui viene affidato l’anello al centro della celebre trilogia, di cui costituisce una sorta di prequel.
Nel libro non si parla di Frodo, che invece apparirà, non si sa ancora con quale pretesto narrativo, nel film.
Elijah Wood ha inoltre firmato per interpretare Ben Gunn nell’adattamento cinematografico dell’”Isola del tesoro” di Robert Louis Stevenson, e sarà al Sundance Film Festival nel cortometraggio “Fight for your Right Revisited” di Adam Yauch.
(fonte: Cinematografo.it – 10 gennaio 2011)

VARIE DAL MONDO DEL CINEMA

  • CONFERMATO IL NUOVO FILM DI “JAMES BOND”
    Dopo la gradita conferma che il progetto di un nuovo James Bond era uscito dagli impacci produttivi legati alla crisi finanziaria della MGM, è arrivata la notizia ufficiale che il 23° film dedicato all’agente segreto verrà realizzato.
    A dirigerlo sarà il premio Oscar Sam Mendes (American Beauty, Revolutionary Road, American Life), il quale dovrà probabilmente rivedere i suoi impegni riguardanti l’adattamento di Ian McEwan On Chesil Beach. Ad annunciare il film sono stati Barbara Broccoli e Michael G. Wilson, i quali hanno anche fissato l’inizio riprese entro il 2011 e la data d’uscita il 9 novembre 2012.
    La sceneggiatura del film sarà scritta Neal Purvis, John Logan e Robert Wade, ed in qualche modo dovrebbe concludere l’ideale trilogia che vede protagonista Daniel Craig.
  • ED WESTWICK, DA “GOSSIP GIRL” A CLINT EASTWOOD
    Dopo la rinuncia di Charlize Theron, che avrebbe dovuto vestire i panni di Helen Gandy, assistente personale di J. Edgar Hoover, arriva la notizia dell’ingresso nel cast del nuovo film di Clint Eastwood di Ed Westwick, giovane attore tra i protagonisti del serial ‘Gossip Girl’.
    Nel biopic dedicato al controverso capo FBI, “J. Edgar”, interpretato da Leonardo Di Caprio, Westwick sara’ un dipendente del Federal Bureau of Investigation che grazie alle sue doti di abile scrittore sara’ coinvolto da Hoover per la stesura della sua biografia. Fino a quando il ragazzo non verra’ a conoscenza di alcuni scomodi segreti.
  • DAVID FINCHER RITROVA TRENT REZNOR
    L’ex leader dei Nine Inch Nails Trent Reznor torna a collaborare con David Fincher per le musiche di ”The Girl with the Dragon Tattoo”, remake americano dello svedese ”Uomini che odiano le donne”. Lo ha confermato lo stesso musicista al ”The New York Times”.  Reznor fara’ nuovamente coppia con l’inglese Atticus Ross, riformando la squadra che aveva realizzato l’ipnotico score di ”The Social Network”: e tra le tante nomination agli Oscar che il film di Fincher presumibilmente si aggiudichera’, quella per la colonna sonora non dovrebbe mancare.  ”The Girl with the Dragon Tattoo” uscira’ nei cinema americani a dicembre. Nel cast Daniel Craig, Rooney Mara, Christopher Plummer e Stelland Skarsgard.
  • ROBERT DE NIRO PRESIDENTE DI GIURIA A CANNES
    Robert De Niro presiedera’ la giuria del 64mo Festival di Cannes che si svolgera’ dall’11 al 22 maggio rpossimi. Lo riporta il sito internet del quotidiano ‘Le Figaro’, che sottolinea come l’attore americano succeda al suo connazionale Tim Burton, presidente nel 2010, e alla francese Isabelle Huppert, che ha guidato la giuria nel 2009.
  • MICHAEL DOUGLAS HA SCONFITTO IL CANCRO
    “Ho sconfitto il cancro alla gola”. Michael Douglas, durante un’intervista al programma televisivo della Nbc, Today Show, annuncia di essere guarito dopo sei mesi di chemio e radioterapiata. Il tumore gli era stato diagnosticato lo scorso agosto. Ora l’attore, 66 anni, sposato con Catherine Zeta-Jones e padre di due figli, dovrà sottoporsi a controlli mensili ma “senza abbandonarsi all’euforia” può dire di “aver sconfitto il cancro”.
    Nel periodo di cura Michael Douglas ha perso almeno 15 chili. Adesso, dice il divo hollywoodiano che si era dimostrato ottimista fin dall’inizio della malattia, è tornato l’appetito (“Ho ripreso a mangiare come un maiale”, dichiara) e presto si augura di “tornare come prima”. Ad una vita normale.
  • E’ AMORE TRA SANDRA BULLOCK E RYAN REYNOLDS
    Sandra Bullock e Ryan Reynolds sarebbero una coppia. Secondo il settimanale “US Weekly” i due sono amici da dieci anni, ma dopo le rotture dai rispettivi partner hanno passato un Capodanno romantico insieme e hanno iniziato una storia. ”Stanno benissimo insieme” ha detto una fonte al settimanale. L’amicizia fra i due e’ passata attraverso vari rapporti di coppia, Ryan Gosling e Jesse James per l’attrice e Alanis Morrissette e Scarlett Johansson per il collega in “The Proposal”.

(fonti: ComingSoon, Ansa, Adnkronos – 11-12 gennaio 2011)

IL WEEK-END USA
Le uscite del 14 gennaio 2011

Ecco il trailer di quattro film in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo: gli ultimi due titoli usciranno soltanto in alcune zone del Paese.

“The Green Hornet”, film d’azione Columbia Pictures diretto da Michel Gondry, con Seth Rogen, Jay Chou e Christoph Waltz: il playboy Britt Reid (Rogen) è l’editore del quotidiano “The Daily Sentinel”, e di notte si trasforma nel mascherato “Green Hornet” che, affiancato dall’esperto di arti marziali Kato (Chou), lotta contro il crimine cercando di tenere segreta la sua vera identità.

“The Dilemma”, commedia Universal Pictures diretta da Ron Howard, con Vince Vaughn, Kevin James e Winona Ryder: Ronny Valentine (Vaughn) non sa se rivelare o non dire nulla al suo migliore amico Nick Brannen (James) che la moglie Geneva (Ryder) ha una relazione con un altro uomo.

“Barney’s Version”, dramma Sony Pictures Classics diretto da Richard J. Lewis, con Paul Giamatti, Rosamund Pike e Jake Hoffman, in uscita venerdì anche in Italia: l’irascibile produttore televisivo Barney Panofsky (Giamatti) riflette sui successi e fallimenti della sua vita, dai tre matrimoni ai suoi problemi con la bottiglia e all’infedeltà, e alla scomparsa irrisolta del migliore amico Boogie (Speedman).

“Ong Bak 3”, film d’azione thailandese distribuito da Magnet Releasing, diretto da Tony Jaa e Panna Rittikrai ed interpretato da Tony Jaa, Dan Chupong e Sarunyu Wongkrachang: l’abile guerriero Tien (Jaa) è stato quasi ucciso durante la sua missione per vendicardi di coloro che hanno sterminato la sua famiglia. Riportato al villaggio di Kana Khone ed addestrato alla meditazione, Tien viene presto visitato dal suo arcinemico per un ultimo scontro.


Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.

Florian Henckel von Donnersmarck (screenplay) and
Christopher McQuarrie (screenplay) and
Julian Fellowes (screenplay)
Jérôme Salle (film “Anthony Zimmer”

Commenti»

1. advanced85 - 12/01/2011

Checco Zalone distrugge Avatar. :O
Carino il film di Aldo Giovanni e Giacomo.

In America i film d’autore battono i blockbuster e Nicolas Cage non ne azzecca più una, ormai i debiti l’hanno ricoperto fino alla testa.

2. enry - 12/01/2011

Non riesco a trovare parole per commentare il risultato di Zalone… dico solo, tristezza infinita!!!!

LadyAileen - 12/01/2011

Hai perfettamente ragione!!! :)

3. bart - 12/01/2011

che scandalo se zalone dovesse superare la vita è bella…

advanced85 - 12/01/2011

Beh dai l’incasso non è indice di qualità e cmq ben vengano da parte di qualsiasi film italiano tutti questi soldi incassati in un periodo dove i fondi scarseggiano. 5 film italiani ultimamente hanno incassato 100 milioni ed è secondo me un bene.

IRapeYourMind - 12/01/2011

Sì bhè peccato che i fondi non debbano essere dati a queste cose commerciali che si reggono benissimo da sole (ma sono Medusa e blablabla) ma li dovresti dare al cinema italiano che ormai non esiste più, quello di genere, quello dei piccoli autori, quello dei giovani talenti.
Il Cinema italiano, con la C maiuscola, è morto da anni, e di sicuro non è Zalone che lo fa rinascere.

Paolo - 12/01/2011

Completamente d’accordo.
Questa è robaccia che fa male al cinema italiano, altro che bene.

advanced85 - 12/01/2011

Mi sa che non hai capito quello che ho scritto, ho detto che questi grossi incassi sono una gran cosa anche se provengono da un certo tipo di film perchè danno soldi non solo a chi ha fatto i film , ma anche alla casa di produzione che con più soldi potrà produrre altri tipi di film , potrà far arrivare in Italia film stranieri di qualità, e infine ci guadagnano le sale che hanno comprato le varie copie.

Detto questo non ci fermiamo solo a dire che il cinema italiano è morto perchè negl’ultimi tempi di film italiani validi ne sono usciti eccome, ad esempio Vincere, La Prima Cosa Bella, Io Sono L’Amore, L’Uomo che Verrà, La Nostra Vita…tutti film considerati anche all’estero…;)

Trisha - 12/01/2011

Fa male davvero! Assurdo.

4. burchio - 12/01/2011

per me è successo semplicemente questo…

prima si guardava IL cinepanettone quello di boldi e de sica…poi si sono divisi e la gente è andata a vedere entrambi per un paio di anni (boldi faceva sempre + schifo mentre in quei due anni quello di de sica era migliorato leggermente tanto che non c’era neanche una “tetta gratuita”. boldi è stato abbandonato e l’italia si è buttata su de sica, che però con quello dello scorso anno e quello attuale ha toccato veramente il fondo della schifezza. quindi, si sono buttati prima tutti su aldo giovanni e giacomo, sperando di non trovare lo schifo del cosmo sul comò…AGeG sono piaciuti un po’, ma all’italia mancava ancora la GRASSE RISATE…e tac grazie anche al martellante spot in tutti i cinema frequnentati da chi era in cerca del cinepanettone 2010)del film di zalone…ecco che zalone ha fatto il BOOM.

senza i trailer in tutti i cinema nessuno sapeva che zalone faceva il secondo film…uscivano dai cinema amareggiati dal film appena visto (tra AGeG boldi de sica the tourist e altri film orrendi delle feste), ma con in testa il trailer di zalone…e il 5 puntualmente tutti al cinema…
il resto l’ha fatto il passaparola

quindi non mi deprimerei certo nel sapere che questo film possa battere ogni record…la gente ha BISOGNO di ridere e al momento c’è solo questo film per farlo…non c’è in giro nei cinema una commedia decente in programmazione…diciamo che ci si accontenta.

non mi stupirei se il prossimo anno dovesse uscire il cinezZALettONE

dDan - 15/01/2011

io invece credo proprio che Zalone l’anno prossimo non uscirà proprio con nessun film. Se è intelligente come credo, si fermerà.

5. dDan - 15/01/2011

contentissimo per il successo del mio conterraneo, Luca Medici. Ha la capacità – in questo mi ricorda la Littizzetto, sarebbe bello vederli insieme in futuro – di non risultare mai volgare, pur trattando spesso temi che puliti certo non sono.

Dimostra che si può far ridere con leggerezza ma anche facendo riflettere. E il suo film offre parecchi spunti molto interessanti.

Danno fastidio invece i commenti di quelli che parlano basandosi su pregiudizi, non sapendo neanche loro cosa stanno dicendo.
Ad esempio parliamo un pò del record di Benigni: a me pare evidente che Zalone non lo batterà, nè nessun altro film italiano in futuro riuscirà a batterlo a meno che non esca in sala una pellicola bella almeno quanto il Capolavoro del toscano. Benigni è vero che incassò 31 milioni di euro, ma eravamo nel 97 quando i biglietti costavano molto meno di ora. Il confronto andrebbe fatto sul numero di spettatori. “La vita è bella” fu vista da oltre 5 milioni di italiani nei cinema. La quota arriva a 10 se consideriamo i dati Siae (più dettagliati rispetto ai dati cinetel precedentemente citati).

E poi vorrei sottolineare che i film di Benigni precedenti a “La vita è bella” non sono poi così migliori rispetto a quelli del nostro Zalone!

Chiudo dicendo che quasi 100 milioni al cinema italiano con 4 film, di cui 3 veramente molto carini (benvenuti al sud, i babbi natale, che bella giornata, escludo ovviamente il film di de sica) non possono che fare bene. Ed allora viva Zalone, A.G.&G. e la coppia Bisio Siani, sperando che gli italiani continuino a prediligere questa comicità a quella vuota e volgare di Desica & Co.

Massimo - 16/01/2011

D’accordo con dDan


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: