jump to navigation

“M’illumino di meno 2011”, settima giornata del risparmio energetico 18/02/2011

Posted by Antonio Genna in News, Radio, Scienza e tecnologia.
trackback

Oggi venerdì 18 febbraio 2011 ha luogo “M’illumino di meno 2011”, la settima giornata del risparmio energetico, promossa da “Caterpillar” (storico programma radiofonico in onda su Radio2 Rai dal lunedì al venerdì dalle ore 18.00 alle 19.25, con la conduzione di Massimo Cirri e Filippo Solibello), che si propone come gli scorsi anni di abbattere il più possibile i consumi di elettricità, riscaldamento, benzina e gasolio di oggi ed avviare l’acquisizione di una coscienza comune in tal senso.
Quest’anno l’edizione è dedicata ai 150 anni dell’unità d’Italia: l’invito fatto ai comuni è quello di misurarsi con la green economy adottando un sistema pulito per spegnere lo spreco e accendere una scenografia tricolore nella giornata di oggi.
Siamo tutti invitati dalle ore 18.00 alle 19.30 a spegnere le luci e i dispositivi elettrici non indispensabili delle nostre case. Per l’occasione oggi “Caterpillar” andrà in onda in versione allungata dalle ore 17.00 alle 19.25 in diretta dallo spettacolare scenario del Castello di Rivoli a Torino, e godrà di numerosi inviati e testimoni delle iniziative in giro per l’Italia e l’Europa.
Dal sito del programma cliccando qui si può scaricare l’inno ufficiale della manifestazione, il brano inedito “M’illumino di meno 2011” eseguito dalla Banda Osiris.

Vi presento a seguire il comunicato stampa del programma che spiega meglio l’iniziativa.

M’ILLUMINO DI MENO 2011
Giornata del Risparmio Energetico

Il 18 febbraio 2011 torna M’illumino di meno, la più radiofonica campagna sul risparmio energetico mai escogitata sul globo terracqueo.La Giornata del Risparmio Energetico 2011, special edition per i 150 anni dall’unità d’Italia, è fissata per il 18 febbraio 2011. Anche quest’anno Caterpillar invita comuni, associazioni, scuole, aziende e case di tutt’Italia ad aderire all’iniziativa creando quel “silenzio energetico” che ha coinvolto le piazze di tutt’Europa negli anni scorsi, per fare spazio, dove possibile, ad un’accensione virtuosa, a base di fonti rinnovabili.

Per il 18 febbraio cerchiamo, contestualmente agli spegnimenti simbolici, accensioni originali di luci pulite a tema tricolore. Turbine, lanterne, Led o biciclette, che alimentino tricolori luminosi su tutto il territorio nazionale. Impariamo a risparmiare, a produrre meglio e a pretendere energia pulita per tutti.

Allo stadio attuale della ricerca tecnologica è già possibile produrre energia con il sole, il vento, il mare, il calore della terreno o con le biomasse. Facendo appello all’inesauribile ingegno italico invitiamo tutti, dagli studenti ai precari, dalle aziende in crisi alle amministrazioni comunali, a misurarsi con la green economy adottando un sistema pulito per spegnere lo spreco e accendere una scenografia tricolore il 18 febbraio 2011. Segnalateci la vostra intenzione di ideare eventi che riuniscano più persone, privilegiando luoghi aperti e pubblici, particolarmente visibili, trovando modi creativi e poco dispendiosi per accendere luci rosse bianche e verdi nelle piazze spente di tutt’Italia, per testimoniare la necessità di una gestione più “illuminata” del nostro futuro.

Durante la campagna racconteremo per radio le buone pratiche di produzione e di consumo intelligente di energia, e daremo voce alle adesioni più interessanti.

Nella puntata speciale per M’illumino di meno, in onda il 18 febbraio dalle 17 alle 19,30 dall’interno del Castello di Rivoli, prevediamo collegamenti telefonici con le più prestigiose adesioni all’iniziativa di quest’anno; durante la diretta 150 sindaci s’impegneranno ad amministrare le proprie città con oculatezza nel segno della sostenibilità ambientale. L’idea è quella di sottoscrivere una sorta di “giuramento” per ridurre i consumi e sostenere con ogni mezzo le energie alternative. Tutti con fascia tricolore per l’occasione. Parallelamente, il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli organizzerà un grande evento collettivo nell’ambito del progetto Italiae. 150 eventi in piazza per ri-disegnare l’Italia.

Anche all’estero cercheremo esperienze di razionalizzazione dei consumi e di amministrazioni virtuose dal punto di vista della gestione sostenibile delle risorse energetiche.

Su  www.caterpillar.rai.it è possibile segnalare la propria adesione e trovare tutti i materiali per diffondere l’iniziativa nei posti di lavoro, a scuola o nella propria città.

Ed ecco il decalogo di “Caterpillar” per riuscire a risparmiare energia in modo semplice.

Buone abitudini per il 18 febbraio (e anche dopo!)

1. spegnere le luci quando non servono

2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici

3. sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria

4. mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola

5. se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre

6. ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria

7. utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne

8. non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni

9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

10. utilizzare l’automobile il meno possibile e se necessario condividerla con chi fa lo stesso tragitto.

E ricordati di spegnere tutte le luci e i dispositivi elettrici non indispensabili venerdì 18 febbraio alle ore 18.00!

A seguire, un approfondimento sull’edizione di quest’anno

Il tam-tam di “Caterpillar” per ridurre gli sprechi di energia ricorrendo a forme alternative per la salvaguardia dell’ambiente è iniziato sette anni fa con un appello lanciato dai conduttori del programma Massimo Cirri e Filippo Solibello. E il 18 febbraio, con “M’illumino di meno 2011”, arriva l’ennesima dimostrazione: le luci “virtuose” possono rappresentare un obiettivo di ecosostenibilità.  La campagna di sensibilizzazione è partita in forma capillare e ha coinvolto i radioascoltatori che, anche con il passa-parola, contribuiranno a creare quel “silenzio energetico” che negli anni scorsi ha già coinvolto piazze di tutta Europa per fare spazio a un’accensione virtuosa a base di fonti rinnovabili. “Caterpillar” ha invitato Comuni, associazioni, scuole e cittadini di ogni età  ad “accendere il tricolore”, dedicando questa edizione ai 150 anni dell’Unità d’Italia.
“M’illumino di meno” vuol dire infatti “uniti per l’energia pulita”, quella che fa vivere meglio. E questo simbolico “tenersi per mano” per realizzare un ideale comune si celebrerà il 18 febbraio, quando dallo spettacolare scenario del Castello di Rivoli a Torino andrà in onda la diretta di “Caterpillar”. Eccezionalmente l’appuntamento con i radioascoltatori è fissato dalle 17.00 alle 19.30 e, per l’occasione, il Castello ospiterà una speciale installazione raffigurante l’Italia sotto forma di puzzle realizzato in plastica riciclata. L’opera proviene dal progetto “Italiae. 150 eventi in piazza per ri-disegnare l’Italia”, nato dalla collaborazione fra il Comitato Italia 150 e il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli –  Museo d’Arte Contemporanea e finalizzato a promuovere elementi di cultura contemporanea nel contesto storico e ad attualizzare la dimensione storica nel tempo presente. Saranno protagoniste 150 piazze italiane, intese come agorà, luogo aperto sia all’incontro che al confronto, rappresentative di culture, tradizioni e identità territoriali diverse. In ogni piazza  la festa dell’energia pulita sarà scandita da tanti eventi collettivi, rivolti indistintamente a tutti i  cittadini sull’intero territorio nazionale per dimostrare che l’ecosostenibilità non è un’utopia.
La diretta di “Caterpillar” dall’interno del Castello racconterà il percorso di “M’illumino di meno 2011” con tante testimonianze provenienti da alcune delle 150 piazze delle città che hanno aderito e dove altrettanti sindaci si sono impegnati a sottoscrivere una sorta di “giuramento”. Garantiranno infatti, in nome della fascia tricolore che indossano, di  amministrare i loro comuni nel segno della sostenibilità ambientale per ridurre i consumi e promuovere con ogni mezzo le energie alternative. In particolare 20 sindaci, uno per regione, contribuiranno in diretta radiofonica alla “riunificazione” simbolica del puzzle della grande Italia posta all’ingresso del Palazzo di Rivoli, dove la cornice luminosa è naturalmente bianca, rossa e verde.
La cerimonia sarà accompagnata dalla musica dal vivo: sia l’Inno di Mameli, “Fratelli d’Italia”, che quello di “M’illumino di meno” saranno eseguiti dai fiati della Banda Osiris.

Ed ora un commento dei due conduttori.

“In pochi anni la nostra iniziativa – spiega Massimo Cirri –  è entrata nell’agenda delle persone, delle associazioni, dei comuni e delle scuole. E’ diventata una data di cui ricordarsi. Una di quelle da segnare sul calendario e da festeggiare. Preparandosi mesi prima o organizzando una cena a lume di candela all’ultimo momento. Ma bisogna esserci, perché adesso è una festa importante. E l’ha inventata Radio2″.
E Filippo Solibello aggiunge: “Siamo entusiasti delle risposte che stanno arrivando dai quattro angoli della penisola. Quest’anno M’Illumino di Meno festeggia anche i 150 anni dell’Unità d’Italia. Abbiamo accolto con grande piacere le adesioni dei tantissimi che hanno voluto sfilare con noi in questa ideale parata dell’energia pulita. Migliaia di tricolori luminosi si accenderanno per rivendicare l’orgoglio di un primato italiano, quello della più grande mobilitazione di popolo dedicata a un futuro sostenibile e energeticamente rinnovabile”. L’invito è anche quello di inviare un breve filmato video, da realizzare anche semplicemente con una macchinetta digitale e da caricare su youtube con una piccola presentazione, e una sintesi dei punti salienti dell’impegno per la sostenibilità nel proprio comune. Il tutto della durata di un minuto.

Il tam-tam di “Caterpillar” per ridurre gli sprechi di energia ricorrendo a forme alternative per la salvaguardia dell’ambiente è iniziato sette anni fa con un appello lanciato dai conduttori del programma Massimo Cirri e Filippo Solibello. E il 18 febbraio, con “M’illumino di meno 2011”, arriva l’ennesima dimostrazione: le luci “virtuose” possono rappresentare un obiettivo di ecosostenibilità.  La campagna di sensibilizzazione è partita in forma capillare e ha coinvolto i radioascoltatori che, anche con il passa-parola, contribuiranno a creare quel “silenzio energetico” che negli anni scorsi ha già coinvolto piazze di tutta Europa per fare spazio a un’accensione virtuosa a base di fonti rinnovabili. “Caterpillar” ha invitato Comuni, associazioni, scuole e cittadini di ogni età  ad “accendere il tricolore”, dedicando questa edizione ai 150 anni dell’Unità d’Italia.
“M’illumino di meno” vuol dire infatti “uniti per l’energia pulita”, quella che fa vivere meglio. E questo simbolico “tenersi per mano” per realizzare un ideale comune si celebrerà il 18 febbraio, quando dallo spettacolare scenario del Castello di Rivoli a Torino andrà in onda la diretta di “Caterpillar”. Eccezionalmente l’appuntamento con i radioascoltatori è fissato dalle 17.00 alle 19.30 e, per l’occasione, il Castello ospiterà una speciale installazione raffigurante l’Italia sotto forma di puzzle realizzato in plastica riciclata. L’opera proviene dal progetto “Italiae. 150 eventi in piazza per ri-disegnare l’Italia”, nato dalla collaborazione fra il Comitato Italia 150 e il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli –  Museo d’Arte Contemporanea e finalizzato a promuovere elementi di cultura contemporanea nel contesto storico e ad attualizzare la dimensione storica nel tempo presente. Saranno protagoniste 150 piazze italiane, intese come agorà, luogo aperto sia all’incontro che al confronto, rappresentative di culture, tradizioni e identità territoriali diverse. In ogni piazza  la festa dell’energia pulita sarà scandita da tanti eventi collettivi, rivolti indistintamente a tutti i  cittadini sull’intero territorio nazionale per dimostrare che l’ecosostenibilità non è un’utopia.
La diretta di “Caterpillar” dall’interno del Castello racconterà il percorso di “M’illumino di meno 2011” con tante testimonianze provenienti da alcune delle 150 piazze delle città che hanno aderito e dove altrettanti sindaci si sono impegnati a sottoscrivere una sorta di “giuramento”. Garantiranno infatti, in nome della fascia tricolore che indossano, di  amministrare i loro comuni nel segno della sostenibilità ambientale per ridurre i consumi e promuovere con ogni mezzo le energie alternative. In particolare 20 sindaci, uno per regione, contribuiranno in diretta radiofonica alla “riunificazione” simbolica del puzzle della grande Italia posta all’ingresso del Palazzo di Rivoli, dove la cornice luminosa è naturalmente bianca, rossa e verde.
La cerimonia sarà accompagnata dalla musica dal vivo: sia l’Inno di Mameli, “Fratelli d’Italia”, che quello di “M’illumino di meno” saranno eseguiti dai fiati della Banda Osiris.
Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: