jump to navigation

TeleNews #39 – Massimo Giletti verso Canale 5, Simona Ventura a Rai 1? – Mentana vuole Buttafuoco, Freccero vuole Luttazzi – Anna Tatangelo in lacrime a Domenica Cinque – Parte il canale ME – Fiammetta Cicogna e i “Tamarri” – E’ morto Carlo Bixio – Maurizio Costanzo: “Berlusconi influisce più sulla Rai che su Mediaset” – La TV in edicola: Raoul Bova, come un delfino – Grande Fratello 2010/11 puntata 20: eliminato Raoul, faccia a faccia tra Andrea e Mirian – L’isola dei famosi 2011 puntata 2: esce la De Andrè, arriva Nina Moric – Amici puntata 8: fuori Francesca, in finale vanno Annalisa, Denny e Vito 01/03/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Giornali e riviste, In Memoriam, TeleNews, TV ITA.
trackback

Lo spazio “TeleNews – Notizie dal mondo della televisione” raccoglie – segnalandone le fonti di provenienza – notizie ed argomenti vari, legati al mondo dello spettacolo e della televisione italiana e straniera, e che finora non hanno trovato posto in altri appuntamenti abituali del blog.
Se avete segnalazioni da fare, lasciate il vostro messaggio qui.

  • Massimo Giletti a Canale 5, Simona Ventura su Rai 1?
    Massimo Giletti a Canale 5, Simona Ventura verso Raiuno: ipotesi più che possibili. Il tele-mercato invernale serve a preparare i palinsesti autunnali e come succede per le squadre di calcio il passaggio di un calciatore da una formazione all’altra lascia un posto vuoto. Massimo Giletti, conduttore su Raiuno dell’ «Arena» domenicale, è a un passo da Canale 5, le trattative sono avanzate, le probabilità di un suo passaggio alla rete ammiraglia Mediaset alte, praticamente certe. Canale 5 proprio sulla domenica ha un buco di ascolti da riempire e potrebbe essere questa la sua collocazione naturale (ma ci sono in ballo anche altre ipotesi).
    Basta prendere i dati di domenica 20 febbraio: «L’Arena» ha superato il 30%, «Domenica 5» (condotta da Claudio Brachino e Federica Panicucci) si è insabbiata poco sopra il 13%. Una situazione che prosegue da troppo tempo, un’emorragia da Auditel che a Cologno Monzese vogliono bloccare. Ecco allora il corteggiamento a Giletti che sembra pronto a cedere, nonostante sia nato in Rai e abbia un forte legame con la tv di Stato. Una scelta professionale, ma anche di vita perché da tempo l’arena è anche dietro le quinte: tensioni e scontri con i responsabili del programma (ma non con il direttore di Raiuno Mauro Mazza, che anzi gli ha allungato di un’ora la trasmissione) sono all’ordine del giorno.
    Il conduttore non si sente aiutato, si trova ad avere un budget risicato, lotta con scalette che rimangono aperte fino a poco prima di andare in onda, si batte per avere ospiti funzionali al programma e all’argomento di cui tratta, mentre c’è chi vorrebbe imporre persone che non c’entrano nulla, ma hanno buone sponsorizzazioni a Viale Mazzini.
    «L’Arena» inoltre non può più ospitare i politici e tutti sanno che Giletti ha subito questa decisione contro voglia, perché quando si affrontano temi di attualità è difficile farlo senza avere dei rappresentanti delle istituzioni. Una serie di questioni e frizioni che lo hanno convinto che l’unica soluzione è passare a Canale 5. Un passaggio che crea una reazione a catena.
    Perché Simona Ventura a questo punto potrebbe traslocare con il suo «Quelli che il calcio» su Raiuno, nello slot lasciato libero da Giletti. Un’opzione molto sostenuta da Antonio Marano, vicedirettore generale Rai per il Prodotto e prima ancora direttore di Raidue, la rete della conduttrice con cui ha instaurato un ottimo rapporto. Appare dunque tramontata l’ipotesi che Simona Ventura possa andare a Mediaset. Alcune sue ospitate in programmi di Canale 5 (a «Verissimo» da Silvia Toffanin, la fidanzata di Pier Silvio Berlusconi, e a «Kalispéra!» da Alfonso Signorini) potevano far pensare a un’iniziativa in questo senso.
    Di pochi giorni fa queste parole, rilasciate in un’intervista a Davidemaggio.it, blog che si occupa di tv, sembravano lasciare aperta l’ipotesi: «In Rai non vogliono farmi andare via. Ho il mio contratto che scade a giugno e sono profondamente una donna Rai. Mi sembra di averlo dimostrato in questi dieci anni con i prodotti che ho creato e con tutta la pubblicità che ho tolto a Mediaset e ho portato in Rai». Ma a Mediaset per Simona le porte sono chiuse, così come per Caterina Balivo, che in questo risiko di conduttori potrebbe trovare posto proprio nella domenica di Raidue.
    (fonte: “Corriere della Sera”, 22 febbraio 2011 – articolo di Renato Franco)
    Massimo Giletti è molto bravo e simpatico, ma Mediaset non ha alcun contatto in corso con lui. E soprattutto non sono previsti cambiamenti nella struttura della domenica pomeriggio di Canale 5, di cui l’azienda è soddisfatta sia dal punto di vista editoriale sia sotto il profilo degli ascolti». A Cologno Monzese hanno così commentato il rumor che ipotizzava un contatto tra il conduttore dell’Arena e il Biscione.
    (fonte: “Italia Oggi”, 23 febbraio 2011, articolo di Marco Castoro)
  • Cambio in Rai, per Masi nuovo incarico in arrivo
    Chi gli ha parlato lo descrive come «tranquillissimo», per nulla toccato dalle «stupidaggini» messe in circolo dai giornali. La satira di «Io ti sputtanerò» a Sanremo, che avrebbe irritato i pesi massimi del Pdl, sembra più che altro un pretesto utile, da sfruttare nella guerra di nervi e di veleni che sta attanagliando il settimo piano Rai. L’obiettivo però è quello, la poltrona di Mauro Masi, direttore generale dell’azienda.
    Ma è una partita che, malgrado le trombe suonate dal partito di Santoro e Travaglio, è tutta interna al centrodestra televisivo. Il rebus è piuttosto complicato, e il fatto che le indiscrezioni su un Masi già di fatto dimissionato arrivino proprio dopo Sanremo, un successo commerciale per la Rai, fa capire quanto loglio ci sia da separare dal grano delle notizie che circolano.
    La realtà, al di fuori della propaganda, è un po’ diversa e più intricata rispetto al de profundis già intonato da molti. L’ipotesi di un cambio alla direzione generale è senz’altro fondata, questo è certo. Lo stesso Masi, a quanto risulta, la sta prendendo in considerazione, non avendo intenzione di barricarsi come un giapponese nel suo ufficio di via Mazzini nel momento in cui fosse quella la decisione degli «azionisti» Rai (la maggioranza di governo, il Tesoro).
    Ma il quando – e quindi anche il se – è ancora tutto da decidere. Ci sono due scadenze da tener presente. La prima riguarda le liste dei candidati per i cda di diverse aziende primarie come Eni, Enel, Finmeccanica, Poste, che entro un mese vanno chiuse. L’altra è il marzo 2012, data in cui decade l’attuale consiglio di amministrazione Rai e con esso il direttore generale. Se si individuasse, nella rosa di posizioni di vertice che si aprono, un posto di prestigio e remunerativo per Mauro Masi, probabilmente il dg Rai accetterebbe un’uscita «migliorativa» (certo, con lo smacco di essere stato sostituito) dalla Rai.
    Altrimenti il suo contratto gli permetterebbe di stare ancora tutto un altro anno alla guida della tv pubblica. Se quindi la componente della maggioranza che vuole sostituirlo troverà entro un mese una sistemazione adeguata (anche perché Masi è ancora in aspettativa dalla presidenza del Consiglio, sempre come direttore generale), si potrebbe aprire la strada al cambio da alcuni auspicato.
    In quest’ultima ipotesi il nome più accreditato è interno alla Rai, anche perché sarebbe difficile convincere un manager esterno a subentrare in un posto che scade tra un anno. E il candidato interno più probabile è Lorenza Lei, che già doveva diventare direttore generale della Rai prima che il Cavaliere indicasse Masi (poi è stata promossa vice dg).
    La cattolicissima Lorenza Lei (che fu la responsabile organizzativa Rai per il Giubileo) gode di sponsor molto influenti, dal Vaticano, a Gianni Letta, a Paolo Romani ministro delle Comunicazioni, la consigliera della Lega, Giovanna Bianchi Clerici, e poi Agostino Saccà, il manager che le fece fare il salto professionale in azienda. Un altro nome che si fa per il dopo Masi è quello di Antonio Verro, consigliere di amministrazione Rai in quota Pdl, sempre per confermare che la soluzione interna è la più probabile.
    Comunque non si dovrebbe parlare di questo nel cda convocato per oggi, in cui saranno assenti sia la consigliera Clerici sia Angelo Maria Petroni, membro del Cda nominato dal Tesoro, entrambi a rischio sanzione dalla Corte dei conti per la nomina dell’ex dg Alfredo Meocci. L’ambiguità giuridica della Rai, a metà tra ente pubblico e privato, che la rende oggetto di sanzioni della magistratura contabile, sta congelando l’operatività dell’azienda, lamenta il centrodestra in Vigilanza Rai. Ogni spostamento o nomina è suscettibile di ricorso e di reintegri forzati che bloccano il cda e il suo dg. Un immobilismo che però può far gioco a chi lavora a cambiamenti drastici nei vertici.
    (fonte: “Il Giornale”, 24 febbraio 2011 – articolo di Paolo Bracalini)
  • Mentana vuole Buttafuoco, Freccero vuole Luttazzi
    Enrico Mentana lo vuole a tutti i costi: Pietrangelo Buttafuoco dovrebbe firmare nei prossimi giorni un contratto di esclusiva con La7 per condurre dei programmi di approfondimento giornalistico. Ma nel canale della gente che piace c’è chi frena perché la proprietà sarebbe in imbarazzo per l’arrivo di un intellettuale di destra. Evidentemente a La7 non hanno interesse a riequilibrare un palinsesto che schiera Gad Lerner, Daria Bignardi, Lilli
    In tutt’altra direzione punta invece Carlo Freccero, responsabile di Rai4, il canale digitale che si contende con Iris di Mediaset il primato di audience nel dtt. Il budget è minimo, ma per una produzione interna Freccero pensa a un programma di satira con Daniele Luttazzi: “Un po’ alla volta devono tornare tutti”, è il pensiero di Freccero. Resta da vedere come Luttazzi potrà integrarsi in un palinsesto tutto di film e telefilm d’autore.
    (fonte: “Il Giornale”, 28 febbraio 2011, articolo di Maurizio Caverzan)
  • L’amico Baldini frena il ritorno di Fiorello in Rai
    A Radio1 stanno facendo l’impossibile per riportare Fiorello in onda. Ma di fronte si trovano ostacoli, quasi insormontabili, di carattere economico. Per aggirare lo scoglio ecco allora l’idea di trovare una sponda tv con Raiuno per spalmare i costi dell’ingaggio. Inoltre c’è una clausola capestro per rescindere il contratto che lega l’amico e spalla dello showman, Marco Baldini, a Radio Kiss Kiss fino al 2012. E ovviamente in Rai nessuno si sogna di pagarla.
    (fonte: “Italia Oggi”, 23 febbraio 2011, articolo di Marco Castoro)

  • Anna Tatangelo in lacrime a “Domenica Cinque”
    A Domenica Cinque Federica Panicucci ha ospitato Anna Tatangelo che in lacrime ha raccontato la sofferenza tenuta dentro per anni: “Fin dall’inizio, la mia storia con Gigi è stata oggetto di infinite critiche, si fa fatica a rispondere a tutte e dire la tua verità, a volte preferisci il silenzio per non alimentare le cattiverie, ma queste continue critiche gratuite, il mondo che ti punta il dito contro, mi hanno ferita e non l’ho mai detto”.
    “Oggi sono più radiosa – ha rivelato – anche se nessuno mi ha mai profondamente compreso: sono stata criticata perché non sorridevo, per il mio trucco, che per me era un modo per creare una distanza, per non farmi toccare. Fortunatamente ho avuto tante persone vicino, ho sofferto in silenzio, tanti hanno pensato che fossi fredda e antipatica, ma poi ti fortifichi e quando arriva un figlio cambia tutto”.
    In seguito, Anna Tatangelo ha spiegato come vive la sua maternità: “Da quando è nato nostro figlio Andrea, sono cambiata totalmente, mi ha sconvolto la vita, mi ha dato una solarità e una sicurezza enormi, e così ora metto tutto in secondo piano. Sono una mamma apprensiva, non voglio nemmeno la tata perché non starei tranquilla, mi fido solo di mia mamma anche se quando la sento le faccio mille raccomandazioni. Lei gli fa ascoltare la nostra musica e devo dire che con le canzoni di Gigi si addormenta. Gigi si alza di notte per dargli il ciuccio e a volte il biberon, ma non cambia certo i pannolini”.
    E in conclusione: “Ho dichiarato che una donna anche se mamma non deve perdere la sua femminilità e infatti proprio io prendo l’iniziativa sotto le lenzuola”.
    (fonte: TgCom, 28 febbraio 2011)
  • Parte il canale ME
    Oggi, martedi 1 marzo, debutta “ME”, il nuovo canale tv semigeneralista digitale terrestre. Grazie all’esperienza maturata in oltre sei anni di leadership sul mercato italiano con il brand MediaShopping, Mediaset rafforza la propria presenza nel settore delle vendite a distanza con un nuovo marchio e una nuova filosofia. Attraverso sei “reparti virtuali” (beauty, cook, electro, home, sport e toys) il nuovo catalogo propone prodotti di celebri marche italiane e internazionali.
    L’inedito sistema Mediaset opera su due piattaforme, televisione e internet:

    • il canale semigeneralista gratuito “Me” al tasto 35 del telecomando. Su 24 ore di programmazione, 16 sono dedicate alle vendite a distanza con format di tv shopping innovativi, e otto a intrattenimento, film e informazione (tra l’altro spazi TgCom, meteo, repliche di “Cotto e mangiato” e della telenovela “Milagros”).
    • il nuovo portale di e-commerce http://www.byme.com. Con una interfaccia semplice e funzionale, consente di esaminare in qualsiasi momento l’intera gamma degli oggetti proposti divisi per categorie. Ogni prodotto può essere acquistato online o anche via telefono al numero 199.303.603.
      (fonte: com.stampa Mediaset – 1° marzo 2011)
  • Fiammetta Cicogna e i “Tamarri”
    Dopo i buoni risultati con “Wild Oltrenatura”, Fiammetta Cicogna tornerà in prima serata su Italia 1 da aprile per sette puntate di “Tamarri on the road”, un reality itinerante targato Endemol nel quale quattro ragazzi e quattro ragazze si contenderanno la vittoria finale. Tatuaggi, cinturoni e catene al collo, saliranno su un pullman e gireranno le città d’arte: obiettivo finale migliorare l’aspetto e riscattare una certa ignoranza…
    (fonte: “Il Giornale”, 28 febbraio 2011, articolo di Maurizio Caverzan)
  • E’ morto Carlo Bixio, il produttore de “I Cesaroni” e “Un medico in famiglia”
    E’ morto ieri a Milano, a causa di un malore, il produttore Carlo Bixio. Oggi la sua famiglia ha dato la notizia della scomparsa. Aveva 69 anni.
    Bixio era nato il 18 dicembre 1941, da una famiglia storica, quanto a tradizioni musicali. Il padre Cesare Andrea è stato l’inventore della canzone italiana e nel 1930, l’autore del primo film sonoro italiano. Gli ultimi successi di Carlo Andrea Bixio sono legati al mondo della fiction con le serie tv “I Cesaroni” e “Un medico in famiglia”.

    Nel 1961 inizia la sua attività nelle Edizioni Musicali Bixio, nel ’62 firma la produzione dei suoi primi dischi. In questo periodo organizza i suoi primi spettacoli e sovrintende alla programmazione del Teatro alle Maschere. Nel ’66 vara uno dei primi festival per voci nuove, il “Minifestival“. Nel ’68 è direttore del dipartimento colonne sonore del gruppo editoriale Bixio. Dal ’70 al ’75 Carlo Andrea Bixio firma tre importanti esclusive: prima con la Titanus, poi con l’Euro International Film e infine con la Cineriz. Il gruppo riprende così la leadership in un settore che aveva dominato per molti anni: quello della musica da film.

    Carlo Bixio ha collaborato con i registi Federico Fellini, Bernardo Bertolucci, Sergio Leone, Mario Monicelli, Pier Paolo Pasolini, Roman Polanski, Martin Scorsese, Luchino Visconti, Roberto Benigni, ma anche con gli interpreti Lucio Dalla, Eugenio ed Edoardo Bennato, Giorgio Gaslini, Ennio Morricone, Nino Rota. Nell’attività discografica ottiene molti Dischi d’Oro e di Platino. Con Pippo Baudo condivide i grandi successi nel campo dell’intrattenimento leggero e del varietà. Bixio produce più di mille ore di programmi televisivi, tra eventi, varietà, fiction e programmi musicali in Italia e in altri Paesi (“Un disco per l’estate”, “Mina contro Battisti”, “Eurofestival” solo per citarne alcuni).

    (fonte: LiberoNews, 1° marzo 2011)

L’INTERVISTA

  • Maurizio Costanzo: “Berlusconi influisce più sulla Rai che su Mediaset”
    Capisci il segreto di Maurizio Costanzo quando, sorseggiando un vino dolce, stringe le mani a sé e ti rassicura con tono gentile: “Spegni il registratore, e ti spiego”. Chi ha calpestato per trent’anni la scena ti apre con furbizia, poco a poco, quel mondo nascosto dei retroscena. Lì dove s’incrociano leggende e misteri. A 72 anni, un gatto, svariati cani, Costanzo può svicolare sul passato perché ha un presente. Il 7 marzo ritorna su Rai2: ore 18.40, 50 minuti, 5 giorni su 7, l’amico Enrico Vaime.
    Dal teatro Parioli di Roma…
    “Il Maurizio Costanzo Talk, non più Show. È il primo programma di una televisione generalista legato a Internet: sarà parlato, un’intervista, un passaggio sul tema e un pro e contro con il pubblico: vendetta o perdono, cantanti di ieri e di oggi, madri o donne in carriera. Con Vaime facciamo Accadrà domani: Berlusconi si chiude in convento e trova Veronica Lario, madre badessa. Fantasia”. 

    Ci sarà Ingrid Muccitelli, compagna di Mauro Masi?
    “Vedremo. C’è un provino. Me l’ha consigliata Vaime, non Masi: è brava. Che Masi resti o vada via: non me ne può fregare di meno. A me interessa la trasmissione: mi ricorda Bontà Loro, eravamo notturni, in video quasi a mezzanotte. Ettore Bernabei mi diceva di rinunciare alla cravatta, tanto gli italiani dormivano. Così si chiude un cerchio”.

    È l’ultimo?
    “No, quello non lo dirò mai. Quando ti annoi devi lasciare. Finché hai un residuo di entusiasmo… Certo le difficoltà in Rai ti consigliano di mollare”.

    Quanti anni a Mediaset?
    “Più di venti. Ho finito il contratto e sono tornato in Rai per mezz’ora su Rai1 in una fascia terribile, tra le 14 e le 15, il triangolo delle Bermuda. Mi sono stancato di uno spazio bonsai e ho chiesto di rifare show per combattere i prigionieri dei sogni, l’Eredità e il Milionario. I cambi vanno fatti, ma io resto al Parioli”.

    Il teatro di questi tempi.
    “Io aspetto che la crisi finisca, che il Ministero ci dia i soldi. Faccio parte del comitato per la Giornata del teatro: quest’anno non festeggiamo, c’è poco da brindare. Ormai vanno solo i comici battenti, al Parioli ho messo uno spettacolo più sofisticato e nemmeno i parenti hanno comprato i biglietti”.

    E come se la passa la Rai, scoppia di salute?

    “Mancavo da 25 anni: un film diverso. Ho trovato una Rai molto burocratica. Dici andiamo a prendere un caffè? Complicato. È un miracolo che i programmi vadano in onda. Non sono le persone, ma le regole che ti impediscono di lavorare”.

    Il direttore generale Masi è cultore di regole e codici.
    “Ho conosciuto Masi commissario della Siae, dieci anni fa. Mi diceva già allora che voleva fare il dg di viale Mazzini”.

    È un dirigente competente per la tv pubblica?
    (lunga pausa) Non lo so. Ho lavorato con Biagio Agnes, un personaggio straordinario. Ho lavorato in un’altra Rai. Quando la politica ha invaso il servizio pubblico è cambiato tutto. Masi è un dg che risponde agli anni che stiamo vivendo. Io credo che, Masi o non Masi, per la Rai dovrebbero nominare persone pratiche per la televisione. C’è molta improvvisazione”.

    Masi l’aveva scelta per un pensatoio assieme a Gianni Minoli e Michele Guardì.
    “Non hai mai aperto, meglio. Già uno ha poche idee, figuriamoci per un pensatoio”.

    Per sostituirlo c’è in corsa Lorenza Lei.
    “La conosco, la stimo”.

    Rai e Mediaset sono uguali?
    “No, anzi. Berlusconi influisce più sul servizio pubblico che su Mediaset”.

    Ha seguito Sanremo?
    “Mi sono emozionato con Roberto Benigni e l’Inno di Mameli. Mi sono piaciuti moltissimo Luca e Paolo. Per il resto: Gianni Morandi è una brava persona, ma deve smetterla di fare il finto giovane o il finto vecchio”.

    E le canzoni?
    “Il testo di Vecchioni è buono. Sanremo l’ho visto senza audio. Non mi chieda altro”.

    Quale telegiornale Rai preferisce?
    “Non perdo mai Linea Notte su Rai3, spesso guardo le edizioni notturne”.

    Anche il Tg1?
    “So che su Augusto Minzolini c’è una polemica continua. D’estate guardo uno dopo l’altro i telegiornali e mi sembra di vivere in due posti diversi. Ma sono un appassionato di Ballarò e Annozero”.

    E poi?
    “In televisione manca la creatività, morti io e Vaime arrivederci. Ormai comprano i format stranieri e li adattano. Per i direttori di rete è più facile con l’usato sicuro”.

    Proposte?
    “Facciamo un reality vero in una famiglia vera, una telecamere che riprende le decisioni più sofferte”.

    A proposito di sofferenze, Berlusconi resisterà?
    “Ha una vita complicata, però, vi assicuro che non si dimetterà mai. Ho lavorato bene con il Berlusconi imprenditore-politico. Il Cavaliere somiglia nei pregi e nei difetti all’italiano medio”.
    (fonte: “Il Fatto Quotidiano”, 28 febbraio 2011 – intervista di Carlo Tecce)

LA TV IN EDICOLA

  • “SORRISI E CANZONI TV” n°10/2011
    Il numero in edicola dedica la copertina a Raoul Bova, protagonista della nuova fiction in due puntate di Canale 5 “Come un delfino”.

SPAZIO REALITY

GRANDE FRATELLO 2010/11 puntata 20

  • Eliminato Raoul, faccia a faccia tra Andrea e Mirian
    La cruda realtà dell’amore tradito. E’ l’emozione che Andrea ha vissuto ieri sera durante la ventesima puntata del Grande Fratello. Come anticipato alla vigilia, il concorrente italo-giapponese si è trovato di fronte Miran, modello bulgaro e amante della sua fidanzata Szilvia. Un incubo per chiunque. Un peso quasi non sopportabile per chi è “riunchiuso” nella Casa senza poter uscire e guardare negli occhi la persona amata.
    Raoul-Guendalina, dall’attrazione al litigio
    Prima di toccare il tema forte della serata, vengono affrontate alcune storie relative ai tre nominati della serata: Biagio, Emanuele e Raoul. Proprio su quest’ultimo vengono mostrate delle litigate avute con Guendalina. Fra di loro si intromette anche Giordana che, con una certa veemenza, in settimana aveva difeso il ragazzo. Non si capisce bene la ragione del contendere. Forse l’essere stato respinto dalla mamma romana o la sua proverbiale tendenza a esagerare nei racconti. La Marcuzzi chiede spiegazioni, Guendalina confessa di non capire perché il macellaio ce l’abbia tanto con lei. Il diretto interessato nega affermando: «Tu provochi! Mi stai sempre stuzzicando».
    Fra Emanuele e Rosa, il fantasma di Davide
    In settimana una delle coppie della Casa ha vissuto momenti difficili. Emanuele soffre la presunta presenza di Davide nei pensieri di Rosa. «Sono cose che non mi appartengono più. Provare indifferenza per la persona che non è più con me, me lo fa vedere con gli occhi di un estraneo – commenta la ragazza posta di fronte alle immagini che riassumono il suo rapporto con il catanese -. Non mi fa più niente. Altrimenti non avrei iniziato un’altra storia, nello stesso contesto dopo poco tempo con un’altra persona». Emanuele sembra soddisfatto e crede alle parole della casertana e chiude il discorso in maniera molto diretta: «Non sono geloso di Davide, a me non me ne frega niente». Viene tirato in ballo anche Davide a cui viene chiesto quali emozioni provi rivedendo le immagini della relazione con Rosa: «Rivederle non mi fa nessun effetto, fanno parte del passato. Di questa situazione fra Rosa ed Emanuele, io non c’entro nulla. E’ la loro storia. L’unica cosa che mi sono limitato a fare è vivere sotto questa casa. Quello che mi ero ripromesso e ho mantenuto. Non mi sento di entrare nella discussione»
    Raoul lascia la Casa
    E’ il primo momento dell’eliminazione della serata. Fra i tre concorrenti in nomination, il primo a salvarsi è Biagio. Rimangono così in competizione Emanuele e Raoul. Il pubblico da casa ha deciso di eliminare il macellaio romano che dopo 42 giorni deve lasciare il reality.
    Mirian, l’amante di Szilvia
    Andrea ha sempre detto di voler credere solo alle parole della sua fidanzata Szilvia. In settimana si era anche ripromesso di mantenere questa sua posizione qualunque cosa fosse capitata. Qualunque persona si sarebbe trovato di fronte. Anche ieri sera il concorrente italo-giapponese ha dimostrato grande dignità e autocontrollo. Difficile avere un comportamento equilibrato quando ci si trova di fronte l’amante della propria fidanzata. Eppure lui ha usato un mix di testa e cuore, senza scadere in scene che probabilmente non appartengono al suo carattere.
    La sua difficile serata inizia con le immagini che mostrano Mirian, presunto amante di Szilvia, durante l’intervista di Federica Panicucci a “Domenica Cinque”. «Non ho mai visto quest’uomo in vita mia – risponde Andrea -. Non so che cosa dire. Ancora una volta si tratta della parola di una persona contro quella di Szilvia. Tutto questo mi fa stare malissimo.Mi sembra strano che lui non sapesse nulla del nostro fidanzamento. Su Facebook c’è scritto “In relashionship with”, come fa a dire che non sapeva?».
    Passano pochi minuti e Andrea si ritrova di fronte a Mirian, separati da una vetrata. Il modello bulgaro è il primo a prendere la parola: «E’ molto difficile per me stare qua, sono venuto per raccontare la verità. Da fuori ho visto tutto e so come sono andate le cose. Ho conosciuto Szilvia a giugno, ma lei non mi ha detto nulla di te. Ha ingannato sia te che me, tutto è iniziato a settembre, quando le hai fatto la sorpresa, era a Milano con me». Andrea ascolta in silenzio, ma poi inizia ad arrabbiarsi soprattutto quando il ragazzo dice di capire le emozioni che prova visto che è stato a sua volta tradito l’anno scorso: «Non mi serve sapere altro, mi basta così, non sono arrabbiato con te, non ho bisogno che tu mi dica queste cose, tu avrai anche subito un tradimento, ma ora stai facendo del male a me! Ma in che mondo stiamo vivendo? Sono arrabbiato, sono tutti fuori di testa!». E’ un duro colpo per l’italo-giapponese che conclude il confronto in lacrime. Quello che purtroppo non sa ancora è quanto rivela Alfonso Signorini, l’opinionista del programma: «A me risulta che Szilvia abbia avuto anche altre relazioni, non solo quella con Mirian».
    Tutti contro tutti e Davide scampa l’eliminazione
    Concluso il periodo di immunità da nomination, questa sera si mette in moto un nuovo meccanismo, coinvolgendo tutti i concorrenti – tranne le nuove entrate Giordana e Rajae – che non sono a rischio eliminazione. Jimmy, Emanuele, Ferdinando, Biagio devono scegliere chi salvare tra i 6 finora immuni, Margherita, Guendalina, Angelica, Davide, Rosa e Andrea. Jimmy salva Margherita, Emanuele salva Rosa, Ferdinando salva Angelica, Biagio salva Guendalina: sono rimasti Davide e Andrea. Ogni coppia sceglie di salvare Andrea. Quindi GF invia Davide nel Caveau, dove sceglie una busta che contiene la ‘Salvezza’.
    Angelica, Davide e Biagio in nomination
    Al termine del programma sono tre i concorrenti che la prossima settimana rischieranno l’eliminazione al televoto. Oltre l’ormai fisso Biagio, questa settimana sono stati nominati due volti storici del reality: Angelica e Davide.
    (fonte: “La Stampa”, 1° marzo 2011 – articolo di Fulvio Cerutti)

L’ISOLA DEI FAMOSI 2011 puntata 2

  • Esce la De Andrè, arriva Nina Moric
    Spostata per ragion di audiance al mercoledì sera, la seconda puntata dell’Isola dei Famosi ha visto l’eliminazione di Francesca De Andrè, probabilmente caduta vittima della “rivolta digitale” dei fans del nonno cantautore. Per una concorrente che se ne va, ne arrivano due nuove. Una, già anticipata alla vigilia, è Nina Moric. L’altra è Roberta Allegretti che ha avuto la meglio sugli altri due concorrenti “Non Famosi” guadagnandosi il diritto a far parte del gruppo dei “Parenti Di”.
    Le “telecamere vaginali”
    Raffaella Fico non poteva non far discutere per la sua sensualità. In settimana la Brigliadori ha sottolineato la postura che la ragazza tiene anche quando cammina, un modo per mettere in evidenza, a favore di telecamere, il suo “lato b”. Simona Ventura cerca di affrontare l’argomento partendo dal fatto che «questo è il modo di essere subrette di questo momento. In fondo è quello che le chiedono nei programmi e lei si comporta così perchè il modo con cui è riuscita a lavorare in televisione. E’ un atteggiamento purtroppo comune alle ragazze di oggi. Non è colpa loro è che sono state indotte a fare questo».
    La Brigliadori però ci tiene a precisare che il suo disappunto non è tanto legato al modo di porsi della Fico, ma semplicemente vuole dare un avvertimento alla ragazza nei confronti di alcuni fotografi presenti sull’Isola che spesso cercano di catturare immagini troppo private: «Un conto solo le telecamere che ti inquadrano in faccia, un conto sono le telecamere vaginali. Questa era la mia preoccupazione da mamma. Perchè poi ogni mamma vede la propria figlia nelle ragazze che si trova di fronte». La conduttrice cerca uscire dalla situazione sottolineando l’aspetto positivo del reality: «Io la faccia della Fico in questi anni di televisione l’ho vista poco, ma cercheremo di fare di tutto per tirare fuori il bello che c’è in lei». Sul tema interviene anche l’opinionista Luxuria: «Se vediamo il lato b della Fico, chiedo un decreto legge per imporre il perizoma a Thiago Alves (il modello brasiliano subito soprannominato “il bello che non balla” n.d.r.) così anche noi donne possiamo vedere un lato b»
    Eliminata la De Andrè, rimane Di Risio
    La seconda puntata dell’Isola dei Famosi ha anche visto la prima eliminazione di questa ottava edizione. Tocca a Francesca De Andrè dover lasciare l’Isola, uscita sconfitta al televoto con Di Risio. E’ possibile che sul risultato finale abbia influito la “rivolta” di alcuni fans del cantautore genovese, nonno della naufraga, che non hanno ben visto la sua partecipazione al reality. Sul tema interviene la Ventura: «Io la trovo totalmente ingiusta perchè se non mi ricordo male le canzoni di tuo nonno sono sempre state all’insegna della libertà di ognuno di noi di fare quello che voleva. Quindi se questi sedicenti di tuo nonno Fabrizio hanno veramente sentito le canzoni meravigliose che ci ha lasciato lui a tutti noi, sanno benissimo che questa rivolta non aveva alcun senso di esistere perchè comunque ognuno nella vita può fare quello che vuole».
    Nina Moric nuova naufraga
    Il suo arrivo era molto atteso. Ieri sera è sbarcata sulle spiagge dell’Honduras la bella modella croata Nina Moric. Come da tradizione, quando il meteo lo permette, la nuova naufraga si è gettata in mare dall’elicottero. A parte qualche punzecchiatura di Savino («Con quei canotti nuoterà benissimo»), il suo ingresso in scena non sembra molto grintoso. La Ventura mette subito in chiaro che questa esperienza può rappresentare una grande rivincita per la modella senza dimenticare che «non bisogna vergognarsi di aver abbandonato il mondo della moda per dedicarsi al proprio figlio» riferendosi alla scelta fatta dalla modella quando, all’età di 25 anni, lasciò la sua carriera, in quel momento all’apice, per il figlio Carlos avuto da Fabrizio Corona.
    (fonte: “La Stampa”, 21 febbraio 2011)

AMICI 2010/11 puntata 8

  • Fuori Francesca: in finale vanno Annalisa, Denny e Vito
    I giochi sono fatti. Amici 10 ha i suoi cinque finalisti. Annalisa, Denny e Vito hanno raggiunto in finale Giulia e Virginio. Sono questi cinque i talenti che domenica 6 marzo si contenderanno la vittoria per questa edizione del programma condotto da Maria De Filippi. Va a casa Francesca, che, anche ieri sera, ha dimostrato un grande talento, ma poca testa.
    Belen incanta lo studio
    Come preannunciato alla vigilia, Belen Rodriguez è stata l’ospite speciale del serale. Dopo l’esperienza di Sanremo, la showgirl argentina si è presentata in splendida forma nello studio di Amici. «E’ adattissima al ballo. E’ regolarissima. Ha tutto ok, wow!» ha commentato la Celentano sollecitata a un giudizio fisico da parte della De Filippi. Fisico perfetto, ma forse un po’ troppo magra. Durante il balletto, infatti, la bella argentina ha rischiato di perdere i leggins. E’ lei stessa ad ammetterlo: «Sono dimagrita talmente tanto a Sanremo che perdo i pantaloni». Il giudizio della Celentano è totalmente positivo: «Bel movimento, naturale. Mi è sembrata precisa, musicale. Quindi direi ottimo!».
    La ballerina in seguito si è poi esibita anche nel canto, prima con Francesca e poi con Annalisa raccogliendo anche in quel caso giudizi positivi. «Vorrei sapere che cosa non sai fare e se hai un difetto» commenta la Maionchi soddisfatta per quanto ha visto.
    L’ennesima polemica di Francesca
    Proprio nella serata che l’ha vista dare il meglio di se stessa dal punto di vista vocale, ancora una volta Francesca è riuscita ad attirare l’attenzione per una polemica. Terminata una canzone, racconta di aver sentito un brutto commento da parte delle coriste. Unanime il giudizio dei giornalisti («Non puoi ogni volta trovare qualcosa a cui agganciarti per lamentarti» dice Giordano del Giornale) e di Platinette («A te non è mai scappata una battuta nei confronti di una collega o di una persona che ha a che fare con questo programma?») che, ancora una volta, tentano di farle capire che il mondo della musica, come d’altronde qualunque altro ambito lavorativo, non è facile e che ci saranno sempre commenti negativi. Platinette:
    I contratti per i ballerini
    La semifinale di Amici 10 serve anche per comunicare i contratti assegnati ai tre ballerini. Il primo a ricevere la comunicazione è Vito: l’English National Ballet gli offre un contratto di lavoro della durata di un anno a partire da agosto 2011. Il lavoro implica il coinvolgimento nel corpo di ballo ufficiale della compagnia per la realizzazione degli spettacoli firmati English National Ballet. La compagnia inoltre parteciperà alle celebrazioni ufficiali delle prossime olimpiadi che si terranno a Londra nel 2012. Lacrime anche per Denny che si è guadagnato un contratto di lavoro con i “Complexions”. Ora il ragazzo volerà a New York dove, per un anno, sarà in tournèe in mezzo mondo.
    L’ultima a ricevere la buona notizia è Giulia: la prima finalista di Amici 10 si è conquistata un contratto di lavoro con David Parsons a New York. Dopo un periodo di preparazione di tre settimane (tra giugno e luglio 2011), la ballerina toscana sarà in tournèe negli Stati Uniti, in Israele, Sud America, in Korea sino ad aprile/maggio 2012.
    Annalisa, Denny e Vito conquistano la finale
    E’ il momento di definire i tre concorrenti che si possono guadagnare la finalissima del 6 marzo prossimo. Il primo finalista viene deciso attraverso il televoto, gli altri due scelti dalle commissioni esterne. Il pubblico da casa premia Annalisa che, grazie al televoto, conquista la finale. Rimangono in gara, dunque, due ballerini e una cantante. E’ proprio quest’ultima a essere mandata a casa, mentre Denny e Vito vanno in finale. Dirette le parole della De Filippi a Francesca: «Mi dispiace, spero che tu abbia ricevuto da questo programma quello che volevi». La diretta interessata si congeda con poche parole: «Sono contenta. Scusami Maria».
    (fonte: “La Stampa”, 28 febbraio 2011 – articolo di Fulvio Cerutti)


Segnalazioni da proporre per questo spazio? Lasciate qui il vostro messaggio.

Annunci

Commenti»

1. alék--sandròs - 01/03/2011

Su Italia 1,ad Aprile,un tragicomico(+tragi k com)reality:”U-man”e,notizia di oggi,”Tamarri On The Road”. . .Horrroorr!!! ; )

2. enry - 01/03/2011

No vi prego, Giletti a Canale 5 no…

3. Trisha - 01/03/2011

Finalmente ci liberiamo di Giletti. Insopportabile.

4. IRapeYourMind - 01/03/2011

Luttazzi su Rai 4?
Magari.
Divertente l’articolo de “Il giornale” che lo dipinge come ignorante e robaccia.

Fasbi - 01/03/2011

Non altro “Il giornale” è l’inserto satirico di Mediaset :D


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: