jump to navigation

DVDeXtra #124 – “Al capolinea – The End of the Line” (DVD + libro) 10/03/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cucina ed alimentazione, DVD, DVDeXtra, Libri.
trackback

DVDeXtraQuesto spazio, appartenente alla sezione DVD e Blu-ray Disc di questo blog, esamina prodotti di contenuto vario, principalmente a carattere documentaristico. I prezzi sono puramente indicativi.
Questo appuntamento è dedicato all’edizione DVD + libro del documentario “Al capolinea – The End of the Line” (titolo originale “The End of the Line”), prodotto nel 2009 e tratto da un libro-inchiesta del giornalista inglese Charles Clover.

Titolo: “Al capolinea – The End of the Line”
Numero di dischi: 1
Spazio occupato sul disco: 4,14 Gbyte
Regia: Rupert Murray
Produzione: Arcane Pictures, Calm Productions, Dartmouth Films
Distribuzione: Feltrinelli, collana “Real Cinema”
Prezzo indicativo: 14,90 €
Data di pubblicazione: 23 febbraio 2011
Formato video: 16:9 (1,77:1)
Lingue audio: inglese con sottotitoli italiani (Dolby Surround 2.0)
Lingue sottotitoli: italiano
Durata: 82 minuti circa
Acquista “Al capolinea – The end of the line” su Amazon.it

Contenuto:

Ecco la presentazione indicata sulla copertina del DVD:

Questo è uno di quei film che andrebbero mostrati nelle scuole di ogni ordine e grado. Alza il sipario sullo stillicidio che si compie ogni giorno, da anni, sotto i nostri occhi: una corsa sfrenata all’approvvigionamento ittico, con ogni mezzo, che entro la metà del secolo rischia di consegnarci oceani senza più pesci da pescare, la fine di una risorsa che sembrava interminabile. E ci dice che se apriamo gli occhi non tutto è perduto: le soluzioni ci sono, e ognuno di noi, senza troppi sacrifici, può contribuire a fermare il conto alla rovescia. Tratto da un libro-inchiesta di Charles Clover, giornalista del “Daily Telegraph”, e realizzato da Rupert Murray, eco-regista militante, Al capolinea – The End of the Line è il crudo resoconto dell’immane disastro ambientale di cui (quasi) nessuno è al corrente, la tragica cecità del genere umano che, per soddisfare interessi economici e mode alimentari, sta riducendo a un deserto il mare, la culla della vita sul nostro pianeta. Perché la fine del mondo può nascondersi ovunque, anche nel piatto di merluzzo che mangeremo stasera.

Nessun contenuto speciale da segnalare.

In allegato il libro di 66 pagine “Un mondo senza pesci”, a cura di Nicola Ferrero (Slow Food), con un’intervista di Laura Stefani al regista, contributi vari di C. Scaffidi, S. Greco, L. Angelini, J. Volpe, A. Rosetti, F. Ferretti, L. Napoleoni, e la miniguida con ricette “Mangiamoli giusti” per combinare piacere e responsabilità .

Un film documentario finora inedito in Italia, e presentato in versione originale sottotitolata (obbligatoriamente) in italiano, diventato un caso in Gran Bretagna: al centro della denuncia del film il rischio d’estinzione di molte specie ittiche, a fronte di metodologie di pesca scriteriate e di un consumo che è diventato assolutamente insostenibile. Sostenuto dal WWF, che ha attivamente partecipato alla sua produzione, il film (che ha la voce narrante dell’attore Ted Danson) ci mostra come nel 2048 non ci saranno più pesci, ma soltanto fango e vermi, e ciò porterà al surriscaldamento del globo, he impedirà all’uomo anche di respirare. La pesca selvaggia degli ultimi anni ha sterminato prima di tutto il merluzzo, ma anche il tonno rosso: il giornalista del quotidiano inglese “Daily Telegraph” Charles Clover, autore del libro-inchiesta su cui il film è basato, ha monitorato la situazione ittica in tutti i continenti, sensibilizzando anche i proprietari di ristoranti per togliere dai menù le specie più a rischio. Purtroppo il problema interessa tutti, ma i rimedi possibili ci sono, come quello di creare delle riserve marine (cosa che è stata fatta nelle Bahamas) che possono permettere il ripopolamento delle acque, ma serve anche una sensibilità collettiva maggiore, riflettendo che forse il pesce che mangiamo in casa, anche se fa tanto bene, potrebbe essere giunto a casa nostra illegalmente da una pesca in Paesi lontani. Un film che colpisce lo spettatore, e che fa davvero riflettere nell’ottica di un consumo maggiormente sostenibile di pesce.
Il DVD, distribuito da Feltrinelli all’interno della collana di grande qualità “Real Cinema”, include il bel documentario in versione originale sottotitolata in italiano, con una buona qualità complessiva dell’immagine; il DVD non presenta altri contenuti, ma il cofanetto include un interessante volume con altro materiale di approfondimento, interviste ed opinioni sugli argomenti trattati.

QUALITA’
ARTISTICA
QUALITA’
TECNICA
EXTRA (libro)
Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: