jump to navigation

Cinema Festival #213 – Box Office del 18-20 marzo 2011 – E’ morta Elizabeth Taylor – La campagna “Divieto di cultura” – Il poster: Cars 2 – Varie dal mondo del cinema (il primo ciak di The Hobbit, il nuovo Narnia, Anna Karenina, L’uomo Tigre, addio a Enzo Cannavale) – Le uscite USA del 25 marzo 2011: Sucker Punch, Diary of a Wimpy Kid: Rodrick Rules, Peep World, White Irish Drinkers 23/03/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, In Memoriam, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog, e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, una nuova locandina di film prossimamente in uscita ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 18 – 20 marzo 2011

Primato a sorpresa (con la miglior media per sala, 3.984 €) per la commedia italiana “Nessuno mi può giudicare” con Paola Cortellesi e Raoul Bova, che ha superato la commedia “Amici miei – Come tutto ebbe inizio” di Neri Parenti, soltanto in seconda posizione, ed il film d’animazione di Gore Verbinski “Rango”, al terzo posto; quarta posizione per “Dylan Dog – Il film”, appena sesto il nuovo film d’animazione Disney “Gnomeo & Giulietta”. Fuori dalla Top 10 altre novità del lungo week-end festivo della scorsa settimana: 14° “Sorelle mai” di Marco Bellocchio (74.996 euro), 25° “Beyond” di Pernilla August (17.474 euro) e 30° “Tournée” di Mathieu Amalric (10.187 euro).
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Nessuno mi può giudicare” (NE) 1.880.240 € (Tot. 3.089.562)
  2. “Amici miei – Come tutto ebbe inizio” (2) 1.144.030 € (Tot. 2.139.713)
  3. “Rango” (1) 854.262 € (Tot. 4.034.606)
  4. “Dylan Dog – Il film” (NE) 790.282 € (Tot. 1.395.466)
  5. “Il rito” (2) 608.308 € (Tot. 2.738.053)
  6. “Gnomeo & Giulietta” (NE) 501.574 € (Tot. 950.272)
  7. “StreetDance 3D” (NE) 473.927 € (Tot. 821.920)
  8. “Il discorso del Re” (4) 292.343 € (Tot. 7.797.326)
  9. “Il cigno nero” (6) 235.766 € (Tot. 5.560.860)
  10. “I ragazzi stanno bene” (8) 226.638 € (Tot. 886.741)

BOX OFFICE USA
Week-end 18 – 20 marzo 2011

Entra in vetta alla classifica il thriller “Limitless” con Bradley Cooper e Robert De Niro; stabile in seconda posizione il film d’animazione Paramount Pictures “Rango” con le voci originali di Johnny Depp e Isla Fisher; scende al terzo posto il fantascientifico “Battle: Los Angeles” con Aaron Eckhart e Michelle Rodriguez.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Limitless” (NE) 18,90 (Tot. 18,90)
  2. “Rango” (2) 15,07 (Tot. 92,33)
  3. “Battle: Los Angeles” (1) 14,53 (Tot. 60,54)
  4. “The Lincoln Lawyer” (NE) 13,20 (Tot. 13,20)
  5. “Paul” (NE) 13,04 (Tot. 13,04)
  6. “Red Riding Hood” (3) 7,18 (Tot. 25,89)
  7. “The Adjustment Bureau” (4) 5,77 (Tot. 48,61)
  8. “Mars Needs Moms” (5) 5,31 (Tot. 15,40)
  9. “Beastly” (6) 3,19 (Tot. 22,18)
  10. “Hall Pass” (7) 2,56 (Tot. 39,55)

E’ MORTA ELIZABETH TAYLOR
Quando muore un’attrice che ha fatto la storia del cinema, è facile dire che si è spenta una stella. Con Elizabeth Taylor la frase non è solo vuota retorica. Con Liz se ne va l’ultima star della grande Hollywood degli anni Cinquanta-Sessanta, quella in grado di far ancora sognare tutto il mondo. L’ultima volta che era comparsa in pubblico è stato alla fine di giugno 2009, ai funerali del suo grande amico Michael Jackson. Dopo si è celata ai riflettori, lei che sotto i riflettori ha passato tutta la sua vita. Mercoledì mattina la notizia della sua morte a Los Angeles a 79 anni, riportata dagli organi d’informazione americani. La famiglia, nel ringraziare i tanti ammiratori che hanno espresso le loro condoglianze, ha invitato a non inviare fiori ma contributi per la ricerca contro l’Aids.
Nata in Inghilterra il 27 febbraio 1932 da genitori americani, il primo successo lo ottenne a soli 11 anni con il mitico Torna a casa Lassie, ma aveva debuttato al cinema già l’anno prima. Poi passò da un successo all’altro in interpretazioni indimenticabili come Piccole donne (1949), i due film di Vincent Minnelli Il padre della sposa e Papà diventa nonno (1950 e 1951), Un posto al sole (1951). Il suo periodo d’oro fu alla fine degli anni Cinquanta e all’inizio dei Sessanta, con film che hanno fatto la storia del cinema: Il gigante (1955), L’albero della vita (1957), La gatta sul tetto che scotta (1958), Improvvisamente l’estate scorsa (1959), Venere in visone (196o) e Cleopatra (1963). In quest’ultimo film iniziò la sua storia d’amore con Richard Burton, che sposò due volte: la prima nel 1964, divorziarono nel giugno 1974 e poco più di un anno dopo si risposarono per poi lasciarsi nel luglio 1976. In tutto Liz si sposò otto volte con sette mariti e rimase una volta vedova. Dai suoi mariti ebbe tre figli. Elizabeth Taylor ha ricevuto due Oscar come migliore attrice protagonista: il primo per Venere in visone (1960), il secondo per Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966). In seguito fece due film di Zeffirelli: La bisbetica domata (1967) e Il giovane Toscanini (1988), il suo penultimo film prima di I Flinstones del 1994.
RICORDI – «Sono molto addolorato. Abbiamo perso una figura memorabile che ho avuto la fortuna di conoscere e di lavorarci in due film. Purtroppo tramontiamo tutti. Con lei muore una diva come non esistono più», ha ricordato Franco Zeffirelli.
(fonte: Corriere.it, 23 marzo 2011)

“DIVIETO DI CULTURA”, LA CAMPAGNA DAL 26 AL 28 MARZO
“Nell’anno in corso si abbatterà sul settore della cultura e dello spettacolo italiano una serie di disposizioni finanziarie e di norme, tale da compromettere la sopravvivenza di molte attività culturali”. La previsione è degli organizzatori delle Giornate nazionali per la cultura e lo spettacolo, dedicate alla campagna di informazione sui rischi dei tagli governativi, promossa da Federculture, Agis, Fai e la Conferenza delle Regioni, in programma dal 26 al 28 marzo. Slogan della mobilitazione sarà la frase “divieto di cultura”. Negli ultimi cinque anni, secondo quanto reso noto dagli aderenti all’iniziativa, l’intervento dello Stato nella cultura e’ sceso di oltre il 30%. La dotazione del ministero per i Beni e le Attività Culturali solo nell’ultimo anno, tra il 2010 e il 2011, e’ diminuita del 14,6%, passando da 1.710 a 1.459 milioni di euro . A ciò si aggiunge “il crollo del finanziamento statale dello spettacolo”. Il Fondo Unico per lo Spettacolo (Fus) aggiunge nel 2011 il suo “minimo storico”: lo stanziamento sarà di 231 milioni di euro, quasi la metà del finanziamento del 2010 (-43,52%). “Le ripercussioni sui diversi settori dello spettacolo – affermano gli organizzatori della campagna – saranno naturalmente pesantissime”.

“Bisogna, inoltre, considerare – dicono i soggetti aderenti – che anche la riduzione dei trasferimenti statali per il 2011 alle Regioni, pari complessivamente a 4 miliardi, e a Province e Comuni, rispettivamente pari a 300 milioni e 1,5 miliardi, avrà inevitabilmente ricadute anche sulla spesa in cultura delle amministrazioni locali. Al taglio dei trasferimenti a Regioni ed Enti locali si aggiungono, poi, norme che impediscono a questi enti di spendere risorse dei loro bilanci. Come ad esempio la limitazione al 20% di quanto speso nel 2009 per mostre e promozione”.
Il settore della cultura in Italia produce annualmente valore per 40 miliardi di euro ed incide per il 2,6% sul Pil. Comprendendo anche l’indotto turistico culturale il valore arriva a 203 miliardi di euro (13% del Pil). Con riferimento al teatro e musica nel nostro Paese ci sono 69 teatri stabili, 27 teatri di tradizione, 14 fondazioni liriche e 41mila luoghi di spettacolo che, nel 2009, hanno generato 637 milioni di euro di spesa al otteghino e un volume d’affari di 818 milioni (Fonte: Mibac – Siae).
Nel settore cinematografico operano 827 società di produzione e 112 di distribuzione. Nel 2009 nel cinema si sono registrati 439 milioni di euro di investimenti, 109 milioni di spettatori e un volume d’affari complessivo di 750 milioni di euro (Fonte: Mibac – Siae). Nel 2009 lo spettacolo nel suo complesso ha generato una spesa del pubblico di quasi 3,5 miliardi di euro. Il settore dello spettacolo impiega circa 250.000 lavoratori fissi, contando anche i lavoratori stagionali gli impiegati nelle attività di spettacolo arrivano a 500.000.
“Lo scenario finanziario descritto – secondo gli organizzatori – avrà gravissime ricadute sulla futura sopravvivenza delle attività culturali in Italia. Sul fronte dello spettacolo, il taglio del 40% delle risorse statali comporterà tagli della stessa entità a produzione e occupazione. Nel settore, quindi, andranno persi circa 220.000 posti di lavoro. Inoltre sul settore cinema, peserà l’introduzione del prelievo a carico degli spettatori di 1 euro sul biglietto d’ingresso che, secondo l’Agis, porterà ad un calo del pubblico e quindi degli introiti”. “Rilevanti – concludono – saranno anche le conseguenze sui bilanci e, quindi, sulla programmazione di molte aziende, istituzioni, manifestazioni culturali”.
(fonte: Cinematografo.it, 22 marzo 2011)

IL POSTER
“Cars 2”

Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, questa volta ecco il poster del film d’animazione “Cars 2”, in uscita negli Stati Uniti il 24 giugno 2011.
Il film, diretto da John Lasseter e Brad Lewis, vede un ricco cast di doppiatori che comprende Owen Wilson, Michael Caine, Jason Isaacs, Michael Keaton, Emily Mortimer, Bruce Campbell, John Turturro, Bonnie Hunt, Tony Shalhoub, Cheech Marin, John Ratzenberger, Joe Mantegna, Thomas Kretschmann e Eddie Izzard.
La stella delle corse Lightning (in italiano Saetta) McQueen (voce di Wilson), insieme con l’inseparabile Mater (in italiano Cricchetto) (Larry the Cable Guy) si imbarcherà in un’avventura internazionale che lo vedrà sfidare le automobili più veloci del mondo, tra cui l’italiano Francesco Bernoulli (John Turturro).

VARIE DAL MONDO DEL CINEMA

  • IL PRIMO CIAK DI “THE HOBBIT”
    Le cineprese hanno finalmente cominciato a girare, lunedì in Nuova Zelanda, per la produzione del travagliato The Hobbit, doppio prequel in 3D della trilogia del Signore degli Anelli di Tolkien sotto la regia di Peter Jackson, dopo anni di ritardi legati a problemi di finanziamento, una disputa sindacale e infine un’operazione di ulcera perforata a cui il regista ha dovuto sottoporsi. Lo annuncia lo stesso Jackson in un comunicato sul suo sito web, assicurando che sarà rispettato il piano di distribuire nel dicembre 2012 il primo dei due film, il cui cast include Martin Freeman nel ruolo di Bilbo Baggins, Cate Blanchett, Ian McKellen, Orlando Bloom, Ken Stott.
    Il secondo, girato simultaneamente, raggiungerà le sale un anno dopo. Il progetto da 500 milioni di dollari Usa è stato assillato da problemi, fra i quali una disputa sindacale con attori e tecnici lo scorso anno, che aveva indotto la Warner Bros a minacciare di trasferire fuori della Nuova Zelanda le riprese. In precedenza vi era stato un lungo periodo di stallo a causa di disaccordi sui diritti di distribuzione e problemi di finanziamento, che avevano convinto il regista Guillermo del Toro a rinunciare a dirigerlo.
    La trilogia del Signore degli Anelli, che con il terzo film (Il Ritorno del Re) nel 2003 ha fruttato a Jackson gli Oscar per miglior film e miglior regista, ha dato grande impulso al turismo e all’industria cinematografica della Nuova Zelanda.
  • IL NUOVO “NARNIA”
    Michael Falherty, presidente e co-fondatore della Walden Media, ha rivelato che se ci sarà un quarto episodio de Le cronache di Narnia non sarà The Silver Chair, come i fan potevano aspettarsi, bensì The Magician’s Nephew.
    Si tratta del sesto dei sette libri scritti da C.S.Lewis, una sorta di prequel de Il leone, la strega e l’armadio. “Al momento stiamo parlando con la Fox – ha dichiarato Flaherty – siamo d’accordo nel proseguire con Narnia. La prima cosa da fare è trovare uno sceneggiatore per lo script. Potrebbero volerci un paio d’anni.”
    Effettivamente un quarto episodio della saga ha un suo senso commerciale: nonostante non abbia raggiunto gli incassi del primo episodio, il terzo Il viaggio del veliero è cosato 150 milioni di dollari e in tutto il mondo ne ha incassati più di 400, rivelandosi dunque un discreto successo commerciale. E’ abbastanza probabile che The Magician’s Nephew trovi una collocazione natalizia, come i precedenti episodi.
  • DARREN ARONOFSKY ABBANDONA “THE WOLVERINE”
    Darren Aronofsky non dirigerà più The Wolverine, sequel dello spinoff degli X-Men con protagonista Hugh Jackman: “Più parlavo del film con i miei collaboratori alla 20th Century Fox, più ci rendevamo conto che la produzione mi avrebbe tenuto lontano dagli Stati Uniti per quasi un anno – ha dichiarato il regista -. Non mi sentivo a mio agio all’idea di stare così lontano dalla mia famiglia per così tanto tempo. Mi dispiace molto di non poter vedere crescere il progetto, perché ha una sceneggiatura splendida e non vedevo l’ora di lavorare ancora assieme al mio caro amico Hugh Jackman”. Rinuncia dovuta probabilmente alla battaglia legale che Aronofsky contro Rachel Weisz (da cui recentemente si è separato) per la custodia del figlio e non – come ha ventilato qualcuno – per il terremoto in Giappone, paese nel quale verranno girati solo alcune scene di The Wolverine, al massimo per un paio di settimane e in ogni caso solo tra qualche mese.
  • JUDE LAW PER “ANNA KARENINA”
    Jude Law e Aaron Johnson sono in trattative per affiancare Keira Knightley in Anna Karenina, prodotto da Working Title. Notizia riportata dal daily di Variety, mentre è già certo il nome del regista, Joe Wright, e dello sceneggiatore, Tom Stoppard, chiamato al difficile compito di adattare le celeberrime pagine di Lev Tolstoj. Anna Karenina, prodotto da Tim Bevan, sarà sul set in autunno e segnerà la terza collaborazione tra la Knightley e Wright dopo Espiazione Pride & Prejudice.
  • UMA THURMAN “AMANTE DEL VULCANO”
    Uma Thurman sarà la star internazionale protagonista del film Le amanti del vulcano, dedicato al triangolo sentimentale tra Ingrid Bergman, Anna Magnani e Roberto Rossellini. Lo ha detto a Lipari il giornalista-scrittore Marcello Sorgi, che lo scorso anno pubblicò l’omonimo volume da cui sarà tratta la pellicola. Luca Barbareschi sta lavorando con la sua società, la Casanova Entertainment, all’adattamento.
  • DWAYNE JOHNSON IN “SNITCH”
    Dwayne Johnson, un tempo noto come The Rock, oltre a comparire nel prossimo capitolo della serie Fast and Furious, cioè Fast Five, sarà il protagonista dell’action-thriller Snitch.
    Ispirato a eventi realmente accaduti, il film racconterà di un padre disperato per la condanna a 30 anni di suo figlio, incastrato in un giro di droga. A quel punto deciderà di entrare sotto copertura nel mondo criminale per portare in galera i veri colpevoli.
    Dirigerà l’ex-stuntman Ric Roman Waugh, già autore di Felon – Il colpevole e The Specialist.
  • DENNIS QUAID NEL NUOVO FILM DI MUCCINO
    Dennis Quaid è entrato nel cast di Playing The Field, la commedia romantica sceneggiata da Robbie Fox che Gabriele Muccino comincerà a girare alla fine del mese a Shreveport, in Louisiana. Lo rende noto il sito Blackfilm.com. L’attore sarà l’allenatore di una squadra di calcio, rivale del protagonista Gerard Butler, un ex calciatore che tenta di redimersi da un burrascoso passato e finisce per allenare la squadra di calcio del figlio conquistando tutte le mamme dei suoi compagni, tra cui l’affascinante Uma Thurman.
    Nel ruolo del figlio c’é l’esordiente Noah Lomax e in quello della moglie separata Jessica Biel. Playing the field è il terzo film Usa di Muccino dopo La ricerca della felicità e Sette anime, entrambi con Will Smith.
  • L’UOMO TIGRE SBARCA AL CINEMA
     

    Prende corpo il progetto di un film live action tratto da L’uomo Tigre, prima manga (scritto da Ikki Kajiwara e disegnato da Naoki Tsuji) e poi cartoon degli anni ’80. Dovrebbe dirigerlo Hisao Maki, fratello minore del defunto Ikki Kajiwara. Secondo alcuni siti specializzati le riprese potrebbero addirittura partire a maggio per un’uscita a novembre nel mercato nipponico. Tuttavia i recenti avvenimenti in Giappone farebbero pensare a uno slittamento nella lavorazione.
    La storia, ben nota, ruota attorno a ‘Tiger Mask’, alter ego di Naoto Date, un lottatore professionista che combatte per sostenere un orfanotrofio.
  • ADDIO A ENZO CANNAVALE
     

    Avrebbe compiuto 83 anni il prossimo 5 aprile, Enzo Cannavale. Attore del teatro napoletano e di innumerevoli commedie anni ’70 – ’80 per il grande schermo, Cannavale è morto questa mattina. Nato a Castellammare di Stabia, esordisce al cinema (non accreditato) nel 1949 per Yvonne la Nuit di Giuseppe Amato. Solamente dieci anni più tardi, nel 1959, Eduardo De Filippo lo dirige nella trasposizione televisiva di Sogno di una notte di mezza sbornia e quattro anni dopo in Peppino Girella. Lavora in quegli anni con Nanni Loy (Le quattro giornate di Napoli, 1962), Dino Risi (Operazione San Gennaro, 1966), Francesco Rosi (C’era una volta, 1967), Steno (Cose di Cosa Nostra, 1971) Nino Manfredi (Per grazia ricevuta, 1971) Carlo Lizzani (Roma bene, 1971), Alberto Lattuada (Bianco, rosso e…) e, non accreditato, con Pietro Germi (Alfredo, Alfredo, 1972). La notorietà arriverà però grazie al personaggio del brigadiere Caputo, al fianco di Bud Spencer, nella saga inaugurata da Piedone lo sbirro nel 1973. Come celebri rimarranno i molteplici duetti con Bombolo (Franco Lechner), sia nei vari poliziotteschi interpretati da Tomas Milian (da Squadra antimafia a Delitto del ristorante cinese) sia nelle tante commedie scollacciate di fine anni ’70 – inizi anni ’80, come Tutta da scoprire di Giuliano Carnimeo, La settimana al mare e Una vacanza del cactus di Mariano Laurenti. Con il quale, sempre insieme a Bombolo, partecipò ai due film interpretati da Nino D’Angelo, Un jeans e una maglietta e La discoteca, entrambi del 1983. Cinque anni dopo, nel 1988, Giuseppe Tornatore gli affida il ruolo di Spaccafico in Nuovo cinema Paradiso, che vinse l’Oscar per il miglior film straniero.

(fonti: Adnkronos/Cinematografo.it, Ansa, ComingSoon – 21-23 marzo 2011)

IL WEEK-END USA
Le uscite del 25 marzo 2011

Ecco il trailer di quattro film in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo: gli ultimi due titoli citati usciranno soltanto in zone limitate del Paese. Nel corso del prossimo week-end usciranno nelle sale statunitensi anche due film da tempo distribuiti in Italia, “Miral” e “Potiche – La bella statuina”.

“Sucker Punch”, action-thriller Warner Bros. Pictures diretto da Zack Snyder, con Emily Browning, Vanessa Hudgens e Abbie Cornish: dopo che Babydoll (Browning) viene rinchiusa in manicomio dal malvagio patrigno, la ragazza crea un mondo fantastico che la aiuterà ad affrontare la dura realtà. Determinata a liberarsi, la donna invita Rocket (Jena Malone), Sweet Pea (Cornish), Blondie (Hudgens) e Amber (Jamie Chung) ad unirsi a lei in una lotta contro chi la tiene prigioniera.

“Diary of a Wimpy Kid: Rodrick Rules”, commedia 20th Century Fox Film Corporation diretta da David Bowers, con Zachary Gordon, Devon Bostick e Robert Capron: dopo le vacanze estive, Greg Heffley (Gordon) ed il fratello maggiore Rodrick (Bostick) tornano a scuola, e devono affrontare i tentativi dei loro genitori di farli legare tra loro.

“Peep World”, dramma IFC Films diretto da Barry W. Blaustein, con Michael C. Hall, Sarah Silverman e Rainn Wilson: durante la festa per i 70 anni di compleanno del padre, cresce la tensione tra quattro fratello, il più giovane dei quali ha scritto un best-seller che rivela i segreti più nascosti della famiglia.

“White Irish Drinkers”, dramma Screen Media Films diretto da John Gray, con Nick Thurston, Geoffrey Wigdor e Stephen Lang: nel 1975, a Brooklyn, due fratelli (Thurston e Wigdor) in cerca di fortuna decidono di rapinare un teatro nella sera di un importante concerto dei Rolling Stones.


Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.

Commenti»

1. Paolo - 23/03/2011

Addio Liz Taylor!!! :(

2. Mattia - 23/03/2011

Gnomeo e Giulietta NON è della Disney.

3. enry - 23/03/2011

Oddio povera Liz Taylor… R.I.P.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: