jump to navigation

Edicola – “Nocturno” n° 104, aprile 2011: “Machete – A tutta Mexploitation” – Dossier “Casa dolce casa” 07/04/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Film, Nocturno.
trackback

nocturnoE’ in vendita in edicola, al prezzo di 6 €, il numero 104 – Aprile 2011 del mensile di cinema e televisione “Nocturno”, edito da Cinema Bis Communication.
A seguire, la copertina del numero e l’elenco dei principali servizi di questo mese.

A seguire, il sommario di questo mese.

CINEFEAR
Retreat, la morte che non ti aspetti
Territories, torture porn alla francese
Fresh Blood: Shark Night 3D
De Profundis: Derrière les murs, Paranormal Activity: Tokio Night
CINEASIA
Deliri transgender: Torino GLBT Festival 2011
Amami meno, per più tempo: Kamelia
Come foglie al vento: Poetry
Retro cult: Hong Kong Express
CINEACTION
Il guerriero della strada: Drive Angry 3D
Hard Boiled: The Krays
Bastardi senza gloria: Lee J. Cobb
CINESEX
Hana to Hebi, fiori e serpenti
La scena hot: Release
Il nudo: Chloè Stefani
Il culo è lo specchio dell’anima: Sarah Butler
Lesborama: Kynodontas
CINECOMIX
Paul… Telefono casa
Nelle fauci del mistero: Il cacciatore di draghi
Comics zone: Almanacco della paura 2011
Animetion: Mazinger Edition Z: The Impact!
Videogame: Dead Island
CINESCI-FI
The Adjustment Bureau: sci-fi ultimo grido
Oltre il torrente: Battle of Los Angeles
L’armadio dello zio Forry: Yesterday Machine
CINETIVU’
Gods of arena: il mito riciclato di Spartacus
Inedito: Suspect Behavior
Lost Series: Doctor Who
VISIONI
Scream 4
World Invasion
Machete
Source Code / Limitless
ANTEPRIMA Don’t Be Afraid of the Dark
Cappuccetto rosso sangue / Beastly

CINEZONE

Tognazzi e la morte
Dolci mattatoi: Afrina Goddes of the Jungle
Intimità proibite di una giovane sposa
I porno amori di Eva
Visto in censura: Le calde cugine
INTERVISTA CARRIERA – Eleonora Giorgi
SERIALESotto il vestito niente
CULTTony Arzenta

Di seguito, i dettagli relativi al Dossier di questo numero.

DOSSIER CASE INFESTATE
a cura di GIUSEPPE LIPPI

In questo numero di Nocturno (…) abbiamo cercato di fare un ripasso di tutto ciò – o gran parte di ciò – che il cinema ha messo a nostra disposizione sul tema inesauribile della Casa. Non aggiungiamo neppure “maledetta” perché nel genere nocturniano le case che si rispettino lo sono tutte: non per nulla il fortunato film di Sam Raimi del 1981, The Evil Dead, da noi fu intitolato La casa tout-court perché tanto si sapeva (che ci si sentiva).
Danilo Arona, che apre questa sezione, si occupa del rapporto vitale tra film e letteratura nera. Quanti classici, quanti bestseller stanno dietro al filone degli strani alloggi… (…) Ai collaboratori di questo dossier abbiamo chiesto, anzi imposto, la varietà. Così Stefano Di Marino è andato in cerca di miti e orrori d’oriente (senza precludersi un accenno alla dottrina del feng-shui e senza privarci di uno stralcio da un suo noto romanzo “infestato”); Lorenzo Codelli, che si era perso nelle sale agghiaccianti del Museo dell’orrore – il Louvre, in questo caso – ne è tornato sconvolto ma abbastanza lucido da poter dedicare al nostro tema una carrellata di citazioni tolte dalla bocca di registi, scenografi e altri cineasti impegnati a ricostruire le case e i loro inquilini fantasma. Cathal Tohill, infine, ci racconta uno sceneggiato britannico scritto da Nigel Kneale negli anni Settanta, The Stone Tape, riportandoci a un periodo molto interessante della televisione: lo stesso in cui, per fare un esempio, la Rai produceva Il segno del comando (che non riguarda una casa ma un intero quartiere degli spiriti).
Perché la casa dovrebbe essere un posto così adatto ad accogliere fenomeni inquietanti? Non è il rifugio dell’uomo, il porto sicuro della famiglia? In fondo il problema è proprio questo. La casa fa riferimento a un concetto di sicurezza e comodità che nel momento stesso in cui viene formulato rivela il suo contraltare, e cioè che non è mai possibile sentirsi del tutto sicuri; cosa nasconderanno gli angoli bui? In secondo luogo, la casa dell’uomo civile è l’erede della caverna e al fondo di una caverna, per quanto asciutta e riscaldata dal fuoco, si annidavano presenze antecedenti: animali, spiriti totemici, il ricordo dei defunti che l’avevano popolata un tempo.
Dall’introduzione al dossier Casa dolce casa – Guida al Cinema delle dimore infestate a cura di Giuseppe Lippi che trovate nel numero di Nocturno di questo mese (aprile 2011). Buona lettura!
Introduzione: Casa di spettro
Ingresso: Dietro la porta chiusa
Tatami: Le dimore tra i sospiri
Cucina: Fantasmagorie
Cantina: Welcome to Amytyville
Rimessa: Dizionario dei film

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: