jump to navigation

Cinema Festival #216 – Box Office dell’8-10 aprile 2011 – Addio a Sidney Lumet – Il poster: Skateland – Varie dal mondo del cinema (Il progetto romano di Woody Allen, Eddie Murphy sarà James Brown, Michael Shannon contro Superman, Jerry Calà, Ezio Greggio) – Le uscite USA del 15 aprile 2011: Scream 4, Rio, The Conspirator, Henry’s Crime 13/04/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Cinema Festival, Classifiche, Film, In Memoriam, Video e trailer.
trackback

cinemafestival Questo spazio amplia le informazioni già presenti negli altri appuntamenti dedicati al Cinema di questo blog, e propone le classifiche del box office italiano e statunitense dello scorso week-end, una nuova locandina di film prossimamente in uscita ed i trailer originali dei film in uscita nel prossimo week-end negli Stati Uniti (per i film in uscita in Italia visitate lo spazio settimanale Al cinema…).

BOX OFFICE ITALIA
Week-end 8 – 10 aprile 2011

Ancora modesti gli incassi di un altro week-end ad alte temperature: prima posizione per il thriller “The Next Three Days” con Russell Crowe e Elizabeth Banks, che però non raggiunge il milione di euro totali; seconda posizione per la commedia italiana meritocratica “C’è chi dice no” con Luca Argentero e Paola Cortellesi; terzo posto per l’action “Drive Angry 3D” con Nicolas Cage e Amber Heard. La più alta media per copia (4.849 €) è di “Rasputin”, film biografico diretto da Louis Nero, appena 29° in classifica; le altre novità del week-end sono rimaste fuori dalla Top 10, come “Lo stravagante mondo di Greenberg” (12°, con 66.653 €), il contestato “Goodbye Mama” della bulgara Michelle Bonev (13°, con 65.563 €), “Offside” (23°, con 21.126 €) e “A sud di New York” (27°, con 13.271 €).
Gli incassi sono basati su dati Cinetel. Tra parentesi, accanto al titolo dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “The Next Three Days” (NE) 991.969 € (Tot. 991.969)
  2. “C’è chi dice no” (NE) 549.102 € (Tot. 549.102)
  3. “Drive Angry 3D” (NE) 381.566 € (Tot. 381.566)
  4. “Nessuno mi può giudicare” (1) 376.706 € (Tot. 7.150.459)
  5. “Mia moglie per finta” (2) 298.451 € (Tot. 1.011.862)
  6. “Hop” (3) 261.046 € (Tot. 879.157)
  7. “Boris – Il film” (4) 189.880 € (Tot. 871.060)
  8. “La fine è il mio inizio” (7) 139.616 € (Tot. 423.138)
  9. “Amici Miei – Come tutto ebbe inizio” (10) 119.913 € (Tot. 1.524.359)
  10. “Kick-Ass” (6) 89.072 € (Tot. 401.774)

BOX OFFICE USA
Week-end 8 – 10 aprile 2011

In vetta alla classifica resta la commedia pasquale “Hop” con James Marsden e Kaley Cuoco; sugli altri due gradini del podio due novità dello scorso week-end, l’action-thriller “Hanna” con Saoirse Ronan e Cate Blanchett e la commedia “Arthur” con Russell Brand e Helen Mirren.
Gli incassi sono basati su dati forniti da Box Office Mojo, e sono indicati in milioni di dollari. Tra parentesi, accanto al titolo originale dei film, è indicata la posizione della scorsa settimana; NE indica una nuova entrata in classifica.

  1. “Hop” (1) 21,29 (Tot. 67,75)
  2. “Hanna” (NE) 12,37 (Tot. 12,37)
  3. “Arthur” (NE) 12,22 (Tot. 12,22)
  4. “Soul Surfer” (NE) 10,60 (Tot. 10,60)
  5. “Insidious” (3) 9,37 (Tot. 26,72)
  6. “Your Highness” (NE) 9,36 (Tot. 9,36)
  7. “Source Code” (2) 8,65 (Tot. 28,21)
  8. “Limitless” (5) 5,46 (Tot. 64,14)
  9. “Diary of a Wimpy Kid: Rodrick Rules” (4) 4,77 (Tot. 45,34)
  10. “The Lincoln Lawyer” (6) 4,28 (Tot. 46,13)

ADDIO A SIDNEY LUMET
E’ morto all’età di 86 anni il regista Sidney Lumet, autore di classici del cinema americano. Dal suo debutto a soli 4 anni, all’Yiddish Art Theatre di New York, Lumet ha inanellato un successo dopo l’altro, essendo stato nel contempo regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico statunitense.
Nato a Filadelfia il 25 giugno del 1924 dall’attore Baruch Lumet e della ballerina Eugenia Wermus, Sidney ha studiato al Professional Children School e dal 1939 ha partecipato a diversi spettacoli teatrali.
Agli inizi degli anni cinquanta ha lavorato come regista per alcuni spettacoli teatrali e per alcune serie televisive. All’età di trentatré anni ha debuttato, in particolare, come regista cinematografico con il lungometraggio La parola ai giurati (1957) interpretato dall’amico Henry Fonda, con cui girerà cinque film. Una pellicola sul razzismo e i diritti civili che ottenne numerosi riconoscimenti tra cui l’Orso d’Oro al Festival di Berlino e che fruttò al regista anche una nomination all’Oscar.
Lumet ha dimostrato sempre grande abilità nel dirigere grandi star come Sophia Loren in Quel tipo di donna (1959), Anna Magnani e Marlon Brando in Pelle di serpente (1960), Katharine Hepburn e Ralph Richardson ne Il lungo viaggio verso la notte (1962), Henry Fonda nel ruolo del presidente degli Stati Uniti in A prova di errore (1964), Rod Steiger ne L’uomo del banco dei pegni (1964), Sean Connery ne La collina del disonore (1965). Ed è stata anche questa sua riconosciuta abilità la solida base del suo successo.
Incoronato come una celebrità del cinema hollywoodiano, negli anni settanta ha diretto film di successo come Serpico (1973) e Quel pomeriggio di un giorno da cani (1975) entrambi con l’interpretazione di Al Pacino agli inizi della carriera.
Poi e’ stata la volta di Assassinio sull’Orient-Express (1974) – tratto da un romanzo di Agatha Christie e che vede riuniti talenti del calibro di Ingrid Bergman (Oscar come migliore attrice non protagonista), Lauren Bacall, Anthony Perkins, Sean Connery, Vanessa Redgrave e Albert Finney (nel ruolo di Poirot) – e di Quinto potere (1976), una critica al sistema televisivo a agli effetti nei confronti degli spettatori. Film che è valso l’Oscar ai due protagonisti, Peter Finch e Faye Dunaway.
Negli anni ottanta ha girato altri film notevoli quali Il verdetto (1982) con il duo Newman-Mason, Daniel (1983) sul caso Rosenberg e Il mattino dopo (1986) per il quale Jane Fonda viene nominata all’Oscar.
Dopo pellicole che non riscontrarono il consenso delle precedenti (tra le quali Gloria con Sharon Stone, remake del film di John Cassavetes), nel 2005 Lumet ha girato Prova a incastrarmi, con Vin Diesel e Onora il padre e la madre (2007) con Ethan Hawke e Philip Seymour Hoffman.
Da non dimenticare, un altro fiore all’occhiello, il più importante dopo tanti anni di professione: il riconoscimento alla carriera ottenuto nel 2005 alla 77sima edizione degli Oscar. Infine, due anni fa, Lumet ha partecipato al documentario I Knew It Was You sotto la regia di Richard Shepard per ricordare l’attore John Cazale a trent’anni dalla morte.
(fonte: Cinematografo.it – 9 aprile 2011)

IL POSTER
“Skateland”

Nello spazio dedicato alle nuove locandine originali di prossimi film in uscita, questa volta ecco il poster del dramma “Skateland”, in uscita negli Stati Uniti il 13 maggio 2011.
Il film, diretto da Anthony Burns  e scritto da Anthony Burns con Brandon Freeman e Heath Freeman, vede nel cast Ashley Greene, Shiloh Fernandez, James LeGros, Taylor Handley, Haley Ramm, A.J. Buckley, Brett Cullen, Casey LaBow, D.W. Moffett, Melinda McGraw, Ellen Hollman e David Sullivan.
Nei primi anni 1980, in una cittadina del Texas, alcuni eventi drammatici costringeranno un giovane diciannovenne, manager di una pista di skating, a ripensare alla sua vita.

VARIE DAL MONDO DEL CINEMA
Una piccola rassegna stampa delle notizie degli ultimi giorni: le fonti sono elencate in coda.

  • IL PROGETTO ROMANO DI WOODY ALLEN
    Ritorno di fiamma: a distanza di 21 anni da Alice, Woody Allen richiama a sé Alec Baldwin e aspetta una risposta dalla stella emergente Jesse Eisenberg, fantastico protagonista del recente The Social Network. Entrambi potrebbero far parte del nuovo film del regista newyorkese, di cui si sa ancora poco, tranne che sarà girato a Roma e che Pénelope Cruz è tra i protagonisti. Tornato sulla cresta dell’onda grazie al piccolo schermo (nella serie 30 Rock), Alec Baldwin sarà presto sul set del musical Rock of Ages, al fianco di Tom Cruise, per la regia di Adam Shankman.
  • ARNOLD SCHWARZENEGGER IN TRATTATIVE
    Arnold Schwarzenegger potrebbe aver trovato la strada del suo ritorno sul grande schermo. Secondo indiscrezioni riportate dall’Hollywood Reporter, l’attore ed ex governatore della California sarebbe in avanzate trattative per interpretare lo sceriffo di una cittadina di frontiera in un thriller poliziesco intitolato The Last Stand. Il film sarà diretto per la Lionsgate da Jee-Woon Kim, il regista del remake coreano di Il buono, il brutto e il cattivo. Primo ciak previsto in agosto.
    La storia prende le mosse dalla fuga di un criminale verso il confine messicano. Lo sceriffo Schwarzy, e i suoi collaboratori del tutto inadeguati, sono l’unico ostacolo che l’uomo si trova di fronte. Schwarzenegger e la Lionsgate non hanno confermato le indiscrezioni nate in Polonia e diffusesi poi su alcuni siti di fans dell’attore.
  • EDDIE MURPHY SARA’ JAMES BROWN PER SPIKE LEE
    Yeaaaah! Dopo cinque anni di gestazione e diversi attori interpellati (Wesley Snipes, Usher, Chris Brown), parte il film di Spike Lee su James Brown. Interpretato da chi? Da Eddie Murphy. E quando si parla del re della black music, scomparso nel 2006, c’è poco da ridere.
  • BLAKE LIVELY PER OLIVER STONE
    Il regista e sceneggiatore Oliver Stone ha nel mirino Blake Lively (Gossip Girl, Green Lantern) per la protagonista femminile di Savages.
    Secondo il daily di Variety, nel film targato Universal e basato sul libro di Don Winslow due amici di Laguna Beach si dividono la stessa ragazza e gli affari: crescere e spacciare la migliore marijuana del pianeta. Ma quando decidono di non scendere a patti con un cartello della droga messicano la ragazza viene sequestrata: il riscatto è ogni cent rastrellato dai due negli ultimi cinque anni. Accettano di pagare, ma nel frattempo preparano un piano alternativo: riprendersi l’amica, vendicarsi e sparire.
    Aaron Johnson e Taylor Kitsch sono in trattative per interpretare i due amici, mentre la Lively interpreterebbe Ophelia, la ragazza rapita. Ancora, Benicio del Toro sta negoziando la sua partecipazione nei panni di un criminale messicano, e si vocifera l’interesse di Salma Hayek e Uma Thurman.

  • MICHAEL SHANNON CONTRO SUPERMAN
    Michael Shannon sarà il generale Zod in Man of Steel, il titolo del nuovo Superman cinematografico diretto da Zack Snyder. Lo hanno reso noto, in un comunicato congiunto, Warner Bros. Pictures e Legendary Pictures, titolari del progetto. “Zod non è solo uno dei più acerrimi nemici di Superman – ha dichiarato Snyder – ma tra i più importanti perché conosce Superman meglio di chiunque altro. Michael è un attore dotato che può maneggiare sia l’intelligenza che la cattiveria del personaggio. E’ perfetto”. Shannon se la dovrà vedere con Henry Cavill, che interpreta Clark Kent/Superman nel film. Nel cast anche Amy Adams (Lois Lane), Diane Lane e Kevin Costner (Martha and Jonathan Kent). Charles Roven, Emma Thomas, Christopher Nolan e Deborah Snyder sono i produttori di Man of Steel, scritto da David S. Goyer e basato su una storia di Goyer e Nolan. Il film sarà distribuito in tutto il mondo dalla Warner.
  • TURTURRO E GALLO SULL’ASINARA
    Due film italiani verranno girati sull’isola dell’Asinara, in Sardegna, con altrettante star del cinema indipendente americano. Sarà John Turturro, che da qualche anno ha entusiasticamente rivalutato le proprie radici italo-meridionali, a interpretare «Asinara» del regista Gianfranco Cabiddu («Il figlio di Bakunin», «Desamistade»). Ispirandoto a «L’arte della commedia» di Eduardo De Filippo e ambientato nel dopoguerra, il film racconta il naufragio di una modesta compagnia di teatranti insieme con un gruppo di camorristi al largo dell’isola-carcere.
    Invece Vincent Gallo, con Fabrizio Gifuni e Elisa Sednaoui, è nel cast di «La leggenda di Kaspar Hauser re dell’Asinara» di Guido Manuli, rivisitazione molto personale della storia già raccontata da Werner Herzog. Da sede desolata della prigione di massima sicurezza a set ambito dal cinema: per l’Asinara, paradiso naturale, è una rivincita.
  • BERNARDO BERTOLUCCI PALMA D’ORO ONORARIA A CANNES
    Nel 2002 e nel 2009 il Festival di Cannes aveva tributato a Woody Allen e Clint Eastwood un riconoscimento speciale, una Palma d’oro onoraria “alla carriera”.
    Da quest’anno, quegli eventi eccezionali diverranno un appuntamento fisso: infatti gli organizzatori della manifestazione assegneranno annualmente, durante la cerimonia d’apertura, una Palma d’oro onoraria alla carriera, premio che andrà ad un regista importante, le cui opere hanno dato lustro al cinema, ma che non ha mai vinto una Palma d’oro.
    E il premio, in questo 2011, andrà al nostro Bernardo Bertolucci. “La qualità del suo lavoro, che appare oggi in tutta la sua unicità e la vastità dei suoi lavori che percepiamo ogni giorno più vividamente, la forza del suo impegno nei confronti del cinema e i legami che lo avvicinano a Cannes, fanno di Bernardo Bertolucci un ideale primo premiato”: sono parole del presidente Gilles Jacob e del delegato generale Thierry Fremaux.
  • JERRY CALA’ PORTA AL CINEMA “PROFESSIONE VACANZE”
    Jerry Calà, star degli anni Ottanta, rende omaggio alla sua epoca d’oro e porta al cinema la serie tv «Professione vecanze», trasmessa nell’86. Nel cast, oltre all’attore-regista, Maurizio Mattioli, Enzo Salvi, Masimo Ceccherini, Tosca d’Aquino. Sai le risate.
  • EZIO GREGGIO E LA PARODIA DEI BLOCKBUSTER
    Ezio Greggio fa la parodia a blockbuster come Avatar, Twilight, Codice da Vinci, Harry Potter. La nuova commedia che sarà diretta dall’attore s’intitola «Box Office 3D – Il film dei film» e avrà nel cast anche Gigi Proietti. Uscita a settembre.

(fonti: Adnkronos/Cinematografo.it, Ansa, ComingSoon, “Il Messaggero” – 10-12 aprile 2011)

IL WEEK-END USA
Le uscite del 15 aprile 2011

Ecco il trailer di quattro film in uscita negli Stati Uniti venerdì prossimo: gli ultimi due titoli citati usciranno soltanto in zone limitate del Paese.

“Scream 4”, horror-thriller Dimension Films diretto da Wes Craven, con Neve Campbell, Courteney Cox e David Arquette: sono trascorsi dieci anni, e Sidney Prescott (Campbell), che nel frattempo ha scritto un best-seller di auto-aiuto e ha rimesso in sesto la sua vita, torna a Woodsboro per l’ultima tappa del suo tour promozionale. La donna si riunirà con la famiglia e gli amici, ma riapparirà anche il killer Ghostface…

“Rio”, film d’animazione 20th Century Fox Film Corporation diretto da Carlos Saldanha, con le voci originali di Jesse Eisenberg, Anne Hathaway e George Lopez: quando Blu, macao addomesticato del Minnesota, incontra la fiera ed indipendente Jewel, parte in un’avventura verso Rio de Janeiro con l’uccellina dei suoi sogni…

“The Conspirator”, dramma Lionsgate diretto da Robert Redford, con Robin Wright, James McAvoy e Tom Wilkinson: Mary Surratt (Wright) è l’unica donna accusata di aver cospirato nell’assassinio di Abramo Lincoln. Mentre l’intera nazione è contro di lei, la donna dovrà affidarsi sul suo riluttante avvocato Frederick Aiken (McAvoy) per scoprire cosa è realmente successo ed evitarle la pena di morte.

“Henry’s Crime”, commedia Moving Pictures diretta da Malcolm Venville, con Keanu Reeves, Vera Farmiga e James Caan: dopo esser uscito di prigione, dove era stato rinchiuso per un crimine che non aveva commesso, Henry (Reeves) prende di mira la stessa banca che era stato accusato di aver rapinato…


Per approfondire quali nuovi film potete trovare ogni settimana in uscita nei cinema italiani visitate gli spazi “Cinema futuro” e “Al cinema…” del blog.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: