jump to navigation

Libri – Antonio Ingroia “Nel labirinto degli dèi” 10/05/2011

Posted by Antonio Genna in Libri, News.
trackback

“Nel labirinto degli dèi – Storie di mafia e di antimafia” (Il Saggiatore, 184 pagine, prezzo di copertina 15 € – Acquista “Nel labirinto degli dèi” a prezzo scontato su Amazon.it), già nelle librerie da qualche mese, è l’ultimo libro scritto dal Procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia.
Come afferma l’autore stesso nell’introduzione, non si tratta di un libro di storia ma di un libro di storie, tratte dalla sua esperienza personale e professionale come magistrato. Si parte dalla formazione dell’autore, e di come sia nato in lui l’interesse per la mafia, quando già giovanissimo si è appassionato alle opere Leonardo Sciascia e ai film tratti dai suoi lavori.
Ingroia ha proseguito la sua vita studiando alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Palermo, e grazie al suo interesse per l’antimafia è entrato in contatto con il centro siciliano di documentazione dedicato a Peppino Impastato: tramite la conoscenza di alcuni magistrati, Ingroia ha deciso di puntare la sua vita professionalmente a questo scopo, e qualche anno dopo ha finito per percorrere la strada di due grandi magistrati, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino: il primo per il suo tirocinio come uditore giudiziario, il secondo nel momento in cui, al suo primo incarico, ha deciso di lavorare come sostituto procuratore al tribunale di Marsala (TP).
Tramite la sua storia personale, Ingroia racconta la nostra storia, trattando alcuni periodi bui del nostro Paese e della Sicilia, parlando di avvenimenti di cronaca che hanno visti protagonisti mafiosi e pentiti ed anche politici: tra i tanti nomi di cui si parla, tanti pentiti che sono diventati nel corso degli anni importanti pedine nella lotta contro la mafia, come Tommaso Buscetta, Antonino Calderone e Gaspare Spatuzza.Secondo l’autore, conoscere queste storie può aiutare, forse, a esercitare la memoria: “uno strumento diventato inutile nel mondo dell’eterno presente televisivo che ci invade, che conquista noi spettatori-sudditi senza passato, iperalimentati quotidianamente da chiacchiere urlate spacciate per opinioni e da opinioni camuffate da fatti. Ecco una modesta ambizione di questo libro: ritornare ai fatti, richiamare al terreno concreto della realtà”. Perchè, come ha detto la filosofa e storica tedesca Hannah Arendt in merito alla verità: «La persuasione e la violenza possono distruggerla, ma non possono rimpiazzarla».

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: