jump to navigation

TV – “Report” su Rai 3 – Primavera 2011 – (10 ed ult.) “Risparmio pubblico e privato – Let’s Make Money” 12/06/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Report - RaiTre, TV ITA.
trackback

Questa sera alle ore 21.00 su Rai 3 termina l’edizione primaverile di “Report”, il programma di inchieste ed approfondimenti condotto da Milena Gabanelli.
Ecco il sommario dell’articolata puntata di stasera, tratto dal sito web del programma.
Si parte con il servizio “Risparmio pubblico e privato” di Stefania Rimini.

Come vengono gestiti i nostri soldi? Per esempio quelli dei risparmi messi a rischio dall’aumento dell’inflazione provocato dalle speculazioni che hanno già causato rivolte in Medio Oriente e innalzato del 30% il prezzo delle materie prime

A seguire, il documentario “Let’s Make Money” diretto da Erwin Wagenhofer.

Il regista Erwin Wagenhofer ha cercato di seguire il flusso dei nostri soldi, dalle banche alle assicurazioni, ai fondi pensione che possono decidere di prestare i nostri risparmi anche a chi specula alle nostre spalle. Dello speculatore che è anche il nostro debitore, spesso non sappiamo nulla. Soprattutto non sappiamo cosa fa per ripagare gli interessi sul prestito. Scopriremo così cosa hanno a che fare i nostri fondi pensione con la bolla immobiliare in Spagna o con la raccolta del cotone in Africa.

Inoltre, il servizio “Alta fedeltà” sulla guerra in Libia.

Un documento inedito sulla guerra in Libia. Si tratta di un filmato girato da un uomo della scorta di un generale fedele a Gheddafi che riprende il comportamento delle truppe nel corso delle conquiste di Ben Jawwad, Ras’ Lanuff, Brega fino alle porte di Bengasi. Una galleria degli orrori che sarebbe dovuta finire sul tavolo del colonnello Gheddafi che ama essere relazionato sulla fedeltà dei suoi uomini nella guerra ai ribelli.

A seguire, torna lo spazio “Com’è andata a finire?”, con un aggiornamento sull’inchiesta “Protezione e benedizione” di Paolo Mondani, trasmessa lo scorso 29 maggio 2011.

In un’intervista Fabio De Santis, l’alto funzionario dello Stato braccio destro di Angelo Balducci, racconta per la prima volta come funzionava il sistema, tracciando la mappa delle responsabilità politiche e gestionali degli appalti che sono finiti nelle mani della cricca.

Inoltre, un aggiornamento sul servizio “Il Cavaliere del lavoro” di Sigfrido Ranucci, trasmessa lo scorso 6 dicembre 2009.

I soldi dei risparmiatori, quelli del crac Parmalat, distratti da Tanzi per comprare i quadri della sua galleria. 112 capolavori che il patron della Parmalat aveva nascosto prima del crac e che sono stati ritrovati dalla Procura di Parma proprio dopo un’inchiesta di Report, mentre cercava di rivenderli. Nel corso della puntata racconteremo gli sviluppi dell’indagine.

Infine, un aggiornamento sull’inchiesta “Lo stato dei conti” di Giovanna Boursier, trasmessa lo scorso 11 aprile 2010.

I soldi che dovrebbe recuperare Equitalia. L’agenzia dello Stato che fa riscossione. Già con l’acqua alla gola per via della crisi alcune aziende in Piemonte, a causa dei macchinari pignorati da Equitalia, non hanno avuto neppure l’opportunità di potersi riprendere e sono state costrette a chiudere. Ora anche una parte della politica, di orientamento trasversale, chiede al Governo di rivedere i comportamenti di Equitalia e le sue modalità di riscossione.

Per lo spazio “C’è chi dice no”, il servizio “Matti da slegare” di Fabrizio Lazzaretti.

Una buona parte dei disturbi mentali presenti nel mondo occidentale è il risultato di una società che spinge sempre di più all’individualismo e alla rincorsa di un successo spesso effimero, difficilmente raggiungibile da tutti. Coloro che non ce la fanno e sono emotivamente troppo deboli per accettare con rassegnazione una vita normale piena di compromessi sono in buona parte destinati all’esclusione e tenderanno per lo più a sviluppare una dipendenza da droghe, alcool e psicofarmaci. La Storia che vi raccontiamo è quella di un gruppo di uomini e donne che hanno detto no sia alla ghettizzazione sia alla medicalizzazione delle loro patologie.

In chiusura di puntata, sui titoli di coda, un contributo “casalingo” di Vasco Rossi.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: