jump to navigation

Edicola – “Internazionale” # 902, 23 giugno 2011: “L’uomo che ha fottuto un intero paese” 17/06/2011

Posted by Antonio Genna in Internazionale, News.
trackback

Vi presento la copertina, un elenco dei principali contenuti e l’editoriale del direttore del numero 902 del 23 giugno 2011 di “Internazionale”, settimanale d’informazione fondato nel 1993 che propone articoli delle principali testate straniere tradotti in lingua italiana, in vendita nelle edicole al costo di 3 €.
Il titolo del servizio di copertina di questo numero riprende alla lettera quello del settimanale britannico “The Economist” della scorsa settimana, che vi avevo presentato in questo post.

Di seguito, il sommario di questo numero.

  1. In copertina

    1. L’uomo che ha fottuto un intero paese

      L’inchiesta dell’Economist sull’Italia di Silvio Berlusconi.

  2. Turchia

    1. La terza volta di Erdogan

      L’Akp, al potere dal 2002, ha trionfato alle elezioni del 12 giugno. Ma per riformare la costituzione dovrà negoziare con l’opposizione e con i curdi

  3. Siria

    1. Al confine con gli sfollati

      La cittadina di Jisr al Shughur è stata attaccata dall’esercito di Damasco. Gli abitanti erano pronti a fuggire e in migliaia si sono ammassati alla frontiera con la Turchia. Reportage da Yayladagi.

  4. Società

    1. Bambini dimenticati

      Scordarsi un figlio di pochi mesi in macchina sembra impossibile. Ma succede anche ai genitori più premurosi e attenti. L’articolo del Washington Post che ha vinto il premio Pulitzer.

  5. Scozia

    1. Quanto costa l’indipendenza

      Dopo il successo dei nazionalisti alle elezioni di maggio, la possibilità che Edimburgo divorzi da Londra non è più così inverosimile. Ma sarebbe davvero sostenibile sotto il profilo economico? L’inchiesta del Guardian.

  6. Portfolio

    1. Un parigino in America

      Una mostra in Francia sull’opera a stelle e strisce del fotografo Brassaï: gli Stati Uniti come non erano mai stati raccontati, scrive Christian Caujolle.

  7. Viaggi

    1. Arcobaleno amazzonico

      In volo sopra le Ande, poi in canoa lungo il fiume per vedere pappagalli, tapiri e caimani nel cuore della giungla amazzonica peruviana.

  8. Ritratti

    1. Cheryl D’Souza. Volontà di ferro

      Si è messa alla guida del movimento di protesta contro le aziende minerarie nella regione di Goa, in India. E sta pagando un prezzo molto alto.

  9. Graphic Journalism

    1. Cartoline da Nancy

      Di Jochen Gerner

  10. Pop

    1. Lo scrittore piazzista di se stesso

      Di Neal Pollack

    2. Fantasie sopra e sotto

      Di JoAnn Wypijewski

  11. Europa

    1. L’economia bielorussa in caduta libera

  12. Africa e Medio Oriente

    1. La rabbia dei somali per gli accordi di Kampala

  13. Americhe

    1. Crisi nel governo di Dilma Rousseff

  14. Asia e Pacifico

    1. Alta tensione tra Vietnam e Cina

  15. Cultura

    1. Divertimento a luci spente

  16. Scienza e tecnologia

    1. Il pendolarismo ci rende infelici

    2. Un gioco salverà il mondo

  17. Economia e lavoro

    1. Come le scommesse stanno rovinando il calcio

  18. Editoriali

    1. Schiaffo a Berlusconi

    2. La iena di Damasco

  19. Opinioni

    1. Amira Hass

      I dottori si ribellano

    2. Yoani Sánchez

      Dipendenza

    3. Paul Kennedy

      Perché il dollaro non è più il numero uno

    4. Juan Villoro

      Il senso della democrazia

    5. Goffredo Fofi

      I buoni racconti

    6. Giuliano Milani

      Déjà-vu

    7. Pier Andrea Canei

      Minatori di dolore

    8. Christian Caujolle

      L’ordine nel caos

    9. Tullio De Mauro

      Ladri di parole

    10. Anahad O’Connor

      Musiche da mal di gola

    11. Tito Boeri

      46,1 per cento

Ed ora l’editoriale del direttore Giovanni De Mauro.

Screwed

Non si può dire che all’Economist manchi il tempismo. In pochi anni è la quarta copertina molto dura con Silvio Berlusconi. Ed è arrivata proprio alla vigilia del referendum che ha segnato una nuova sconfitta del presidente del consiglio italiano. Un attacco ancora più duro perché viene da un settimanale che non può certo essere definito di sinistra. Paladino del libero mercato, l’Economist è il giornale dell’establishment anglosassone, amato e letto dalle élite economiche e politiche di mezzo mondo. Il dubbio, piuttosto, è sulla parola giusta per tradurre screwed. “Fregato”, come hanno scritto molti giornali italiani che si sono improvvisamente scoperti puritani dopo aver riempito per mesi le loro pagine di intercettazioni telefoniche a base di bunga bunga ed escort? Oppure “sputtanato”, come ha proposto un lettore dell’Economist partecipando al dibattito lanciato proprio sul sito del settimanale britannico? No, la parola giusta è un’altra. Forse non rende tutte le sfumature dell’originale, però è quella che più gli si avvicina. Berlusconi ha fottuto l’Italia. Ma non è detto che debba continuare a farlo.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: