jump to navigation

Libri – Francesca Anania “Breve storia della radio e della televisione italiana” 23/07/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Libri, Radio.
trackback

Sembrerebbe un’impresa titanica il riassunto della storia della radio e della televisione italiana in poco meno di 150 pagine… Francesca Anania, docente di Storia delle Comunicazioni di Massa e Storia del Giornalismo alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università della Tuscia, nonchè autrice di programmi storici in televisione, ci è riuscita con il volumetto “Breve storia della radio e della televisione italiana” (Carocci, 154 pagine, prezzo di copertina 16,20 € – Acquista “Breve storia della radio e della televisione italiana” su Amazon.it), che ha avuto la sua prima edizione nel 2004 ed è ora giunto alla sua terza ristampa.
Il volume segue l’evoluzione della radio e della televisione nel nostro Paese, dalle prime trasmissioni sperimentali nel 1922 ai nostri giorni. Il cinquantenario della nascita della televisione italiana che è caduto nel 2004 ha spinto a questo approfondimento in un Paese come l’Italia che ha rinunciato a controllare il mercato radiotelevisivo.
Il libro affronta alcuni temi chiave del dibattito, attuali ancora oggi: lo sviluppo dell’industria culturale audiovisiva nell’Italia del XX secolo, gli spostamenti nella sfera culturale dovuti ai processi di modernizzazione che hanno investito tutta l’Europa, i rapporti fra il sistema radiotelevisivo italiano e il modello sociale ed economico scelto nell’ambito del sistema monopolistico europeo che, fin dalle origini, si è contrapposto al sistema liberista americano. L’attenzione maggiore è comunque rivolta ai legami sempre più stretti fra sistema radiotelevisivo e sistema politico nell’opera di legittimazione sociale e formazione del consenso. La serie di accordi e convenzioni, che partono dal 1924 – quando l’Unione Radiofonica Italiana (URI) riceve dallo Stato una concessione esclusiva sulle trasmissioni in territorio nazionale -, passano per la legge di riforma del 1975, e giungono alla legge da poco approvata che sanziona un processo in atto, stanno a dimostrare che la politica e i media si sono da sempre condizionati reciprocamente.
Un volume utile per comprendere meglio cosa sta dietro l’apparecchio che è ormai diventato sovrano nelle case degli italiani, scritto con un linguaggio comprensibile a tutti ed evitando termini eccessivamente tecnici.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: