jump to navigation

Dispersi d’estate (4) – Fame di cinema d’autore? Steve McQueen presenta Hunger 04/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film, Video e trailer.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Fame di cinema d’autore? Steve McQueen presenta Hunger

Omonimo del grande attore, Steve McQueen è un videoartista tra i più quotati al mondo. La sua opera prima da regista (la seconda sarà alla prossima Mostra del Cinema di Venezia) racconta una drammatica storia vera, attraverso la poesia delle immagini e la musicalità delle parole… quando presenti.

Titolo: “Hunger”
Regia:
Steve McQueen
Sceneggiatura: Steve McQueen, Enda Walsh
Fotografia: Sean Bobbitt
Montaggio: Joe Walker
Musica: Leo Abrahams, David Holmes
Interpreti principali: Michael Fassbender, Stuart Graham, Liam Cunningham, Larry Cowan, Des McAleer, Helen Madden
Produzione: Blast! Films, Broadcasting Commission of Ireland, Northern Ireland Screen, Wales Creative IP Fund, Film 4
Origine: Gran Bretagna / Irlanda, 2008
Durata: 96′
Colore


Recensione di Alberto Brumana, apparsa originariamente qui

Irlanda del Nord, 1981. Un gruppo di carcerati per motivi politici inizia una serie di scioperi per vedersi riconosciuti alcuni diritti fondamentali. Bobby Sands, uno di loro, decide di iniziare uno sciopero della fame.

Se vuoi vedere il film con la traduzione italiana, scarica i sottotitoli su ItalianSubs

Il passaggio dalla videoarte al cinema può essere rischioso. Non è così immediato infatti fondere un’idea artistica in un prodotto commerciale da novanta minuti. Ne sa qualcosa ad esempio Chris Cunningham, che da anni cerca di realizzare il suo primo lungometraggio. Chi invece ci è riuscito è Steve McQueen, solo omonimo del protagonista di La grande fuga, uno dei più interessanti videoartisti contemporanei, invitato a rappresentare la Gran Bretagna alla Biennale 2009. Hunger è infatti il suo esordio alla regia ed è un film straordinario.

Racconta la storia di Bobby Sands, il martire dell’Ira già ricordato in altre due pellicole, Una scelta d’amore del 1996 e Il silenzio dell’allodoladel 2005. Non lo fa però puntando come in quei casi sul sentimentale o sul surreale, ma utilizzando al loro meglio le due armi più importanti che il cinema può avere, l’immagine e la parola. Ci riesce con un grande rigore dividendo il film in tre momenti.

Il primo, in cui viene inquadrata la situazione all’interno del carcere, è raccontato quasi unicamente con la forza delle immagini. Non servono parole, basta un disegno fatto con le proprie feci sul muro o l’inquadratura dello sguardo di un secondino. Il secondo, che definisce la posizione di Sands, cerca invece di eliminare l’elemento finzionale delle immagini, utilizzando un’inquadratura fissa per venticinque minuti che riprende il discorso tra il carcerato e un prete. Il terzo, che torna a eliminare il parlato per mostrare la dissoluzione di un uomo.

Ha evidentemente un impatto fortissimo un film come questo. Ma McQueen, che, ricordiamolo, è inglese, non ha voluto fare un biopic di Sands, elogiare o criticare un movimento come l’Ira e tutto quello che successe nell’Irlanda del Nord in quegli anni. Elimina ogni elemento politico o religioso. Anche nel lungo discorso con il prete, non si parla di chi abbia o meno ragione, ma si ragiona sulle idee, e su come portarle a compimento. Idee ben chiare deve averle avute anche Michael Fassbender, l’attore protagonista. Dimenticatevi il muscoloso Stelios che aveva interpretato in 300. Alla fine del film avrà realmente perso 25 kg, al termine di un’impresa estrema anche dal punto di vista attoriale. Impeccabile anche Liam Cunningham nel ruolo del prete, in un film nel quale sembra davvero difficile trovare un difetto.

Curiosità
Il film è stato presentato al Festival di Cannes, dove è stato accolto da una lunghissima standing ovation e ha vinto la Camera d’Or. Ha avuto poi riconoscimenti anche a Venezia (Premio Gucci), Toronto (Discovery Award) e in moltissimi altri festival.


Trailer originale:

Commenti»

1. Fasbi - 04/08/2011

@Antonio: una curiosità, ma queste belle recensioni le scrivi te?

Sim - 04/08/2011

no, prima delle recensione appare scritto “Recensione di Alberto Brumana, apparsa originariamente qui”

Fasbi - 04/08/2011

ah ok ho visto ora che nel primo post di questa serie c’è scritto tutti. Grazie mille della precisazione :)

2. Paolo - 04/08/2011

Incredibile che questo film sia rimasto inedito da noi.


Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: