jump to navigation

Dispersi d’estate (7) – Dall’altra parte del mondo. Dal Sudafrica: The Glow of White Women 07/08/2011

Posted by Antonio Genna in Cinema e TV, Dispersi d'estate, Film.
trackback

Ogni anno nel mondo vengono prodotti circa 25 mila film. In Italia ne arrivano a malapena 500. Gli altri si disperdono nei buchi neri della distribuzione. Hideout.it da anni si occupa di recuperare il buono dei dispersi con rassegne, un sito, un festival e il libro “Dispersi. Guida ai film che non vi fanno vedere”. Nell’indolenza dell’estate, un buon film rinfresca più di un ghiacciolo, perché un disperso al giorno toglie l’afa di torno…

Dall’altra parte del mondo. Dal Sudafrica: The Glow of White Women

La conclusione ufficiale dell’apartheid sulla carta è ben lontana da essere la fine di un comportamento sociale e personale. Lo si può capire dalle differenze residenziali, economiche, lavorative, ma anche dalla persistenza del mito della donna bianca. Parola di uomo nero.

Titolo: “The Glow of White Women”
Regia:
Yunus Vally
Sceneggiatura: Yunus Vally
Fotografia: Laurence Gewer
Montaggio: Chaterine Meyburg
Musica: Philip Miller
Produzione: Little Bird, National Coordinator Input Southern Africa
Origine: Sud Africa, 2007
Durata: 118′
Colore


Recensione di Eugenio Peralta, apparsa originariamente qui

Il mito della donna bianca in Sud Africa, raccontato dalla generazione che ha vissuto lo storico passaggio dall’apartheid all’uguaglianza razziale: Yunus Vally ripercorre ossessioni e fantasie del suo popolo attraverso la propria voce, ma anche con interviste, filmati e rievocazioni d’epoca.

Yunus Vally è sudafricano, nero, musulmano e di etnia indiana; è talentuoso, colto, ama mettersi le dita nel naso ed è anche molto simpatico. Qualità che evidentemente piacciono alle donne, anche quelle bianche, al punto che il buon Yunus ha potuto (come direbbe lui) scoparsene tante da farci un documentario. E piacciono anche agli spettatori, che gli perdonano volentieri di aver realizzato l’ennesimo documentario “à la Michael Moore”, anche perché l’illustrissimo modello viene, a tratti, addirittura superato.

Il punto di vista da cui il film parte per affrontare la scomoda rievocazione dell’apartheid (e non si può dire che non l’affronti: il coraggio del regista non è inferiore alla sua furbizia) è quantomeno originale. L’adolescenza e lo sviluppo sessuale di Yunus, come probabilmente di gran parte della sua generazione, sono irrimediabilmente segnati da un’ossessione: quella per le donne bianche, inarrivabili e irraggiungibili per i neri sudafricani (anche un semplice bacio inter-razziale all’epoca era passibile di arresto) ma nel contempo onnipresenti sulle copertine delle riviste, sui cartelloni pubblicitari, sulle pagine dei fotoromanzi inviati alle truppe al fronte. Un’ossessione che finalmente può trovare il suo sbocco negli anni della rivoluzione, quando culture e razze cominciano a incrociarsi a Yeoville e anche Yunus può cominciare a “esplorare” il suo mito d’infanzia, intrecciando relazioni talvolta anche relativamente stabili con donne bianche e “addirittura” ebree.
La conclusione di questo lungo percorso sarebbe piuttosto amara: alla fine del primo decennio del Duemila, come ci mostra impietosa la telecamera, la donna “caucasica” continua a essere l’oggetto preferito dal marketing e dalla pubblicità, le Miss Sud Africa sono di nuovo bionde dagli occhi azzurri come ai tempi dell’apartheid (irresistibile l’intervista ad Annette Kasselman…) e quello delle donne bianche, che sembrava al giovane Yunus un territorio inesplorato e affascinante, si rivela soltanto “un continente vuoto”. Diciamo sarebbe, perché con la sorpresa finale (che non sveliamo) il regista trova il modo di lanciare una piccola speranza per l’integrazione razziale e, al tempo stesso, di arruffianarsi ulteriormente lo spettatore.

Quando si arriva al termine degli ottanta minuti di pellicola, in effetti, si è già irrimediabilmente prede della vena comica dell’autore, di quella dei suoi intervistati («Ci eravamo un po’ fatti prendere la mano da pugni e catene» ammette, sornione, l’autore dei manifesti rivoluzionari degli anni Ottanta) e dal vivacissimo montaggio che mescola telegiornali di regime e manifesti murali, premiazioni di concorsi di bellezza e tentativi di softcore in salsa africana. Il collage è perfettamente riuscito, e usiamo questo termine non a caso, visto che gran parte del materiale utilizzato per il film proviene proprio dai ritagli di giornale gelosamente conservati dall’autore.
Di risposte, è vero, Yunus non ne dà, e viene da dubitare dell’esistenza stessa delle domande. Ma dalla visione si esce definitivamente conquistati, canticchiando i temi della colonna sonora (assai ruffiana anch’essa) che gioca sulle note e sul testo di I’ve got you under my skin.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: